Tutte le domande e le risposte per Reflusso gastroesofageo: cause, sintomi e rimedi
  1. Anonimo

    Salve ho 26 anni e da agosto scorso soffro di mal di stomaco…inizialmente fitte e piccole eruttazioni interne…
    il primo medico mi prescrive omeprazen la mattina,levropraid pranzo e cena e lexil..
    dopo circa tre mesi di cura…e con pochi miglioramenti anzi con conparsa anche di ansia e perdita di se stessto..
    decido di andare da un gastrointerologo di fiducia…che mi prescrive Motilium prima di mangiare e poi Neocolon per qualke settimana…ma niente di fatto il problema persiste….
    Da poco cambiando cura sto assumendo Sinaire a pranzo e cena e poi Geffer bustine dopo pranzo… ma non vedo grandi cambiamenti..
    Non ho mal di gola,non sento queste eruttazioni interne acide..
    Ho solo dolore alla bocca dello stomaco,eruttazioni e a volte batticuore forte
    Puo’ essere questo Reflusso gastroesofageo ?? come si fa a capirlo..?? a giorni faccio la gastroscopia si capira???

    Grazie anticipatamente per la risposta…

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Ritengo che la gastroscopia sarà determinante nel capire la causa del problema.

  2. Anonimo

    salve, volevo chidere un consiglio .
    Da circa un mese ho un senso di “corpo estraneo in gola” che nn sale e nn scende , sono andato dall otorino il quale con una laringostraboscopia mi ha diagnosticato un notevole edema commisurale posteriore da ricondurre a GERD.
    Prendo pantopan 40 mg alla mattina da 1 mese ma il senso di “coso” in gola c e sempre , sto un po meglio solo quando mangio .
    premetto che sono sportivo nn bevo alcool nn fumo e sono abbastanza corretto con l alimentazione.
    Ho circa una decina di “rutti” al giorno ma nn acidi
    Premetto che nn e dolorosa ma mi sta condizionando la vita perche e’ snervante.
    Fiducioso in una sua risposta ,ciao

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      2 soluzioni possibili a mio avviso:
      1. Valuta con il suo medico di base di provare ad aggiungere un antireflusso come Gaviscon.
      2. Ricontatta lo specialista.

    2. Anonimo

      Di ritorno dallo specialista, terapia cambiata : nexium 60 mg al di per 2 mesi,GAVISCON 1 bustina 3 volte al di, FARINGEL 2 bustine al di, GEFFER 1 bustina prima di pranzo e una prima di cena per 20 gg

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Direi che più di così non poteva fare; mi tenga informato sugli eventuali benefici.

    4. Anonimo

      IN data odierna ho esuguito la gastroscopia e l esito e’ il seguente:
      esofago : presenza di alcune erosioni al 3 inferiore
      stomaco :incontinenza del cardias, stomaco a cascata, iperemia e congestione in sede antrale,
      duodeno: regolare fino alla seconda porzione
      diagnosi : esofagite da reflusso di classe a gastrite congestizia . HP test di negatiVO
      pero nn e che ci ho capito molto quello che ho!!!!!!

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Fondamentalmente reflusso gastroesofageo, senza la presenza di helicobacter.

    6. Anonimo

      gentilissimo e di gran conforto grazie

  3. Anonimo

    In ottobre mi si è manifestato il reflusso con una terribile sensazione di soffocamento durante il sonno che mi è durata per 15 gg. tutte le notti e più volte a notte, un vero incubo! Un ciclo di Lucen 40 mg, Motilex, Gaviscon sciroppo ha risolto in buona parte il problema identificato dall’ottorino come laringite gastroesofagea.
    Attualmente, nonostante prosegua con il Lucen (quasi ininterrottamente da ottobre) continuo ad avere attacchi di tosse e quando starnutisco perdo completamente la voce per 10-20 secondi, stessa cosa alzando la voce.
    Vorrei avere qualche indicazione terapeutica omeopatica, per sospendere i farmaci e vedere se portano qualche giovamento.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Temo purtroppo di non saperla aiutare, essendo piuttosto scettico in materia di omeopatia non ho le competenze necessarie per suggerire rimedi.

  4. Anonimo

    Ho 53 anni e la notte di capodanno ho avuto un infarto Miocardico non Q, il 17 gennaio mi hanno messo uno stent e 4 palloncini (2 sulla Pci della CX-MO e sulla DX II e III tratto). Volevo chiedere, visto che andavo in palestra e come hobby faccio teatro i cantante di musica leggera, se posso continuare a farlo ed eventualmente quanto tempo dve passare. Certo in un Vs. consiglio porgo codiali saluti.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A mio avviso non ci saranno problemi a riprendere, per la palestra andrà valutato il tipo di attività con il cardiologo.
      Non saprei invece indicarle eventuali periodi di convalescenza, sicuramente necessari anche se probabilmente non lunghi.

  5. Anonimo

    Gentili Dottori, disturbo per un aiuto. Dal 31.12.10 ho iniziato ad avere quello che pensavo fosse catarro che mi obbligava a aschiarire la voce migliaia di volte al giorno, lingua gialla, cattivo sapore e impellente bisogno di sputare quella saliva tipo catarro. Avevo come una bollicina di catarro fisso in gola. Il mio medico mi ha consigliato Fluimucil x 10 gg ma nulla. Dopo visita dall’otorinolaringoiatra, si presume reflusso gastroesofageo. Dal 11.01.11 pendo Esopral 40 mg al mattino a digiuno e sciroppo Noremifa la sera prima di coricarmi.La sensazione di “catarro” è diminuita ma ancora fastidiosa. Non capisco se sto meglio a stomaco pieno o a stomaco vuoto. Non ho moltissimo appetito e cerco di mangiare poco e frequentemente. Ho spessissimo una specie di dolore allo stomaco, tipo quando si ha molta fame, ma nessun bruciore. E’ troppo presto per aspettarsi dei miglioramenti? Questi disturbi possono far pensare ad altro? Ci sono alimenti consigliabili? Consiglia altri esami in altri ambiti? Grazie mille e buon lavoro

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi sarei già aspettato un miglioramento più sensibile, che in genere è rilevabile in 2-3 settimane; consiglio eventualmente un nuovo parere dello specialista.

  6. Anonimo

    ho avvistao lo specialista; mi dice di attendere il termine della cura (30 giorni), ora siamo al 17°. Vorrei contattare un gastroenterologo.
    Che ne pensa del “dolore allo stomaco, tipo quando si ha molta fame, ma nessun bruciore. Questi disturbi possono far pensare ad altro? Ci sono alimenti consigliabili? Consiglia altri esami in altri ambiti? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A questo punto aspetterei come consigliato i 30 giorni; il dolore allo stomaco è compatibile con il reflusso, potrebbe valere la pena di fare una gastroscopia se non passasse, ma è purtroppo un esame piuttosto invasivo.

  7. Anonimo

    Gentili Dottori, da circa un anno ho iniziato a star male con mal di gola e senso di soffocamento con apnea notturna con laringospasmo e dolore retrosternale.La gastroscopia ha messo in evidenza erosioni all’ esofago, incontinenza cardiale ed ernia ietale. Sono state addottate varie terapie (Mepral,Pantorc,Gaviscon, Riopal,Peridon,Levopraid),attualmente sto prendendo Lucen da 40 mg e Gaviscon ma continuano a persistere irritazione alla gola con faringite e calo della voce.Cosa mi consiglia?…Un viaggio a Lourdes?Ringrazio anticipatamente per la risposta.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Immagino che dal punto di vista dello stile di vita applichì già tutte le indicazioni proprie di questi casi, quindi temo purtroppo di non poter aggiungere molto; l’intervento non le è mai stato proposto?

  8. Anonimo

    Per combattere reflusso ed ernia iatale assumo l’esomeprazolo da 20 mg 2 volte al dì.
    Detto farmaco mi causa, però, l’insorgenza di polipi per cui vorrei cambiare. Aggiungo, poi, che ho necessità di avere “l’ambiente alcalino” causa presenza di carcinoma. Vi prego, pertanto, di consigliarmi per il meglio. Grazie. Distinti saluti.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo in questo non posso sostituirmi al suo medico/specialista.

  9. Anonimo

    Buongiorno,dai primi giorni di settembre per qualche tempo ho sofferto di tosse cronica.
    All’inizio pensando ad un problema respiratorio ho fatto lastre ai polmoni e visite dall’otorinolaringoiatra, ma a parte una leggera irritazione della gola non mi è stato trovato alcun tipo di problema.
    Poco dopo su consiglio del medico mi sono sottoposto ad una gastroscopia e mi è stata diagnosticata ernia iatale ed una leggera gastrine (nessuna presenza di Helicobacter).
    subito mi è stata data una dieta ferrea, inibitori di pompa e Gaviscon dopo i pasti.
    ora la tosse è diminuita in modo considerevole fino a quasi sparire.
    il problema è che persiste un continuo “raspino in gola” all’altezza della laringe,che mi provoca qualche leggero colpo di tosse saltuariamente.
    ogni tanto ho dei leggeri problemi respiratori, come se avessi un restringimento della laringe che impedisce il corretto passaggio dell’aria, provocando un “sibilo” quando respiro con la bocca.
    per ora non è nulla di grave ma comunque ritengo non sia una cosa normale.
    Premetto che ho 28 anni, non ho mai fumato, non bevo alcool da circa 2 anni (solo un bicchiere di vino rosso a tavola saltuariamento e 1 birra circa al mese), faccio corretta attività fisica,ho un pesoforma corretto ed ho scoperto da qualche mese di essere allergico all’ambrosia.
    particolari problemi allo stomaco non ne ho, a parte bruciori o acidità quando mangio troppo, un po come tutti.
    vorrei sapere se questo problema di tosse cronica non potrebbe essere un sintomo asmatico invece di problemi di reflusso gastrico, soprattutto perchè tutto è nato a settembre (periodo critico dell’ambrosia) ed inoltre sono ormai 4 mesi che mi curo per il reflusso ma l’infiammazione alla gola rimane.
    con una spirometria potrei risolvere questo dilemma?
    Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Anche a me verrebbe da pensare ad un problema di natura allergica, potrebbe valutare con il suo medico di associare per 2-3 settimane un antistaminico e vedere se il problema migliora.

  10. Anonimo

    Sono stata già curata per Helicobacter diagnosticata con gastroscopia, anche reflusso ed ernia iatale, mi trovo molto bene con Lucen da 20 mg., ma appena lo sospendo l’acidità ritorna anche con dolori allo stomaco più acuti rispetto ad anni fa. Chiedo se posso prendere continuamente questo farmaco visto che il mio medico sarebbe dell’idea di sospenderlo almeno 10 giorni al mese. Grazie