Tutte le domande e le risposte per Prostatite: sintomi, cause e cura
  1. Anonimo

    Salve ho 27 anni, da qualche giorno accuso un leggero bruciore dopo la minzione ( dura solo qualche secondo ), alcuni giorni urino tantissimo ad intervalli regolari.

    Ho preso monuril e antibiotici ciproxin per 6 giorni… il sintomo non è scomparso. Ho fatto l’urinocultura e generico urine tutto negativo ( esami fatti dopo 3 giorni dal monuril, può averli falsati?).
    Accuso fastidio alla zona sotto i testicoli

    Premetto vita sedentaria ( lavoro )- bici per andare a lavoro e rapporti non protetti con la fidanzata.

    Vorrei sapere cosa ne pensasse.

    Saluti
    Secondo Lei potrebbe essere la prostata

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Sì, Monuril potrebbe aver avuto un peso nell’esito delle analisi.
      2. Consiglierei una verifica alla prostata.

    2. Anonimo

      ho la prostata infiiammata da circa 2 anni ho provato di tutto dai farmaci alla dieta che devo fare sto in crisi

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ necessario valutare con l’urologo farmaci diversi, se quelli provati non hanno avuto successo.

  2. Anonimo

    o fatto una BIOPSIA ALLA PROSTATA E DOPO DUE GIORNI MI E VENUTA LA FEBBRE E MI E AUMENTATO IL DESIDERIO DI FARE SPESSO LA PIPPI E QUANDO VADO NE FACCIO POCA E DOPO AVERLA FATTA MI RIMANE ANCORA LA SENZAZIONE DI NON AVERLA SVUOTATO LA VISCICA PRIMA DELL INTERVENTO NON AVEVO MAI AVUTO QUESTO PROBLEMA PUO ESSERE DOVUTO ALLA BIOPSIA STO PRENDENDO UN ANTIBIOTICO PRESCRITTO DAL CHILURGO RIESCO IN UNA GIORNATA A FARE CIRCA 900 CC DI PIPI IN CIRCA 12/13 VOLTE E BEVO MOLTO RINGRAZIO IN ATTESA DI UNA SUA RISPOSTA DISTINTI SALUTI

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, può essere che l’esame abbia causato una piccola infezione.

    2. Anonimo

      ringrazio per la sua risposta mi sono dimenticati di dirgli che sto prendendo un antibiotico da cinque giorni e devo prenderlo per altri cinque ci vorra ancora tanti giorni per tornare alla normalita la ringrazio nell attesa di una sua nuova risposta distinti saluti

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Quanti giorni fa ha fatto l’esame?

    4. Anonimo

      lunedi grazie

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Ok, diamo ancora tempo all’antibiotico di agire; se al termine della cura antibiotica persistessero i sintomi lo faccia presente al medico.

  3. Anonimo

    Salve,

    Mi e’ stata diagnosticata una epdidimite. L’urlogo che mi ha visitato mi ha detto che e’ la conseguenza di una prostatite. Sto facendo un corso di antibiotici (ciprofloxacin) da circa 20 giorni e ho notato che il dolore al testicolo destro e’ passato, ma sento ancora dolore sul lato destro del pavimento pelvico. Il dottore mi aveva detto che avrei potuto fare anche attivita’ fisica, ma ho provato a fare un po’ di palestra (pesi leggeri) e il dolore si e’ accentuato, e’ normale che cio’ accada, puo’ essere dovuto alla palestra? Poi vorrei chiederle un’altra cosa. Il pavimento pelvico presenta delle smagliature molto evidenti, in particolare sul lato destro (dove ho sempre avvertito il dolore), possono queste aver danneggiato in qualche modo la parte e quindi causato e/o favorito il presentarsi della prostatite.

    La ringrazio in anticipo per la risposta.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Il medico aveva espressamente avvallato l’attività con i pesi, od attività sportiva in genere?
      2. Non è il mio campo e quindi prenda le mie parole con il giusto peso, ma a mio avviso le smagliature non hanno alcun ruolo nel problema, potrebbe al limite essere vero l’opposto, ossia che la comparsa delle smagliature sia segno di infezioni/infiammazioni.

    2. Anonimo

      Si, il medico mi aveva consigliato di fare tutte le attivita’ che facevo prima, palestra inclusa, ma ho sospeso in quanto il dolore si e’ accentuato.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Tutto sommato condivido la scelta di sospendere per ora l’attività in palestra, potrebbe essere dovuto ad un po’ di infiammazione residua.

    4. Anonimo

      Grazie per le risposte. Crede che in futuro potro’ svolgere un’attivita’ fisica come il body building, qualora la prostatite diventasse cronica?

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A questo sinceramente non so risponderle, ma personalmente ho ancora la speranza fondata che possa risolvere.

    6. Anonimo

      Ad essere sincero non sono molto fiducioso, in quanto so che ci sono 4 tipi di prostatite, e a quanto pare, a meno che non si tratti di quella batterica (e non e’ il mio caso in quanto tutte le analisi sono state negative), le altre 3 sono molto difficili da curare.

  4. Anonimo

    Ho fatto esami del sangue, il psa risulta 5,4 sto assumendo farmaci ” mittoval ” alcuni urologi mi consigliano di fare un intervento chirurgico, altri di attendere. Premetto che ho superato i 60 anni. Non mi alzo alla notte per fare la p…. ma al mattino quando la faccio ho la sensazione di non svuotarmi completamente perchè dopo un ora devo rifarla.
    Grazie per l’eventuale risposta

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Da quanto assume Mittoval?

    2. Anonimo

      da circa 3 mesi

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Esattamente che intervento le è stato consigliato?
      La diagnosi esatta qual è?

    4. Anonimo

      Mi è stato consigliato un ntervento attraverso il retto, non ricordo più come si chiama esattamente ma presumo che sia meno invadente che l’intervento tradizionale.
      Grazie per le risposte

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Senza la diagnosi esatta ed il tipo di intervento è difficile fare considerazioni, ma sicuramente è stata scelta la strada migliore.

  5. Anonimo

    Da qualche anno (la mia età 77 anni) soffro dei mali della prostata.
    Di giorno nessun problema, non ho perdite urinarie, ho la massima autonomia.
    Il problema, purtroppo, si pone di notte.
    Dopo le prime ore di sonno, sono costretto ad alzarmi, non certamente per andare in bagno ma perchè, nella posizione supina, accuso un malessere che rasenta la soglia del dolore.
    Aspetto che “adda passa a nuttata”
    Vorrei aggiungere che, la mattina, dopo aver defecato, mi sento benissimo, quasi in paradiso.
    E, per concludere, vorrei sapere se esiste un medicinale (nel formato supposta) che placa questa tortura durante le ore notturne.
    Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Di pomeriggio riposa? Accusa gli stessi fastidi?

  6. Anonimo

    nel pomeriggio sonnicchio una ventina di minuti e credo di non aver alcun problema.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sinceramente non sono così sicuro che la causa dei suoi disturbi notturni sia la prostata, ma per una diagnosi più concreta è sicuramente opportuno sentire un medico.

  7. Anonimo

    Sono stato operato a gennaio di aneurisma addominale..intervento ok problema penso dovuto all’intervento non ho piu liquido seminale durante il rapporto sessuale. Valore PSA 4,1 PROSTATA UN Pò igrossata nessun dolore da segnalare…di notte mi alzo una volta o due per urinare. Domanda prima dell’intervento valore PSA 2,9 PUò INLUIRE l’assenza di liquido seminale alla alterazione del valore del PSA ? o DIPENDE dall’ipertrofia prostatica? Naturalmente mi prenoto una visita urologica. Certo di una risposta saluti.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi faccia capire meglio, al momento dell’eiaculazione non c’è alcuna fuoriuscita di sperma?

  8. Anonimo

    esatto non c’è nessuna fuoriuscita di sperma. La dott che mi ha operato mi aveva preventivato che poteva succedere…anzi diceva che capita spesso…?!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Credo che si tratti di eiaculazione retrograda; può provare a sentire un andrologo, ma temo che non ci sia molto da fare purtroppo.

  9. Anonimo

    egr. dott, sono stato operato nel 2007 per sospetta torsione al testicolo sn. avevo molto dolore.nel 2011 ho fatto un ecodoppler e la diagnosi ha confermato nel testicolo sn diffuse modeste irregolarita’ di fondo. successivamente sono stato a visita urologica e il medico miha diagnosticato prostata teso congesta abbo ndante secrezioneopalescente dopo massaggio.conclusioni prostatite acuta .cura conlevoxacin e brufen .dopo due mesi a controllo.permane dolenzia al didimo sn si consiglia levofloxacina 500 e ketoprofene.controllo dopo 20 giorni.sono ritornato oggi e dopo visita il referto mi dice che homigliorato ma,c’e’ una pregressa flogosi prostatica .cura per circa 40 giorni con ferprost e dopo a controllo.come posso guarire.mille grazie

  10. Anonimo

    grazie mille

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non ci sono alternative ad insistere con le cure prescritte; sono situazioni che talvolta richiedono tempi lunghi, ma in genere si riesce a risolvere.