Sindrome di Sjögren: cause, sintomi e cura

Ultimo Aggiornamento: 101 giorni

Introduzione

Nel 1933 il medico svedese Henrik Sjögren descrisse per la prima volta un gruppo di donne in cui l’artrite cronica era accompagnata da secchezza oculare e della bocca. Quasi un secolo più tardi la conoscenza della malattia è ovviamente molto più profonda e, aspetto fondamentale per i pazienti, gli specialisti /(reumatologi) possono offrire consigli e terapie mirate per convivere con il disturbo, gestendone adeguatamente i sintomi.

La è infatti una malattia infiammatoria che può colpire molte parti diverse dell’organismo, ma che nella maggior parte dei casi danneggia le ghiandole lacrimali e salivari. Chi ne è affetto può notare

  • irritazione,
  • secchezza o bruciore agli occhi.

Sono anche frequenti la bocca secca (o la difficoltà a mangiare cibi secchi) e il gonfiore delle ghiandole intorno al viso e al collo. Alcuni pazienti hanno il naso, la gola, la vagina e la pelle secca. Piuttosto comuni, inoltre, sono la difficoltà di deglutizione e i sintomi del reflusso acido.

La sindrome di Sjögren primaria si verifica nei pazienti non colpiti da altre malattie reumatiche. La forma secondaria, invece, colpisce pazienti già affetti da malattie reumatiche, nella maggior parte dei casi il lupus eritematoso sistemico e l’artrite reumatoide.

La sindrome colpisce soprattutto le donne, di qualsiasi età e di qualsiasi gruppo etnico. È invece rara nei bambini, e nella maggior parte dei casi inizia dopo i 40 anni. La metà circa dei pazienti soffre anche di artrite reumatoide o di altre malattie del tessuto connettivo come il lupus.

Cause

La sindrome di Sjögren è una malattia autoimmune. Il sistema immunitario, che normalmente dovrebbe combattere le malattie uccidendo i virus e i batteri dannosi, quando è colpito da una malattia autoimmune funziona impropriamente, perché attacca specifici bersagli del proprio organismo.

Nella sindrome di Sjögren il sistema immunitario attacca le ghiandole esocrine, in particolar modo quelle salivari e lacrimali. Quando vengono danneggiate non funzionano più bene e quindi il paziente inizia ad avere la bocca secca e gli occhi secchi, perchè viene meno la produzione di lacrime e saliva.

I medici non conoscono con esattezza la causa della sindrome di Sjögren, ma ritengono che possa essere causata da una combinazione di:

  • fattori genetici,
  • esposizione a un virus o a un batterio (ad oggi non ancora individuati).

Sintomi

I sintomi principali della sindrome di Sjögren sono:

  • secchezza oculare,
  • bocca secca.

La condizione può tuttavia anche colpire altre parti del corpo e causare:

La sindrome di Sjögren, infine, può causare una forte stanchezza.

Conseguenze sulla salute

La stragrande maggioranza dei pazienti affetti dalla sindrome di Sjögren è praticamente sana e non lamenta nessuna complicazione grave.

I pazienti, tuttavia, dovrebbero essere informati del rischio di infezioni dell’occhio e della zona intorno all’occhio e del rischio di problemi dentali dovuti alla scarsità protratta di lacrime e di saliva.

In rari casi i pazienti possono soffrire di complicazioni connesse all’infiammazione di altre parti dell’organismo, ad esempio:

  • dolore articolare e muscolare connesso ad affaticamento,
  • problemi dei polmoni che assomigliano alla polmonite,
  • alterazioni della funzionalità renale ed epatica che emergono dagli esami del sangue,
  • eruzioni cutanee connesse all’infiammazione dei vasi sanguigni minori,
  • problemi neurologici che causano debolezza e intorpidimento.

In rari casi la sindrome di Sjögren può essere connessa con il linfoma, un tumore delle ghiandole linfatiche.

Pericoli

La maggior parte delle complicazioni della sindrome di Sjögren è dovuta alla secchezza oculare e orale (della bocca).

  • Chi ha gli occhi secchi corre un rischio maggiore di infezioni oculari e può subire lesioni alla cornea.
  • La bocca secca può causare un aumento delle carie, della gengivite (infiammazione delle gengive) e infezioni del cavo orale dovute ai lieviti (candida o mughetto) che possono provocare dolore o bruciore. In alcuni pazienti le ghiandole salivari si gonfiano iniziano a far male.

Si possono verificare complicazioni anche in altre parti dell’organismo. Alcuni pazienti, anche non affetti dall’artrite reumatoide o dal lupus, possono avere dolore e rigidità articolare. Le eruzioni cutanee sugli arti, connesse all’infiammazione dei vasi sanguigni minori (vasculite) e l’infiammazione dei polmoni, del fegato e dei reni si verificano raramente e possono essere difficili da diagnosticare.

In alcuni pazienti, infine, sono stati descritti intorpidimento, formicolio e debolezza.

Diagnosi

La diagnosi viene posta a seguito di:

  • anamnesi,
  • visita medica,
  • esami dell’occhio e della bocca,
  • esami del sangue.

La secchezza degli occhi e della bocca può essere uno dei campanelli d’allarme, ma richiede ulteriori approfondimenti, perché questi sintomi possono essere causati da molti altri disturbi o anche da diversi farmaci.

Esistono esami in grado di capire se la produzione di lacrime o saliva è minore del normale.

Una visita oculistica può essere utile per individuare anomalie dell’occhio dovute alla sindrome.

Gli esami del sangue sono in grado di individuare gli anticorpi (proteine del sistema immunitario che servono per distruggere i corpi estranei) tipici della malattia. Tra gli anticorpi tipici ci sono quelli anti nucleo (ANA), gli anti SS-A, gli anti SS-B e il fattore reumatoide.

Per arrivare alla diagnosi può anche essere usata la biopsia delle ghiandole salivari, che si trovano intorno alla bocca o sotto la superficie del labbro inferiore.

Cura e terapia

La terapia varia a seconda del paziente, perché personalizzata in base alle parti del corpo colpite, e mira a tenere sotto controllo i sintomi.

Il protocollo terapeutico può comprendere:

  • farmaci per combattere il dolore articolare o muscolare (ad esempio l’aspirina o l’ibuprofene),
  • farmaci che aiutano a produrre più saliva (ad esempio pilocarpina o la cevimulina),
  • antinfiammatori (compresi i cortisonici),
  • immunosoppressori (farmaci che riducono l’attività del sistema immunitario).

La terapia per gli occhi secchi può comprendere:

  • Lacrime artificiali, in vendita in farmacia in diverse concentrazioni; è spesso necessario provarne di diversi tipi prima di trovare quello più adatto.
  • Creme per gli occhi. Sono più dense delle lacrime artificiali. Proteggono gli occhi e li umidificano per diverse ore. Possono offuscare la vista per qualche minuto subito dopo l’applicazione.

Il trattamento della bocca secca può beneficiare di:

  • Tenere in bocca un chewing gum o una caramella dura aiuta le ghiandole salivari a produrre più saliva (ricordate però che il chewing gum e le caramelle devono essere senza zucchero).
  • Bere spesso acqua o una bibita senza zucchero per idratare la bocca.
  • Usare un burro di cacao o un lucidalabbra idratante per alleviare il fastidio delle labbra secche e screpolate.
  • Usare un sostituto della saliva prescritto dal medico per idratare la bocca.
  • Usare i farmaci che aiutano la bocca a produrre una maggior quantità di saliva.

Se si ha la bocca secca aumenta il rischio di infezioni. Se in bocca avete placche bianche o zone arrossate che bruciano andate dal medico.

Per la secchezza nasale sono utili gli umidificatori e le irrigazioni nasali saline, mentre per alleviare i sintomi del reflusso acido possono essere utili i farmaci antiacidi (come gli inibitori della pompa protonica e gli H2 antagonisti).

Le terapie alleviano in parte la secchezza, ma di solito non riescono a sconfiggerla completamente.

  • Tutti i pazienti dovrebbero andare regolarmente dal dentista per prevenire le carie e la caduta dei denti che si verificano come complicazione della sindrome di Sjögren.
  • Chi soffre di secchezza oculare dovrebbe andare dall’oculista regolarmente per prevenire le lesioni della cornea. Chi invece ha rossore e dolore eccessivo agli occhi dovrebbe essere valutato per escludere infezioni.

L’idrossiclorochina, un farmaco antimalarico usato anche per il lupus e l’artrite reumatoide, può essere utile ad alcuni pazienti affetti dalla sindrome di Sjögren per ridurre il dolore articolare e le eruzioni cutanee.

I pazienti con sintomi sistemici gravi (che però sono rari), come la febbre, le eruzioni cutanee, il dolore addominale o i problemi dei polmoni e dei reni potrebbero aver bisogno di una terapia con i corticosteroidi come il prednisone e/o con gli immunosoppressori, come il metotrexato, l’azatioprina, il micofenolato e la ciclofosfamide.

Infine i ricercatori stanno valutando l’efficacia del rituximab e di altre terapie biologiche per curare i casi di sindrome di Sjögren che colpiscono l’intero organismo.

Secchezza causata dai farmaci

Alcuni farmaci possono provocare secchezza della bocca o degli occhi. Se assumete uno dei farmaci dell’elenco seguente, chiedete al medico se è opportuno interrompere la terapia.

Tra i farmaci che possono causare secchezza ricordiamo:

  • antistaminici e decongestionanti (usati per le allergie e il raffreddore),
  • diuretici (usati per far espellere all’organismo i liquidi in eccesso),
  • alcuni farmaci per combattere la diarrea,
  • alcuni farmaci usati per tenere sotto controllo la pressione,
  • alcuni antipsicotici,
  • tranquillanti,
  • antidepressivi.

Fonti Principale: e (adattamento a cura di Elisa Bruno)

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Tutti noi siamo dotati di un efficiente sistema immunitario, che si occupa di prevenire e curare malattie attaccando i microorganismi che ne sono responsabili; prendiamo per esempio l’influenza, tutte le volte che veniamo in contatto con il virus che ne è causa il sistema si attiva e attacca il virus con specifiche cellule presenti nel sangue, per distruggerlo prima che causi l’infezione.

      In alcuni pazienti il sistema immunitario in qualche modo va in confusione e, anzichè attaccare solo minacce esterne, attacca per sbaglio anche tessuti del nostro stesso organismo, causando così i sintomi delle malattie autoimmuni.

  1. Anonimo

    Ho la sindrome di sjogren,,,,biopsia ghiandole parotidee”scialoadenosi bilaterale”,,,positivita’ Ana,,,test schrimer positivo,cheratocongiuntivite secca,,,,ora pure due abrasioni cornea causato da,sjogren…..sjogren mi sta rovinando il mio modo di vivere,,,,provo a conviverci ma e’ difficile…..tosse notturna…che nn mi fa dormire,,,,forte dolore occhi ,,,,bocca asciuttissima…secchezza tracheale che nn fa dormire….ma che dovro’,affrontare ancora????

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Purtroppo sono situazioni particolarmente fastidiose, si sta facendo seguire da uno specialista? serve la terapia corretta, ma gli effetti possono non vedersi immediatamente, perché ogni caso è a sé, e la terapia deve essere adeguata alla situazione.

  2. Anonimo

    salve dottore volevo sapere se la sindrome di sjogren è condaggiosa. Grazie buona giornata.

  3. Anonimo

    Ho la s.di sjogren,,,,e da una settimana ho acidita’,puo’ essere associato con sjogren???ormai ho un amico fedele”sjogren”

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Potrebbe essere anche un effetto collaterale della terapia, se la assume, ne parlerei comunque col suo medico/reumatologo.

    2. Anonimo

      I farmaci che prendo sono: reumaflex puntura,folina,antra,clopidogrel,
      lopresor,zopranol,norvasc,deursil,zetia,
      glucophage,eskim…

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Potrebbe non essere sufficiente la protezione gastrica.

  4. Anonimo

    SALVE DOTTORE DA CICA SEI MESI MIO MARITO HA LE GHIANDOLE SALIVARI GONFIE E’ STAO DALL’OTORINO E HA FATTO FARE UNECOGRAFIA IL RISULTATO E’ STATO CHE CIS ONO QUESTE GHIANDOLE INFIAMMATE HA DATO DEGLI ANTIINFIAMMATORI MA DOPO TANTO TEMPO NO CESSANO . ORA MI CHIEDO COSA POTREBBE ESSERE IL MEDICO CURANTE DICE CHE CI VUOLE MOLTO TEMPO AFFINCHE’ SI SGONFIANO . LUI NON HA NESSUN SINTOM OLTRE AL GONFIOR E STA MOLTO BENE . POI VOKLEVO CHIEDERLE POTREBBE ESSERE UNA PATOLOGIA CONDAGGIOSA ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In assenza di altri sintomi probabilmente ha ragione il medico, serve solo pazienza e non dovrebbe esserci alcun rischio di contagio.

  5. Anonimo

    Ho la sjogren,i problemi sono tanti,la notte e’ la peggiore,questa notte trachea asciuttissima e forte rumore che faccio,non.dormo e non.faccio dormire,il reumatologo dice che debbono.svegliarmi e che puo’ succedere di tutto…,bisolvon va bene come mucolitico?poi volevo sapere un.umidificatore nella camera puo’ essere utile? Poi tutto a pagamento,,,sono.disperata,,,gli occhi peggiorano,,,xailin notte,thealoz duo,vea oris,,,bocca asciuttissima,,,indescrivibile….occhi neri,,,deficit del film lacrimale in meno di 10 sec….ogni mese reumatologo,oculista,ginecologa,,,mi va distruggendo piano,piano….non.si se cambiare reumatologo,,,,non vedo miglioramento,anzi peggioro..faccio metotrexato

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Mi dispiace, ma non posso avallare l’uso di farmaci.
      2. Sì, in inverno l’umidificatore aiuta.
      3. Come ricordava Veronesi, avere un secondo parere è un diritto del paziente.

    2. Anonimo

      Ah dimendicavo,ce un centro x la sjogren? Io sn siciliana….ma anche se ci sono in.italia,grazie

La sezione commenti è attualmente chiusa.