1. Anonimo

    Salve a mio nonno e stato diagnosticato un tumore alla prostata e alla vescica. Impossibilitato ad urinare e stata fatta la Nefrostomia nel rene destro in quanto non ancora intaccato dalla neoplasia . Succede spesso che questo tubicino si blocchi. Ci hanno consigliato di fare continui lavaggetti nonostante tutto pero non scorre bene l’urina. Se dovesse rimanere bloccato tutta la notte cosa potrebbe succedere? Grazie anticipatamente

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non ho esperienza pratica in questo campo, ma ritengo sia davvero importante che questo non succeda per evitare di compromettere l’organo sano con reflussi ed accumuli di natura liquida.

  2. Anonimo

    Perchè il mio dottore non mi vuol far fare un biopsia alla prostata? E’ forse molto invasiva? Tutti i miei esami sono andati bene tranne l’ecografia. Vuole farmi fare la cura ormonale di enantone, senza prima vedere la biopsia? Può essere che sappia già che si tratta di un tumore maligno?
    Perchè non mi è stato proposto la radioterapia?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La biopsia alla prostata è sicuramente molto invasiva, ma a mio parere dovrebbe chiedere espressamente a lui qual’è l’attuale diagnosi.

    2. Anonimo

      L’enantone blocca la crescita del tumore o la cura?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Si cerca di togliere lo stimolo che provoca la crescita: può trovare una buona spiegazione alla pagina

      alla voce “Terapia Ormonale”.

  3. Anonimo

    le scrivo per mio padre, età 67, ecografia prostatica, volume 48cc adenoma centrale con microcalcificazioni. regione periferica lievemente disomogenea al lobo sx. il suo specialista gli ha consigliato di fare una biopsia. volevo avere in formazioni in piu x quanto riguarda questo nodulo , grazie. Distinti saluti. Anna.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo credo che l’unico modo per avere risposte certe sulla natura del problema sia proprio la biopsia.

    2. Anonimo

      Dott. Cimurro, dalla sua esperienza, che idea si è fatta ? cosa pensa ke sia?grazie. anna.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Da farmacista non ho esperienza specifica, ma in questi casi conta poco; purtroppo solo la biopsia è in grado di dare risposte certe.

  4. Anonimo

    sono stato operato alla prostata – diagnosi – adenocarcinoma prostatico di tipo acinare, 2005isp gleason system 4+5. la neoplasia coinvolge entrambi i lobi della ghiandola ed il margine nelle sezioni postero laterale destra. nessuna documentabile proliferazione eoplastica negli stromi extra prostatici,nelle vescichette seminali, nel frammento referto a fascia di denonvillers inviato separatamente dall’ operatore di cui alla lettera b, enei linfonodi in esame ( numero totale pari a 7) ajcc 2010, vii edizione:ptec pno pmx- la mia domanda è mi salverò. un cao saluto.-

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non ho a disposizione statistiche precise, ma a mio avviso può e deve essere ottimista.

  5. Anonimo

    ILMIO COMPAGNIO A 59 ANI E A FATTO PSA FREE 0,22 E PSA TOTALE 2,94.CHE PUO ESERE?UN TUMORE?UN MESSE FA A AVUTO LA FEBRE ALTA è ANDAVA AL BAGNIO SPESO E A PRESSO LEVOXACIN 5OO mg.prego rispondetemi.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A mio parere non è un valore preoccupante, in ogni caso senta anche il parere del medico.

  6. Anonimo

    Salve, il mio compagno ha 40 anni e, da circa un anno viviamo insieme, ultimamente però ha problemi di erezione, all’inizio io mi son preocupata che ci fosse qualcosa di sbagliato nella nostra intimità che fino a poco prima è stata sempre intensa. Poi però abbiamo parlato e ha ammesso di avere questo problema, più dolore anale, diminuzione della minzione e a volte fastidi ai testicoli. Secondo lei è il caso che si faccia vedere da un specialista, o potrebbe trattarsi di un periodo di stress accumulato che si è manifastato in questo modo? Premetto che non ha mai fatto una visita specifica e non l’ha nemmeno mai accennato al suo medico curante. cosa può consigliargli? grazie Teresa

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Dati i sintomi serve il parere di uno specialista (penso per esempio alla prostata).

  7. Anonimo

    Buon giorno, sono stato operato 1 mese fa circa di prostatectomia radicale. Purtroppo continuano i problemi di incontinenza e impotenza. Ma la domanda è : per tutta la notte scorsa ho avuto problemi al pene ovvero delle fitte più fastidiose che dolorose, della durata di pochi secondi a un minuto circa l’ una dal’ altra. Ho pensato che potesse essere qualche scoria residua formatasi dato che, per diminuire il flusso urinario, stavo bevendo poco. In effetti, dopo avere bevuto un pò di più il problema sembra ridimensionato. La mia autodiagnosi è giusta? Grazie anticipate.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, la sua diagnosi è assolutamente plausibile, ma se il problema persistesse lo verifichi con l’aiuto di un medico.

  8. Anonimo

    MIO, PADRE HA 77 ANNI UNA SETTIMA FA E’ STATO OPERATO ALLA PROSTATA.ADESSO ACCUSA DOLORI NELLA MINZIONE E PERDE ANCHE DEL SANGUE,E’ NORMALE O C’E DA PREOCCUPARSI? GRAZIE

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non è necessario allarmarsi, ma va segnalato appena possibile al medico.

  9. Anonimo

    Ciao io ho 14 anni ma ho uno strano fastidio dopo la minzione che si presenta ogni qualvolta contraggo la parte inferiore ai fianchi (praticamente dove è situato il pene). Ammetto di bere molto poco e sono un po’ preoccupato…sinceramente sono timido e non ne riesco a parlare con i miei…P.S. Non presento nessuno dei sintomi sopra elencati!

    1. Anonimo

      Ah quasi dimenticavo, dopo qualche minuto il fastidio scompare definitivamente fino a presentarsi alla prossima minzione…

    2. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Perdonami ma non ho capito; contrai i muscoli mentre urini e senti dolore?

    3. Anonimo

      No dopo aver urinato se mi siedo in posizione retta ad esempio si presenta questo fastidio come se dovessi andare di nuovo in bagno ma non è così infatti dopo poco scompare del tutto

    4. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sinceramente non so aiutarti; potrebbe anche essere solo una sensazione non legata a particolari problemi, ma ti raccomando di sentire il parere di un medico se il problema persistesse.

      Non hai magari un fratello più grande od un nonno/zio/cugino con cui poterne parlare?

    5. Anonimo

      No…mio padre non abita qui e sono mooolto timido…vabbè comunque se il problema persisterà ne parlerò per ora mi arrangio anche perchè non si manifesta sempre..grazie dei consigli comunque

  10. Anonimo

    SALVE, MIO SUOCERO è STATO OPERATO DI PROSTECTOMIA PER DIAGNOSI DI CANCRO, CIRCA 5 ANNI FA, ADESSO PRESENTA NEGLI ESAMI EMATICI UN NOTEVOLE AUMENTO DE PSA. COSA POTREBBE SIGNIFICARE?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Cosa intende esattamente per “notevole aumento”? Quanto è esattamente il valore?