Massaggio Infantile ed acquaticità per bambini e neonati

Ultimo Aggiornamento: 306 giorni

Massaggio infantile

Il massaggio infantile non è una tecnica, ma un modo di stare insieme al proprio bambino:

“Essere toccato e accarezzato, essere massaggiato è nutrimento per il bambino”(Leboyer,F.)

Vimala McClure, fondatrice dell’ IAIM (), considera di fatto il massaggio al bambino come un messaggio d’amore sotteso alla formazione del bonding, ovvero del legame di attaccamento genitori-figli. Il contatto epidermico rende il massaggio uno strumento privilegiato in grado di favorire la comunicazione, rafforzando così la relazione genitore-bambino.

Gli ulteriori benefici apportati dal massaggio, confermati dall’evidenza clinica e da recenti studi, sono numerosi e considerevoli per lo sviluppo e la maturazione: il massaggio consente infatti di rilassare il bambino sollevandolo da eventuali tensioni e situazioni di stress, allevia piccoli malesseri come le coliche gassose, regolarizza i ritmi di sonno-veglia e migliora la consapevolezza di sé.

Attraverso il massaggio avvolgiamo il nostro bambino di calore ed energia positiva, trasmettendogli tutto l’amore e l’affetto necessari al raggiungimento della prima fase dell’attaccamento, lo stareuniti, indispensabile per affrontare in modo sereno i successivi distacchi e quindi la crescita.

Le origini del massaggio affondano le proprie radici nell’antica tradizione indiana; Vimala McClure durante la sua permanenza in India aveva notato la serenità, la calma, la naturalezza ed il calore dei bimbi locali a dispetto delle condizioni di vita sfavorevoli; le madri indiane infatti massaggiano con regolarità i propri figli, tramandando queste tecniche alle generazioni successive.

In riferimento alla mia personale esperienza, essendo mamma da cinque mesi, non posso fare altro che confermare pienamente quanto sopra riferito. Ho seguito insieme a mia figlia e a mio marito un corso di massaggio infantile, tenuto dalla mia ostetrica, dopo sole 3 settimane dal parto. Da allora ho cercato di ritagliare tutti i giorni almeno mezz’ora da dedicare al massaggio; fin da subito il nostro rapporto si è rafforzato, abbiamo imparato a conoscerci e ad amarci. Ogni giorno entrambe non vediamo l’ora di dedicarci questo nostro piccolo spazio di coccola nel quale esistiamo solo noi due, le nostre emozioni ed il desiderio di condividere il nostro universo in una perfetta sinergia.

Dedicare del tempo esclusivo di qualità al proprio bambino è un investimento per il futuro, per una crescita armoniosa e completa.

Per approfondire può essere utile il testo scritto dalla stessa Vimala McClure che, pur non sostituendosi ad un corso effetuato da ostetriche qualificate, costituisce una valida introduzione alle tecniche ed alle filosofie che ne stanno alla base. Il testo si intitola ““.

Acquaticità con i neonati

L’acquaticità, ovvero un iniziale contatto con il mondo acquatico, se praticata sin dai primi mesi di vita del bambino ne favorisce lo sviluppo psico-motorio e sensoriale unitamente all’apprendimento di schemi posturali adeguati e di un corretto controllo respiratorio. Da non trascurare sono inoltre i risvolti psico-sociali, infatti l’esperienza ludica in acqua, quale elemento fondamentale per la vita, stimola la formazione di una solida relazione genitore-bambino incrementando autostima e fiducia nelle proprie potenzialità congiuntamente alla socializzazione con gli altri bambini.

Il neonato ritrova in acqua un ambiente a lui conosciuto e rassicurante, l’utero materno, che gli trasmette tranquillità e serenità: il movimento dolce dell’acqua lo massaggia, lo avvolge, lo culla. Il genitore, guidato dal trainer del corso, aiuta il proprio bimbo a svolgere semplici esercizi e giochi finalizzati allo sviluppo di una maggior confidenza con l’elemento acqua; il bambino grazie al costante contatto con la figura parentale, che funge da punto di riferimento, acquista la sicurezza e la fiducia necessari per uno sviluppo ed una crescita armoniosi.

L’esperienza in acqua garantisce inoltre risvolti positivi anche per il genitore che acquisisce una miglior abilità nel maneggiare il proprio bimbo senza timore, riduce l’ansia e le preoccupazioni, consente il confronto e il dialogo costruttivo con altri genitori e soprattutto permette di dedicare del tempo esclusivo qualitativamente proficuo al proprio figlio.

Rispetto alla mia personale esperienza non posso fare altro che confermare pienamente quanto sopra descritto; da quando abbiamo iniziato il corso di acquaticità i cambiamenti e traguardi raggiunti dalla mia bimba di cinque mesi sono incrementati a vista d’occhio. Praticare il corso di acquaticità con la mia piccola, pelle a pelle, è un’esperienza unica e speciale, vedere i suoi occhioni dolci incrociarsi con i miei sott’acqua è indescrivibile…

Marta e la piccola Margherita

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Io ho comprato su internet su (spero sia esatto) un corso di massaggio infantile davvero ben fatto, molto molto superiore ad uno frequentato nella mia città Costa anche molto poco, intorno ai 45 euro. Davvero lo consiglio, mi ha dato un enorme spinta!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sento odore di pubblicità… inoltre per esperienza diretta specifico che nessun corso elettronico può sostituire la presenza dell’ostetrica che verifica i movimenti.

La sezione commenti è attualmente chiusa.