Tutte le domande e le risposte per Reflusso gastroesofageo: cause, sintomi e rimedi
  1. Anonimo

    ma lei ritiene che possa essere utile fare una gastroscopia?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ un esame piuttosto invasivo e non me la sento di consigliarlo nella mia posizione; diciamo che potrebbe essere utile valutarla con il medico.

    2. Anonimo

      ma secondo lei gli eventi tachicardici possono considerarsi una conseguenza della sofferenza gastrica o devo continuare a fare anche esami cardiaci? e se si quali?
      grazie dei consigli
      A.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Gli esami fatti ci permettono di escludere problemi cardiaci, quindi viene da pensare che sia ernia iatale.

    4. Anonimo

      grazie. Approfondirò la questione. Mi darebbe il nome di uno sciroppo antireflusso e la posologia eventualmente?

      grazie, mi scusi e le assicuro che è l’ultima domanda.
      A.

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi dispiace, ma non posso prescrivere/suggerire farmaci.

  2. Anonimo

    Salve, ho scoperto da poco questo sito e soprattutto questa sezione ed ero interessato a togliermi qualche dubbio.
    Il mio medico, purtroppo, è sempre un po’ avaro di consigli/spiegazioni.
    Negli ultimi anni, purtroppo, tutti gli inverni soffrivo di una tosse insistente e che durava mesi. Dopo vari tentativi per curarla definitivamente o almeno capirne il motivo, e con molta insistenza verso il mio medico, ho fatto varie visite ed ho escluso varie alternative arrivando poi ad ipotizzare il reflusso gastrico.
    La tosse per sfortuna, o per fortuna, mi era già quasi passata quando abbiamo tentato la via del reflusso… la controprova quindi la avremo quest’inverno.
    Ora però, dopo un trattamento di qualche settimana, visto che avevo avuto problemi di deglutizione e un po’ di problemi di stomaco mi ritrovo nella situazione che, ogni volta che cerco di interrompere la terapia, dopo pochi giorni inizio nuovamente ad avere problemi.
    Questo da cosa può dipendere? Onestamente prima, dopo che mi andava via la tosse, non avevo più grossi problemi.
    Sicuramente, dopo varie letture, escluderò il te’ freddo che bevo in quantità e proverò a mangiare meno fritto (anche se già ora non ne mangio molto).
    Per il resto un po’ di moto lo faccio sempre, sono alto 1,75 e peso circa 72 kg.
    Grazie di tutto, saluti.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Al momento sto uscendo e resterò fuori quasi tutta la giornata, per non risponderle di corsa preferisco farlo al mio ritorno, ossia in serata.

    2. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Benissimo il miglioramento nella dieta e, se riuscisse a perdere qualche chilo, potrebbe essere di ulteriore aiuto.
      Esattamente che farmaci assume?
      Che problemi si manifestano alla sospensione della terapia?

    3. Anonimo

      Allora, il medico mi aveva prescritto “Lansoprazolo” 30mg. Finite quelle, non avendo ancora avuto tempo di passare nuovamente dal medico, in farmacia mi hanno dato “Pantoloc” 20 mg. Ad ogni modo in questi giorni dovrei tornare dal medico per vedere cosa fare.
      Quando smetto inizio ad avere momenti in cui faccio leggermente fatica a deglutire ed è come se avessi un po’ di saliva che sale nel naso (non so come spiegare la sensazione) e lo stomaco mi sembra più pesante e mi da un po’ fastidio.
      Il fatto che tenda a non passare, ipotizzo, è anche dovuto al fatto che sono un po’ sotto stress perchè sto comprando casa e quindi le cose da fare sono tante.
      Mi chiedevo una cosa, visto che ho notato benefici a spezzare i pasti, mangiando qualcosa a mettà mattina e nel primo pomeriggio, mi chiedevo se uno o due pacchetti di crackers o un pacchetto di grissini o qualche tarallo possono andar bene o sono sconsigliati. Altrimenti quali sono le alternative?
      Per la colazione ho sostituito il latte intero con quello scremato, spero di aver fatto bene.

    4. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Benissimo il passaggio al latte scremato (ma le ricordo che può comunque dare fastidio anche questo).
      Benissimo 5 spuntini anzichè 3 pasti.

      Finchè è sotto stress potrebbe anche pensare di continuare la terapia, poi provi a non interromperla di colpo, ma gradualmente (magari 2 settimane di Lansoprazolo 15 e poi qualche altro giorno a giorni alterni).

  3. Anonimo

    salve dottore soffro di reflusso da 2 anni e ho 18 anni. la mia cura consiste in una compressa di lansox 15mg la sera prima di andare a letto, volevo chiederle quando devo riprendere la cura ? perchè a volte dopo i pasti avverto un leggero bruciore ma non cosi forte da dover riprendere le pastiglie le cosa mi consiglia di fare ?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Ogni quanto e per quanto assume Lansox?
      Lo assume al bisogno “una tantum” o fa dei cicli?
      Sta attento all’alimentazione?
      Quanto pesa e quanto è alto?

    2. Anonimo

      sono alto 1.95cm x poco meno di 75kg sto attento alla alimentazione solo che non ho notato sul foglio illustrativo di seguire lansox per 4 settimane anziche per 2.

      lo posso riprendere a distanza di un mese o rischio un sovradosaggio ?

      solitamente con prima di lansox prendevo motillium un mese si un mese no poi cambia la cura in lasonprazolo che con un mese di cura mi diede un benessere di 6 mesi ora sto usando lansox che mi paro che abbia molto effetto rispetto agli altri 2.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Premesso che ho molti pazienti che lo assumono da anni ininterrottamente, senta anche il suo medico, ma a mio avviso non ci sono grossi problemi a riprenderlo se ne sente la necessità.

  4. Anonimo

    buon giorno sono una donna di 39 anni sono in stato interessante e stanotte ho avuto 3 o 4 fitte al petto nella parte sinistra,premetto che soffro di gastrite cronica e reflusso gastroesofageo e che queste fitte le ho avute anche una volta in primavera,mio marito continua a dirmi che sono attacchi di ansia perchè secondo lui andando io dallo psicologo ho sempre dolori di fantasia,ma io li ho, e l’attacco d’ansia mi viene dopo.Secondo lei cosa dovrei fare potrebbe essere infarto od altro o potrebbe essere lo stomaco?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In linea di massima mi viene da pensare allo stomaco, ma vale comunque la pena segnalarlo al medico e verificare una volta per tutta.
      Al momento che farmaci le permettono di assumere per il reflusso/gastrite?

    2. Anonimo

      mi hanno dato cure che ben poco hanno fatto effetto il gastroenterologo mi ha detto che essendo gastrite cronica con piccola ernia iatale c’è ben poco da fare eccetto una buona alimentazione comunque in gravidanza non ho sentito lo specialista anche perchè mi darebbe solo medicine che farebbero male al feto

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sono ancora più convinto che sia ernia iatale; senta lo specialista, non tutti i farmaci sono pericolosi per il feto e sarebbe sufficiente segnalarle lo stato di gravidanza.

    4. Anonimo

      grazie per la sua disponibilità

  5. Anonimo

    salve dottore, in breve cerchero di spiegarle i miei problemi ,da quasi un anno ho continui brolemi di stomaco quando finisco di mangiare ho semppre pesantezza alla bocca dell anima con lievi bruciori , e a volte ho anche dolore,sembra che il cibo resti fermo li, ma il problema piu fastidioso e anche il fatto che nn riesco a respirare bene e se sto seduto devo alzarmi .il mio dottore mi ha dato un po di cure ma nn con grande successo.devo limitarmi a mangiare per nn sentirmi pesante e gonfio e sinceramente nn e bello.poi quando mi tocco nella bocca dell anima sento un gonfiore come una bozza ,come mai?il mio dott. dice che e normale,dice che e lo stomaco.lei che mi consiglia?grazie cordiali saluti….

  6. Anonimo

    dimenticavo a volte nn riesco a ruttare sembro bloccato.grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Che cure ha provato e per quanto tempo?

  7. Anonimo

    se ricordo bene ho preso omeprazolo per 4 settimane…ho provato lucen , e anche un altro tipo che nn ricordo.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In questi casi ho visto associare inibitori di pompa (come omeprazolo e Lucen) ad altri farmaci (per il reflusso e per velocizzare lo svuotamento gastrico) fino a trovare sollievo.
      Con tutto questo non si può prescindere da una corretta alimentazione e, se fosse il caso, da una perdita di peso fino al proprio peso ideale.

  8. Anonimo

    quando mangio appena il cibo scende avverto dei leggeri dolorini dallo stomaco in giu che spariscono dopo un po. nn fumo nn bevo ne alcolici ne bib.gassate,niente fritture, solo qualche gelato sono alto 1,69 e il mio peso e di 67 kg.ho una gastroscopia per domani ma nn e che sia tanto convinto di farla .

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente è invece l’unico modo per capire esattamente la causa del problema; mi faccia sapere l’esito, ma potrebbe trattarsi di esofagite da reflusso o simile.

  9. Anonimo

    ok.grazie.

  10. Anonimo

    salve dott..fatta la gasstro nn ho pero il referto perche l ufficio tiket era chiuso e se nn prima pago il tiket nn me lo danno.kmq il dott mi ha detto che nn ho nulla solo una lieve infiammazione allo stomaco

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Meglio così, anche se resta da capire l’origine del problema.