Laser Lasik per l’operazione e la chirurgia dell’occhio

Ultimo Aggiornamento: 117 giorni

Introduzione

L’intervento  è una procedura chirurgica che consente di migliorare la vista, permettendo di ridurre o di eliminare il bisogno di mettere gli occhiali da vista o le lenti a contatto.

L’intervento permette di rimodellare la cornea, lo strato più esterno dell’occhio, per migliorare la capacità di messa a fuoco, che può essere alterata da diversi errori di refrazione:

  • Le persone miopi riescono a vedere bene le immagini vicine, mentre vedono sfocate le immagini lontane.
  • I presbiti riescono a vedere chiaramente gli oggetti lontani, mentre hanno difficoltà a vedere le cose vicine. La presbiopia è anche chiamata iperopia.
  • L’astigmatismo fa apparire le immagini distorte e si verifica quando ci sono delle irregolarità nella cornea o nella lente dell’occhio.

Le lenti a contatto e gli occhiali da vista rimettono a fuoco le immagini sulla retina, riportando ad una visione normale.

Esistono innumerevoli tipologie di laser, ma la Lasik è sicuramente la più comune; l’esperienza dimostra che molti pazienti riescono a riacquisire una vista perfetta, anche se ovviamente il risultato dipende anche dalla situazione iniziale.

Ovviamente, come per qualsiasi altro intervento chirurgico, esistono anche controindicazioni e rischi che, per quanto minimi, è importante conoscere per prendere una decisione consapevole, anche se solo il medico oculista può valutare nel complesso il rapporto rischio-beneficio per ogni singolo paziente.

La vista

Occhio, struttura

Occhio, struttura (http://it.wikipedia.org/wiki/File:Schematic_diagram_of_the_human_eye_it.svg)

Gli rappresentano un organo molto sofisticato del corpo che consente di raccogliere la luce e di mettere a fuoco, consentendoci di vedere. La cornea, la parte esterna e trasparente dell’occhio, consente alla luce di entrare e si occupa di cominciare a mettere a fuoco man mano che la luce si muove verso l’interno dell’occhio.

Dopo aver attraversato la cornea la luce incontra l’iride, che è la parte colorata dell’occhio, che controlla la quantità di luce che entra nell’occhio attraverso l’apertura della pupilla (il cerchio al centro dell’iride).

Man mano che la luce attraversa la pupilla essa arriva sino ad una lente chiara, come le lenti di una fotocamera le lenti dell’occhio per prima cosa riflettono la luce sulla parete più interna dell’occhio, la retina. Dopo aver incontrato la lente e prima di raggiungere la parete più interna dell’occhio, la luce attraversa un fluido trasparente chiamato vitreo. La retina invece converte il segnale della luce in segnale elettrico. Questi segnali elettrici vengono trasferiti dal nervo ottico al cervello, che converte questi segnali nelle immagini che vediamo.

Chirurgia refrattiva e Lasik

Occhio

Occhio (http://www.flickr.com/photos/star-dust/709945164/)

Negli ultimi anni la chirurgia laser (o chirurgia refrattiva) è diventata via via più popolare e nella maggior parte dei casi l’intervento è volto al rimodellamento della cornea, con l’obiettivo di correggere i tre difetti visivi descritti.

L’approccio PRK (Photo Refractive Keratectomy) nasce addirittura negli anni 80, ma dall’avvento della chirurgia Lasik è ormai limitato alle correzioni di difetti minimi; la Lasik, acronimo di LASer In situ Keratomileusis, cheratomileusi laser in sit) è una tecnica che nasce a metà degli anni 90 e, rispetto alla precedente, ha il grosso vantaggi di ridurre drasticamente i sintomi di dolore e di fastidio nell’occhio. È la tecnica probabilmente più utilizzata in tutti i Paesi occidentali e permette di essere applicata a:

  • miopia,
  • presbiopia,
  • astigmatismo.

I migliori risultati della Lasik vengono riscontrati nei pazienti che presentano dei problemi moderati della vista; i pazienti affetti da una grave miopia potrebbero trarre beneficio dalla Lasik, ma avere ancora bisogno degli occhiali o delle lenti a contatto anche dopo l’intervento.

Controindicazioni

Non tutti coloro che usano le lenti a contatto o gli occhiali sono dei candidati ideali per la LASIK, che è controindicata in caso di pazienti con:

È inoltre controindicata nei soggetti che praticano sport da combattimento.

Preparazione

La decisione di sottoporsi all’intervento va sempre vagliata con un oculista esperto, che sottoporrà il paziente a un esame approfondito degli occhi prima di formulare un parere in proposito; in caso di risposta affermativa verrà programmata la data dell’intervento.

Se si indossano lenti a contatto è consigliabile smettere di indossarle a partire da qualche settimana prima dell’intervento, in quanto sono dispositivi che cambiano la forma della cornea fino a diverse settimane dopo l’interruzione nel loro utilizzo. Sottoporsi alla chirurgia Lasik senza presentarsi con la forma naturale espone il paziente al rischio di misure imprecise e quindi risultati non ottimali.

L’FDA consiglia di rimuovere:

  • le lenti a contatto morbide almeno 2 settimane prima della valutazione iniziale,
  • le lenti a contatto semirigide almeno 3 settimane prima,
  • le lenti a contatto rigide almeno 4 settimane prima.

Durante la visita vanno segnalati al medico:

  • tutti i disturbi visivi e relativi all’occhio attuali e passati,
  • tutti i farmaci usati e le eventuali allergie di cui si soffre.

Il giorno prima dell’intervento, si dovrebbe smettere di usare:

  • creme,
  • lozioni,
  • trucco,
  • profumi.

Questi prodotti possono aumentare il rischio di infezione durante e dopo l’intervento chirurgico; per lo stesso motivo è probabile che verrà richiesto al paziente di lavarsi a fondo le ciglia prima della chirurgia, in modo da rimuovere eventuali residui e detriti.

Procedura

L’intervento di chirurgia refrattiva richiede in genere meno di 30 minuti; il paziente viene fatto sedere sulla schiena su una sedia reclinabile in una sala dotata del sistema laser, che di fatto si presenta come una grande macchina dotata anche di microscopio e monitor.

Una goccia di anestetico sarà applicata all’occhio e uno specifico strumento verrà utilizzato per tenere le palpebre aperte.

La cornea viene mantenuta ferma tramite un dispositivo aspirante. L’oculista taglia con uno strumento speciale un lembo corneale, che viene sollevato in modo da scoprire lo stato connettivale della cornea sottostante e che viene mantenuto fuori dalla direzione del laser. Successivamente il laser viene utilizzato per ridisegnare la cornea.

Il laser sarà posizionato sopra l’occhio e a questo punto verrà chiesto al paziente di fissare una luce; questo non è il laser utilizzato per rimuovere il tessuto dalla cornea, la luce è posizionata al solo scopo di aiutare a mantenere l’occhio fisso su un punto una volta che il laser verrà acceso; nel caso in cui non si sia in grado di fissare un oggetto in modo fermo per almeno 60 secondi, il paziente potrebbe risultare non candidabile all’intervento.

Dopo che la cornea è stata ristrutturata, l’oculista riposiziona il lembo sulla zona trattata e conclude così l’operazione.

La Lasik è una procedura ambulatoriale. I pazienti possono tornare a casa lo stesso giorno dell’operazione. È necessario però farsi accompagnare con l’auto da qualcuno, perché inizialmente la vista potrebbe essere ancora offuscata.

Durante l’intervento è normale che la vista possa temporaneamente apparire annebbiata.

Dopo la procedura

Al termine della procedura è del tutto normale avvertire bruciore, prurito oppure la sensazione di avere un corpo estraneo nell’occhio; il paziente proverà quindi un certo disagio o, in alcuni casi, un dolore lieve che potrà essere facilmente controllato con un antidolorifico.

Al termine dell’intervento saranno comunque date delle gocce per idratare e lubrificare gli occhi e per dare sollievo ai sintomi descritti.

Piuttosto comune anche una certa lacrimazione, nonchè una visione offuscata e un’eccessiva sensibilità alla luce.

In questa fase è molto importante evitare di grattarsi o di sfregare l’occhio operato, per evitare complicazioni che richiederebbero un nuovo intervento.

Questi sintomi di norma vanno incontro a miglioramento spontaneo già nei primi giorni dopo l’intervento Lasik, ma per questo è consigliabile evitare di lavorare per qualche giorno.

In caso di dolore severo e/o peggioramento improvviso dei sintomi si raccomanda di contattare immediatamente l’oculista.

La maggior parte dei pazienti riscontra dei notevoli miglioramenti nei primi giorni successivi all’operazione Lasik, anche se immediatamente dopo l’intervento la vista potrebbe essere un po’ offuscata.

Durante i primi mesi a seguito dell’intervento chirurgico, la visione potrà fluttuare:

  • Possono servire da 3 a 6 mesi affinchè la vista si stabilizzi dopo l’intervento.
  • Bagliori, aloni, difficoltà di guida di notte e altri sintomi visivi possono persistere anche durante questo periodo di stabilizzazione.
  • Se fosse necessaria un’ulteriore correzione, sarebbe comunque indispensabile attendere almeno 3 mesi prima di intervenire nuovamente. In questi casi è importante essere consapevoli che, anche se la capacità visiva potrà ulteriormente migliorare, è improbabile che aloni e altri difetti visivi potranno migliorare.

Rischi e complicazioni

La Lasik è una procedura molto sicura; rischi e complicazioni sono rari, ma comunque possibili.

La maggior parte dei pazienti si ritiene molto soddisfatta dei risultati ottenuti attraverso l’intervento Lasik, ma come per qualsiasi altra procedura medica è bene essere consapevoli di rischi, limiti e complicazioni possibili.

  • Peggioramento della vista. Alcuni pazienti vanno incontro a una diminuzione della vista, non più correggibile con occhiali, lenti a contatto o interventi chirurgici.
  • Debilitanti sintomi visivi. A seguito dell’intervento potrebbero comparire riflessi, aloni e/o visioni doppie in grado di influenzare significativamente la qualità di visione notturna e in condizioni di contrasto ridotto (nebbia, per esempio).
  • Risultato inferiore alle attese. La vista potrebbe migliorare, ma non a sufficienza per poter fare a meno degli occhiali; in questi casi si può valutare se sia possibile un secondo intervento con il proprio oculista. Nel caso di difetti di visivi di partenza particolarmente gravi aumenta sensibilmente questo rischio.
  • Sindrome occhio secco. Uno degli effetti collaterali dell’intervento è quello di peggiorare la lubrificazione oculare, in alcuni casi in modo così severo da causare la sindrome dell’occhio secco, una condizione caratterizzata da una fastidiosa e persistente secchezza che può peggiorare anche la qualità di visione e che richiede un trattamento cronico con colliri lubrificanti.
  • Riduzione dei risultati con l’età. In alcuni pazienti operati per presbiopia i risultati potrebbero regredire con il passare degli anni.

Poichè la chirurgia LASIK è una tecnologia relativamente recente, sicurezza ed efficacia a lungo termine di fatto non sono ancora note.

Fonti e approfondimenti:

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Salve dottore,mia mamma di 72anni è stata operata di cataratta una settimana fa,ma da quel giorno avverte senso di spossatezza,ha la bocca come impastata e ha inappetenza, inoltre avverte un senso di disorientamento nel camminare.Mi chiedo se sia normale e se col tempo questi disturbi andranno via?Grazie

    1. Anonimo

      Lei mi dice che vede tropo chiaro,quasi abbagliante e questo le provoca fastidio

    2. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, non mi sembrano sintomi collegabili all’intervento, ma ne parli con il suo medico.saluti

  2. Anonimo

    Grazie dottore, spero un giorno di poter risolvere questo problema. Le dico solo che ormai è da 6 anni che la miopia sembra stabile. Che il suo percorso lo ha fatto quando ero nell’età dello sviluppo. Il mio oculista mi ha detto l’ultima visita fatta di aspettare ancora un po e intanto prendo integratori per la vista che penso male non facciano. Grazie per le sue risposte.

  3. Anonimo

    Salve sono Mary, ho 33 anni fra un po 34. Sono miope di -12,50 occhio sinistro e – 14,00 occhio destro e porto sempre gli occhiali perché non sopporto per più due-tre ore le lenti a contatto nonostante ho una buona lacremazione. Vorrei sapere: se faccio l’operazione LASIK posso abbassare la miopia? E di quanto? A me non importa togliere gli occhiali perché ormai mi sono abituata. Vorrei migliorare la vista soprattutto da vicino. Senza occhiali vedo malissimo, sono mamma di tre bambini e a volte mi è capitato che me li fanno cadere e quando sono senza mi trovo nel caus. Mi piacerebbe abbassarla e mettere un vetro più sottile e leggero. Le dico anche che nell’occhio sinistro ho anche il vitreo un po sporco perché da quattro anni ho le cosiddette ” mosche volanti” ma senza lampi di luce. Li ho avuti un paio di volte all’inizio quando sono comparsi e poi basta. Ho fatto anche un angiografia per il fondo oculare e ho una retina si un po sottile ma il mio oculista mi ha detto che c’è lo come un miope per quelle diotTrieste. La ringrazio infinitamente se può rispondermi.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In casi di miopia così elevata il laser potrebbe non essere la scelta migliore, ma ci sono alternative:

    2. Anonimo

      Grazie per la risposta. Sapevo già delle lenti intraoculari ma non ne sono convinta. Io vorrei sapere se è possibile ridurre la miopia e di quanto. Grazie per la risposta.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Con una miopia così severa non sono così convinto che si possa intervenire in sicurezza, per questo motivo sono state sviluppate alternative; non posso che consigliare però di valutare direttamente con un oculista, in modo da pesare pro e contro del suo caso specifico.

  4. Anonimo

    salve, prendo 10 mg al giorno di paroxetina mesilato perché soffro a volte di attacchi di panico; potrei fare il laser per la miopia?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non vedo controindicazioni, ma il farmaco (come qualsiasi altra cura in corso) va segnalata all’oculista.

  5. Anonimo

    Buona sera dottore.
    La mia compagna e stata operata alla catarrata con la sostituzione del cristallino.
    A distanza di un giorno dall’intervento sente ancora dolore, e non vede bene dall’occhio destro, mentre il sinistro e’ gia’ abbastanza a posto.
    Oggi ha fatto la prima visita dall’oculista che ha eseguito l’intervento, facendo presente questo problema, e lui ha detto di non preoccuparsi . Lei cosa ne pensa? E normale che faccia cosi’ male? Quando mette il collirio antibiotico questo dolore aumenta notevolmente .
    Grazie saluti.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, si è normale, è ancora presto. Seguite i consigli dello specialista comunque, saluti.

  6. Anonimo

    Assumo da tempo Xatral 10 e Avodart 0,5 per ipertrofia prostatica. Succede ora che devo essere sottoposto ad intervento chirurgico di cataratta e l’oculista dice che i suddetti farmaci possono avere riflessi negativi sull’intervento: Posso sostituirli con altro farmaco per almeno un mese e mezzo? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Certamente, ma la sostituzione va pianificata con l’urologo.

  7. Anonimo

    Buongiorno Dottore,
    ho 53 anni e dopo aver sofferto di ipertiroidismo attraverso la pastiglia radioattiva hanno addormentato la tiroide, ora assuno ogni mattino eutirox 75 mg. Sono miope e astigmatico:
    DX sf. -3,50 cil. -0,50 (120)
    SX sf. -3,75 cil. -0,50 (120).

    Volevo operarmi ma me l’hanno sconsigliato a causa della tiroide.
    E’ un rischi da correre secondo lei? O meglio esiste una casisitica legata a questa patologia?
    Grazie

  8. Anonimo

    Salve dottore,vorrei chiederle un parere sulle LAC. Io uso da anni le mensili,sono miope (parecchio)ed astigmatica (un’occhio pochissimo,uno -3).Mi avevano detto che per questo -3 non trovavo le LAC giornaliere anni fa,ma di recente mi hanno dato dei campioni da provare. L’unico problema è che mentre nelle mensili ci sono molti assi disponibili,nelle giornaliere pare di no per cui mentre l’occhio più miope e con poco astigmatismo ha l’asse perfetto (180) all’occhio con più astigmatismo l’asse è inferiore al mio (mi han dato un 90 al posto di 115).
    La visione complessiva può andare,le ho tenute a lungo e non ho mal di testa ne nulla. Mi sono accorta però che l’occhio con l’asse impreciso vede peggio dell’altro (cosa che con gli occhiali è il contrario!),specie nel leggere da lontano,e mi sembra veda meno luminoso dell’altro…
    1)La mia domanda è: posso portare delle LAC con asse inferiore come le ho detto,o la cosa può darmi problemi alla vista x cui meglio usare le più precise mensili,anche se le uso poco ed è uno spreco?
    2)a proprosito delle LAC giornaliere,vorrei chiederle anche se è possibile riutilizzarle il giorno dopo se si sono usate solo poche ore la sera…tipo,posso usare le stesse sabato sera e domenica sera?Se si,conservandole nel portalenti con semplice salina,o col disinfettante delle mensili?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Mi dispiace, ma a questo non so rispondere.
      2. Purtroppo no, non sono fatte per essere conservate in alcun modo una volta aperte (il rischio è di andare incontro a fastidiose congiuntiviti).

    2. Anonimo

      Chiedevo questa seconda cosa,perchè l’ottico stesso mi ha detto che in giornata se voglio toglierle qualche ora e poi rimetterle le giornaliere posso farle,conservandole nel liquido…allora mi chiedevo,tanto qualche ora,tanto un giorno…!?!
      Capisco che non sia la sua competenza,comunque.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mettiamola così; le giornaliere sono fatte per essere portate circa 12-16 ore, calcolerei quindi questo limite dal momento dell’apertura del blister indipendentemente da quanto le porti indossate.

  9. Anonimo

    Salve dottore,
    siccome mi sono operato agli occhi con metodo lasik e avevo 1.5 gradi di ipermetropia e 0.50 di astigmatismo all’ occhio sx mentre al dx 3.25 gradi di ipermetropia con 0.75 di astigmatismo .Prima dell intervento senza occhiali vedevo 8/10 col sx, e 7/10 col dx. Una volta operato vedevo 9/10 col sx e 7/10. Adesso dopo 2 anni vedo sempre male col destro vedo peggio di quando mi sono operato.Volevo chiederle se é possibile operarmi di nuovo?
    almeno all’occhio destro visto che ho pagato una bella cifra per non vedere bene.

  10. Anonimo

    Buona sera Dottore
    non so se questa è la pagina più adatta.
    Sono un uomo di 87 anni, con maculopatia oculare senile.
    Dopo esame OCT mi hanno prescritto Timogel per abbassare la pressione dell occhio.
    Siccome assumo per altre ragioni un quarto di pasticca di Tenormin 100mg al giorno, una pasticca di xatral 10mg al giorno e anche una di avodart 0,5mg, mi chiedo se è opportuno aggiungere anche il Timogel.
    Se ci sono controindicazioni, c’è un farmaco alternativo per abbassare la pressione oculare? (attualmente la mia pressione oculare è a 23 )
    La ringrazio e attendo una sua risposta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Da scheda tecnica si raccomanda attenzione con l’associazione a beta bloccanti (come Tenormin); l’oculista è a conoscenza dei farmaci che assume?

    2. Anonimo

      Buonasera, ho parlato con l’oculista che mi dice che una sola goccia per occhio non dovrebbe dare problemi; ma io continuo a essere scettico sopratutto dopo aver letto la scheda del farmaco che espressamente avverte di non usarlo abbinato ad altri beta bloccanti.

      Gradirei un suo parere

      Grazie

    3. Anonimo

      ,,,dimenticavo di chiederle se esistono dei farmaci alternativi

      Grazie

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Al suo posto proverei a sentire il parere del centro antiveleni in cui, a dispetto del nome, c’è una grandissima attenzione anche alle possibili interazioni farmacologiche.

      Onestamente non mi sento di prendere posizione.

  11. Anonimo

    Salve dottore volevo sapere una cosa ma lo strabismo può venire a qualsiasi età o è una cosa di cui si nasce? Io che sono astigmatico o la possibilità che mi venga lo strabismo??

    1. Anonimo

      Ho letto l’articolo io ho 25 anni e sono astigmatico come le dicevo.. io ogni tanto sento gli occhi pesanti e non vedo nitido anche xk nn metto sempre gli occhiali nn per forza questo è un sintomo che sta x venire lo strabismo???

    2. Anonimo

      E la rompo ancora x un ultima domanda da cosa me ne accorgo se sta seccedendo qualcosa da far venire lo strabismo? Le chiedo scusa se le rompo troppo ..

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non ha alcun motivo di pensare che possa succedere, non si preoccupi.

  12. Anonimo

    Buongiorno,l’oculista da pochi giorni mi ha diagnosticato un astigmatismo,mi mancano 1,25 nell’occhio destro e 1 nell’occhio sinistro perciò mi ha detto di mettere gli occhiali e ha parlato anche di un intervento laser.
    Sono indecisa se comprare gli occhiali oppure informarmi subito per l’intervento,vedere se la mia cornea e’ idonea,da quanto ho capito deve avere il giusto spessore,cosa potrei fare?
    Non avendo mai portato gli occhiali prima d’ora non so bene come funzionino queste cose.
    Grazie mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Al suo posto partirei forse con gli occhiali, ma è una valutazione personale e non medica, dettata dalla volontà di evitare fretta nella scelta dell’intervento.

    2. Anonimo

      Grazie,ha confermato l’idea che già avevo.
      Questi tipi di interventi presentano dei rischi?
      La vista potrebbe anche peggiorare in caso ci fossero problemi?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Qualsiasi intervento presenta dei rischi, ma ormai sono davvero ridotti al minimo; su quali e con che frequenza raccomando comunque di valutarlo con un oculista.

  13. Anonimo

    Domani mi opero con la tecnica LASIK all’occhio sinistro..la mia domanda è: poiché ho 7 gradi di miopia, è possibile eliminarla tutta? Ho già subito un’ altro intervento sull’occhio destro ma con la tecnica PRK quindi dai 7 gradi pre-operazione me ne sono rimasti 3.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ritengo sia possibile sperare di recuperare completamente, se non sbaglio è eventualmente possibile ripetere l’intervento per ulteriori correzioni.

  14. Anonimo

    Dottore domani mi opererò per eliminare la miopia senterò dolore dopo l intervento?

  15. Anonimo

    Come e possibile chi ha problemi seri deve pagare e chi lievi diciamo no e un controsenso allora per chi nn può spendere tutti quei soldi deve rimanere così boo scusi lo sfogo ma pr me nn e giusto

  16. Anonimo

    Salve dottore un informazione ho 36anni e una settimana fa sono andata dall ottico da quale mi ha visitato e ha trovato occhio destro -13occhio sinistro-15permetto che soffro di miopia da bambina e possibile operarsi tramite mutua o è necessario a pagamento grazie

  17. Anonimo

    È possibile tramite l uso del laser cambiare il colore degli occhi portandoli dal colore verde a marrone ??

  18. Anonimo

    Da 15 gg ca vedo nell
    Occhio ex come delle
    Piccole piccole bollicine trasparenti con un puntino al centro che si muovono nel muovere l occhio sono
    Pericolose?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente si tratta di “mosche volanti”

      e nel caso non sarebbero pericolose, ma va ovviamente verificato con l’aiuto di un oculista, mi raccomando.

    2. Anonimo

      Infatti domani mi vedrà ! Già mi ha vista una volta 1 mese fa e la
      Retina tutto a posto! Domani il controllo poi se posso le
      Saprò dire! Io comunque vedo ugualmente benissimo! Volevo nel frattempo chiedere :stamattina mi sono alzata dal letto veloce e da quel momento ho piccoli giramenti e instabilità anche a guardare in alto e in basso! Ho preso levopraid e 7 gocce di lexotan ! Ho sbagliato? Grazie per la sua attenzione Francesca

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Se mi tiene al corrente mi fa piacere.
      2. Soffre d’ansia?

    4. Anonimo

      Sono Francesca sono quindi andata a visita dal oculista che ha detto tutto a posto sia retina che papilla! Le mosche volanti le
      Dovrò tenere speriamo che col tempo vadano un po’ via! Impurità del vitreo ! Tt qui! La ringrazio per l attenzione Francesca

  19. Anonimo

    Buongiorno, le chiedo un consiglio su quale struttura sia migliore tra siena e modena per un intervento di femto lasik, miopia di -1,5°. La differenza di prezzo è notevole per cui vorrei capire se esistono differenze tra le 2 o meno.
    Grazie

  20. Anonimo

    Buongiorno,
    nel 2005 ho fatto un’operazione col laser per la miopia, miracolosamente da allora vedo senza occhiali ecc.. ultimamente, però non vedo più bene dall’occhio destro, è come se fosse tornato miope..mi devo preoccupare???
    grazie mille
    paola

    1. Anonimo

      Ho 38 anni, ci vedo bene ma se copro l’occhio sinistro, con quello destro vedo malissimo da lontano

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Visita oculistica, per valutare il problema e decidere come correggerlo (e se eventualmente si può di nuovo intervenire con il laser).

  21. Anonimo

    Salve dottore ho letto che é possibile cambiare il colore degli occhi con un operazione che costa circa 5 mila euro.quest operazioni é ancora lontana per poter essere realmente fatta?
    Ha controindicazioni?
    Al momento l unico modo per cambiare colore degli occhi sono le lenti a contatto colorate?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Onestamente non conosco questo intervento, mi dispiace.
      2. Sì, ma acquisti solo lenti di buona qualità.

  22. Anonimo

    Buonasera Dottore,

    io e mia mamma abbiamo fatto entrambe ieri la Femto-Lasik a Poggibonsi.
    Io con Miopia di 3.50 e 4.50 e astigmatismo di 1.00 e 0.75 intervento perfetto, post operazione con pochissimo dolore e recupero praticamente immediato della vista da lontano e da vicino.

    Il problema è sorto con mia mamma da sempre ha avuto l’occhio sinistro pigro infatti aveva OSinistro 3,75 di mioppia e 1.75 astigmatismo, dall’ODestro zero miopia e 2,25 di astigmatismo.
    Il dottore ha detto che per permetterle la visione da vicino non le avrebbe tolto tutta la miopia nel sinistro.
    Per cui dopo l’intervento questi sono i parametri:
    OS Miopia 1,25, Astigmatismo 0,50
    OD Miopia 0,25, Astigmatismo 0,50 (prendendo i numeri dallo scontrino che hanno consegnato dopo la visita)
    Lei purtroppo vede da ieri, quindi da quando è riuscita ad aprire gli occhi sfocato, come annebbiato e non riesce a mettere a fuoco a nessuna distanza, ha 59 anni ma il Dottore l’ha considerata subito idonea. C’è speranza che recuperi e la vista si stabilizzi? Può aiutarmi o almeno sapere se è possibile che dopo un’intera giornata non riesca a mettere a fuoco bene?

    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Consideriamo questa giornata di transizione, ma se domani ci fossero ancora difficoltà contatti telefonicamente l’oculista.

    2. Anonimo

      Buonasera,
      lui dice che ci vuole tempo, mentre sappiamo tutti che con il femtolasik il recupero è praticamente immediato nelle 24-48 ore successive. Ho letto ovunque e i casi dove dopo non si vede bene subito poi il problema permane…voglio ancora sperare..vorrei sapere da cosa è causato questo sfocamento, se c’è speranza che migliori.
      Grazie se può aiutarmi.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Purtroppo non le so dire le cause.
      2. Non ho una grande casistica a cui attingere, ma mi ricordo bene una signora con un problema simile che dopo qualche tempo ha decisamente migliorato la situazione.

    1. Anonimo

      in pratica dottore quello che mi ha portato le lenti ad 1 (partendo dalla mia vecchia gradazione 0.50 è stato un ottico ) , poi ho sentito l’oculista che invece mi ha detto che non sono peggiorata e che quindi dovevo rimanere a 0.50, ho acquistato le lentine ma non vedevo un piffero così sono andata da un altro ottico che dice che per lui la gradazione migliore è la 0.75…l’oculista invece dice che devo solo riabituarmi alla 0.50 perché la miopia deve essere corretta minimamente

  23. Anonimo

    Salve dottore mi scuso se la mia domanda non rientra proprio nell’argomento ma volevo chiederle se un occhiale di0.25 ( io porto 0.75 a tutti e due, l’ottimo me li ha fatti 1)superiore alla mia vista può causarmi emicranie..nello specifico avvero come la sensazione di nervi attaccati tra gli occhi. Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Dimentichiamoci per ora dell’emicrania; indossandoli avverte fastidio? Parliamo di presbiopia (li usa per leggere) o miopia (li usa per guardare più lontano)?

    2. Anonimo

      Dottore mi scuso se scrivo un altro messaggio ma volevo specificare che il problema sussiste non quando fuarso le cose lontane ma quando vedo quelle piccole… Mi sento stordita stonata come se tutto fosse troppo vicino a me

    3. Anonimo

      miopia, inoltre soffro di ansia non so se sito confondendo i sintomi

  24. Anonimo

    Salve dottore, sono un ragazzo di 19 anni; in base alla sua esperienza a questa età la miopia si può stabilizzare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mediamente attorno ai 20, ma se pensa all’intervento si valuta comunque caso per caso.

  25. Anonimo

    buona sera dotore le scrivo per avere un parere personale mi ritrovo a 28 anni con una forma di astigmatismo che peggiora di anno in anno purtroppo causa situazione economica non ho la possibilità di cambiare occhiali e fare una visita oculistica da quando avevo 23 anni in cui mi dissero che avevo una mancanza di 4diottrie per occhio, ho notato che negli anni l’occhio destro è peggiorato sensibilmente, tenendo gli occhiali vedo sfocato gia a distanze ridotte di 2 metri

    lei cosa mi puo consigliare di fare ? almeno per cercare di salvare il salvabile il problema di per se è il costo delle lenti che si tratta di almeno 50e a diottrie quindi per una spesa complessiva di almeno 400€

    inoltre volevo sapere se la tecnologia attuale lasik è gratuita o è del tutto a pagamento anche a chi non ha negativa situazione economica

    grazie saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Valuterei intanto con il medico se sia possibile accedere ad una visita oculistica attraverso il sistema sanitario nazionale.
      2. Purtroppo che io sappia la chirurgia in questi casi non è mai mutuabile.

  26. Anonimo

    Salve, sono molto preoccupata per quanto riguarda la mia situazione. Ho 22 anni e sono miope fin da piccola. Ho una miopia gravissima. All’occhio sinistro ho -18.00 (fino a 1 anno fa avevo -15.00) e sul destro ho -3.00 (fino a 1 anno fa avevo -1.50).
    So che sul destro potrei fare il laser e sul sinistro so che esiste una lente intraoculare che cura fino al -20.00.
    So che purtroppo la mutua non passa più sti interventi (e io lo trovo assurdo, specialmente in casi gravi) e che andrebbe fatto a miopia stabilizzata. Ho molta paura che la miopia si aggravi ulteriormente non rendendo più operabile il sinistro. Vedo malissimo e sta cosa mi provoca un senso di spossatezza e mal di testa, insomma non vivo la cosa molto bene. Alcune volte mi capita che mi gira la testa e vedo tutto nero per qualche secondo.

  27. Anonimo

    Buonasera, tra 3 giorni dovrò sottopormi al laser agli occhi, farò una prk. Oggi però il mio dentista mi ha prescritto un antibiotico perchè ho un’infezione ad un dente. Devo prendere Amoxicillina per una settimana, due volte al giorno. Volevo sapere se questo antibiotico può interferire in qualche modo con il laser o se posso farlo senza preoccupazioni.
    La ringrazio anticipatamente

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso non ci sono controindicazioni, senta in ogni caso l’oculista per conferma e per evitare che prescriva farmaci non adatti dopo l’intervento.

La sezione commenti è attualmente chiusa.