Dieta per reflusso gastroesofageo e gastrite: cosa mangiare?

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 11 novembre 2018

Infografica

Stampa la seguente infografica e condividila con chi soffre di reflusso o altri disturbi gastrici; si tratta di una guida pratica per valutare di volta in volta il grado di rischio di cibi, alimenti e bevande.

Infografica riassuntiva

Scarica e stampa l’infografica riassuntiva, da tenere sempre con te o da appendere al frigorifero.
(Versione PDF, dimensione 426 kB)

Introduzione

Prima di allungare la mano per prendere un’altra manciata di patatine fritte, fermatevi un momento a pensare: e se mi facessero venire bruciore di stomaco?

Anche se l’effetto dei diversi alimenti cambia da persona a persona, in base a numerosi fattori e anche alla sensibilità personale, è possibile stilare alcune regole generali che è bene conoscere. Ci sono infatti cibi e bevande che, a causa di un alto tasso di acidità (oppure grazie alla capacità di rilassare il cardias, la valvola che impedisce all’acido di risalire nell’esofago) sono in grado di innescare o esacerbare i sintomi della gastrite e del reflusso più di altri.

In altri casi può essere il contenuto in grassi a rendere il cibo poco adatto ai pazienti con problemi di stomaco; anche alimenti nutrizionalmente preziosi, come noci e pistacchi, sono purtroppo ricchi di grassi che, per quanto di elevato valore biologico, possono rallentare i tempi di svuotamento gastrico e aumentare il rischio di sviluppare sintomi fastidiosi.

Diverse testimonianze confermano che limitare il consumo degli alimenti più problematici è in grado di diminuire la frequenza e l’intensità degli attacchi; è infine bene ricordare che i fattori legati al bruciore di stomaco sono numerosi e comprendono anche

ma chi soffre di questo problema in genere concorda sul fatto che il cibo ne rappresenti la causa principale.

Il segreto per convivere con gastrite, reflusso gastroesofageo ed ernia iatale è inserire nella propria dieta il giusto mix di cibi e bevande.

In questa guida abbiamo suddiviso diversi cibi e bevande comuni in base alla loro tendenza a

  • creare acidità,
  • irritare la mucosa gastrica
  • e/o rilassare la valvola dell’esofago causando reflusso.

È possibile determinare il grado di probabilità di un attacco di bruciore di stomaco basandosi sulla categoria di appartenenza.

Da un punto di vista più generale ricordiamo inoltre alcune semplici regole:

  1. Evitare di consumare 2-3 pasti abbondanti e preferire 5-6 piccoli spuntini nell’arco della giornata.
  2. Orientarsi verso un’alimentazione povera di grassi, responsabili del rallentamento dello svuotamento gastrico.
  3. Mangiare lentamente, masticando a lungo ogni boccone; una buona digestione in bocca riduce i tempi necessari a quella che avviene nello stomaco.
  4. Evitare cibi e bevande gelate o bollenti.

Maggiore è il numero di cibi a rischio nella propria dieta, maggiore sarà la probabilità di bruciore di stomaco e sintomi correlati.

Attenzione

La capacità di tollerare i cibi presenti nell’elenco seguente varia da persona a persona. Un bicchiere di limonata può essere tollerato molto bene da alcuni soggetti e causare un attacco di bruciore di stomaco devastante in altri. Occorre prestare molta attenzione alle porzioni che si consumano e ricordarsi le quantità che il nostro stomaco è in grado di tollerare. Come guida usate le vostre porzioni personalizzate. Se la quantità è eccessiva spesso il cibo consumato passa alla categoria di rischio superiore.

Fotografia di un uomo che si tocca il petto a causa del bruciore causato dal reflusso gastroesofageo

iStock.com/juststock

Frutta

  • Alto rischio
    • Succo d’arancia
    • Limone
    • Limonata
    • Succo di pompelmo
    • Succo di mirtillo rosso
    • Frutta secca a guscio (noci, pistacchi, arachidi, …)
  • Rischio medio
    • Succo d’arancia a basso tenore di acidità
    • Sidro di mela
    • Pesca
    • Mirtilli
    • Lamponi
    • Fragole
    • Uva
    • Mirtilli rossi secchi
  • Basso rischio
    • Mela fresca
    • Mela secca
    • Succo di mela
    • Banana

Verdura

  • Alto rischio
    • Purè di patate
    • Patatine fritte
    • Cipolla cruda
    • Insalata di patate
    • Pomodoro
  • Rischio medio
    • Aglio
    • Cipolla cotta
    • Porro
    • Crauti
    • Scalogno
  • Basso rischio
    • Carote
    • Cavolo
    • Piselli
    • Broccoli
    • Fagiolini
    • Patate al forno

Carboidrati

  • Alto rischio
    • Maccheroni al formaggio
    • Spaghetti al pomodoro
  • Rischio medio
    • Muffin
    • Muesli ai cereali
  • Basso rischio
    • Pane integrale
    • Pane bianco
    • Pane con farina di mais
    • Riso integrale
    • Riso bianco
    • Cuscus
    • Gallette
    • Cracker
    • Pretzel
    • Dolce di riso
    • Cereali a base di farina d’avena
    • Corn flakes glassati
    • Cereali a base di crusca

Latte e derivati

  • Alto rischio
    • Panna acida
    • Frullato
    • Gelato
    • Fiocchi di latte
  • Rischio medio
    • Yogurt
    • Latte parzialmente scremato
    • Latte scremato
    • Yogurt gelato
    • Fiocchi di latte magri
    • Formaggio a pasta dura
    • Mozzarella
  • Basso rischio
    • Formaggio spalmabile magro
    • Feta
    • Formaggio di capra
    • Panna acida magra
    • Formaggio di soia a basso contenuto di grassi*

Carne ed altri secondi piatti

  • Alto rischio
    • Manzo tritato, spalla
    • Bistecca di controfiletto
    • Crocchette di pollo
    • Alette di pollo
  • Rischio medio
    • Manzo tritato, magro
    • Insalata di pollo
    • Uova strapazzate al burro
    • Uova al tegamino
    • Frittura di pesce
    • Insalata di tonno
    • Hot dog di manzo o di suino
    • Prosciutto
    • Burro di arachidi
    • Fagioli al forno
  • Basso rischio
    • Manzo tritato, magrissimo
    • Roast beef
    • Petto di pollo senza pelle
    • Albume d’uovo (o sostituto dell’uovo)
    • Pesce fresco cotto senza aggiunta di grassi

Grassi, olii e dolci

  • Alto rischio
    • Cioccolata
    • Patatine di mais
    • Patatine fritte
    • Biscotti al burro ad alto contenuto di grassi
    • Biscotti tipo brownies
    • Bombolone
    • Condimento cremoso per insalata
    • Condimento per insalata a base di olio e aceto
  • Rischio medio
    • Biscotti a basso contenuto di grassi
    • Ketchup
  • Basso rischio
    • Patatine cotte al forno
    • Biscotti senza grassi
    • Caramelle gelatinose
    • Rondelle di liquirizia
    • Condimento per insalata a basso contenuto di grassi

Bevande

  • Alto rischio
    • Liquori
    • Vino
    • Caffè
    • The
  • Rischio medio
    • Aperitivi analcolici
    • Birra
    • Birra analcolica
    • Bevande dolci gassate
  • Basso rischio
    • Acqua minerale

*Si segnala ai lettori che il formaggio di soia, pur non appartenendo ai latticini, è stato mantenuto in questa categoria come sul documento originale, ai fini di una più agevole consultazione. Ringrazio la Dr.ssa Napolitano per la cortese segnalazione.

Diario alimentare

Un diario alimentare è un buon sistema per tener traccia delle proprie scelte alimentari e identificare le cause scatenanti del bruciore di stomaco. Il bruciore di stomaco può essere tenuto sotto controllo, e non è necessario subirlo passivamente: è fondamentale farsi carico delle propria dieta e bloccare il disturbo prima che si manifesti.

Fonti e bibliografia

  • National Heartburn Alliance

Aderiamo allo .

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Il limone può aiutare, non è vero che peggiora l’acidità. Ne bevo una spremuta tutte le mattine e non ho più avuto problemi.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il limone contiene acido citrico e, almeno in teoria, essendo un acido debole (a differenza dell’acido cloridrico presente nello stomaco) potrebbe leggermente aumentare il pH; di fatto tuttavia gli agrumi (limone compreso) sono compresi in tutte le liste di alimenti controindicati perchè l’esperienza insegna che generalmente peggiora reflusso e gastrite.

  2. Anonimo

    Tutti mi dicono che è normale che nel cambio di stagione il disturbi peggiori, ma a me sembra impossibile (anche se effettivamente manifesto anch’io sintomi più severi); è davvero così?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, le confermo che è esperienza piuttosto comune che il cambio di stagione porti con sé il peggioramento di diversi disturbi cronici, tra cui gastrite e/o reflusso.

      Qui un approfondimento:

  3. Anonimo

    Il medico mi ha sostituito Omeprazen da 10 con Ranitidina 150, lei crede che funzionerà lo stesso?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non c’è motivo di dubitare della valutazione del suo medico, il farmaco prescritto è in alcuni casi una scelta con un miglior rapporto rischi-benefici.