1. Anonimo

    Ok, grazie!! Allora ho fatto bene!! Domani vado dal medico!! Buona giornata e grazie ancora

  2. Anonimo

    Gent.mo dottore
    ho letto con molto interesse quanto da lei descritto sul colon irritabile. Mi sono sottoposto a tutti gli esami del caso e tutti risultano per fortuna negativi. Soffro di questo disturbo da anni, ma adesso che ne ho sessanta è progressivamente aumentato, soprattutto per gli stimoli giornalieri che ho ad andare in bagno e in particolar modo al mattino, e si tratta sempre di feci ben formate o quasi. Ho consultato diversi medici specialisti e cambiato numerose cure, dal Lexil a Duspatal a Levopraid, ma senza risultati veri. In tanti anni l’unico farmaco capace di ridurre il problema è stato il Riabal (prifinio bromuro), ma il medico mi ha detto che ora è fuori commercio. Di farmaci con il bromuro ne ho provati, compreso Spasmomen a cui sono risultato allergico. Ora volevo chiederle: con che cosa posso sostituire il Riabal che alla fine è l’unico capace di darmi un po’ di sollievo? Io sono molto preoccupato, mi sono curato tanto, con gli esami sono a posto, ma non trovo un farmaco che sostituisca esattamente l’altro. La ringrazio molto.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Provi a sentire una farmacia internazionale (Vaticano, S. Marino, Stresa, …), è possibile che in paesi esteri il farmaco si trovi ancora e dietro prescrizione del suo medico potrebbe farselo spedire.

    2. Anonimo

      La ringrazio molto.

  3. Anonimo

    Salve dottore, io ho un gran problema che ormai mi perseguita da 2 anni, le spiego in breve di cosa si tratta. Vivo con l’ansia di stare male, e per stare male intendo mal di pancia con conseguente diarrea, con una massimo 2 evacuazioni al giorno.. ho fatto analisi del sangue, delle feci e ho fatto anche un ecografia ma nulla tutto è risultato negativo.. ci sono periodi in cui sto bene, ho constatato che il più delle volte sto male se sono in un luogo o con persone con cui non voglio stare. Ora oltre ad essere un problema fisico è diventato un problema mentale.. perché ovunque io vado devo essere sicura che ci sia un bagno oppure non mi allontano tanto da casa. Ho cambiato anche la mia dieta, non bevo più latte e evito tutti i cibi che la volta prima mi hanno fatto star male.. e ho molte volte un senso di nausea, ora volevo sapere se per lei si tratta della sindrome del colon irritabile? grazie x l’attenzione.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ possibile, ma è anche sicuramente subentrato un problema ansioso che non deve sottovalutare: oltre a condizionarle la vita, può peggiorare i sintomi intestinali.

  4. Anonimo

    Salve dottore! è da circa 4 giorni che ho leve mal di pancia nella parte bassa dell intestino e leggero fastidio..ciò mi si presenta sopratutto dopo i pasti..prima del mal di pancia che dura veramente poco anche solo due minuti mi viene come un attacco di ansia…a quel punto vado in bagno..e il prrimo giorno avevo fatto diarrea..ora invece questi ultimi giorni ho meno fastidio con feci normali di consistenza ma ricoperte di muco..cosa potrebbe essere?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Con fermenti lattici e dieta leggera per qualche giorni dovrebbe risolvere.

  5. Anonimo

    Buongiorno dottore, soffro da circa 20 giorni di problemi intestinali… all’inizio avvertivo brontolii , mal di pancia, mal di schiena e feci di consistenza diversa… sono stata dal medico e mi ha prescritto fermenti lattici e simeticone… dopo una settimana di cura il mal di schiena è passato ma ieri ho avuto 1 episodio di diarrea e mi ritrovo tutti i santi giorni con il continuo stimolo di andare al bagno!! il medico dice che è colon irritabile… ma come mai non passa dopo 20 giorni? Mi sto preoccupando… e molto anche visto che sono una persona iper ansiosa!! Mi aiuti lei… che devo fare? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se fosse colon irritabile è improbabile una guarigione definitiva, saranno invece possibili occasionali ricadute.
      L’ansia ovviamente non aiuta.
      Le raccomando di continuare con i fermenti e dieta leggera.

  6. Anonimo

    Salve dottore, da circa 2 mesi soffro di episodi di diarrea che inizialmente il medico ha ipotizzato come gastrite, ma ultimamente, in base ai sintomi, si è ricreduto ed ha variato in colite con concomitanza di gastrite.
    Come cura attualmente mi ha prescritto spasmomen al bisogno, omeprazolo per la gastrite ed un antibiotico intestinale per la colite.
    Ciò che mi pare strano (e per il medico e’ un sintomo raro ma possibile) e’ la comparsa di emorroisi interne ed esterne, queste ultime leggermente prolassate, per le quali ogni volta intervengo con 4 pastiglie al giorno di arvenum. Mi pare di aver notato anche una concomitanza tra la diminuzione di assunzione di quest’ultimo e la ricomparsa, semre accompagnata da diarrea, delle stesse.
    Lei cosa ne pensa? Crede inoltre che l’assunzione di birra (e non altri alcolici) non influisca, cosi’ come e’ parere del mio medico, in quella che e’ tutta la situazione? E per ultimo, nonostante la mia insistenza il medico non ha ritenuto opportuno effettuare alcun esame per verificare la presenza dell’helicobachter pyloris. La ringrazio.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Diarrea a parte ci sono altri sintomi che inducono a pensare alla gastrite?

    2. Anonimo

      pare di no, ma quello che non capisco è l’insorgere di emorroidi ogni volta che si manifestano attacchi di diarrea.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Le emorroidi non mi stupiscono più di tanto data l’infiammazione e l’irritazione intestinale in atto, è normale; senta anche il suo medico, ma valuterei l’idea di provare a sospendere omeprazolo (che tra gli effetti collaterali vede proprio la diarrea).
      Dei fermenti lattici potrebbero aiutare in ogni caso.

  7. Anonimo

    Gentilissimo Dott. Cimurro, ieri sera, prima di cena, ho iniziato ad avere dei doloretti sotto l’ombelico. Questa notte sono riuscita a dormire e il dolore sembrava svanito. Due/tre giorni fa ho avuto anche attacchi di diarrea soprattutto dopo pranzo o appena sveglia(ho dato la colpa al climatizzatore). Questa mattina sono andata dal medico curante e mi ha detto di prendere solo dei fermenti lattici (Codex).
    Mi ero spaventata molto per questi dolori poiché pensavo fosse cistite e avevo notato che quando andavo ad urinare la “tensione/dolore” sotto l’ombelico sembrava diminuire, ma se fosse stata cistite sarebbe peggiorata (l’ultima volta che ho avuto la cistite i dolori sono cominciati alle 19/20 circa e alle 23 ero piegata in due dal dolore, quindi dubito che sia cistite!).
    Circa un mese fa ho fatto un ecografia addominale completa ed era tutto ok a parte la colecisti piccolina, ma senza calcoli.
    Secondo lei questi dolori sono dovuti alla sindrome del colon irritabile?

    La ringrazio.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Premesso che la cistite si può presentare anche in forma leggera, condivido l’ipotesi del medico che sia un problema intestinale.

    2. Anonimo

      La ringrazio, in ogni caso, il medico ha detto che se inizio ad avere bruciori simili a cistite di prendere “Monuril”.

  8. Anonimo

    Buongiorno Dott. Cimurro, a seguito di giornate con ansia, soprattutto la mattina avverto un dolore sull’addome lato sinistro con crampi, addirittura in certe situazioni talmente forti da non riuscire quasi neanche più a camminare.
    La soluzione che ho trovato è quella di stendermi nel letto e cercare in tutti i modi di tenere calda la zona del dolore, funziona poiché dopo mezzora o un’ora nei casi estremi il dolore si attenua.
    Dolori per defecare non sussistono.
    Noto anche che il più delle volte, visto che il dolore prende in basso, la sensazione è quella di un nervo che collega l’intestino alla gamba, e nel caso in cui posso farlo ovviamente, provo ad evitare che il pantalone mi comprima la zona e già è un sollievo.
    Il mio medico mi ha parlato di infiammazione al colon intestinale.
    Cosa pensa di tutto questo? Grazie per la sua Gentilezza.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, probabilmente il medico ha ragione, ma non sottovaluterei il peso che in questa situazione può avere l’ansia.

    2. Anonimo

      GRAZIE INFINITE,UN’ULTIMA COSA,LEI COSA PENSA CHE POSSA ESSERE QUELLA SENSAZIONE DI UN NERVO CHE TIRI ED UN DOLORE ATROCE TANTO CHE NON MI PERMETTE NEANCHE DI CAMMINARE,NEL SENSO SE è EFFETTIVAMENTE UN NERVO O QUALCOS’ALTRO DI GRAVE IMPORTANZA.
      ADESSO HO 25 ANNI,QUESTE SITUAZIONI LE VIVO DA CIRCA 2 ANNI,PER FORTUNA SALTUARIAMENTE,SO GIà CHE LA CAUSA è IL MIO TIPO DI LAVORO ED ANCHE LA RELAZIONE SENTIMENTALE. INFATTI è LO SFOGO DI QUELLO CHE TENGO DENTRO.
      SPERO NULLA DI GRAVE PER LA SITUAZIONE CHE NON MI PERMETTE DI CAMMINARE. ATTENDO RISPOSTA. GENTILISSIMO!!!

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Compare solo in presenza di questi dolori e poi passa?
      Gamba destra o sinistra?
      I dolori sono sempre localizzati a sinistra?

  9. Anonimo

    Buongiorno gentilissimo dottore ,
    Volevo sottoporre i miei esami.
    Ho una sensazione di peso sulla parte bassa destra . Da questu esami se problemi al colon risulterebbe qualcosa di anomalo . Pensi che gli esami siano buoni
    Globuli bianchi 6.25 rif 4-11
    Globuli rossi 5.71 rif 4.50 – 5.9
    Emoglobina 15.8 rif 13-18
    Ematocrito 47.6 rif 40-51
    MCV 83.4 rif 78-98
    MCh 27.7 rif. 27-34
    Mchc 33.2 rif. 31 37
    Piastrine 211 rif 140-450
    Rdwsd 39.1 rif 37-54
    Rdwcv 13.1 rif 11-15
    Formula leucocitaria
    Neutrofili 55%
    Linfociti 30.1%
    moniciti 10.9%
    Eosinofili 3.7%
    Basofili 0,3%

    Valori assoluti
    Neutrofili 3.43 rif 1,20-7
    Linfociti 1,88 rif 0,85 -3,4
    moniciti 0,68 rif 0,10 -0,8
    Eosinofili 0,23 rif 0-0,5
    Basofili 0,01 rif 0-0,1

    Urea 27 rif 10-50
    Potassio 4,13 rif 3,5-5
    glucosio 88 rif 65-100
    Colesterolo totale 176 rif fino a 200
    Colesterolo HDL 55 rif 60
    Colesterolo LDL 102 rif fino a129
    Trigliceridi 93 rif 50-170
    Bilirubina totale 0,71 fino a 1,2
    AST 17 rif. Fino a 40
    ALT 21 rif fino a 40

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Penso si volesse principalmente verificare la possibilità di appendicite, ma gli esami mi sembrano ottimi.

  10. Anonimo

    Buongiorno,io accuso di mal di stomaco da diversi anni ,soprattutto alla mattina. Ho fatto tutti gli esami possibili e mi hanno detto che soffro di colon irritabile ;con il passare del tempo mi preoccupo che in qualunque posto vada ci sia un bagno.Secondo lei cosa devo fare?cordiali saluti

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non le sono stati prescritti farmaci?
      E’ attento all’alimentazione?

    2. Anonimo

      Buongiorno, non mi sono stati prescritti farmaci ,perché hanno detto che é causa di stress e nervosismo .Per la dieta alimentare sto molto attento .Il problema maggiore é, che non posso mai decidere per il giorno dopo ,perché sicuramente alla mattina sto male.Cosa mi consiglia?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Ammesso che la diagnosi sia corretta, a questo punto la componente nervosa gioca un ruolo fondamentale, è quindi necessario riuscire a diminuire l’ansia con cui comprensibilmente convive.
      Per il resto un tentativo con fermenti lattici lo farei, inoltre proverei per 2-3 settimane ad escludere gli alimenti contenenti glutine.

    4. Anonimo

      Cosa mi consiglia di usare per diminuire l’ansia, che mi porto ormai da anni?

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Potrei nominare la Valeriana, ma è molto blanda; si passa poi ad ansiolitici veri e propri da valutare con il medico (ne esistono di specifici per il colon irritabile).