Tutte le domande e le risposte per Trasmissione dell’HIV (AIDS)
  1. Anonimo

    Rapporto orali dottore

  2. Anonimo

    Buongiorno Dottore,
    ho letto con interesse le risposte date ai vari utenti, così come ho letto su vari siti, spiegazioni inerenti al virus ed alle modalità di contagio. Ora, fermo restando che le modalità principali sono chiare, vorrei farle alcune domande:
    1) esiste una “quantità minima” di liquido infetto tollerabile dall’organismo sano o condizioni che mettono al “sicuro”? Mi spiego: in un commento sembra che una piccola quantità di sangue contenuta accidentalmente in una bevanda, passata rapidamente di mano, non faccia correre rischi, mentre un bacio profondo, se presenti ferite alla bocca, si.
    2) Così come eventuali ferite sulla cute di entrambi, ma di lieve entità. al numero verde parlano di ferite che possano richiedere punti di sutura, è corretto?
    3) Relativamente alla quantità, vale anche per lo sperma o liquido pre-eiaculatorio? è sempre rischioso se finisce sulla mucosa orale o se viene ingerito?
    4) su vari siti si parla che il virus perda la sua capacità infettiva in 5/10 secondi, indipendentemente dal liquido in cui sia contenuto; al n° verde AIDS gli operatori informano che la perde appena fuori dall’organismo umano.
    5) c’è correlazione tra l’infezione da HIV e da Clamidia?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Sì, la quantità di sangue (o più correttamente la carica virale contenuta) incide moltissimo sul rischio, purtroppo non so dirle questa quantità (ammesso e non concesso che sia quantificabile).
      2. Al numero verde hanno sicuramente competenze maggiori delle mie in merito, ma onestamente non mi sentirei di escludere al 100% il rischio per ferite minori; poi anche in questo caso entra in gioco la carica virale.
      3. Idem per lo sperma, ci sono più dubbi sul liquido pre-eiaculatorio.
      4. Sono sempre scettico da un punto di vista scientifico su queste tempistiche così precise: la penso così
      5. Quando non viene curata, la Clamidia può incrementare il rischio di acquisizione o trasmissione di HIV.

    2. Anonimo

      essere affetto da clamidia, non vuol dire essere affetto anche da Hiv. Giusto?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Giusto.

    4. Anonimo

      Buongiorno,
      questa mattina ho trovato vicino alla serratura di apertura della serranda, un profilattico usato, lanciato da qualcuno. Non ho toccato direttamente il profilattico, ma ho strisciato la mano contro la serranda. La domanda è questa: se fossi entrato inavvertitamente in contatto con dello sperma finito sulla serranda, corro dei rischi? la cute della mano, salvo un po’ di arsura è integra, ma ho “grattato” la parte interna della punta del naso.
      grazie

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Rischio zero.

    6. Anonimo

      buonasera,
      ho fatto un tampone uretrale e mi hanno trovato positivo alla Clamidia. a me è capitato in passato di stringere la mano ad una persona di cui non conosco lo stato sierologico. ho letto da altri messaggi che, anche in presenza di ferite lievi, tipo graffi, con possibili tracce di sangue, la stretta di mano non è un comportamento a rischio. con la Clamidia “addosso”, non so da quanto, ci sono rischi maggiori?

    7. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Stringere la mano non è a rischio.

    8. Anonimo

      anche nel caso di lievi ferite? scusi se mi ripeto, ma ho paura

    9. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A mio parere sì.

  3. Anonimo

    La Sua rassicurazione è preziosissima, ma il “rischio zero” a cosa è dovuto?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Principalmente perchè la pelle è un’efficace barriera protettiva, poi un virus HIV rimasto all’aria tutta la notte sarebbe sicuramente inattivo.

  4. Anonimo

    non so dirle se tutta la notte. più presumibilmente qualche ora

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non importa, la pelle integra ci tranquillizza a sufficienza.

  5. Anonimo

    Ho avuto rapporti orali con una donna incinta …ho stimolato la vagina… con la bocca…ma mi sono accorto k avevo delle ferite in bocca…mi sono informato solo or della situazione e non so cosa fare….dopo quanto posso fare un test combinato???

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il rischio è basso, quindi niente panico, in ogni caso 1 e 3 mesi.

    2. Anonimo

      Grazie mille…ma sono 4 giorni k nn dormo…

  6. Anonimo

    Buonasera dottore, sono molto preoccupata per una mia distrazione avvenuta circa 3 mesi fa dalla mia estetista. Vado a casa sua per fare una ceretta, lei vede un pelo incarnito, prende una siringa , chiusa con un beccuccio, dice che era sterilizzata e cerca di levarmi il pelo, purtroppo era così imcarnito che mi provoca una ferita. Se la siringa non fosse stata sterilizzata, cosa rischio? Premesso che è uscito del sangue, però nella siringa non c’erano tracce di sangue visibili. La ringrazio

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Di HIV rischio zero.

  7. Anonimo

    Scusate, sono molto preoccupata, comunque l’ago è entrato nella pelle, anche se non fosse stato sterilizzato non rischio nulla? E per l’epatite? Grazie mille

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo posso garantirle solo per l’HIV, per l’epatite ed altre infezioni non posso darle altrettante sicurezze.

  8. Anonimo

    Bonasera dottore scusi ho avuto un rapporto con una prostituta al momento di salire sul letto mi sono accorto che lo stesso era bagnato di non sò che cosa immagino sudore io ho poggiato l ano nudo su quel liquido e ho avuto il rapporto protetto se fosse stato un liquido contagioso avrei delle possibilità di essere venuto a contatto con il virus hiv?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A mio parere no.

  9. Anonimo

    Grazie mille

  10. Anonimo

    Scusate ancora per il disturbo. Quali analisi mi consiglia di fare? Anche se la siringa non fosse stata stelirilizzata non corro nessun rischio. Grazie mille

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      È sicura che non fosse sterile? Mi stupirei.