1. Anonimo

    Mia moglie ha un tumore al seno her2 positivo metre è negativo agli estrogeni e progestinici, le hanno consigliato 4 cicli di doxorubicina e ciclofosfamide e 4 di traxotere e herceptin; al termine del 4 ciclo ha fatto una risonanza con contrasto e il referto dice che dopo iniezione del mdc si osserva localizzazione di tale mezzo nel qse e nei quadranti inferiori a sinistra con risultato sostanzialmente invariato rispetto alla risonanza fatta prima di iniziare la chemioterapia. Alla visita l’oncologia però osservava una riduzione. Può la risonanza indicare un insuccesso della terapia finora praticata?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Mi dispiace davvero ma, non occupandomi di questo campo, non mi sento in grado di rispondere.

  2. Anonimo

    ciao… sono una ragazza molto giovane… ho letto con interesse questo articolo. sono affetta da leucemia promielocitica, una forma di cancro del sangue. la chemio mi fa stare molto male ma sono certa che funzionerà. o almeno cerco di pensare positivo. nel frattempo sono soggetta ad alcune dialisi. Volevo solo ringraziare di aver pubblicatoquesto articolo. Oraso molte cose in più anche io 🙂

    1. Anonimo

      ciao,
      io stò capendo ora quanta forza ci vuole perchè mia cugina stà attraversando questo calvario.
      brava niky, tanti auguri

  3. Anonimo

    Buona sera, a mia mamma quando è stata operata nn hanno tolto tutto il tumore, il dottore ha detto che era rimasto il dieci per cento all’adome, volevo sapere se è per questo che è subentrato l’invezzione, e poi anche la setticemia, Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Solo il chirurgo può rispondere con sicurezza alla sua domanda, ma credo che l’infezione sia indipendente dal fatto di aver rimosso una certa percentuale di tumore; l’infezione è purtroppo una possibile complicazione di ogni intervento chirurgico.

  4. Anonimo

    buongiorno. avrei bisogno di sapere se il mio compagno, riuscira’ prima o poi a darmi un figlio. cinque anni fa e’ stato operato per un tumore ai testicoli con conseguente chemioterapia. Ora ha assoluta mancanza di liquido seminale. In futuro potrebbe ricomparire? C’e stato qualche caso simile che poi sia riuscito a procreare? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Non occupandomi di questo campo non mi sento in grado di risponderle concretamente.

  5. Anonimo

    Buongiorno,
    l’anno scorso alla fine di luglio ho scoperto di avere un polipo all’intestino. Fatto tutti gli esami e a Settembre sono stata operata. Non avevo linfonodi ma, da ottobre ho iniziato a fare la chemio (per prevenzione). Ho finito la chemioterapia a fine aprile. Tutto sommato non e’ stata durissima… premetto che io ho sempre continuato a lavorare; ho casa, marito e due figli. Comunque.. ora ho effettuato TAC e l’esito e’ tutto sommato e’ buono; unica cosa sono alcuni valori del sangue che sono un po’ alti (si chiamano “marcatori tumorali”); l’oncologo dice che e’un po’ strano in quanto dopo l’operazione erano corretti. Dobbiamo tenerli sotto controllo. Potrebbe essere un campanello d’allarme oppure … niente!
    Il mio cruccio ora e’ che …. mi sono tornati i fastidi che avevo quando facevo la chemio; anzi.. un poco piu’.. FORMICOLIO ALLE MANI, in special modo ai polpastrelli; faccio fatica per esempio, a tirare su la cornetta del telefono… Mi chiedo se sia normale tutto cio’. Le infermiere dicono che sia normale…. Mah! Saluti a tutti.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Temo anch’io sia normale, in ogni caso se non dovesse passare o peggiorasse ulteriormente lo faccia presente allo specialista.

  6. Anonimo

    buongiorno,devo cominciare alcuni cicli di chemio riduttiva,mi è stato detto di non prendere sole in questo periodo,ma vorrei capire perchè. Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      In generale diversi farmaci, non solo chemioterapici, possono essere causa della comparsa di macchie o reazioni allergiche a seguito di esposizione al sole durante il trattamento; è quindi molto probabile che il motivo sia questo.

  7. Anonimo

    mia madre aveva finiti i cicli di chemioterapia, due mesi fa, aveva un cancro a lutero ed ovaia, il mese scorso e stata operata,,,,,,ma e antata tutto storto, ha preso invezione a tutto l’addome, lantibiotici che gli facevano nn hanno fermato l’invezione,,, e dopo quindici giorni gli hanno fatto un cristero perchè nn andava di corpo, ma subbito dopo si e rotto anche l’intestino…alla fine mia mamma dopo un mese, che sarebbe il 29 maggio e morta…….volevo sapere se tutto questo e potuto capitare per il fatto che ha fatto le chemio,,, oppure e colpa del medico che la operata…………per favore datemi una risposta!!!!!!!!!! grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Temo che nessuno sarà mai in grado di darle una risposta definitiva ma, pur comprendendo la sua rabbia, non escluderei l’ipotesi che il tumore fosse ad uno stadio eccessivamente avanzato.
      Le mie più sentite condoglianze.

    2. Anonimo

      Raccapricciante esempio di cure e del loro esito. Per favore, pubblicatele spesso, dicono il vero sulla effettiva capacità che ha la chemio di curare.Al cancro talvolta si può scampare. Alla chemio…. chissà.

  8. Anonimo

    Ho letto e sentito parlare di una pasticca chiamata INTELLIGENTE e da quel che ho capito va ad interagire esclusivamente col tumore senza danneggiare le alre cellule. Credo che sia in fase di sperimentazione ma gradirei sapere un suo parere in merito. Tanto siamo malati, quindi non abbiamo nulla da perdere no?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      La quasi totalità delle sostanze attualmente usate agiscono prevalentemente sulle cellule tumorali, sfruttando meccanismi di selezione via via più sofisticati e precisi; sono poi allo studio diverse nuove sostanze, con obiettivo tumori diversi, che siano ancora più selettive ed efficaci. Potrebbe quindi fare richiesta presso un centro oncologico di essere inserito in un programma di sperimentazione, se consono al suo caso.

  9. Anonimo

    Mio padre e alla quinta seduta di chemio e ha un fortissimo bruciore al fianco e sulla schiena.Può essere un effetto collaterale dovuto dalla chemio?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      E’ possibile, ma se è sorto da poco lo faccia presente al medico.

  10. Anonimo

    ho letto molte cose interessanti ma volevo sapere se la chemioterapia puo’ portare problemi alla vista come effetto collaterale grazie mille in anticipo