Effetti dell’alcool sul cuore

Ultimo Aggiornamento: 140 giorni

Introduzione

È ben conosciuta la prevalenza dei disturbi cardiaci, pari a circa 1 un soggetto su 12 negli Stati Uniti. Quello che non sempre viene riconosciuto è il collegamento con l’alcool.

Da un lato la ricerca scientifica è consapevole da secoli che il consumo eccessivo di alcool può danneggiare il cuore: bere tanto durante un lungo arco di tempo (alcolismo), ma anche assumere grosse quantità una sola volta, sono abitudini e pratiche in grado di esporre il cuore, e quindi la vita dell’individuo, a rischi seri.

D’altro canto esistono alcuni lavori che hanno rilevato un moderato effetto protettivo relativamente alla malattia coronarica in alcuni soggetti.

Decidere se e quanto alcool bere può essere molto complicato per uno specifico individuo, ma è bene sapere che NON esiste una quantità di alcool che possa essere consumato in sicurezza.

Anatomia e funzione

Il sistema cardiovascolare comprende

  • cuore,
  • vasi sanguigni,
  • sangue.

Il sistema lavora in continuazione, ogni secondo della propria esistenza, per fornire ossigeno e nutrienti alle cellule e rimuovere l’anidride carbonica e altri componenti non necessari.

Il cuore conduce questo processo.

È un muscolo che ininterrottamente si contrae e si rilassa, spostando il sangue lungo i diversi percorsi che raggiungono ogni cellula del corpo; il cuore batte circa 100.000 volte al giorno, pompando attraverso il corpo l’equivalente di circa 7.500 litri di sangue.

  • I due lati, o camere, del cuore ricevono il sangue e lo ripompano nel corpo.
  • Il ventricolo destro del cuore pompa il sangue nei polmoni per scambiare l’anidride carbonica derivata dalle cellule con l’ossigeno.
  • Il cuore si rilassa per consentire al sangue così ossigenato di riempire la sua parte sinistra.
  • Pompa quindi il sangue ricco di ossigeno nei tessuti e negli organi.
  • Il sangue che attraversa il rene permette al corpo di eliminare le scorie.
  • I segnali elettrici mantengono l’attività di pompa del cuore costante e ad una frequenza coerente per sostenere questa routine.
Rappresentazione grafica dell'anatomia del cuore

iStock.com/yodiyim

Conoscere i rischi

Cardiomiopatia alcolica

L’assunzione prolungata di alcool in grandi quantità indebolisce il muscolo cardiaco, causando una condizione nota come cardiomiopatia alcolica.

Un cuore indebolito si affloscia e si dilata; non può contrarsi con efficacia, di conseguenza non riesce a pompare abbastanza sangue da rifornire tutti gli organi. In alcuni casi questa mancanza di sangue causa gravi danni a organi e tessuti. I sintomi della cardiomiopatia includono

Aritmie

Sia la bevuta eccessiva che l’ingestione cronica di alcolici possono avere conseguenze sulla frequenza con cui il cuore batte.

Nel cuore esiste un segnapassi interno che mantiene un’attività di costante di pompa alla giusta velocità; l’alcool interferisce con questo sistema e causa l’aumento o l’irregolarità della frequenza cardiaca. Queste anomalie sono chiamate aritmie. I due tipi di aritmie indotte dall’alcool sono:

  • Fibrillazione atriale: In questa forma di aritmia le camere cardiache superiori, ossia gli atri, vibrano debolmente ma non si contraggono. Nelle camere atriali, si possono formare raccolte di sangue e addirittura coaguli. Un coagulo, viaggiando dal cuore al cervello, può determinare un ictus; se arriva ad altri organi, come i polmoni, si verifica un’embolia, ossia l’ostruzione di un vaso sanguigno.
  • Tachicardia ventricolare: Questo tipo di aritmia colpisce le camere cardiache inferiori, cioè i ventricoli. I segnali elettrici viaggiano attraverso il muscolo cardiaco, attivandone le contrazioni che mantengono il flusso di sangue al giusto ritmo. A seguito dei danni indotti dall’alcool alle cellule del cuore, questi impulsi elettrici possono circolare nei ventricoli troppe volte, causando contrazioni multiple. Il cuore batte troppo rapidamente, per cui non riesce a riempirsi sufficientemente tra un battito e l’altro e il resto del corpo, quindi, non riceve abbastanza sangue. La tachicardia ventricolare causa vertigini, senso di stordimento, perdita di coscienza, arresto cardiaco e perfino morte improvvisa. Eccedere nel bere in circostanze particolari, specie in soggetti che non consumano abitualmente alcolici, può scatenare una di queste anomalie. Il problema di questi casi è stato soprannominato sindrome del cuore in vacanza, perché individui non avvezzi all’alcool possono berne in eccesso partecipando a feste durante le vacanze. Nel tempo, l’alcolismo cronico cambia il corso degli impulsi elettrici che guidano i battiti cardiaci, causando aritmie.

Ictus

L’ictus è conseguente al mancato apporto di sangue al cervello. In circa l’80% dei casi è dovuto a un coagulo che impedisce il flusso di sangue cerebrale e si parla quindi di ictus ischemico. Talvolta invece il sangue si accumula nel cervello o negli spazi circostanti (ictus emorragici).

Sia la bevuta eccessiva che l’ingestione cronica di alcolici possono determinare ictus anche in soggetti senza cardiopatia ischemica. Studi recenti mostrano una probabilità di circa il 56% in più di subire un ictus ischemico nell’arco di 10 anni in chi si sottopone a grandi bevute rispetto a soggetti che non eccedono mai. Questo tipo di bevitore ha anche un maggior rischio (39% circa) di andare incontro a un ictus di qualunque origine.

L’alcool, inoltre, esacerba i problemi spesso alla base di ictus, come

  • ipertensione,
  • aritmie,
  • cardiomiopatie.

Pressione alta

Il consumo cronico di alcool, come pure l’eccesso occasionale, può causare un aumento della pressione arteriosa, ossia l’ipertensione.

La pressione arteriosa è un’indicazione della pressione generata dal cuore durante le contrazioni e della pressione all’interno di vene e arterie.

Vasi sanguigni sani si distendono come elastici quando il cuore vi pompa il sangue.

L’ipertensione si sviluppa quando i vasi si irrigidiscono, diventando meno flessibili. Il consumo massiccio di alcolici attiva il rilascio di alcuni ormoni dello stress che a loro volta tendono a restringere i vasi sanguigni. Questi fattori aumentano la pressione del sangue.

L’alcool può anche alterare la funzionalità dei muscoli all’interno dei vasi sanguigni, causandone la contrazione e alzando di conseguenza la pressione.

I benefici

La ricerca scientifica mostra che i soggetti sani che assumono quantità moderate di alcool possono avere un rischio ridotto di sviluppare una malattia coronarica rispetto ai non bevitori. Una quantità moderata corrisponde in generale a non oltre due drink in uno stesso giorno nei maschi e uno nelle donne, purché non incinte (o in concepimento).

Vari fattori come

  • dieta,
  • genetica,
  • ipertensione arteriosa,
  • età

possono causare l’accumulo di grasso nelle arterie, con conseguente sviluppo della cosiddetta malattia coronarica.

Un eccessivo deposito di grasso restringe le arterie coronariche, ossia i vasi che forniscono il sangue direttamente al cuore. Le arterie ostruite riducono l’apporto di sangue al muscolo cardiaco; inoltre, è più facile che vadano incontro a fenomeni di trombosi, che possono indurre sia attacchi cardiaci che ictus.

In base a studi recenti, l’assunzione moderata di alcool può avere un effetto protettivo rispetto a queste condizioni. L’assunzione moderata aiuta a inibire e ridurre l’accumulo di grasso nelle arterie attraverso l’aumento dei livelli di HDL (il colesterolo “buono”), che esercita un’azione protettiva rispetto alle cardiopatie. Può aiutare a evitare attacchi cardiaci e ictus prevenendo la formazione di trombi o sciogliendo quelli in formazione. In quantità moderate, l’alcool può aiutare anche a mantenere i valori della pressione arteriosa nei limiti della norma.

Questi benefici possono tuttavia non essere rilevabili o significativi nei soggetti con problemi preesistenti o quando sottoposti a alcuni tipi di trattamenti farmacologici.

La comunità scientifica scoraggia inoltre di iniziare a bere solo per i possibili effetti benefici.

Piuttosto, è meglio prendere l’occasione di questi dati per impostare con il medico un proprio percorso ottimale di prevenzione.

Fonte:  (adattamento a cura della Dr.ssa Greppi Barbara)

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Io pensavo che bere un mezzo bicchiere di rosso al giorno facesse bene…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Esistono alcuni moderati effetti protettivi, ma ad oggi si ritiene che questi non siano giustificati in rapporto ai potenziali effetti collaterali. La maggior parte della comunità scientifica (non tutta, peraltro) è concorde nell’affermare che non ci siano quantità considerabili sicure di alcool, né tantomeno considerabili utili.

La sezione commenti è attualmente chiusa.