Sterilità, impotenza e problemi urinari da chemioterapia

Ultimo Aggiornamento: 167 giorni

Problemi della sfera sessuale

Che cosa sono e perché si verificano

http://www.flickr.com/photos/arboltsef/9535515/sizes/s/

Alcuni tipi di chemioterapia possono essere causa di problemi nella sfera sessuale, diversi tra uomini e donne.

Nelle donne la chemioterapia potrebbe danneggiare le ovaie e quindi causare modifiche ai livelli ormonali circolanti, che possono condurre a problemi come secchezza vaginale e menopausa precoce.

Negli uomini la chemioterapia potrebbe far diminuire l’afflusso di sangue al pene o danneggiare le terminazioni nervose che lo controllano, causando in questo modo impotenza.

I fattori di rischio legati a questi effetti collaterali della chemioterapia sono:

  • patologie già presenti prima dell’inizio del ciclo di cura,
  • tipo di chemioterapia
  • età,
  • concomitanza di altre patologie.

Alcuni problemi, come la perdità di desiderio sessuale, probabilmente regrediranno una volta terminata la chemioterapia.

I possibili effetti collaterali femminili comprendono principalmente sintomi della menopausa (per le donne ancora in età fertile). Tra questi sintomi troviamo:

  • vampate di calore,
  • secchezza vaginale,
  • irritabilità,
  • ciclo mestruale irregolare o assente,
  • infezioni vaginali o delle vie urinarie,
  • perdite vaginali o prurito,
  • stanchezza eccessiva che impedisce di avere rapporti,
  • mancanza di desiderio e diminuizione della libido,
  • preoccupazione, stress o depressione che impediscono di avere rapporti.

I problemi maschili comprendono:

  • (impossibilità di raggiungere l’orgasmo),
  • (non riuscire a ottenere o mantenere l’erezione),
  • stanchezza eccessiva che impedisce di avere rapporti o mancanza di desiderio sessuale,
  • preoccupazione, stress o depressione che impediscono di avere rapporti.

Consigli per le donne

  • Parlate con il vostro medico di:
    • Rapporti sessuali. Chiedete se per voi sia consigliabile continuare ad avere rapporti durante la chemioterapia. Per la maggior parte delle donne non ci sono controindicazioni, ma è meglio chiedere.
    • Contraccezione. È molto importante che non rimaniate incinta durante la chemioterapia. La chemioterapia può danneggiare il feto, soprattutto nei primi 3 mesi di gravidanza. Se non siete ancora in menopausa parlate con il vostro ginecologo dei vari metodi contraccettivi.
    • Farmaci. Valutate con il vostro medico o con il farmacista dei rimedi che possono aiutarvi. Tra di essi troviamo i prodotti per alleviare la secchezza vaginale, o una crema, o candeletta vaginale che riduca la probabilità di infezioni.
  • Indossate biancheria di cotone (mutandine di cotone e collant con tassello in cotone).
  • Non indossate mutande o pantaloncini stretti.
  • Usate un lubrificante vaginale a base d’acqua durante i rapporti.
  • Se i rapporti continuano a essere dolorosi a causa della secchezza, chiedete al medico un farmaco che contribuisca a ricreare la lubrificazione vaginale.
  • Proteggetevi dalle vampate di calore vestendovi a strati (con un maglione di lana o una giacca in più che potete togliere) e con l’attività fisica. Ad esempio potete camminare, andare in bicicletta o fare altri tipi di esercizio fisico. Può inoltre essere d’aiuto ridurre lo stress: èrovate lo yoga, la meditazione o altri modi per rilassarvi.

Consigli per gli uomini

  • Parlate con il medico di rapporti sessuali. Chiedete se per voi è consigliabile avere rapporti durante la chemioterapia, per la maggior parte degli uomini non ci sono controindicazioni, ma è meglio chiedere. Usate il preservativo in tutti i rapporti, perché nello sperma potrebbero rimanere tracce di sostanze chemioterapiche.
  • Parlate di contraccezione, perchè è molto importante che vostra moglie o la vostra compagna non rimanga incinta mentre voi siete sotto chemioterapia. La chemioterapia può danneggiare lo sperma e causare malformazioni nel bambino.

Consigli per uomini e donne

  • Parlate apertamente e francamente con il vostro coniuge o compagno, non fatevi problemi ad esprimere i vostri sentimenti e preoccupazioni.
  • Esplorate insieme nuovi modi per dimostrare il vostro amore, ad esempio, se i vostri rapporti sessuali si fanno meno frequenti, potreste volervi abbracciare e coccolare di più, fare il bagno insieme, farvi i massaggi o provare altre attività che vi facciano sentire vicini.
  • Se voi e il vostro coniuge o compagno siete preoccupati per i problemi della sfera sessuale, potreste voler consultare qualcuno che possa aiutarvi, i migliori candidati sono: psichiatra, psicologo, assistente sociale, consulente matrimoniale, sessuologo o un ecclesiastico di vostra fiducia.

Sterilità

Che cos’è e perché si verifica

Alcuni tipi di chemioterapia possono causare sterilità:

  • Per una donna questo significa che potreste non essere più in grado di avere figli.
  • Per un uomo questo significa che potreste non essere più in grado di mettere incinta una donna.

Nelle donne, la chemioterapia può danneggiare le ovaie, e questo danno può diminuire il numero di ovuli sani all’interno delle ovaie; può anche diminuire gli ormoni prodotti dalle ovaie e la carenza ormonale può causare una menopausa precoce. La menopausa precoce e la diminuzione degli ovuli sani possono causare la sterilità.

http://www.flickr.com/photos/batega/1865482908/sizes/s/

http://www.flickr.com/photos/batega/1865482908/sizes/s/

Negli uomini, la chemioterapia può danneggiare gli spermatozoi, cellule che crescono e si moltiplicano molto in fretta. Si può verificare sterilità perché la chemioterapia può diminuire la quantità di spermatozoi, può renderli meno mobili oppure può causare danni di altri tipi. La sterilità può dipendere dal tipo di farmaco chemioterapico, dall’età e dall’eventuale presenza di altri problemi di salute; può durare anche per tutto il resto della vita.

Consigli per le donne

Prima di iniziare la terapia comunicate al medico se avete intenzione di avere un figlio in futuro.

Parlate con il vostro oncologo di:

  • Intenzione di avere un figlio. Prima di iniziare la chemioterapia, comunicate al dottore se avete intenzione di rimanere incinta in futuro, vi informeranno sulle modalità di conservazione degli ovuli da usare dopo la fine della terapia o vi metteranno in contatto con un medico specialista.
  • Contraccezione. È molto importante che non rimaniate incinta durante la chemioterapia. Le sostanze chemioterapiche possono danneggiare il feto, soprattutto nei primi 3 mesi di gravidanza. Se non siete ancora in menopausa, parlate con il vostro medico dei diversi metodi contraccettivi.
  • Un’eventuale gravidanza. Se siete ancora in età fertile, il medico potrebbe chiedervi di fare un test di gravidanza prima di iniziare la chemioterapia. Se siete incinta verrano scelte terapie appropriate.

La chemioterapia può causare malformazioni nel bambino. Cercate di non rimanere incinta durante i periodi di chemioterapia.

Consigli per gli uomini

Parlate con il vostro oncologo di:

  • Se volete avere un figlio. Prima di iniziare la chemioterapia comunicate al dottore se avete intenzione di diventare padre in futuro. Vi informeranno sulle modalità di conservazione dello sperma da usare in un secondo momento o vi metteranno in contatto con un medico specialista.
  • Contraccezione. È molto importante che vostra moglie o la vostra compagna non rimanga incinta mentre voi siete sotto chemioterapia. La chemioterapia può danneggiare lo sperma e causare malformazioni nel bambino.

Problematiche all’apparato urinario

Che cosa sono e perché si verificano

Alcuni tipi di chemioterapia danneggiano le cellule dei reni e della vescica. Tra i sintomi troviamo:

http://www.flickr.com/photos/the_light_show/2431004769/sizes/s/

http://www.flickr.com/photos/the_light_show/2431004769/sizes/s/

  • bruciore o dolore all’inizio della minzione o dopo aver svuotato la vescica,
  • necessità di urinare frequente e più urgente del solito,
  • impossibilità di urinare,
  • incapacità di controllare il flusso d’urina proveniente dalla vescica (incontinenza),
  • presenza di sangue nelle urine,
  • febbre,
  • brividi,
  • urina di color arancione, rosso, verde o giallo scuro, oppure con forte odore di medicinali.

Alcuni problemi dei reni e della vescica scompariranno una volta terminata la chemioterapia, mentre altri possono accompagnarvi per il resto della vita. Bevete molti liquidi se siete sottoposti a cicli di chemioterapia in grado di danneggiare la vescica e i reni.

Come gestirle

Il medico vi farà fare le analisi del sangue e delle urine per controllare come si comportano la vescica e i reni; in ogni caso bevete molti liquidi, che aiuteranno le sostanze chemioterapiche a scorrere via dalla vescica e dai reni.

Non esagerate con le bevande che contengono caffeina (té nero, caffè e alcuni prodotti a base di cola)

a cura della Dr.ssa Elisa Bruno

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Mio marito, di settantanove anni, è sottoposto a cicli di chemioterapia per tumore alla vescica: è successo che dopo rapporti sessuali non protetti, dopo pochi giorni dalla terapia, risulto affetta da forte cestite per presenza del batterio escherichia coli, non debellato nemmeno dopo la cura con l’antibiotico adatto. Sono nuovamente positiva al batterio. Può essere stata cusata dal farmaco della chemioterapia? Cosa fare?

    1. admin
      admin

      A mio avviso è poco probabile che la causa sia suo marito (anche se forse la chemio potrebbe aver causato uno squilibrio batterico, ma non ne sono così convinto), in ogni caso con l’aiuto del suo medico è probabilmente necessario un nuovo ciclo antibiotico.

  2. Anonimo

    Ho 26 anni e nel 97 mi hanno diagnosticato una leucemia di tipo L.LA.ho fatto la chemio e vorrei sapere se è possibile avere dei figli…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Credo che l’unico modo per trovare una risposta sia di fare un esame dello sperma.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Le chiedo profondamente scusa, no ho fatto caso al nome; il suo ciclo è regolare? Ai tempi della terapia le erano state date informazioni in merito?

  3. Anonimo

    Salve dottore nel 2005 o avuto un tumore al testicolo sono stato operato esportato il testicolo dx o fatto chemio ed ora sono staco cosa devo fare per svegliare questo sperma sono immobili quale cura devo fare quale integratori

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso prescrivere nulla.
      È seguito da un andrologo?

  4. Anonimo

    No pero penso una cosa dovebre esserci per svegliarsi,il mio amico cominato come me solo che lui da piccolo avuto una malincite e con tutti farmaci che a fatto si sono spenti anche i suoi ma poi esami e tre settimane integratori a base di erbe il risultato sua moglie e incinta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Raccomando di rivolgersi ad uno specialista, ammesso e non concesso che ci sia un problema (e che si possa risolvere) serve prima una diagnosi esatta.

  5. Anonimo

    Faccio lavagetti in vescica con bcg dopo 7 giorni circa al lavagetto mia moglie e rimasta incinta cosa puo succedere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo non glielo so dire; per ragionamento direi che non dovrebbero esserci problemi, ma raccomando il parere dello specialista.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Le consiglio di parlarne con assoluta serenità al suo oncologo, oppure al medico di base, od ancora ad un urologo/andrologo; i rimedi ci sono, serve solo trovare quello adatto a lei.

  6. Anonimo

    salve,
    Le volevo chiedere se si possono avere rapporti intimi durante la chemioterapia PEB,
    Mio ragazzo ha appena finito il primo ciclo di chemioterapia ma abbiamo avuto rapporti non protetti, mi consiglia di fare qualche visita a proposito? Rischio qualcosa ?
    La ringrazio in anticipo!

  7. Anonimo

    no, ho lasciato la pillola quasi un mese fa.
    Per quale motivo me lo chiede?

  8. Anonimo

    lui dovrebbe farlo presente al suo oncologo ? Occorre pure lui a qualche pericolo ? Quali sarebbero gli effetti per cui dovremmo preoccuparci?
    Grazie per la disponibilità Dott. Cimurro

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il parere dell’oncologo è sicuramente indispensabile, ma quello che mi appare come possibile rischio è l’eventuale gravidanza, che sono quasi sicuro che le verrà consigliato di rimandare perchè il codice genetico degli spermatozoi potrebbe essere alterato dai farmaci.

      Mi tenga al corrente.

    2. Anonimo

      È stato un rapporto che è durato un minuto poco più perché anche lui aveva paura in quanto avevamo in precedenza deciso di non avere rapporti durante la chemioterapia in quanto avevamo letto su internet che si potevano trasmettere delle micro cellule attive!
      La contatterò di sicuro 🙂
      Lei non mi consiglia di fare nessun tipo di visita?
      Quanto aspetto x poter fare un test di gravidanza?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Non ritengo che serva visita.
      2. Test a 15-16 giorni, ma il rischio è basso con il coito interrotto.
      3. Credo che l’oncologo consiglierà solo di evitare rapporti non protetti, ma non credo che ci sia motivo per non stare insieme con il preservativo; è sicuramente un periodo già molto difficile e la coppia non deve negarsi quanto non chiaramente pericoloso, quindi non abbia paura di essere molto esplicita nel chiedere allo specialista.

    4. Anonimo

      Sinceramente non abbiamo avuto tempo però si condivido il suo pensiero maturo…
      Solo che non me la sentivo di “rifiutare” perché come dice pure lei già il periodo in se’ per se’ è difficile da sopportare….
      Le posso chiedere un altra informazione, lui ha notato che il piede sinistro lo sente addormentato e dice che le fa male addirittura non ce la fa a stare in piedi perché si sente tanto stanco, ho notato che è parecchio più chiaro dell’altro piede e quando le massaggio il piede sento che è freddo!
      Lei pensa che sia uno dei effetti della chemioterapia ? Ha fatto il sottocute neulasta sabato mattina, è un sintomo normale?
      Sono preoccupata perché non mi rispondono al reparto di oncologia e leggo su internet che parla di infarto e ictus per mancanza di circolamento del sangue…

      Grazie infinite

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ritengo che ci siano rischi di infarto/ictus, ma è sicuramente un sintomo da segnalare.

    6. Anonimo

      lo stanno operando d’urgenza perché non le circola il sangue sulla gamba…
      Posso sapere cosa rischia? È difficile come intervento?
      La prego se sa qualcosa al riguardo mi informi, purtroppo non mi trovo manco accanto a lui :”(

    7. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma purtroppo su questo non so aiutarla. Qual è stata la diagnosi? La causa?

      Mi tenga al corrente.

  9. Anonimo

    buongiorno dottore. Spero che Lei possa farmi chiarezza su questo argomento. Io ho iniziato (da due giorni) una cura di instillazioni di BCG per un tumore alla vescica e nel documento guida che mi hanno rilasciato vi è scritto di “avere rapporti sessuali protetti per i primi 7 giorni”. Le chiedo visto che mia moglie ha come metodo contraccettivo la IUD se è possibile per noi avere rapporti non protetti? La ringrazio per la sua disponibiltà

  10. Anonimo

    Di può rimanere incinta….mio marito ha finito di farsi la chemioterapia da un anno…stiamo provando ad avere un figlio e niente….come mai???

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Lei ha già fatto analisi?
      Suo marito ha già fatto l’esame dello sperma?

  11. Anonimo

    Scusate mio marito ha finito la chemioterapia a dicembre 2014 ha fatto due cicli leggeri dopo 9 mesi ho fatto il test di gravidanza e risulta positivo cosa succede al bimbo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente nulla, ma senta anche il parere dell’oncologo che conosce la terapia sostenuta.

  12. Anonimo

    O 66 anni è dopo 4 anni che non avevo rapporti ora o voluto provare a vedere ma il mio compagno e sotto chemio c’è rischio per me la pregò mi risponda

    1. Anonimo

      Va bene lei dice che non c’è rischio ma io sono terrorizzata dal pensiero di essere rimasta in cinta coalizione devo fare?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi perdoni la domanda, ma con 66 anni non è in menopausa?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Una volta in menopausa non è possibile rimanere incinta.

  13. Anonimo

    Salve Dott.,
    Il mio compagno ha avuto a gennaio 2015 il non hodkings cutaneo, ha fatto 3cicli di chemio e 3 di radio, ora fortunatamente sta benissimo ma ho tre domande che non mi danno tregua:
    1) mai avuti rapporti protetti durante e dopo la terapia , cosa rischio io e l’eventuale bambino?;
    2) posso avere figli oppure è impossibile? E’ quasi 1anno che proviamo ma ancora nulla;
    3) quante probabilità ci sono che potrebbe tornargli il male?
    La prego di darmi una risposta , non vivo più.
    Grazie molte

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Che io sappia lei assolutamente nulla, ma ovviamente verifichi con il medico; potrebbe invece essere consigliabile aspettare prima di cercare una gravidanza.
      2. I farmaci che ha assunto potrebbero essere responsabili di qualche problema allo sperma, ma dipende da cosa è stato usato.
      3. Purtroppo non ho a disposizione queste statistiche, mi dispiace davvero.

  14. Anonimo

    Salve Dottore,
    grazie prima di tutto per la tempestiva risposta.
    Il farmaco usato nella chemio è il così detto “farmaco rosso”, non ricordo in gergo medico il nome.. Abbiamo possibilità di avere un figlio rispetto al farmaco assunto? I cicli di chemio sono stati solo 3 fortunatamente.
    Grazie molte.
    Saluti

  15. Anonimo

    Era un acronimo di 3,4 lettere, non ricordo proprio quali ma epirubicina mi è nuovo come nome.
    Grazie ancora per il suo tempo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non mi sento di fare ipotesi senza conoscere esattamente la sostanza, ma se non è mai stata paventata la possibilità di un rischio infertilità ho speranza che non ci siano stati danni.

  16. Anonimo

    Salve o 28 anni nn o mai avuto il ciclo spontaneo o avuto la leucemia nel 95

  17. Anonimo

    Mio marito 9 anni fa a l età di 39 anni ha fatto 6 cicli di chemioterapia , che probabilità di sterilita ci puo essere dopo tutto questo tempo?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, dipende che tipo chemioterapia, per quale motivo…è una domanda troppo generica, ne parlerei con l’oncologo che l’ha tenuto in cura.

  18. Anonimo

    salve mio marito deve fare 2 cicli di chemioterapia con carboplatino perche gli e stato tolto il testicolo destro per un seminoma classico vascolare, che percentualita avro di rimanere incinta? posso rimanere incita fra 5-6 anni?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Discuta l’argomento con l’oncologo, si potrebbe valutare di congelare lo sperma per sua tranquillità.

  19. Anonimo

    non abbiamo possibilita di congelare lo sperma 🙁 sulla tac e la pet non risulano sparsi possiamo rifiutare la chemio? perché i medici la vogliono fare solamente per prevenire lei cosa ci consiglia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente non rinuncerei con leggerezza alla chemio, perchè se nei prossimi anni qualcosa dovesse andare male potrebbe essere peggio ancora.

      Il medico ha fatto previsioni sulla capacità riproduttiva residua dopo il trattamento?

  20. Anonimo

    buongiorno io ho fatto la chimioterapia per un linfonodo .ho finito un ano fa adesso posso avere dei bambini

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non riesce a mettersi in contatto con chi la seguiva per la chemioterapia?

La sezione commenti è attualmente chiusa.