Emorroidi: cibi, dieta e cura

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 7 luglio 2018

Alimentazione

Una dieta corretta è il primo passo per trovare sollievo dai fastidiosi sintomi causati dall’infiammazione delle emorroidi.

In particolare sono controindicati i seguenti cibi e condimenti:

  • alimenti speziati o piccanti,
  • formaggi stagionati,
  • insaccati,
  • crostacei,
  • cioccolato,
  • superalcolici,
  • elevate dosi di caffeina (caffè, bibite a base di cola, …).

Meglio invece puntare su pasti leggeri con abbondante assunzione di

  • fibre (sotto forma di verdure, frutta e cerali)
  • acqua,

la cui combinazione permette la formazione di feci morbide e facili da espellere, riducendo così lo sforzo necessario e il dolore durante l’evacuazione; un approccio di questo tipo è inoltre essenziale anche in ottica di prevenzione di nuovi episodi.

Fotografia con alimenti ricchi di fibra (frutta, verdura, pasta integrale, ...).

iStock.com/marilyna

Per quanto riguarda l’acqua è essenziale bere almeno 1.5-2 l al giorno, eventualmente aumentabili in estate quando la sudorazione è maggiore a causa del caldo; una buona indicazione dello stato di idratazione dell’organismo è offerta dall’osservazione dell’urina, che deve essere sempre trasparente e di colore giallo molto chiaro.

Le prevedono l’assunzione di circa 30 g al giorno di fibra, mentre quantità superiori potrebbero essere causa di meteorismo in alcuni soggetti; vediamo quindi un’indicazione di massima del contenuto in fibra di singole porzioni di alimenti di uso comune:

Alimento Fibra (g)
mela 4
pesca 2
pera 4
mandarino 2
asparagi 1.5
broccoli 2
cavoletti di Bruxelles 2
cavolo 2
carota 1.5
cavolfiore 2
spinaci 2
pomodoro 1
zucchini 2.5
piselli 4
fagioli 5
patate 3
pane bianco 2
riso 1

Sempre nell’ottica di intervenire sulla dieta per migliorare il problema emorroidi si consiglia infine di limitare l’assunzione di alimenti fortemente trasformati, di cui l’alimentazione da fast food ne è un classico esempio; questa indicazione nasce dal fatto che cibi molto raffinati sono poveri di fibra ed eccessivamente ricchi di grassi di cattiva qualità (che concorrono peraltro ad aumentare i valori di colesterolo cattivo).

Stile di vita

Una regolare attività fisica è di fondamentale importanza per il benessere dell’organismo, sia dal punto di vista cardiovascolare che della funzionalità intestinale; una vita attiva rende più semplice il mantenimento di un peso adeguato e favorisce la motilità dell’intestino, contrastando il rischio di stitichezza.

Nei pazienti predisposti all’infiammazione delle emorroidi si raccomanda inoltre di:

  1. evitare di restare seduti sul water a lungo,
  2. evitare di trascorrere molte ore consecutive senza cambiare posizione (seduta o eretta che sia),
  3. evitare sforzi troppo intensi,
  4. curare la propria igiene intima,
  5. preferire intimo di cotone o altre fibre naturali,
  6. evitare bagni eccessivamente caldi.

Creme e altri farmaci

Dal punto di vista della terapia farmacologica s’interviene di norma inizialmente solo a livello locale, con applicazioni di unguenti a base di principi attivi cortisonici e anestetici locali (Proctolyn®, Proctosedyl®, Proctosoll®, …), oppure per somministrazione di analoghi preparati ma in forma di supposte, con l’obiettivo di dare sollievo ai principali disturbi causati dalle emorroidi.

Quando tra i sintomi è presente anche un sanguinamento più o meno abbondante è preferibile evitare l’uso di cortisone, che ritarderebbe la cicatrizzazione, a favore di prodotti come Ruscoroid®, Preparazione H®, … che non contengono questa sostanza.

Quando i rimedi locali si dimostrano inefficaci è possibile orientarsi verso farmaci da assumersi per via orale con funzione capillaroprotettrice, in grado cioè di proteggere la parete dei vasi sanguigni riducendone quindi

  • gonfiore,
  • sanguinamento,
  • dolore.

Di questa categoria si ricordino sopratutto i flavonoidi (ad esempio Tegens®, Venoruton®, Daflon® e Arvenum®, che non richiedono ricetta medica).

Da ricordare infine la presenza sul mercato di alternative omeopatiche, ma prive per questo di un’efficacia scientificamente dimostrata.

Ghiaccio sulle emorroidi? Mai!

È credenza comune che per alleviare la sintomatologia delle emorroidi un impacco di ghiaccio possa rivelarsi risolutivo: niente di più lontano dal vero.

Applicare ghiaccio sulle emorroidi provoca infatti un aumento del tono dello anale, favorendo la costrizione di vasi sanguigni già fortemente infiammati ed irritati; il ghiaccio infatti, provocando vasocostrizione delle vene (le vene diminuiscono di diametro perché, in un certo senso, si contraggono al contatto con il ghiaccio), aumenterebbe ulteriormente la pressione sanguigna in loco finendo per peggiorare il quadro clinico.

Da non escludere poi la possibilità di incorrere in un’ustione da freddo per contatto diretto tra il ghiaccio e le mucose.

A fronte quindi di un momentaneo sollievo dovuto al potere anestetizzante del freddo, si corre il rischio di peggiorare una situazione già spiacevole: meglio quindi ricorrere alla somministrazione di farmaci specifici per emorroidi e, in casi più gravi, sentire il parere del medico curante.

Aderiamo allo .

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Salve dottore oggi mi è capitato che andando in bagno, dopo aver defecato ho riscontrato di aver avuto una fuoriuscita di un bel po’ di sangue rosso vivo e non solo sulla cara igienica…una leggerissima sensazione di pizzicore all’uscita delle feci l’ho avvertita ma non mi aspettavo un flusso di sangue, tuttalpiù un po’ di rosso su carta ed invece no. Mi sono apprestato a contattare il mio medico spiegandogli l’accaduto, mi ha detto di non preoccuparmi e di passare domani allo studio…sarà grave???

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno, potrebbe trattarsi di emorroidi o di una ragade anale, verifichi con il suo medico. saluti

  2. Anonimo

    Buonasera Dottore,
    Da ormai una settimana ho una piccola emorroide esterna (ogni tanto si sgonfia altre volte si rigonfia) era almeno un anno che non mi capitava.
    Utilizzo proctosoll, purtroppo ornatamente alcuni cibi vietati li ho mangiati.
    Ora sono preoccupata, non so cosa fare, seguo la dieta qualche giorno e metto la crema e valuto cosa succede ?

    Grazie di cuore
    Lily

    1. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, si può provare e vedere come va, se non ha benefici va rivalutata la situazione per capire di che stadio si tratti precisamente e quindi la relativa terapia.

  3. Anonimo

    Salve dottore soffro di stitichezza, mi e uscita un emorroide e mi da fastidio cosa devo fare

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il primo passo è sicuramente curare la stitichezza, con frutta, verdura e abbondante acqua. Indispensabile esercizio fisico.

      Per l’attuale emorroide raccomando di fare il punto con il medico.

  4. Anonimo

    Salve sto usando daflon500 x le emorroidi, ho un emorroide esterna

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Ottimo, è uno dei farmaci più usati.

  5. Anonimo

    Buona sera. Soffro di emorroidi da 3 anni e mi vergogno ad andare da uno specialista. Non ho capito se si tratta di emorroidi interni oppure esterni, ma dato l’escresenza che ho penso che siano esterni. Mi capita spesso di provare dolore, e stasera ho perso una quantità di sangue che non ho mai perso fino ad ora. Non faccio altro che documentarmi su internet, e ho tanta paura del cancro al colon

    1. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, purtroppo non c’è molto da dirle se non consigliarle una visita specialistica, per quanto descrive sembrerebbero appunto emorroidi, ma se le tralascia non può far altro che peggiorare, specie se sono già esterne, e probabilmente è a questo che è dovuta la recente emorragia. Mi raccomanda, senta un proctologo, sono medici specialisti e vedono tutti i giorni queste situazioni.

  6. Anonimo

    salve.in seguito a continue macchioline di sangue sulla carta igienica dopo essere andata in bagno sono andata dal chirurgo e mi ha detto che ho prolasso emorroidale di terzo grado e serve solo l’operazione.preciso che non ho nessun altro disturbo.
    e’ proprio necessario l intervento?
    non ci sono altri metodi?
    grazie per la gentile risposta,

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo temo che sia così, per scrupolo può provare a sentire un secondo parere prima di procedere (è necessaria la visita per valutare).

  7. Anonimo

    ho da qualche settimana una emorroide interna che mi scende durante la evacuazione ed e’ molto dolorosa ma rientra subito dopo aver terminato. ho mangiato per un periodo abbastanza lungo cibi piccanti e ricchi di spezie (tipo cinese ed indiano). ho sanguinato dal retto solo alcune volte e breve durata. attualmente ho parlato con un chirurgo e mi ha prescritto daflon 500mg 2 cp x 3 per 2 sett 1 cp x 3 per 2 sett e 1cp x 2 per 2 sett e proctolyn pomata rettale. ho leggeri miglioramenti ma non completi. Chiedo gentilmente se posso assumere anche brufen o altri anti infiammatori e se mi consigliate una pomata piu’ efficace del proctolyn. vorrei sapere se il caffe’ del cappuccino e’ da eliminare. grazie e scusate il disturbo

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buonasera, gli antiinfiammatori non sono particolarmente indicati e le pomate e creme locali hanno più o meno tutte la stessa efficacia. E’ importante evitare tutti quei cibi che possono dare fastidio, alcool , caffè e cercare di andare in bagno tutti i giorni e mantenere le feci morbide ( assuma almeno 2 litri di acqua e cibi ricchi di fibre). saluti

  8. Anonimo

    Ieri mi hanno tentato con un piatto di pasta aglio, olio e peperoncino e questa mattina ho un fortissimo bruciore a stomaco e ano… Cosa posso fare? Aiuto!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non posso consigliare farmaci, ma si tenga leggero per un paio di giorni (evitando cibo piccante, grasso, cioccolato, …) e valuti con il suo farmacista rimedi locali per i sintomi più fastidiosi.

  9. Anonimo

    Che differenza c’è tra Daflon ed Arvenum? Quale costa meno? Grazie mille e buon lavoro!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Nessuna.
      2. Uguale.

  10. Anonimo

    L’amido di riso può aiutare a disinfiammare le emorroidi?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Diciamo che se utilizzato con acqua tiepida può dare sollievo ai sintomi.