1. Anonimo

    sono sempre io purtroppo la tac ha evidenziato metastasi nei polmoni e il tumore è di 18 cm lunedi asportano tutto il rene e linfonodi intorno quanto si può sperare??

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi dispiace non riuscire a risponderle e soprattutto mi dispiace per quanto emerso, ma la valutazione è possibile solo all’oncologo che sta seguendo il caso.

  2. Anonimo

    Buongiorno, tramite un normale controllo eco addome poi con conferma TAC mi hanno trovato un tumore al rene DX di 3 cm non è in metastasi . Ho 43 anni sono sempre e sono in ottima salute. Sono preoccupato amo mia figlia non voglio morire. PS: Il mese prossimo è programmato l’intervento in laparoscopia parziale. Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non saprei cosa aggiungere, ma immagino che le i medici fossero cautamente ottimisti, me lo conferma?

  3. Anonimo

    Salve Dott. SI sono ottimisti. Mi hanno detto che non dovrò fare alcuna terapia dopo l’intervento proprio perché piccolo Ma credo poco alle “chiacchiere “visto che sono stato vicino ai miei genitori malati di cancro e conosco molto bene i riscontri e in PARTICOLARE LE SORPRESE. Sarò più tranquillo dopo che sarà asportato e analizzato.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Questo sicuramente, e fa bene a non dare nulla per scontato, ma gli attuali fattori depongono tutti a nostro favore.

  4. Anonimo

    Si . Sintomi : Stanchezza pesante inspiegabile e dolore al fianco ….sono fissi !

    Buon lavoro Dott.re .

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La stanchezza è causata dal tumore, dall’ansia e dal caldo.

  5. Anonimo

    buongiorno, mio marito due anni fa è stato operato per un tumore di 8 cm asportando il rene e dopo 3 mesi per una recidiva sempre di 8 cm, da allora è sotto cura da oncologi con farmaci biologici prima : Sutent, Afinitor e ora Nexavar , cambiati perchè i linfonodi sono aumentati di volume e in più adesso è comparso pacchetto linfonodale tra i piani del tripode e quelli dei vasi renali di sx . Mi vengono dei dubbi su questa terapie e vorrei sapere se conosce altri centri oncologici ! grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In Italia credo che il Centro Europeo Antitumori di Milano sia fra quelli di assoluta eccellenza.

    2. Anonimo

      Mi scusi se la disturbo ancora , ma sono preoccupata ,secondo lei la diagnosi di questi linfonodi è normale per questa malattia o è grave ? e le terapie sono dei placebi ? grazie dottore !

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi dispiace, ma non essendo oncologo non me la sento di esprimere giudizi in questo senso.

  6. Anonimo

    Buon giorno dottore, volevo sapere una cosa… alla sorella di mia moglie, gli è stato asportato un rene di urgenza il 9 settembre, però è ancora in ospedale sedata, la ripuliscono però si formano sempre infezioni nel luogo dell’operazione, volevo sapere se era normale o no.
    Da premettere che la sorella si trova in un ospedale a Santo Domingo, quindi non conosco l’entità del tumore al rene ecc. Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non è normale ma può succedere, soprattutto se il livello medico non è pari a quello occidentale.

  7. Anonimo

    Quanto può crescere un tumore in un mese??

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Premesso che non glielo so quantificare in cm, c’è un’ampissima variabilità a seconda della zona, dell’aggressività del tumore, del tipo, …

  8. Anonimo

    Grazie comunque dottore volevo solo saperlo non si sa mai…

  9. Anonimo

    buon giorno dottore sono preoccupata ho fatto l’eco e mi hanno riscontrato discreta ectasia delle cavita’calico pieliche a livello del distretto polare inferiore del rene sn come da ostacolo al deflusso lunga la via urinaria ……che cosa significa?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Soffre di coliche renali?

  10. Anonimo

    Buongiorno dottore, so che lei non si sbilancia su argomenti delicati come questi, ma é sicuramente più preparato di me : volevo solo chiedere una cosa, mia madre ( 52 anni ) anni fa soffriva sporadicamente di un dolore all’addome alto, così fece un ecografia e le uscì una cisti, che il dottore consiglió di non toccare se non dava troppo fastidio, così le prescrisse degli antidolorifici all’occorrenza.È stata bene per moltissimo tempo, con il dolore che veniva molto sporadicamente, che peró non era più all’addome bensì al fianco.Ma sempre sopportabilissimo.Ultimamente peró, il dolore si è fatto più persistente e fastidioso, così è ritornata dal medico che le ha consigliato una tac, ( che ha fatto, giovedì le risposte ) e che ha detto che probabilmente la cisti è cresciuta.Ora, mi scuso per essermi divulgata, ma la mia domanda è : mia madre a parte il dolore al fianco non ha altri sintomi…..temo che la cisti si possa “tramutare” in qualcosa di brutto, è possibile o è solo un mio timore ? Oltretutto, lei sono anni che ha questo problema ( più di 10 ) per quanto riguarda questo male al rene leggo che non ha prognosi così lunga di asintomatia……mi sbaglio ? Grazie infinite!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Confermo che il tempo trascorso è sicuramente un fattore che ci permette un cauto ottimismo, anche se è assolutamente corretto verificare.