Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Buonasera dottore, io soffro di rinofaringite cronica da reflusso gastroesofageo (tempo fa feci un esame dall’otorinolaringoiatra) il mio medico curante mi aveva pescritto riopan dopo i pasti, ma vedendo poco giovamento mi ha dato Pantorc da prendere la sera per due settimane… Non ricordo che cura mi diede lo specialista perchè feci la visita tanti anni fa, ma questo medicinale va preso prima o dopo i pasti ? e poi nel caso non migliorasse la situazione dovrò riandare da un otorinolaringoiatra ?

    Cordiali saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Al mattino, a stomaco vuoto.
      In genere il disturbo viene gestito facilmente anche dal curante.

    2. Anonimo

      Capito grazie..ma il dottore mi ha detto di prenderlo la sera va bene uguale?

  2. Anonimo

    Grazie, spero che il danno non “sconfini” in cosa più grave. Comunque la farò controllare spesso. Buonasera

  3. Anonimo

    Egregio Dr. Cimurro, dopo averle sottoposto alcuni quesiti medici per me, ora mi permetto di chiederli per mia moglie che ha 62 anni. Nel 2010 è stata sottoposta a esofagogastroduodenoscopia e colonscopia (in unica seduta sotto sedazione profonda) per disturbi intestinali e vescicali, e precisamente: coliche immediatamente dopo i pasti nonché infezioni ricorrenti alle vie urinarie (escheriacoli): quest’ultima guarita completamente dopo (3) massive terapie antibiotiche. La colonscopia non ha rilevato nulla di patologico mentre la gastroscopia ha evidenziato ( come da biopsia eseguita duodeno/antro/corpo-fondo) quanto segue: 1) 2 frammenti di mucosa duodenale con villi morfologicamente nella norma, sede di lieve incremento della quota linfoplasmacellulare della lamina propria. 2) 2 frammenti di mucosa gastrica di tipo antrale sede di gastrite cronica di grado lieve. 3) 3 frammenti di mucosa gastrica di tipo fundico sede di gastrite cronica atrofica caratterizzata da moderato infiltrato infiammatori, anche ad atteggiamento follicolare, focale attività focolai multipli di metaplasia intestinale e pseudopilorica e atrofia ghiandolare di grado moderato- severo. Negativa la ricerca helicobacter pylori. La cura del gastroenterologo, che ha eseguito gli esami, le ha prescritto soltanto Riopan gel bustine, e così è andata avanti per 4 anni. Ultimamente, visto che mia moglie accusava sempre bruciori e acidità sospendendo (anche per 1 giorno) riopan gel, l’ho fatta visitare da un altro gastroenterologo che le ha prescritto un’altra cura, (di 2 mesi) e precisamente: Peridon 10 mg bustine efferv. 3 volte al giorno prima dei pasti; Gerdoff da masticare 1 cp mezz’ora dopo pranzo; Gaviscon Advance sciroppo 2 cucchiai dopo pranzo e cena; Ecamannan 2 cp ore 18.00 con 3 bicchieri d’acqua; Calagin bustine 1 bustina prima di colazione; calagin gel vaginale la sera per 10 giorni (quest’ultima non capisco cosa abbia a che fare con disturbi gastrici??). Questa cura l’ha iniziata da 1 mese e non ha disturbi di acido ne bruciore, inoltre non ha (quasi) più quei doloretti rilevati dal 2° gastroenterologo alla pressione delle mani sulla pancia. Desidererei un Suo parere su quanto descritto, ovvero se l’esito della biopsia è di grave patologia e se la cura in atto potrà essere di guarigione completa oppure alla sospensione potranno ritornare i disturbi di stomaco. Ringrazio sentitamente. Ossequi Paolo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio della fiducia, ma tengo molto a ricordare che NON sono medico.

      La mia sensazione è che la signora dovrà più o meno convivere per sempre con questi disturbi, anche sicuramente ci saranno periodi migliori in cui potrà sospendere gran parte o tutti i farmaci.

  4. Anonimo

    Salve dottore, sono un ragazzo di 22 anni e da circa 4 anni soffro di reflusso. Ho fatto l’esofagogastroduodenoscopia circa 3 anni fa ma risulta tutto nella norma.
    Il mio medico mi ha prescritto una compressa di motilex prima di ogni pasto ma non va per niente bene dato che continuo a vomitare ogni giorno dopo ogni pasto, persino dopo il caffè a volte.
    Lei che mi consiglia?
    Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe valutare con il medico di associare un inibitore di pompa e/o un antireflusso meccanico.

    2. Anonimo

      Grazie dottore.
      Lei che tipo di inibitore di pompa e/o antiriflesso meccanico mi consiglierebbe?

    3. Anonimo

      Ancora grazie dottore.
      Un ultima domanda.
      Ma il reflusso può dipendere anche perché sono un ragazzo ipernevrotico?
      Grazie per la disponibilità.

  5. Anonimo

    Buona sera dottore da ieri ho reflusso esofageo,mi sale l’acido e mi sento come una palla in gola…anche oggi ho questi fastidi,vorrei chiedere il prosciutto si può mangiare?o peggiora la situazione?

    1. Anonimo

      Grazie per la risposta…il grasso lo tolgo sempre perché non mi piace e ho mangiato anche il formaggio…ho letto che i latticini si possono mangiare, è vero?

  6. Anonimo

    Salve caro Dr. Cimurro, ho da una settimana, appena sveglio, un intenso bruciore di stomaco e soprattutto rigurgito acido anche appena sveglio, quindi a stomaco vuoto…quando mangio qualsiasi cosa, dopo poco inizio già le eruttazioni..ho anche un intenso dolore alla schiena in basso, ma non so se è correlabile e come una “palla” un pò dolorosa nella parte sinistra dell’addome alto, che sento solo quando mi abbasso per allacciare le scarpe o tossisco…potrebbe essere un ulcera o reflusso gastroesofageo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente un po’ di reflusso, ma va verificato, perchè in genere non si avverte sulla schiena.

    2. Anonimo

      Posso prendere secondo lei una compressa masticabile di Maalox? La schiena potrebbe anche esser un fastidio secondario, mi preoccupa piu’ che altro questa “palla”…..

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso avallare l’uso di farmaci.

  7. Anonimo

    Dottore ho fatto gastroscopia , mi hanno trovato ulcera e gastropatia iperemica, se avessi avuto un tumore sarebbe stato evidente con questo esame? Se non è uscito niente, posso stare tranquillo

    1. Anonimo

      dottore io qualche volta anche di notte ho solo un pizzicore e sensazione di acido in gola che mi provoca la necessita’ di tossire.secondo lei cosa potrebbe essere .
      e mi suggerisse cosa fare?

    2. Anonimo

      scusi dottore ho detto qualche volta ma ogni giorno sopratutto di notte . anticipatamente grazie.

    3. Anonimo

      grazie della risposta.,pensi dottore che io fumo 4 sigarette al giorno. ora ho appena fumato la prima e mi è cominciato il pizzicore in gola e a tossire è possibile x cosi poche sigarette?

  8. Anonimo

    Gentile Dottore,
    soffro da anni di reflusso gastroesofageo e ho cambiato cura da circa un anno, prima prendevo il pantecta mentre ora prendo tutte le mattine 40 mg di lucen e il gaviscon sciroppo dopo i pasti.
    Recentemente ho per sbaglio saltato una pastiglia di lucen e qualche giorno dopo ho iniziato a sentire di nuovo forti i sintomi classici come bruciori, dolori alla bocca dello stomaco ecc…c’è anche però da dire che nei giorni di festa ho sgarrato un pò col cibo e che so che i cambiamenti climatici potrebbero influire sui sintomi…vorrei sapere se secondo lei l’aver saltato quella singola pastiglia è la causa..dovrò aspettare di nuovo altre tre o quattro settimane di cura continuativa per stare meglio?
    La ringrazio per l’attenzione.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio avviso è più probabile che la causa siano stati i cenoni.

    2. Anonimo

      Bene allora cercherò di non esagerare di nuovo e spero che il dolore diminuisca perché quello che mi disturba è principalmente il mal di stomaco e il dolore alla bocca dello stomaco. La ringrazio per la risposta..buona serata.

  9. Anonimo

    Salve dottore oggi il mio medico mi ha prescritto il LUCEN 40 e l’ho preso. Ma a casa avevo il Pantorc!!! Sono identici? Ho preso il LUCEN per nulla?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      No, sono due molecole DIVERSE, pur appartenendo alla stessa categoria (inibitori di pompa).

  10. Anonimo

    Buonasera dottore ho 27 anni e da un mesetto ho sempre 37/37.1. Oggi sono andata dall’otorino e mi ha trovato una faringite da reflusso nulla di grave ma dice che potrebbe essere quella che mi dà un po di infiammazione e mi dà un po di alterazione. Ma potrebbe davvero essere?! Mah grazie
    Esami tutto ok solo carente ferro

  11. Anonimo

    dottore i suffumigi con acqua e bicarbonato possono andar bene per il muco e catarro da reflusso ? Grazie

  12. Anonimo

    dottore buona sera soffro di reflusso che curo da anni con lucen 40 e gaviscon pirosi quasi mai solo tanto muco e catarro denso so che non può avallare farmaci ma se provassi a sostituire gaviscon con sciroppo gastrotuss o le bustine sempre di gastrotuss ? Se possibile quale mi consiglia delle due formulazioni ? Grazie se mi potrà dare questi suggerimenti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se il medico è d’accordo non vedo problemi a provare; bustine o sciroppo è indifferente.

  13. Anonimo

    Quindi magari in serata riprendo il Maalox e..una mezz’oretta dopo posso prender l’OKI? grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso avallare farmaci, ma è una cosa che si può fare.

  14. Anonimo

    Caro dottore o da ieri mattina un dolore che trafigge parte sinistra dell’addome e al centro quando tossisco…dolore che mi blocca quasi il respiro..anche quando mi abbasso per allacciarmi le scarpe sento questo dolore che scompare quando torno in posizione eretta…potrebbe esser reflusso?

    1. Anonimo

      Ho anche una continua eruttazione acida, sia dopo mangiato e sia a stomaco vuoto. Acido bollente quasi, che riscende al centro dello stomaco..

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il reflusso sembra essere presente, ma il dolore mi fa più pensare ad un problema muscolare.

    3. Anonimo

      Ho preso Maalox una mezz’ora fa e l’acidità si è un po calmata..ma credo non possa prendere durante il giorno un OKI per vedere se passa questo dolore? perchè mi riporterebbe reflusso..giusto?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, l’Oki potrebbe peggiorare il reflusso, ma quando necessario si assume eventualmente associato ad un antiacido.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Con i controlli fatti non c’è davvero motivo di dubitare della diagnosi del medico.

  15. Anonimo

    Salve dottore, ho quasi 30 anni e peso all’incirca 105kg per 175cm. Sono un musicista che lavora principalmente seduto. Durante una serata ho iniziato ad avere dei dolori diffusi in petto… Mi mancava l’aria, tempo 10 minuti e mi è risalita una quantità di acido in bocca assurda e praticamente tutta la cena. Ovviamente a parte lo spavento, nei giorni successivi la cosa è continuata con dolori o bruciori che si accentuano in alcuni momenti, anche se faccio uno sforzo, per esempio premendo su qualcosa. L’acido c’è sempre appena mangio qualcosa e il dolore in alcuni momenti si mantiene costante al centro del petto, raramente si irradia un po di più in quella zona. Il medico di base parla di reflusso e mi ha prescritto del lansoprazolo. Durante l’anno ebbi un episodio simile ma molto meno forte, andai in ospedale, ma dal punto di vista cardiologico non c’era nessun problema (negli anni le varie visite di controllo non hanno mai evidenziato anomalie cardiache. Da questo punto di vista posso stare tranquillo? Il reflusso può portare sintomatologie simili?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, le confermo che il reflusso può essere causa di sintomi cardiaci.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non posso darle garanzie, ma la diagnosi appare sicuramente plausibile.

  16. Anonimo

    Salve caro Dottore, volevo postare nel Topic “ansia”, ma spero che questo possa ancora andar bene.
    Non so se si ricorda di me, le avevo scritto la scorsa estate in merito ai miei problemi di eruttazioni-singhiozzi causati dall’aerofagia. Si ricorda? Le avevo spiegato che respiravo a bocca aperta.
    Purtroppo la situazione non è migliorata granché. Non che eruttazioni e singhiozzi siano così numerosi durante il giorno, ma ci sono… poi, il problema più grosso è che ho preso il cattivo vizio – a causa di ansia, nervosismo e tutto ciò che ne consegue – di indurmi volutamente la deglutizione. Questo – mi corregga – non fa che moltiplicare a dismisura il fenomeno, sbaglio? Ho una sorta di “deglutizione rumorosa”, cioè, la saliva viene ingoiata assieme all’aria e questo produce una sorta di gorgoglio: su questo, mi sono creato una sorta di “tic nervoso” da cui non riesco ad uscire… questo perché, quando deglutisco, avverto questo gorgoglio e alimento di conseguenza cosa. E’ imbarazzante descrivere questo mio “tic”, ma è la causa di uno stato d’animo non tranquillo e sereno. Purtroppo, neanche a tavola son migliorate le cose. Lei mi aveva detto di mangiare a bocca chiusa, masticando a lungo il cibo lentamente… ma il problema è che mangiando, non mi sento “rilassato” e quindi per istinto non faccio che masticare poco il cibo, ingoiandolo quanto più in fretta possibile. Non sempre faccio questo, ma comunque, continuo a non adottare quello stile di vita a tavola, che lei mi aveva consigliato. Credo che nel mangiare, riverso molta della tensione che dentro accumulo e il modo in cui mi nutro sia una conseguenza di questo… mi dovrei sforzare nel mangiare piano e lentamente, ma i miei stati d’animo li trasporto anche a tavola e quindi la conseguenze sono quelle citate.
    Volevo sapere da lei se poteva darmi qualche suggerimento… il fatto che mi induca la deglutizione, andando ad aumentarne il numero stesso, crede che aumenti molto il fenomeno dell’aerofagia e quindi dei sintomi che si traducono in eruttazioni e singhiozzi?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Condivido interamente la sua analisi e credo che la strada migliore sia quella di affrontare l’ansia e lo stress (farmaci e/o psicoterapia).

    2. Anonimo

      Per farmaci che cosa intende? Farmaci per lo stomaco o rilassanti? Ho sentito parlare che ci sono tecniche di rilassamento… crede che farebbero al mio caso?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Intendendo ansiolitici e/o antidepressivi.

      Le tecniche di rilassamento sono utilissime, non so se nel suo caso potrebbero essere sufficienti.

    4. Anonimo

      Quello che però vorrei sapere da lei è: in che misura indursi la deglutizione più del dovuto (nel mio caso, molto di più del dovuto) incrementa aerofagia e quindi sintomi tipo eruttazioni e singhiozzi?
      Crede che se eliminassi questo tic e adottando le norme alimentari da lei consigliatemi, possa ridursi notevolmente il problema?

    5. Anonimo

      La ringrazio dei suoi consigli.
      Purtroppo, il problema di quando vai a iniziare una terapia, è che all’inizio sei molto determinato nel seguirla a dovere, dopo un po’, riemergono i difetti e le normali abitudini.. difficile per me mangiare lentamente e masticare a lungo, se da anni, sono abituato diversamente, così come è difficile non indurmi la deglutizione volutamente…
      Ora, però, ho in testa di rispettare alla regola queste “sane abitudini” e di cercare di distogliere l’attenzione su me stesso. La deglutizione è un chiaro sintomo di eccessiva introspezione, che a ruota è un sintomo di eccessiva ansia e preoccupazione.
      Crede che il mio sia un buon approccio? Vede, vorrei evitare al momento dei farmaci… il mio è un disturbo, sì, ma non è un problema così grave da ricorrere ai medicinali…
      Spero di poterla ricontattare al bisogno, anche il solo esprimersi e il confrontarsi, in questi casi può aiutare.

  17. Anonimo

    Salve dottore; da circa un anno soffro di stitichezza e reflusso ; la cosa strana è che nei periodi in cui riesco regolarmente ad andare di corpo il reflusso scompare; secondo lei c’è una relazione tra i due fenomeni?mi spiego meglio: il reflusso può dipendere dalla stitichezza?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbero avere causa comune (stress, ansia, alimentazione, …).

  18. Anonimo

    dottore 3 anni fa mi é stata diagnostica una gastrite cronica (gastoscopia ) ma non si parla di reflusso il mio medico in base ai vari sintomi mi ha detto che ho mrge come mai con la gastoscopia non se ne parlava ? E una curiosità siccome sono magra vorrei mettere su qualche kg per questo mangio fuori pasto parecchi biscotti tipo erofrollini (non creme o cose del genere ) fanno male per il reflusso ? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Può succedere di avere sintomi da reflusso anche in assenza di riscontri endoscopici.
      2. Non dovrebbero dare più di tanto fastidio, ma non esageri con gli zuccheri, possono dare problemi di glicemia.

  19. Anonimo

    ok dr la terro’ aggiornata anche se qualche sgarro sotto le feste lo faro’ senza esagerare..nel frattempo per non farmi mancare nulla mi e’ venuta l’influenza con febbre..almeno evitero’ di fumare quelle 7/8 sigarette al giorno…Buone feste e speriamo che l’anno nuovo sia migliore di quello che sto per finire…a presto

  20. Anonimo

    Buongiorno dottore sono Alessandro ho 43 onni ed e sono piu’ di 2 mesi che ho una tosse stizzosa che non riesco a far passare . Il mio dottore ha iniziato col farmi fare per 5/6 gg l’aereosol con il CLENIL e con lo spruzzino …risultato uguale… poi ho preso per una settimana sia il cortisone che Zirtec per vedere se era una forma allergica. ed in piu’ il lansoprazolo da 30 mg…..la mattina come mi sveglio…risultato uguale…..poi ho fatto una lastra RX al torace 2p.. e non c’e nulla…poi sono andato a farmi una visita all’otorinolaringoiatra e mi ha detto che ho un’edema alle corte vocali dovuto anche dal reflusso,mi ha dato LANSOX 30 mg la mattina + Vocacene pastiglie da prendere dopo pranzo ed il GAVISCON dopo cena che gia’ prendevo anche prima…dopo tutto questi esperimenti e tentativi non e’ cambiato nulla e sto impazzendo a forza di tossire….da ieri poi ho provato a non prendere per 4/5 gg la pasticca della pressione OLPRESIDE da 12mg per vedere se la causa fosse quella ma ancora ad oggi mi sembra che la tosse aumenti invece di diminuire…Ho provato anche una sera a non prendere il Torvast, ma nessun cambiamento…Lei che mi consiglia di fare e di prendere ? prima che la mia ragazza o i vicini di casa mi cacciano? un saluto e grazie anticipatamente..

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La cura dell’otorino per quanti giorni è stata portata avanti con scrupolo?

    2. Anonimo

      la visita dell’otorino l’ho fatta il 5/12 ed ancora la sto portando avanti con scrupolo la terapia. mi ha detto x 1 mese di continuare

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Infatti può essere la chiave per risolvere, questo tipo di cura non la si giudica prima di 3-4 settimane almeno.

      Mi tenga al corrente e, per quanto possibile, attenzione a non esagerare durante le feste.

  21. Anonimo

    Dottore io ho una tosse persistente che mi dura da tanti mesi troppi , sono stata da tre otorini , chi mi ha parlato di reflusso e chi di laringite e tracheite cronica, io ho notato che la tosse si placa solo col cortisone , cosa devo fare?

  22. Anonimo

    dottore soffro dì mrge e gastrite inoltre sono ansiosa sto attraversando d circa 1 anno un brutto periodo (sono rimasta vedova il 30-12 -2014 ) stasera ho fatto una breve corsetta 30-40 metri per non perdere il tram e mi è venuto (fiatone a parte )un dolore bruciante al torace sopra il seno da un ‘ascella all ‘altra un pò più forte a sinistra ora dopo due ore circa é quasi passato solo un pò male alla spalla può essere causato dal reflusso ? Ho pensato anche al cuore ma poi andando meglio ho pensato sia ansia (domani ho una eco al seno ed é tutto il giorno che sono agitata !)sto curando il reflusso con Lucen 40 da anni aggiunto da qualche giorno gaviscon dopo i pasti ma in questo periodo mi sembra che non funzionino grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ansia, ma non escludo che possa essere l’aria fredda (correndo quando non si è abituati è facile inspirare con la bocca e, in questo modo, l’aria non viene scaldata a sufficienza).

      Senta comunque anche il parere del medico.

  23. Anonimo

    Potrebbe anche dirmi la prima medicina che vi ho detto a cosa serve e se è un farmaco molto pesante?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Non sto pensando che sia grave, ma per rispondere al suo dubbio volevo farmi un’idea dell’impressione che si era fatto il medico.
      2. I due farmaci prescritti sono quelli di prima scelta in questi casi, ossia ottimi.

  24. Anonimo

    Sinceramente questo mi sfugge.. Devo chiedere e devo risentirmi con il medico della gastroscopia x dei risultati della gastroscopia che ho fatto e ci vogliono 2 o 3 settimane.. Xche e grave secondo voi x via di queste medicine?

  25. Anonimo

    Dottore buona sera ma il reflussoesofageo quando si capisce se è una cosa temporanea o x sempre? Io ho fatto la gastroscopia ma ne stato detto che tutto nella norma più o meno come cura mi è stata data una pillola al giorno di lucen e dello sciroppo gaviscon.. Che pensate a riguardo? Grazie in anticipo x l’attenzione

  26. Anonimo

    Secondo lei ,in generale,per un reflusso asintomatico,è corretto fare due cicli all’anno di omoprazolo,allo scopo di non far peggiorare la patologia ed evitare che diventi sintomatico,visto che i medici dicono che il reflusso una volta che c’è,si possono solo migliorare i sintomi ma non si guarisce?In questo modo si controlla ?E fatta così la cura,cioè ,ciclicamente non si corrono rischi di effetti collaterali soprattutto se con bassi dosaggi,anche se praticamenGraziete diventa una terapia cronica?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Come le ho detto in passato non si corrono rischi, sul fatto di controllare la patologia dipende dai casi.

    2. Anonimo

      Ma allora che devo fare?stare tutt la vita in cura?Lei dice che dipende dai casi,appunto le chiedevo nel mio caso che è asintomatico e quindi non mi disturba se era corretto fare una cura ciclica.Scusi ma allora chi sta male davvero con dolori retrosternali,bruciori distomaco,rigurgiti acidi,tosse raucedine e sensazione di nodo in gola e così via che fa ?ovviamnete sta in cura sempre!E allora qual è la differenza di cura tra un reflusso grave e un reflusso asintomatico?Scusi se insisto,forse le sembro noiosa ma per me è importante perchè nessun medico mi sa rispondere ma l’idea di curare per sempre un disturbo che non avverto mi stressa.Volevo in definitiva solo sapere come si comportano di solito i medici quando si trovano di fronte a due casi complletamente opposti l’uno dall’altro, e cioè un reflusso che danneggia la qualità della vita e uno che invece il paziente non avverte.Grazie

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Lei parla di fare due cicli l’anno, un soggetto con grave reflusso sintomatico è in cura 365 giorni l’anno e spesso con più di un farmaco.

  27. Anonimo

    sera dott. ogni mattina preciso solo di mattina o sempre diarrea per 4-5 evacuazioni poi quando all’ultima evacuazione non esce più nulla perché l’intento o è vuoto mi sento lo stomaco gonfio come un pallone con sforzi vomito da star malissimo pensando meglio morire che soffrire così. dott. cosa può essere?

    1. Anonimo

      Il medico il medico mi ha diagnosticato il colon irritabile, però sono stato 2 volte al p.s per un forte oppressione al petto e dopo tutti gli esami mi dissero che era il reflusso, ma secondo lei è collegato colon irritabile e reflusso?

    2. Anonimo

      Dott. Quando mi viene quell’oppressione al petto l’unica posizione per alleviare e mettermi al letto sul fianco e fare respiri lenti e profondi però tutto accompagnato da fischi e ronzii alle orecchie il medico del p.s mi disse di prendere 20 gocce di xanas, faccio bene a prenderle o meglio soffrire un po’ in più con camomilla e tisane?

  28. Anonimo

    Salve dottore io ho un problema ,
    alla sera finito di cenare e dopo due ore vado ha dormire alla mattina mi trovo la bocca tutta la saliva un po giallastra e con alito un po cattivo cosa posso fare per evitare questo incovenienza

    1. Anonimo

      salve non soffro di reflusso ma di sinusite cronica e questo mi porta diversi problemi col muco retronasale prima ho avuto un’eruttazzione ho mangiato insalata e ho avuto la sensazione che mi rilasse un pezzo su e mi ha dato fastidio possibile catarro retronasale o reflusso?il mio medico dice che sono paranoica,da quest espisodio ho l odore di insalata in bocca,vi prego sto uscendo pazza grazie mille e scusate il disturbo

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se anche dell’insalata fosse risalita (come capita quando si ride bevendo ed esce la bevanda dal naso) questa verrebbe eliminata senza problemi.

  29. Anonimo

    Salve dottore, sono di nuovo io, sto prendendo peptirex 30 mg mattina e sera i sintomi sono migliorati, mi sento solo un po’ gonfio, non so per cosa, non trovo più tracce di sangue nella saliva da due giorni, il muco è assente, ho solo dei rutti interni ma meno frequenti, il dottore ha detto di arrivare a 10 giorni di terapia, i miei parenti mi consigliano di farmi visitare da uno specialista e fare degli esami, lei cosa mi consiglia?, alla fine non ho avuto mai dolori, solo fastidi, non vorrei buttare tempo e denaro

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Inizi a fare i 10 giorni prescritti e vediamo come va, dopodichè farà il punto con il medico.

    2. Anonimo

      Quindi va preso mezz’ora prima , ho sbagliato tutto, io lo prendevo dopo colazione

    3. Anonimo

      Dottore sono da uno specialista, ma la cosa non migliora, prendo pantorc 40 al mattino e bustine di esoxx un’ ora dopo mangiato, ho l’ esofago infiammato, tutti i medici mi dicono che devo attendere, ma io ora sto a letto che tremo, cosa devo fare?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Questa cura richiede almeno 2-3 settimane prima di poter essere giudicata.

    5. Anonimo

      Dottore sto reflusso mi sta dannando l’ anima, ma il pantorc 40 modifica le feci , io al mattino ho le feci pesanti, affondano nella tazza e sono di scarsa entità, non è che devo fare qualche esame, un’ ulcera porta il reflusso?

    6. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Se le feci non galleggiano NON è un problema.
      2. L’ulcera di per sé non causa reflusso, ma possono esserci entrambi i problemi.

    7. Anonimo

      Dottore ho fatto gastroscopia ho sia l’ ulcera ormai guarita, gastrite ed helicobacter pylori , reflusso, ora ho iniziato cuRa antibiotica con ipp per 10 giorni, il problema che l omeoprazolo come il panto mi provocano insonnia, come devo fare per dormire, la tisana di valeriana non ha funzionato, che devo prendere il magnesio tipo il mag notte, mi dia una mano , in questi non ho reflusso, possibile che non dormi, il respiro va bene, non è che stato il cortisone datomi sbagliando un mese fa per curare infiammazione alla gola

    8. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Forse eviterei il magnesio in questa fase, valuti qualche rimedio più incisivo per dormire con il medico, da usare solo in questi 10 giorni di terapia.

La sezione commenti è attualmente chiusa.