Tutte le domande e le risposte per Infarto ed ictus: sintomi, cause e prevenzione
  1. Anonimo

    Buongiorno,mio zio di 72 anni stamani si sentiva un senso di peso al cervello,si è ricoverato ed i medici dopo opportuni esami clinici gli hanno diagnosticato problemi di circolazione sanguigna-volevo possibilmente sapere quali sarebbero le probabili conseguenze-Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Dipende dalla gravità del problema, dal mal di testa all’ictus.

    2. Anonimo

      per evitare il manifestarsi di un ictus,che tipo di alimentazione dovrebbe seguire un soggetoo ultrasettantenne

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non ci sono particolari indicazioni, una dieta sana, equilibrata, povera di grassi, abbondante idratazione.

  2. Anonimo

    ma che tipo di dolore si prova ad un lato della faccia per l’ictus? io qualche volta mi sento un senso di bruciore non molto forte e se mi struscio aumenta tipo un irritazione,è così?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non so descriverle il dolore, ma sicuramente non è il suo caso;

  3. Anonimo

    una curiosità,ad un formicolio ad una metà del corpo derivata dall’ictus succede subito l’ictus?perchè io è da 4 giorni che ogni tanto sento qualche formicolio in qualche punto del braccio sinistro.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se avesse avuto un ictus non avrebbe probabilmente alcun dubbio sulla gravità della situazione.

    2. Anonimo

      non ho capito la risposta

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In altre parole a mio avviso nel suo caso non si può parlare di ictus, le conseguenze sarebbero state con tutta probabilità più evidenti.

  4. Anonimo

    Buongiorno, per cause che avrei voluto evitare sono venuto a conoscenza della cosiddetta “morte improvvisa”, io ho 30 anni, pratico palestra, sono normopeso 173 cm per 62 kg, non fumo, bevo di rado e mangio sano!
    Circa 3 mesi fa ho fatto ECG,ECO e holter 24 tutto risultato nella norma!
    Visto che la morte improvvisa colpisce soggetti apparentemente sani mi chiedo se questi soggetti a loro insaputa hanno disfunzioni cardiache o se invece potrebbe colpire anche persone senza nessun disturbo come me?
    Grazie mille!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In genere è correlata a qualche problema organico, può colpire chiunque, ma tra questi chiunque una persona con le sue caratteristiche (età, stile di vita, alimentazione) ha la probabilità minore, oserei dire praticamente trascurabile, di esserne vittima.

    2. Anonimo

      Grazie mille, come avrà capito sono ipocondriaco, purtroppo direi!

    3. Anonimo

      Un ultima curiosità, la sindrome è riscontrabile tramite i controlli cardiologici effettuati? Cioè ECG, ECO e holter24 o ne servono di specifici?
      Glielo chiedo perché so che è una sindrome rara che riguarda l’attività elettrica del cuore!

    4. Anonimo

      Intendevo la sindrome da QT lungo o corto.

  5. Anonimo

    Buongiorno,
    Scrivo perché stanotte mi è successa una cosa alquanto strana, quando mi sono coricato appena mi addormentavo un tuffo al cuore mi faceva svegliare, avevo anche una sensazione di fastidio al petto se mi coricavo di lato mentre non l’avevo supino!
    Insomma non riesco a dare una spiegazione a questa cosa, ma ho notato che mi succede finito di mangiare, ed anche ieri mi è successa questa cosa dopo che un paio d’ore prima avevo mangiato un gelato!
    Stamane mi sono alzato decisamente male, con un nodo alla gola che mi ha impedito di fare colazione, ho bevuto solo un te!
    Ho fatto pochi mesi fa accertamenti cardiologici ed era tutto ok!
    Cos potrebbe essere?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Possibile reflusso gastroesofageo e/o ernia iatale.

    2. Anonimo

      Data l’ignoranza inateria, a che specialista mi dovrei rivolgere o quali accertamenti dovrei fare per indagare sulle possibilità da lei citate?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Premesso che le ricordo che sono farmacista, non medico, e la mia è solo un’ipotesi, in genere si procede in questi casi provando ad assumere un inibitore di pompa protonica (è una classe di farmaci specifica per reflusso ed iperacidità) ad alto dosaggio per almeno 2-3 settimane, per vedere se i sintomi migliorano. Si preferisce questo alla gastroscopia, l’esame specifico, per evitarne se possibile l’invasività.

  6. Anonimo

    Non so se sto scrivendo nella giusta sede, ma io ho avuto la rottura di un aneurisma nell’aorta principale, nel cervelletto e la cosa mi ha letterallmente sconvolto la vita. Da allora (sei anni fa) sono in una carrozzina, pur essendo io un’affermata estetista non sono più neppure in grado di truccarmi ci vedo pochissimo e tante altre belle “cosette” che sinceramente difficilmente ho riscontrato in altri casi come il mio. Quello che ho letto e che m’inquita notevolmente è la predisposizione a recidive, esiste qualche esame per sapere se si è a rischio ? Ringrazio sin d’ora lasxio anche l’e-mail in caso si preferisse contattarmi privatamente; saluto con grande ammirazione.
    Daniela [email protected]

  7. Anonimo

    Dimenticavo ora ho 35 anni

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non sono purtroppo la persona adatta a valutare un caso come il suo, ma vale senza dubbio la pena di rivolgersi ad uno specialista per capire con lui se il primo episodio è stato solo frutto del caso o se sia preferibile fare esami periodici per evidenziare in modo precoce eventuali situazioni di rischio (a partire dalla pressione arteriosa).

  8. Anonimo

    io ho perso mia madre quasi un mese fa ho letto i vari sintomi di un ichus e ho notato che mia madre ha avuto questi sintomi ma all ospedale non hanno ritenuto il ricovero dicendomi che cera un principio di ichus in corso ma con la cardioaspirina si sarebbe risolto tutto ma questa non e stata la verita dopo solo 12 ore ritornati a casa mia madre e morta ora mi chiedo se i dott del pronto soccorso l avrebbero ricoverata si sarebbe salvata ::: perche non fanno il proprio lavoro salve

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo temo di non saper rispondere e sarebbe probabilmente stata necessaria un’autopsia per avere una una risposta certa.

  9. Anonimo

    l’altro giorno mi sono alzata dal divano e mentre andavo in cucina mi è sembrato di vedere le cose da una dimensione diversa, mi sembrava tutto più grande del normale. Ho capito che stava accadendo qualcosa mi sentivo benissimo senza alcun dolore, mala mia vita se ne tava andando esattamente come quando ti fanno l’anestesia,e leggera nausea . è durato un paio di minuti credo ma poi oltre a tanta paura avevo una percezione di me stessa molto forte. Ho 56 anni. Cosa mi è successo?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Magari un improvviso calo di pressione dovuto al repentino cambio di posizione (seduta sul divano -> in piedi), amplificato da una comprensibile ansia dovuta al momento; se non capita più direi che non c’è motivo per preoccuparsi.

  10. Anonimo

    io ho male sotto l’ascella cs pottrebbe essere?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo è molto vago come sintomo, se persistesse ne parli con il medico in modo che possa fare una valutazione più approfondita con una visita medica.