Tutte le domande e le risposte per I disturbi del sonno in adulti e bambini
  1. Anonimo

    Buongiorno dottore,
    è da circa un mese che mi sveglio tutte le notti alle 5 e 30, indipendentemente dall’ora in cui vado a dormire. A cosa è dovuto?Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Si è dovuta in passato svegliare a quell’ora per lavoro o per altre esigenze?

    2. Anonimo

      No, la sveglia è alle 7 meno un quarto per il lavoro. Ho un disturbo di ansia che curo con sertralina ed en. Ultimamente sono molto stressata dal lavoro, volevo sapere se c’è un motivo che spieghi la cronicità della sveglia notturna…

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      En lo assume di giorno per l’ansia o la sera per addormentarsi?
      A che ora va a dormire di norma (anche se indipendentemente da questo si sveglia sempre alle 5)?
      Con il cambio d’ora si sveglia sempre alle 5, oppure prima si svegliava alle 6?
      Da quanto tempo le succede?

  2. Anonimo

    Buongiorno Dottore, mi chiedevo se lei sapesse qualcosa riguardo al mio problema dal momento che in molti l’hanno minimizzato riconducendo tutto alla pigrizia. Ho enormi problemi a svegliarmi, a volte non ricordo neppure di aver sentito la sveglia, a volte mi sveglio correttamente per poi riaddormentarmi di colpo subito dopo. È ormai diventato limitante, non riuscendo ad alzarmi prima delle 11 indipendentemente dalle ore di sonno. Vorrei smettere di essere un libero professionista per trovare un lavoro in qualche studio (sono un grafico), ma ho il terrore di non riuscire a svegliarmi e rispettare gli orari. Esistono farmaci o rimedi in grado di aiutarmi? Grazie mille in anticipo!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente è solo, o quasi, questione di abitudine; facendo in modo di alzarsi ad una certa ora (magari facendosi aiutare da qualcuno che vive con lei) per qualche giorno non dovrebbe essere difficile prendere un giro con orari più tradizonali.

      Potrebbe eventualmente valutare l’uso di melatonina, in grado di regolarizzare il ritmo sonno-veglia.

    2. Anonimo

      Grazie mille dei consigli! Vedró di attuarli al più presto! Buon lavoro!

  3. Anonimo

    Salve dott. Cimurro, sono un ragazzo di 34 anni e ho dei gravissimi disturbi del sonno, infatti quando mi addormento vengo svegliato dai miei che vanno in bagno. Il fatto va avanti da alcuni anni, in principio ero solo stanco durante la giornata ( però riuscivo a riaddormentarmi). Adesso invece non mi riaddormento più addirittura! mi lasciano dormire al max 1,30 – 2 ore.. poi si alzano e per mè la notte è finita. Mi addormento verso l’una di notte e vengo svegliato alle 2,30-3 di notte. Il fatto è così grave che passo addirittura 3 o 4 giorni filati a letto perchè sono distrutto al punto da non riuscire letteralmente a stare in piedi senza appoggiarmi a qualcosa. La ditta dove lavoro mi ha già inviato una lettera di avviso per le mie continue assenze.. Io ho cercato di rimediare dormendo sempre coi i tappi (32 decibel) aquistati in farmacia, e ho scaricato il rumore della pioggia (senza musica o tuoni in sottofondo) per coprire il rumore dello sciacquone e le varie “flatulenze”. Purtroppo tutto è inutile, perchè immancabilmente vengo svegliato nel bello del sonno.. il mio medico mi ha dato HALCION 125 e LEXODAN ma non fanno al mio caso.. infatti io non ho bisogno di sonniferi per dormire.. non sono nemmeno depresso.. ho sempre avuto il sonno leggero ma prima di cambiare casa ero in una stanza lontana da tutti e non venivo disturbato. adesso invece abbiamo solo 4 stanze e quindi sono sotto tiro! I miei amici dicono che dovrei adottare la “soluzione finale” , cioè andare in ospedale a fare la cosiddetta cura del sonno. Però ho paura perchè un mio collega da quando l’ha fatta è tornato che sembra sempre nel mondo dei sogni, è restato mezzo rimbambito .

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Darei una possibilità ai farmaci, sopratutto Halcion è semplicemente un sonnifero, ed è proprio quello di cui lei ha bisogno per riaddormentarsi.

  4. Anonimo

    Mi sono dimenticato di dirle che ho provato anche la melatonina (invano). inoltre non fumo,niente droga e alcool e non mangio prima di andare a dormire..

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Ok, confermo quanto suggerito sopra.

  5. Anonimo

    ho capito, lo prendo prima di addormentarmi, ma resta il sonno leggero. appena si alzano io mi sveglio e non mi riaddormento più. Di solito si alzano una volta a testa ogni notte.. e in orari molto distanti tra loro. Non posso bere 3-4 sonniferi a notte per avere la grazia di qualche misera ora di sonno

  6. Anonimo

    e non le dico come sto male non chiudendo occhio tutta notte ed in più avendo preso halcion..

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Ha già provato a prenderlo al primo risveglio, anzichè al momento di coricarsi?

  7. Anonimo

    Già fatto, non cambia nulla. Mi aiuto con una bella tisana relax con melissa,camomilla ed altre erbe che favoriscono il sonno. Io non sono uno psicologo, però non riesco più a addormentarmi perchè (secondo me)il mio cervello ormai sà che dopo poco tempo verrò svegliato,infatti vado a letto con 2 cuscini schiacciati sopra la testa, nervoso come un cane e con il terrore di essere svegliato, senza la certezza di potermi alzare il giorno dopo!-UN Pò COME ACCADE AL SIG.GIANNI DEL PRIMO COMMENTO A INIZIO PAGINA..

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se ritiene che il problema sia più che altro psicologico può valutare di rivolgersi ad uno psicologo, anche se la soluzione migliore è senza dubbio quella di rivolgersi ad un centro per la cura dei disturbi del sonno.

  8. Anonimo

    ok, mi informerò su quale sia quello più vicino a brescia .Grazie per la consulenza

  9. Anonimo

    Buonasera dottore , ho 44 anni , soffro di insonnia da due mesi ( dovuta soprattutto da risvegli notturni ) . Ho provato a prendere melatonina , valeriana , vari infusi calmanti con scarso risultati . Ora sto provando i fiori di bach , senza ancora risultati . Di mattina mi sento molto stanca e debole , per questo ho dovuto lasciare la palestra che frequentavo assiduamente. Cosa mi puo ‘ aiutare? grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi conferma che NON è ancora in menopausa?
      Motivi di stress?

    2. Anonimo

      Ho un ciclo molto regolare . Ho attraversato un periodo molto stressante ad ottobre in seguito ad attivita aerobiche in palestra ( a cui nn ero abituata ) e lavoro intenso . E’ da questo periodo che è iniziata l’ insonnia , svegliandomi all’ improvviso alle due di notte senza un motivo . Il fatto è che nn ho problemi ad addormentarmi , mi sveglio dopo due ore come se si accendesse un interruttore.

    3. Anonimo

      Dottore , dimenticavo , in questo periodo stressante ho assunto degli antibiotici per 10 giorni per un infortunio al piede in contemporanea continuavo ad andare in palestra dalle otto alle nove di sera. Puo’ questo aver influito sull’ inzio della mia insonnia?

    4. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non credo che l’antibiotico possa essere stato la causa, ma lo sforzo fisico (se intenso e da “non abituata”) è possibile.
      Proverei a tenere ancora duro, magari insistendo con la melatonina, perchè l’alternativa sono i sonniferi classici e danno facilmente dipendenza; ho ancora speranza che possa risolversi.

    5. Anonimo

      Dottore , mio fratello soffre di apnee notturne , mi suggerisce di fare una polisonnografia . E’ una malattia ” di famiglia “?

    6. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Potrebbe esserci famigliarità; soffre di ipertensione, diabete, obesità?

    7. Anonimo

      NO , sono molto magra ( 50Kg x 1;55) . Sono sana , nn ho patologie e nn sono ipertesa.

    8. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Anche se possibile, è meno probabile che soffra di apnee notturne.

    9. Anonimo

      La ringrazio , faro’ l’esame x rassicurarmi . Intanto continuo con la melatonia.

    10. Anonimo

      Avevo tiroidite sub-acuta. Diagnosticata a gennaio 2013. Controllate la tiroide in caso d’ insonnia !

  10. Anonimo

    Gentile Dottore,
    sono mamma di tre bambini, due dei quali di 5 mesi che non hanno alcuna voglia di dormire. Li allatto io al seno e la sera si addormentano verso le 9.30 circa per poi risvegliarsi ogni due ore fino alla mattina alle 8.00 quando il loro riposo si è definitivamente concluso. Una volta esisteva uno sciroppo (Nopron) che era la panacea di tutti i genitori disperati come me. Ora ho provato con la melatonina (Fisioreve) ma a parte farli addormentare (che non è un problema visto che si addormentano sul seno), persistono questi continui risvegli che mi stanno logorando. Le ho provate tutte: farli piangere, separarli, dormire io da un’altra parte…risultati zero. Loro ogni due ore si risvegliano. Ho incominciato con lo svezzamento e il cucchiaino lo accettano bene, ma il biberon lo rifiutano categoricamente. No, solo il seno. Esiste una qualche pozione magica per allungare un pochino i loro tempi? Almeno da 2 a 4 ore?
    Cordiali saluti. Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non c’è motivo di usare il biberon, continui con il seno.

      Per quanto riguarda il sonno dormono insieme?
      Ha idea se sia uno dei due che sveglia l’altro?

    2. Anonimo

      Da una settimana dormono separati. Mi è stato suggerito di interrompere l’allattamento al seno perché si sveglierebbero proprio per poppare ripetutamente. Ma mi pare una punizione!

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non condivido l’interruzione al seno.

      Un metodo che ho visto personalmente funzionare è quello del rito serale di bagnetto e massaggio (nel suo caso da fare prima ad uno o poi all’altro): quando decide che è ora di andare a nanna, fa il bagnetto caldo, il massaggio infantile (si impara in fretta, ma bisogna trovare una brava ostetrica che lo conosca http://etlc.info/neonati/massaggio-infantile-massaggiare-bambini-e-neonati/ ) e poi lo si attacca al seno e con qualche coccola lo si fa addormentare. In genere si ottengono almeno qualche ora consecutiva in più di sonno.