Pneumotorace: sintomi, cause e cura

Ultimo Aggiornamento: 31 giorni

Introduzione

Nello spazio pleurico, si possono accumulare aria o gas. Questa condizione è nota come . Le cause di pneumotorace possono essere una malattia polmonare o una lesione polmonare acuta.

Anche alcuni interventi sui polmoni possono causare pneumotorace, per esempio procedure chirurgiche, drenaggio di liquidi con un ago, broncoscopia e ventilazione meccanica.

Talvolta, la causa non è nota.

I sintomi tipici di pneumotorace sono il dolore improvviso da un lato del polmone e l’affanno. La presenza di aria o gas nello spazio pleurico può anche esercitare una pressione sul polmone e determinarne il collasso.

Uno pneumotorace di piccole dimensioni può scomparire senza trattamento. Se di grandi dimensioni, può essere necessario rimuovere l’aria o il gas dallo spazio pleurico.

Se molto ampio, lo pneumotorace può interferire con la circolazione del sangue nel torace e causare una caduta della pressione arteriosa. Si parla in questi casi di pneumotorace iperteso.

Non esiste alcun modo per evitare lo pneumotorace, ma smettere di fumare è la strategia più efficace per ridurre significativamente le probabilità di recidiva.

Causa

Malattie polmonari o lesioni polmonari acute facilitano lo sviluppo di uno pneumotorace (accumulo di aria o gas nello spazio pleurico).

Tra le malattie polmonari, ci sono le BPCO (broncopneumopatie croniche ostruttive), la tubercolosi e la linfoangioleiomiomatosi.

Anche la chirurgia o una lesione toracica possono determinare uno pneumotorace.

La condizione può insorgere infine anche in assenza di malattie polmonari o lesioni toraciche individuabili; si parla in questi casi di pneumotorace spontaneo. Fumare aumenta il rischio di pneumotorace spontaneo. Anche un’anamnesi famigliare positiva rappresenta un fattore di rischio.

Sintomi

I sintomi caratteristici dello pneumotorace sono:

  • dolore toracico improvviso e acuto, che peggiora respirando profondamente o tossendo,
  • affanno,
  • oppressione toracica,
  • stanchezza,
  • aumento della frequenza cardiaca,
  • aspetto bluastro della pelle (cianosi) dovuto alla carenza di ossigeno.

Altri possibili sintomi sono

Diagnosi

Un disturbo a livello della pleura viene diagnosticato in base ad anamnesi, esame obiettivo ed esami strumentali.

Sarà necessario escludere altri motivi della sintomatologia. Sarà necessario scoprire la causa sottostante in modo da poterla trattare.

Anamnesi ed esame obiettivo

Il medico costruisce l’anamnesi facendo una serie di domande specifiche. In particolare, sarà importante descrivere l’eventuale sintomatologia dolorosa, soprattutto:

  • tipo di dolore,
  • sede del dolore e se irradiato a braccia, mandibola o spalle,
  • insorgenza ed eventuale intermittenza,
  • fattori che alleviano o peggiorano il dolore.

Il medico vorrà sapere dell’esistenza di altri sintomi, come affanno, tosse o palpitazioni. Queste ultime sono percepite come battiti mancanti o battiti troppo rapidi.

L’auscultazione toracica con lo stetoscopico serve a rilevare eventuali suoni respiratori abnormi.

Suoni respiratori smorzati o sordi possono indicare anche uno pneumotorace.

Indagini diagnostiche

  • Radiografia del torace: Una radiografia del torace acquisisce in modo non doloroso immagini degli organi e delle strutture all’interno del torace, come cuore, polmoni e vasi sanguigni. L’esame può mostrare aria o liquido nello spazio pleurico. Può anche evidenziare la causa del problema pleurico, per esempio una polmonite, una costa fratturata o un tumore polmonare. Talvolta, la radiografia viene acquisita con il paziente sdraiato sul fianco. Questa posizione può mostrare liquido non rilevabile ai raggi X se il paziente è in piedi.
  • TAC toracica: La TAC (tomografia computerizzata) toracica genera in modo non doloroso immagini degli organi e delle strutture all’interno del torace. Fornisce immagini computerizzate dei polmoni che possono mostrare sacche di liquido. Le immagini possono evidenziare anche segni di polmonite, ascessi o tumori polmonari, o altre cause di disturbi pleurici.
  • Ecografia: L’ecografia usa gli ultrasuoni per generare immagini dei polmoni. Gli ultrasuoni possono mostrare la sede di raccolte liquide nel torace. L’ecografia può anche evidenziare alcuni tumori.

Cura

L’obiettivo del trattamento di questa condizione è alleviare la pressione esercitata sul polmone, con lo scopo di assicurarne la riespansione.

In molti casi una condizione di pneumotorace non richiede alcun trattamento (situazione tipica dei piccoli pneumotoraci spontanei), in quanto destinato a risolversi spontaneamente in circa una decina di giorni, durante i quali il paziente viene costantemente monitorato a livello ospedaliero attraverso periodiche radiografie.

quando necessario, il trattamento dipende da diversi fattori, tra cui

  • gravità dei sintomi,
  • presenza di una malattia polmonare di base,
  • dimensione stimata del pneumotorace (in base al referto radiografico),
  • preferenze del paziente.

Gli esercizi di respirazione possono essere utili per favorire l’espansione polmonare.

Nel caso di varianti più aggressive lo pneumologo può optare per sottoporre il paziente a drenaggio toracico, una procedura che consiste nell’inserire un ago cavo od un tubicino tra le costole, precisamente nello spazio pleurico riempito di aria che preme sul polmone collassato.

Il tubo è collegato ad un sistema di aspirazione in grado di rimuovere costantemente l’aria presente.

L’intervento chirurgico può essere raccomandato sia quando il drenaggio non ha portato esiti soddisfacenti, sia come forma precauzionale per evitare l’insorgere di recidive.

Nel caso dello pneumotorace secondario ad altre patologie la scelta del trattamento verrà effettuata tenendo conto della patologia alla base e delle condizioni di salute generali del paziente.

Fonte:  (adattamento a cura della Dr.ssa Greppi Barbara)

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

La sezione commenti è attualmente chiusa.