Sterilità, impotenza e problemi urinari da chemioterapia

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 10 ottobre 2018

Problemi della sfera sessuale

Che cosa sono e perché si verificano

Alcune forme di chemioterapia possono diventare causa di problemi relativi alla sfera sessuale, ovviamente con ricadute diverse tra uomini e donne.

  • Nelle donne la chemioterapia potrebbe danneggiare le ovaie e quindi causare modifiche ai livelli ormonali circolanti, che possono condurre a problemi come secchezza vaginale e menopausa precoce.
  • Negli uomini la chemioterapia potrebbe far diminuire l’afflusso di sangue al pene o danneggiare le terminazioni nervose che lo controllano, causando in questo modo impotenza.

I fattori di rischio legati a questi effetti collaterali della chemioterapia sono:

  • patologie già presenti prima dell’inizio del ciclo di cura,
  • tipo di chemioterapia,
  • età,
  • concomitanza di altre patologie.

Alcuni problemi, come la perdita di desiderio sessuale, probabilmente regrediranno una volta terminata la chemioterapia, mentre altri potrebbero persistere e diventare permanenti.

I possibili effetti collaterali femminili comprendono principalmente i tipici sintomi della menopausa (per le donne ancora in età fertile); tra questi sintomi troviamo:

I problemi maschili invece comprendono:

  • (impossibilità di raggiungere l’orgasmo),
  • impotenza (non riuscire a ottenere o mantenere l’erezione),
  • stanchezza eccessiva che impedisce di avere rapporti o mancanza di desiderio sessuale,
  • preoccupazione, stress o depressione che impediscono di avere rapporti.
Fotografia delle mani di un medico di un paziente, che sembrano discutere dei problemi di salute del secondo

iStock.com/SARINYAPINNGAM

Consigli per le donne

  • Parlate senza paura e senza vergogna con il vostro medico di:
    • Rapporti sessuali. Chiedete se per voi sia consigliabile continuare ad avere rapporti durante la chemioterapia. Per la maggior parte delle donne non ci sono controindicazioni, ma è meglio chiedere.
    • Contraccezione. È molto importante che non rimaniate incinta durante la chemioterapia. La chemioterapia può danneggiare il feto, soprattutto nei primi 3 mesi di gravidanza. Se non siete ancora in menopausa parlate con il vostro ginecologo dei vari metodi contraccettivi.
    • Farmaci. Valutate con il vostro medico o con il farmacista dei rimedi che possono aiutarvi. Tra di essi troviamo i prodotti per alleviare la secchezza vaginale, o una crema, o candelette vaginali che riducano la probabilità di infezioni.
  • Indossate biancheria di cotone (slip di cotone e collant con tassello in cotone).
  • Non indossate slip o pantaloncini stretti.
  • Usate un lubrificante vaginale a base d’acqua durante i rapporti.
  • Se i rapporti continuano a essere dolorosi a causa della secchezza, chiedete al medico un farmaco che contribuisca a ricreare la lubrificazione vaginale.
  • Proteggetevi dalle vampate di calore vestendovi a strati (con un maglione di lana o una giacca in più che potete togliere) e con l’attività fisica. Ad esempio potete camminare, andare in bicicletta o fare altri tipi di esercizio fisico. Può inoltre essere d’aiuto ridurre lo stress: provate lo yoga, la meditazione o altri modi per rilassarvi.

Consigli per gli uomini

  • Parlate con il medico di rapporti sessuali. Chiedete se per voi è consigliabile avere rapporti durante la chemioterapia, per la maggior parte degli uomini non ci sono controindicazioni, ma è meglio chiedere. Usate il preservativo in tutti i rapporti, perché nello sperma potrebbero rimanere tracce di sostanze chemioterapiche.
  • Parlate di contraccezione, perchè è molto importante che vostra moglie o la vostra compagna non rimanga incinta mentre voi siete sotto chemioterapia. La chemioterapia può danneggiare lo sperma e causare malformazioni nel bambino.

Consigli per uomini e donne

  • Parlate apertamente e francamente con il vostro coniuge o compagno, non fatevi problemi ad aprirvi ed esprimere i vostri sentimenti e preoccupazioni.
  • Esplorate insieme nuovi modi per dimostrare il vostro amore, ad esempio, se i vostri rapporti sessuali si fanno meno frequenti, potreste volervi abbracciare e coccolare di più, fare il bagno insieme, farvi i massaggi o provare altre attività che vi facciano sentire vicini.
  • Se voi e il vostro coniuge o compagno siete preoccupati per i problemi della sfera sessuale, potreste voler consultare qualcuno che possa aiutarvi, i migliori candidati sono: psichiatra, psicologo, assistente sociale, consulente matrimoniale, sessuologo o un ecclesiastico di vostra fiducia.

Sterilità

Che cos’è e perché si verifica

Alcuni tipi di chemioterapia possono causare sterilità:

  • Per una donna questo significa che potreste non essere più in grado di avere figli.
  • Per un uomo questo significa che potreste non essere più in grado di mettere incinta una donna.

Nelle donne, la chemioterapia può danneggiare le ovaie, e questo danno può diminuire il numero di ovuli sani all’interno delle ovaie; può anche diminuire gli ormoni prodotti dalle ovaie e la carenza ormonale può causare una menopausa precoce. La menopausa precoce e la diminuzione degli ovuli sani possono causare la sterilità.

Negli uomini, la chemioterapia può danneggiare gli spermatozoi, cellule che crescono e si moltiplicano molto in fretta. Si può verificare sterilità perché la chemioterapia può diminuire la quantità di spermatozoi, può renderli meno mobili oppure può causare danni di altri tipi. La sterilità può dipendere dal tipo di farmaco chemioterapico, dall’età e dall’eventuale presenza di altri problemi di salute; può durare anche per tutto il resto della vita.

Consigli per le donne

Prima di iniziare la terapia comunicate al medico se avete intenzione di avere un figlio in futuro.

Parlate con il vostro oncologo di:

  • Intenzione di avere un figlio. Prima di iniziare la chemioterapia, comunicate al dottore se avete intenzione di rimanere incinta in futuro, vi informeranno sulle modalità di conservazione degli ovuli da usare dopo la fine della terapia o vi metteranno in contatto con un medico specialista.
  • Contraccezione. È molto importante che non rimaniate incinta durante la chemioterapia. Le sostanze chemioterapiche possono danneggiare il feto, soprattutto nei primi 3 mesi di gravidanza. Se non siete ancora in menopausa, parlate con il vostro medico dei diversi metodi contraccettivi.
  • Un’eventuale gravidanza. Se siete ancora in età fertile, il medico potrebbe chiedervi di fare un test di gravidanza prima di iniziare la chemioterapia. Se siete incinta verrano scelte terapie appropriate.

La chemioterapia può causare malformazioni nel bambino. Cercate di non rimanere incinta durante i periodi di chemioterapia.

Consigli per gli uomini

Parlate con il vostro oncologo di questi aspetti:

  • Se volete avere un figlio. Prima di iniziare la chemioterapia comunicate al dottore se avete intenzione di diventare padre in futuro. Vi informeranno sulle modalità di conservazione dello sperma da usare in un secondo momento o vi metteranno in contatto con un medico specialista.
  • Contraccezione. È molto importante che vostra moglie o la vostra compagna non rimanga incinta mentre voi siete sotto chemioterapia. La chemioterapia può danneggiare lo sperma e causare malformazioni nel bambino.

Problematiche all’apparato urinario

Che cosa sono e perché si verificano

Alcuni tipi di chemioterapia danneggiano le cellule dei reni e della vescica, causando la comparsa di disturbi come:

Alcuni problemi dei reni e della vescica scompariranno una volta terminata la chemioterapia, mentre altri potrebbero accompagnarvi per il resto della vita. Bevete molti liquidi se siete sottoposti a cicli di chemioterapia in grado di danneggiare la vescica e i reni.

Come gestirle

Il medico vi farà fare le analisi del sangue e delle urine per controllare come si comportano la vescica e i reni; in ogni caso bevete molti liquidi, che aiuteranno le sostanze chemioterapiche a scorrere via dalla vescica e dai reni.

Non esagerate con le bevande che contengono caffeina (té nero, caffè e alcuni prodotti a base di cola)

a cura della Dr.ssa Elisa Bruno

Aderiamo allo .

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Mio marito 9 anni fa a l età di 39 anni ha fatto 6 cicli di chemioterapia , che probabilità di sterilita ci puo essere dopo tutto questo tempo?

    1. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, dipende che tipo chemioterapia, per quale motivo…è una domanda troppo generica, ne parlerei con l’oncologo che l’ha tenuto in cura.

  2. Anonimo

    salve mio marito deve fare 2 cicli di chemioterapia con carboplatino perche gli e stato tolto il testicolo destro per un seminoma classico vascolare, che percentualita avro di rimanere incinta? posso rimanere incita fra 5-6 anni?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Discuta l’argomento con l’oncologo, si potrebbe valutare di congelare lo sperma per sua tranquillità.

  3. Anonimo

    non abbiamo possibilita di congelare lo sperma 🙁 sulla tac e la pet non risulano sparsi possiamo rifiutare la chemio? perché i medici la vogliono fare solamente per prevenire lei cosa ci consiglia?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Onestamente non rinuncerei con leggerezza alla chemio, perchè se nei prossimi anni qualcosa dovesse andare male potrebbe essere peggio ancora.

      Il medico ha fatto previsioni sulla capacità riproduttiva residua dopo il trattamento?

    2. Anonimo

      ok la ringrazio mille

  4. Anonimo

    Troppi problemi e pensieri possono dare ottundimento? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì.

  5. Anonimo

    buongiorno io ho fatto la chimioterapia per un linfonodo .ho finito un ano fa adesso posso avere dei bambini

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      È una decisione che spetta al suo oncologo.

    2. Anonimo

      grazie mile quanto costa di solito una visita al oncologo

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non riesce a mettersi in contatto con chi la seguiva per la chemioterapia?

  6. Anonimo

    Mio marito è in radioterapia da qualche giorno, è necessario per mia sicurezza l’uso del preservativo?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Si valuta caso per caso; per esempio durante alcune forme di chemioterapia è possibile che lo specialista ne suggerisca l’uso per qualche tempo per evitare il passaggio di (quantità molto ridotte) di farmaco che potrebbero raggiungere il liquido seminale (per esempio in caso di tumore alla prostata). Sotto radioterapia, allo stesso modo, si valuta caso per caso, in base alla zona e al tipo di trattamento.