Dolori di crescita nei bambini: sintomi, cause e cura

Ultimo Aggiornamento: 71 giorni

Introduzione

Quasi tutti i genitori sono stati svegliati nella notte dal proprio figlio, in lacrime, a causa di dolorose fitte alle gambe: spesso si tratta di dolori di crescita, un disturbo del tutto normale che colpisce una percentuale variabile compresa tra il 25% e il 40% dei bambini.

I dolori di crescita di solito compaiono nella prima infanzia,

  • tra i 3 e i 5 anni,

e in fasi successive,

  • tra gli 8 e i 12 anni.

Anche se possono essere molto intensi, i dolori di crescita sono un fenomeno comune e non causano problemi a lungo termine.

Nonostante il nome popolare, non ci sono chiare prove che suggeriscano che siano il risultato di scatti di crescita, questo è il motivo per cui alcuni medici preferiscono usare il termine dolore ricorrente notturno agli arti nei bambini.

Bambino che piange a causa di dolore al ginocchio

iStock.com/kwanchaichaiudom

Cause

Allo stato attuale non ci sono prove che i dolori di crescita siano causati da un’effettiva crescita ossea, si ritiene al contrario che le cause più probabili possano essere le lesioni e i disagi provocati dai salti, dalle arrampicate e dalle corse a cui tutti i bambini attivi si dedicano quotidianamente; sono infatti più comuni nei bambini attivi e con ipermobilità articolare e possono comparire dopo una giornata particolarmente intensa dal punto di vista fisico.

Sembrano mostrare una certa famigliarità, ma si ritiene che non siano legati ad alcuna condizione di salute o malattia sottostante.

Sintomi

I dolori vengono avvertiti dai bambini come intensi crampi che possono colpire entrambe le gambe, principalmente a livello di

  • polpacci,
  • stinchi,
  • caviglie

e talvolta anche le cosce.

Tendono a comparire con maggior frequenza di sera o di notte (spesso a seguito di giornate fisicamente intense), mentre di norma non sono presenti al mattino. Possono essere così intensi da svegliare il bambino durante il riposo notturno.

La capacità del bambino di camminare non dovrebbe essere influenzata dai dolori di crescita, quindi NON devono essere presenti segni di

  • zoppia,
  • lesioni fisiche
  • o infezioni (che richiedono invece il parere del pediatra).

Le articolazioni colpite da disturbi più gravi e di diversa natura sono infatti gonfie, doloranti, arrossate o calde, invece nel caso dei dolori di crescita il loro aspetto è del tutto normale.

I dolori di crescita si concentrano sempre nei muscoli, anziché nelle articolazioni.

Quando chiamare il medico

Chiamate immediatamente il pediatra se i dolori di vostro figlio sono accompagnati dai sintomi seguenti:

  • dolore continuo, dolore nelle ore del mattino oppure gonfiore o arrossamento in una zona o in un’articolazione ben definita,
  • dolore che colpisce sempre e solo una gamba,
  • dolori che colpiscono braccia e/o schiena,
  • dolore eccessivamente frequente,
  • dolore connesso a un trauma,
  • febbre,
  • zoppicamento,
  • eruzioni cutanee insolite,
  • perdita dell’appetito,
  • perdita di peso,
  • debolezza,
  • stanchezza,
  • comportamenti insoliti.

Questi sintomi non sono praticamente mai causati dai dolori di crescita e dovrebbero essere valutati dal medico.

I dolori di crescita, normalmente, non sono connessi a disturbi gravi, però possono essere particolarmente fastidiosi sia per il bambino sia per il genitore.

Al mattino il bambino sembra completamente guarito, quindi i genitori molte volte sospettano che alla sera finga di stare male, anche quando in realtà il dolore è reale ed intenso. I genitori possono aiutare i bambini a rilassarsi rassicurandoli che i dolori passeranno crescendo.

Diagnosi

Il sintomo in assoluto più utile per la diagnosi di dolori di crescita è la reazione del bambino al tocco durante il dolore: i bambini che soffrono di un disturbo più grave non vogliono essere toccati, perché i movimenti tenderebbero a far aumentare il dolore, invece i bambini che soffrono di dolori di crescita reagiscono in modo diverso, si sentono meglio se vengono coccolati, toccati e massaggiati.

La diagnosi di dolori di crescita è il tipico caso di quella che i medici definiscono diagnosi differenziale, termine che significa che devono essere esclusi altri disturbi prima di arrivare alla diagnosi di dolori di crescita.

Il medico giungerà alla diagnosi mediante una visita accurata e domande approfondite sulla storia medica del bambino e solo in rari casi, il medico potrà prescrivere gli esami del sangue e le radiografie per arrivare a una diagnosi certa, anche se di norma in assenza di altri sintomi (zoppia, perdita di capacità di movimento, altri segni fisici) non dovrebbe essere necessario ricorrere a indagini di laboratorio.

Soprattutto in passato veniva talvolta confusa con la sindrome delle gambe senza riposo.

Cura e terapia

La prognosi è eccellente e i dolori di crescita spariranno da soli nel tempo, anche se possono durare mesi, anni, a volte a periodi alterni.

Per alleviare il dolore durante un episodio è possibile:

  • massaggiare la zona colpita,
  • fare alcuni semplici esercizi di stretching,
  • applicare una borsa dell’acqua calda sulla zona,
  • somministrare al bambino l’ibuprofene (Nurofen Febbre e Dolore®, Antalfebal®, …) o il paracetamolo (Tachipirina®). Non date mai l’aspirina ai bambini di età inferiore ai 12 anni, perché potrebbe provocare la sindrome di Reye, una malattia rara ma potenzialmente letale.

I massaggi si rivelano spesso molto utili, anche perché hanno l’utile risvolto di un contatto diretto genitore-bambino, che ha grande potere rilassante e tranquillizzate.

Uno degli approcci più utili volti a dare sollievo al dolore è sicuramente la rassicurazione psicologica del bambino, idealmente da parte di mamma e papà, attraverso la parola e un contatto fisico fatto di coccole e carezze.

Si raccomanda infine la scelta di scarpe di buona qualità, che assecondino l’esplosiva voglia di gioco dei bambini.

Fonte principale: NHS, licensed under the OGL

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande e risposte
  1. Anonimo

    La Tachipirina si può dare anche se non c’è febbre?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Se prescritta/consigliata dalla pediatra la somministri tranquillamente senza febbre; è dotata di buon effetto antidolorifico e, se la temperatura corporea è nella norma, non la abbasserà ulteriormente.

  2. Anonimo

    Buongiorno dottore avrei bisogno di un consiglio. La mia bambina di 7 anni è qualche giorno che lamenta dolore al ginocchio sinistro. A guardarlo è più gonfio del destro.Siccome anche un anno fa è capitato che le facesse male l avevo portata in pronto soccorso e dopo una lastra e visita ortopedico avevano detto che era solo una botta. Premetto che non è caduta. Grazie per il consiglio buona giornata

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Bisogna valutare dal vivo, consiglio una visita pediatrica quanto prima.

    2. Anonimo

      Grazie per il consiglio

  3. Anonimo

    BUONGIORNO DOTTORE!

    VOLEVO CHIEDERLE UN SUO PARERE IN QUANTO MIA FIGLIA DI 2 ANNI DA QUESTA MATTINA LAMENTA UN DOLORE AL PIEDE SINISTRO E CAMMINA SOLAMENTE IN PUNTA DI PIEDI O VUOLE STARE IN BRACCIO. IL DOLORE E’ COMPARSO COSI’ ALL’IMPROVVISO E NON STAVA FACENDO NESSUN MOVIMENTO STRANO. LE DICO PERò CHE DUE GIORNI FA HA AVUTO PER DUE GIORNI FEBBRE A 38…ORA NON PIU’ MA E’ ANCORA TANTO RAFFREDDATA.
    LA RINGRAZIO.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Non posso che consigliare di sentire il pediatra, non mi sento in grado di esprimere giudizi, mi dispiace.

      Verifichi solo visivamente che non ci sia qualcosa a darle fastidio (scheggia, puntura di insetto, …).

  4. Anonimo

    Mi scusi dottore ,ma è normale che mia figlia a 11 anni gli abbia ancora? Gli ha la sera prima di andare a letto

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Può succedere anche a 11 anni, sì, ma va ovviamente verificato con il pediatra.

    2. Anonimo

      Gli ha spesso la sera solo a una gamba.Ha il dolore o al ginocchio o alla coscia .

  5. Anonimo

    scus,i l’errore volevo scrivere la mattina

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      OK, confermo quanto sopra.

  6. Anonimo

    Buongiorno,Dottore mio figlio di quasi 6 anni la ammtina accusa dolori a gli ardi superiori delle gambe che poi scompaiono durante il giorno. Sara’ un disturbo passeggiero oppure conviene fare qualche esame specifico. grazie premetto è un bambino molto attivo.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      È assolutamente possibile che sia passeggero, ma va comunque verificato con il medico.

  7. Anonimo

    Buon giorno dottore, oggi ho appuntamento dal pediatra ma volevo chiederle un suo parere per anticipare i tempi se servisse il pronto soccorso!!??
    Ieri uno dei miei 2 figli giocando ha preso un calcio sulla mano, subito ha sentito un grosso dolore al dito indice, poi con il ghiaccio gli è passato, ma si è un po gonfiata la prima falange, lui riesce a muoverlo, chiude la mano a pugno ma dice che sente sempre un dolorino…secondo lei dovrei portarlo a fare una radiografia o può essere solamente una botta???
    La ringrazio.
    Buona giornata.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      In prima battuta va benissimo una visita dal pediatra, sembrerebbe solo una botta.

  8. Anonimo

    Salve Dottore, mi trovo a fare la notte insonne x via del bilancio al terzo anno di vita di mia figlia. Con tutta tranquillità ho portato mia figlia a fare il bilancio del terzo anno di vita, premetto che la bambina sta bene, è attiva, a me sembra di buon appetito ma il pediatra mi ha messo un grosso dubbio in quanto la bimba pesa 13kg per 92cm, ha controllato anche i dati dei 18 mesi che erano 9kg per 77cm e non è stato per niente contento, mi ha detto che la bambina potrebbe avere un disturbo della crescita xche i percentile sono molto bassi.
    Li x li con la bambina che piangeva e mi tirava x andare via non ci ho dato peso, ma a casa mi sono attanagliano dai pensieri, premetto che io non sono altissima 166cm e mio marito 183cm, abbiamo un’altro figlio che è sempre stato più Alto della media anche se magrolino….
    La mia bambina è nata in 36 settimane pesava 2700gr ed era lunga 48cm….le premetto anche che dal primo al terzo bilancio sono cambiati 3 pediatri, e solo l’ultimo mi ha fatto notare quello che potrebbe essere un disturbo, secondo lei come mi devo comportare??? Difronte a questi dati devo stare tranquilla o dovrei approfondire con esami clinici x avallare o no disturbi legati alla crescita????
    La ringrazio dottore, buona notte.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Il pediatra ha consigliato esami?

    2. Anonimo

      No, non mi ha consigliato nulla xro ha fatto a me un sacco di domande su di me, la mia famiglia e di mio marito….la bambina è vero, a confronto dei suoi coetanei è un po piccolina, ma non la vedo sproporzionata, anzi….cosa dice lei!?

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Se in rapporto ai percentili si rileva una significativa differenza può valere la pena approfondire, ma senza farsi prendere dal panico, perchè può essere semplicemente un periodo così.

    4. Anonimo

      Il pediatra mi diceva che si trova circa al 25/30 percentile….. lei mi consiglia di parlarne nuovamente con il pediatra??

    5. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Il valore non sembra assolutamente così drammatico, quindi niente panico; se non ha consigliato nulla farei nuovamente il punto tra qualche tempo.