1. Anonimo

    ho continui mal di pancia, accompagnati da diarrea, raramente da stitichezza, i sintomi
    aumentano quando mangio cibi elaborati e derivati del latte e cioccolato , quando mangio cibi semplici, i sintomi si attenuano, inoltre non posso aumentare la quantità di cibo .
    sono abbastanza magra e vorrei aumentare di peso. sono un soggetto ansioso.
    che fare per aumentare di peso e attenuare la sintomatologia? ci sono farmaci omeopatici? una volta ho preso la nux vomica .
    graziemille

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Consiglio senza ombra di dubbio di rivolgersi ad un gastroenterologo, che innanzi tutto l’aiuterà a capire se soffre di una qualche patologia (celiachia, intolleranza lattosio, colon irritabile, …), poi la aiuterà di conseguenza a ritrovare un certo equilibrio alimentare per prendere i chili necessari.

  2. Anonimo

    Buongiorno,
    Da circa 3 mesi ho dei dolori all’addome nella parte destra e come una sensazione di bruciore e in più questo fastidio si riflette sulla schiena e sulla gamba destra. dopo mangiato la pancia mi si gonfia e al tatto è molto tesa, sento una situazione di disagio tutto il giorno. Sono stata dal medico ma mi ha soltanto dato benefibra, perchè sono sempre stata un pò stitica, premetto anche che questi mesi sono stati molto stressanti per me. Adesso però sono preoccupata perché non posso concentrarmi su niente con questo fastidio sempre presente. Secondo lei cosa potrei avere? e cosa dovrei fare? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il medico ha escluso che si tratti di infiammazione dell’appendice?

    2. Anonimo

      Si ha escluso che si trattassi di appendicite. Mi ha fatto un’ecografia.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ tuttora stitica o con Benefibra va meglio?

    4. Anonimo

      va meglio, vado in bagno una volta al giorno la mattina. Comunque ho notato che le feci ogni tanto cambiano, alcune volte sono intere e altre escono a pezzettini.

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Suggerirei di parlarne nuovamente con il medico, perchè chiaramente la causa non è la stipsi dato che il dolore persiste; sinceramente sono in difficoltà nell’ipotizzare la diagnosi.

  3. Anonimo

    Buona sera dottore
    Le scrivo per un consulto:
    Ho 31 anni e da sempre ho sofferto di mal di pancia specie prima di uscire di casa, con necessita di andare in bagno, credo per una questione più emotiva che altro.
    Circa 6/7 mesi fa sono stato dal dottore e dal gastroenterologo per controllare questi sintomi che sono:
    Strizzoni dopo i pranzi e necessita di evacuare urgentemente, una volta evacuato tutto passa, in alcuni casa mi resta per qualche ora una sensazione di disagio che via via va normalizzandosi.
    Raramente ho un “dolore” ma è meglio definirlo fastidio al lato destro basso del ventre, questo avviene quando mi capita di andare al bagno più volte.

    I sintomi non li ho sempre, ad esempio erano circa 2 mesi che era tutto ok ma ciclicamente si ripresentano.
    Analisi del sangue tutto nei valori ottimali, radiografia ok, solo la presenza di bile più del normale, da ricontrollare il prossimo anno.

    Ultima cosa, mi sembra che questi sintomi si attutiscano con i fine settimana e le ferie..
    Mi può dare un suo parere?
    Grazie mille

    1. Anonimo

      Dimenticavo: nel periodo in cui si manifestano i sintomi le feci sono molli e non formate

    2. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sembrerebbe decisamente una colite nervosa, ma potrebbe essere interessante escludere intolleranze a lattosio e glutine.

  4. Anonimo

    Grazie mille per la velocissima risposta.
    Ho fatto i rast ed è risultato solo un valore di 0,2 per il pomodoro e il latte.
    Devo dire che tolto il latte mi sembra di stare meglio ma non so se è un fattore psicologico.
    Cosa mi potrebbe consigliare?
    Ogni tanto (noi momenti in cui ho i sintomi) faccio un cicloidi yovis 1g

    Ps andando dal fisioterapista per problemi di scoliosi e contrattura, il fisioterapista mi ha detto che ho i muscoli della pancia molto tesi e che dovrei cercare di rilassarli.
    Non so se le può essere di aiuto per qualche diagnosi

    Grazie ancora

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Premesso che non ho le competenze per una vera diagnosi, mi toglierei forse ancora la soddisfazione di fare breath test per lattosio e proverei ad eliminare per 2-3 settimane il glutine dalla dieta per evidenziare eventuali sensibilita; detto questo rimango dell’idea che sia un problema più che altro nervoso, che potrebbe trovare miglioramento attraverso alcuni farmaci specifici da valutare con il suo medico (richiedono ricetta medica).
      Il gastroenterologo aveva fatto diagnosi o prescritto farmaci?

    2. Anonimo

      il gastroenterologo mi ha prescritto appunto lo yovis.
      più, nel caso voglia approfondire, una colonoscopia che però volevo evitare essendo abbastanza invasiva… più che altro credo e spero che ci siano altri test per verificare, avanti, altre patologie, sopratutto considerando il fatto che ne soffro un pò da sempre

      Sono sempre più convinto anche io che sia un fatto emotivo/nervoso infatti nei periodi in cui “ci penso” noto dei peggioramentei, ventre se sono impegnato e “distratto” da altre situazione tutto migliora.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Condivido la sua opinione di un’origine nervosa, anche se purtroppo tolte le intolleranze (celiachia e lattosio) non ci sono grosse alternative alla colonscopia se si desidera approfondire (non necessariamente è indispensabile).

  5. Anonimo

    Buona sera Sono un ragazzo di 20 anni e da un po di anni soffro di un problema intestinale abbastanza invalidante.
    Molto spesso specie quando sono fuori casa sento delle fitte fortissime a sinistra dell’ombelico, un senso di compressione… e sento come se qualcosa all’interno della pancia si muovesse procurandomi un bisogno di defecare senza riuscire a trattenermi.! dopo aver defecato (procurandomi diarrea) i sintomi passano! ho spesso moltissima aria nello stomaco e quando mi tocco appunto sul lato sinistro sento dolore e sento tirare fino all’inguine e spesso mi sento mentre urino tirare dall’ano fino ai testicoli.
    ho fatto parecchie visite specialistiche prescritte dal mio gastroenterologo come ecografie,test alle feci, intolleranze alimenti al glucosio e al lattosio. Ma hanno dato tutti esiti negativi.!
    Ultimamente mi sono accorto che alcune volte durante questi fenomeni o in concomitanza di forte aria nella pancia si presentavano fuori uscite di sangue (lievi) e le feci cambiano colore quasi sul verde scuro.
    Adesso il mio medico mi ha prescritto una colonscopia (che ancora non ho fatto per colpa delle lunghissime liste di attesa… la potro fare solo a maggio) e mi ha prescritto un farmaco il Motilex da assumere prima di pranzo.!
    Dalla sua esperienza di cosa potrebbe trattarsi,? potrebbe essere dei fenomeni legati a grosse quantità di aria.?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo solo la colon ci permetterà di dare una risposta, anche alla luce dei test negativi già effettuati; è un periodo particolarmente stressante, a parte questo problema? Capita tutti i giorni o solo in certe condizioni casa/fuori, pranzo/cena, settimana/weekend, …?

    2. Anonimo

      Purtroppo solitamente i fastidi più grossi capitano urgenza di defecare e diarrea capitano spesso il fine settimana e sopratutto se mangio fuori casa… i restanti praticamente tutti i giorni altra cosa che noto e anche che contraendo i muscoli addominali sento l’aria che mi risale provocandomi anche il movimento di qualcosa all’interno della pancia..! E se faccio attività sportiva(dove c’è una compressione degli addominali come la corsa ho una semplice partita di calcio) spesso sento lo stimolo di defecare … cosa che non mi succede con sport più statici.. Per quanto riguarda lo stress non sono una persona molto ansiosa anzi spesso prendo le cose cosi come vengono, anche se ho notato ultimamente che in prossimità di esami all’uni la quantità di aria e i relativi fastidi aumentano..!
      La ringrazio

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non sono in grado di proporre una diagnosi, posso limitarmi a suggerire di sforzarsi di individuare alimenti e situazioni a rischio e cercare di eliminarle, in attesa della colon che ci permetterà di capire di cosa si tratta.

    4. Anonimo

      Capisco aspetteremo i risultati della colon… La ringrazio per l’attenzione e il tempo concesso..
      Distinti Saluti
      Simone

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo in realtà non sono stato di grande aiuto; mi faccia sapere gli esiti della colon.

    6. Anonimo

      Buongiorno.. come da lei consigliato… giovedi scorso sono andato dal mio medico di famiglia ad esporli i nuovi sintomi sopra elencati e proponendoli la mia teoria dell’aria che mi provoca questi disturbi..!
      Mia prescritto un farmaco una confezione di idracol… 1 compressa la mattina a digiuno.!
      assumendo questo farmaco i sintomi sono scomparsi quasi del tutto… non ho più scariche improvvise e bisogno imminente di andare in bagno.!
      Alla luce di ciò le chiedo.. posso affrontare la colonscopia con più tranquillità o questa nuova informazione non esclude patologie più gravi..!
      La ringrazio fin da ora per i suoi consigli e per il suo tempo concesso..!!

    7. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il fatto che sia migliorato sicuramente ci fa essere molto ottimisti.

  6. Anonimo

    Buonasera,
    da circa un mese soffro di una forte stitichezza con fastidi al fianco sinistro che si manifesta come se avessi una sacca che con il passare dei giorni si gonfia. Per risolvere il problema ho usato supposte e lassativi ma la stitichezza è tornata. Preciso che per motivi di lavoro sono molto sotto stress. E’ la prima volta che mi capita ed ancora non sono riuscito a risolvere il problema. Mi può aiutare a capire cosa mi succede? Il mio medico mi ha diagnosticato una presuta colite. C’è differenza con colon irritabile?Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sono 2 patologie che colpiscono l’intestino, ma le cause sono diverse: mentre nel caso della colite si intendono malattie antinfiammatorie ed autoimmuni, nel caso del colon irritabile si identifica una malattia senza apparenti cause specifiche ma caratterizzato da una certa serie di sintomi (principalmente dolore).

      In realtà poi molto spesso si parla genericamente di colite per indicare un problema intestinale che può essere di qualsiasi genere.

      Lo stress nel suo caso potrebbe essere un fattore determinante, quindi il primo da cercare di risolvere.

  7. Anonimo

    sono molto contenta di essere entrata in questo forum,visto che le vostre opinioni mi hanno aiutato molto ,anche io ho il colon irritabili e patisco molti sintomi dei quali avete scritto sopra.

  8. Anonimo

    salve, un influenza abbastanza tosta ha fatto sì che la mia pancia andasse ancora in tilt che, per precedenti disturbi intestinali non connessi a qst influenza, ancora non era in perfetta forma.
    Ho iniziato con una tosse stizzosa e per 2 gg non ho avuto febbre se non chè da 3 gg a questa parte si è presentata puntuale con max di 37,7 ma x me già pesante con brividi ecc. Sto prendento tt qst farmaci: tachifludec 2 al gg. cebion 1 al giorno per 20 gg (visto che devo rinforzare le difese immunitarie poichè 3 raffreddori da novembre!!!) enterogermina 2 al giorno ( premetto che ne avevo già terminata una scatola da 20). Basta. ancora oggi dopo appunto un potente raffreddore durato ben 1 giorno e mezzo ma da non togliere il fazzoletto dal naso con potenti sternuti!!
    adesso sono tutta indolenzita sia nei muscoli che nelle ossa. Stassera ho fatto un fumento con il bicarbonato.
    Volevo chiederle due cose: se devo prendere ancora l enterogermina sct da 20 già acquistata e fare fumenti per il naso strachiuso o aerosol, o cosaltro! Secondo Lei è meglio aspettare ancora quanti gg prima di uscire tra l altro in qst gg c è molto freddo. Ringrazio anticipatamente per la sempre sua cortese attenzione. VILMA (1950)

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Enterogermina va bene, ma salirei almeno a 3 al giorno lontano dai pasti.
      2. Bene i fumenti, magari con bicarbonato, oppure farmaci decongestionanti per 3-4 giorni.
      3. Esca solo quando se la sente, sicuramente eviterei finchè c’è febbre.

    2. Anonimo

      grazie mille Dr. per la sua gentilissima e sollecita risposta. Stassera ho 37 quindi penso proprio che non uscirò anche perchè ho male a tutti i muscoli e mi sento tutta rotta. Volevo chiedere se il tachifludec lo devo prendere solo 2 volte mattino e sera o anche a metà giornata. Grazie mille VILMA

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La dose massima è 3 volte al giorno, decida se limitarsi a 2 o salire a 3 in base ai sintomi (Tachifludec agisce su febbre, dolore e congestione nasale).

  9. Anonimo

    sono contenta di essere entrata in questo forum dove sto trovando risposta ad ogni richiesta, ringrazio sempre Lei per la sempre cortese risposta, distinti saluti Vilma.
    Magari nel corso di questi gg se avessi qualche prbl mi rivolgerò a Lei sicuramente al fine di avere preziosi consigli.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se sono in grado di rispondere volentieri, tenga sempre solo presente che sono farmacista e non medico, tanto meno specialista.

  10. Anonimo

    Salve, volevo chiedere se prendendo la bustina di Tachifludec fa poi sudare, poichè ho notato che anche solo a fare qualche lavoro in casa tipo passare l aspirapolvere ecc sudo abbastanza. Chiedo questo perchè non so se appunto è il farmaco o perchè sono in fase influenzale da 4 gg e magari è segno di debolezza. Grazie mille Vilma

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Confermo che con tutta probabilità è il farmaco.