Peritonite, i sintomi per riconoscerla e le cause scatenanti

Ultimo Aggiornamento: 4 giorni

Introduzione

La è un’infiammazione (irritazione) del peritoneo, che è una sottile membrana sottesa sulla parete interna dell’addome e che copre la maggioranza degli organi addominali.

È causata da un’infezione che si diffonde rapidamente e, proprio per questo, richiede un intervento medico tempestivo per contrastarla e per trattare eventuali condizioni sottostanti. Il trattamento generalmente necessita di antibiotici e, in alcuni casi, della chirurgia. Se non trattata può portare a un’infezione disseminata grave, potenzialmente mortale.

I sintomi principali della peritonite sono:

  • improvviso dolore addominale, che diviene via via più severo,
  • nausea,
  • mancanza di appetito,
  • febbre.

La ragione per cui l’appendicite viene di solito trattata molto rapidamente ed in modo aggressivo (con antibiotici o con l’intervento chirurgico) è proprio dovuta ai rischi derivanti dalla possibile degenerazione della malattia.

Cause

La patologia è dovuta a una raccolta di

  • sangue,
  • fluidi corporei
  • o pus in addome (ascesso intra-addominale).

Peritonite spontanea

La peritonite spontanea è per lo più dovuta all’infezione del liquido che si raccoglie nella cavità peritoneale (ascite). Malattie avanzate del rene o del fegato sono spesso associate a raccolte di liquido.

I fattori di rischio per le malattie del fegato (epatiche) sono:

La peritonite spontanea si manifesta anche in individui in dialisi peritoneale per insufficienza renale, oppure può essere dovuta a

  • infiammazione,
  • infezione,
  • lesioni dell’intestino.

Peritonite secondaria

Questa denominazione implica che la peritonite è conseguente (secondaria) a un’altra condizione. È quasi sempre causata da un’infezione che si diffonde dal tratto digerente, con i batteri possono arrivare al peritoneo a seguito di una perforazione del tratto gastrointestinale.

La perforazione può originare da

Può anche essere conseguente ad una ferita, ad esempio da arma da sparo o da taglio.

La forma secondaria può essere innescata anche dall’eventuale presenza di bile o altre sostanze chimiche prodotte dal pancreas (gli enzimi pancreatici) penetrate per una qualche ragione nella cavità addominale.

Sostanze esterne al corpo possono anch’esse causare una peritonite secondaria, se entrano nella cavità peritoneale; può succedere per esempio con l’impiego di cateteri di dialisi peritoneale o di sonde alimentari.

L’infezione può anche colpire neonati prematuri con enterocolite necrotizzante.

Fattori di rischio

Tra i principali fattori di rischio ricordiamo:

  • procedure mediche, come la dialisi peritoneale;
  • rottura dell’appendice, ulcera gastrica o colon perforato;
  • pancreatite; l’infiammazione del pancreas (pancreatite) complicata da un’infezione può portare a peritonite se i batteri si diffondono al di fuori del pancreas;
  • diverticolite; l’infezione di piccole tasche protruse (diverticoli) del tratto digerente può portare a peritonite se un diverticolo si rompe, spandendo residui intestinali in addome;
  • trauma; ferite o traumi possono portare a peritonite consentendo a batteri o sostanze chimiche provenienti da altre parti del corpo di entrare in peritoneo.

Una peritonite che si sviluppi in assenza di rotture in addome (spontanea) è generalmente una complicanza di una malattia epatica, come la cirrosi. Negli stadi più avanzati la cirrosi causa grossi accumuli di fluido nella cavità addominale (ascite), ossia raccolte di liquido particolarmente soggette a infezioni batteriche.

Sintomi

Il paziente con peritonite presente una pancia (addome) molto dolente e/o sensibile al tocco; il dolore può peggiorare quando si tocca la pancia o con il movimento e per questo i pazienti tendono a restare di solito in posizione fetale.

La pancia può essere, o essere percepita, gonfia (questa condizione viene chiamata distensione addominale).

Altri sintomi della peritonite possono essere:

  • febbre e brividi,
  • scarsa (o assente) evacuazione di aria e feci,
  • estremo affaticamento,
  • scarsa emissione di urina,
  • nausea e vomito,
  • polso accelerato,
  • affanno,
  • riduzione dell’appetito,
  • sete,
  • incapacità a defecare o emettere gas.

Ci possono essere segni di shock.

Quando chiamare il medico

La malattia può essere mortale se non viene trattata tempestivamente. Contattare il proprio medico immediatamente, o rivolgersi al Pronto Soccorso, a fronte di dolore forte all’addome che peggiora con il tempo, gonfiore di pancia o una sensazione di pienezza associata con:

  • febbre,
  • nausea e vomito,
  • scarsa emissione di urina,
  • sete,
  • incapacità a defecare o emettere gas,

Pericoli

Il decorso spazia dalla completa guarigione a infezioni drammatiche, anche mortali. I fattori che determinano la prognosi sono:

  • durata della sintomatologia prima dell’inizio del trattamento,
  • condizioni generali del paziente.

L’infiammazione della cavità peritoneale causata da batteri può determinare un’infezione del sangue (sepsi), una malattia grave.

È necessario identificare la causa e trattarla tempestivamente per evitare vari tipi di complicazioni, come ad esempio:

  • Peritonite spontanea
    • Encefalopatia epatica
    • Sindrome epatorenale
    • Sepsi
  • Peritonite secondaria
    • Ascessi
    • Cancrena (morte del tessuto) intestinale
    • Aderenze intraperitoneali (una causa potenziale di ostruzioni intestinali nel tempo)
    • Shock settico

Diagnosi

Per la diagnosi il medico si avvale dell’anamnesi attraverso una serie di domande al paziente, oltre ad una visita medica.

Nel caso di peritonite associata alla dialisi peritoneale i sintomi sono di norma sufficienti per porre una diagnosi, mentre nelle altre situazioni potrebbe non essere così scontata e ci si può avvalere di diversi strumenti:

  • Esami del sangue: Il medico potrebbe decidere di valutare l’emocromo e, più in particolare, la conta dei globuli bianchi; potrebbe inoltre venire richiesta un’emocoltura per evidenziare eventuali batteri nel sangue.
  • Test di imaging: I raggi X possono essere utili per evidenziare eventuali perforazioni degli organi del tratto gastrointestinale; utile anche l’ecografia ed eventualmente la TAC. Queste tecniche sono spesso in grado di rilevare danni interni all’addome, come ad esempio una appendice infiammata, un’ulcera allo stomaco o un’estesa infiammazione del colon.
  • Analisi del fluido peritoneale: Attraverso l’utilizzo di un piccolo ago è possibile prelevare un piccolo campione del fluido presente nel peritoneo; in caso di peritonite il fluido presenterà un elevato livello di globuli bianchi, che indicano la presenza di infezione.

Cura e terapia

Nel caso in cui venga diagnosticata questa infezione è necessario il ricovero in ospedale ed il trattamento può prevedere:

  • Antibiotici: Il trattamento iniziale in genere prevede la somministrazione di farmaci antibiotici e/o antimicotici, per almeno 10-14 giorni, di norma per via endovenosa; in caso di peritonite da dialisi peritoneale i farmaci possono essere iniettati direttamente nel peritoneo.
  • Chirurgia: L’intervento chirurgico è spesso necessario per rimuovere i tessuti infetti, trattando così la causa dell’infezione e prevenendo la sua infezione (soprattutto nel caso di appendicite o rottura di stomaco o colon).
  • Altro: La maggior parte dei pazienti ricoverati manifestano l’impossibilità di nutrirsi autonomamente a causa di problemi digestivi, quindi spesso si ricorre a soluzioni alternative come il sondino nasogastrico o la nutrizione parenterale. In base alle condizioni di salute i medici potranno poi ricorrere ad altre terapie di supporto, che possono includere antidolorifici, fluidi per la reidratazione, ossigenazione ed in alcuni casi una trasfusione di sangue.

Prevenzione

La peritonite associata alla dialisi peritoneale è spesso causata da microrganismi presenti sul catetere, per cui si raccomanda quanto segue:

  1. Lavarsi bene le mani, insistendo sotto le unghie, prima di maneggiare il catetere.
  2. Disinfettare la pelle attorno al catetere tutti i giorni.
  3. Indossare una mascherina durante la dialisi.
  4. In caso di animali in casa non dormire con loro.
  5. Farsi spiegare dal nefrologo come maneggiare il catetere.

Fonti Principale:

  • , licensed under the

(traduzione ed integrazione a cura della Dr.ssa Barbara Greppi)

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Aiuto! Ho mal di pancia da mesi e il medico dice sempre che è colite, ma io ho paura che sia appendicite e quindi di rischiare una peritonite!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Premesso che non c’è motivo di dubitare della diagnosi del medico, dopo diversi mesi un’appendicite non curata e non risolta sarebbe probabilmente già esacerbata in disturbi più seri, ritengo quindi francamente improbabile che possa essere questa la spiegazione dei fastidi.

La sezione commenti è attualmente chiusa.