1. Anonimo

    Grazie mille Dottore!

  2. Anonimo

    Salve dottore.
    Ho 44 anni, alto 175 cm x 84 kg.
    Negli ultimi tempi mi sento molto stanco fisicamente. Anche la mia normale attività lavorativa (infermiere in ospedale) è diventata come un macigno. Alla fine della giornata sono “stravolto”. Sono anche molto ansioso e sento un agitazione interna molto forte. Di notte i miei risvegli sono frequenti, di solito attorno alle 3. Oltre agli esami del sangue, che hanno rivelato una carenza di calcio e vit. D, ho eseguito un ecg, un ecg da sforzo e una ecocardiografia: tutto nella norma. Il problema che nelle ultime notto mi sveglio con la sensazione che qualcosa non funzioni. Inizio a sudare freddo, sono pallido e mi parte una tachicardia sui 130 b/min. Che dura 10 – 15 min e che gestisco prendendo un ansiolitico, xanax e a volte un betabloccante. Mi devo preoccupare dopo aver svolto cmq da poco tempo gli esami cardiologici sopra descritti? Può essere dovuto allo stress (distress cronico) o all’ansia persistente? La ringrazio per la sua attenzione e gentilezza nel rispondermi. Cordiali saluti.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Alla luce degli esami condivido la sua ipotesi che la causa siano stress ed ansia.

  3. Anonimo

    Buongiorno Dottore, ho 29 anni peso 63kg e sono alto 175cm, da circa 10 anni soffro di tachicardia, battiti a riposo circa 80-90 al minuto, poi quando mi viene la tachicardia o nei periodi più stressanti anche 120-130. Oltre alla tachicardia peró ho anche sensazione di extrasistoli, dolori o pressioni alla schiena (altezza cuore) o al petto, faccio fatica a respirare o a digerire, tensione generalizzata, sudore freddo, formicolii al braccio sx e unghie di colore violaceo (soprattutto nei periodi freddi) sempre mani e piedi freddi. I sintomi li ho molto spesso (quasi tutti i giorni) anche se non tutti insieme, alcune volte solo fastidi generalizzati altre volte dolori. In questi 10 anni ho fatto circa un ECG all’anno (circa 15) e altrettanti ECG sottosforzo(10-12) (abilità sportiva) sempre risultati nella norma. Nel 2006 ho fatto altre visite specialistiche, un ECG da sforzo con la cyclette e non con il classico cubo, con esito: “Non risulta indicativa di ridotta. Riserva coronarica.
    Regolare incremento della PA” e anche un Holter con esito: ” Ritmo sinusale a tendenza tachicardico, No disturbi a conduzione ne pause patologiche, Rarissime extrasistoli ventricolari e battito extrasistolico ventricolare. No modificazioni di ripolarizzazione”. Sentendo i medici è solo ansia. Dopo il 2006 ho fatto altre ECG e ECG sotto sforzo (prova col cubo per abilità sportiva) tutte risultate nella norma. A febbraio 2013 ho fatto anche un’ ecografia al cuore perchè nella prova sottosforzo risultava una forte tachicardia 180battiti/min, l’esito dell’ecografia: “Lembi mitralici fini e mobili lievemente rindondanti con inginocchiamento del LAM. rigurgito valvolare trascurabile.
    Minimo scollamento pericardico sistolico della parete laterale.
    Reperti ecografici nei limiti” il cardiologo e il mio medico mi hanno detto che alla fine non c’è nulla di grave o di riconducibile alla tachicardia e che i sintomi che sento sono dovuti all’ansia e stress. Ho fatto anche le analisi per la tiroide, tutto nella norma.
    Ora la mia domanda è se posso davvero stare tranquillo che sia solo ansia ( sono un tipo moolto ipocondriaco e ansioso) e se questa elevata tachicardia mentre faccio anche delle attività fisiche blande sia pericolosa.
    Scusi per la lunghissima domanda
    Saluti

    1. Anonimo

      Innanzi tutto grazie per la risposta velocissima, per quanto riguarda i sintomi da Lei linkati si in parte mi riconosco, nel senso che anche nei periodi di non molto freddo ho sempre le mani e i piedi freddi con le unghie tendente al viola. Quando poi si scaldano le unghie diventano leggermente più di un colore normale. In più faccio sempre fatica a riscaldare i piedi anche con calzini abbastanza pesanti.
      anche formicolii o sensazione di pulsazioni alle mani o prurito in inverno o mezze stagioni sono frequenti.
      Per quanto riguarda l’attività fisica ho già sentito sia il cardiologo che mi ha fatto l’ecocardiogramma sia il medico che mi ha dato l’abilitazione sportiva, sui regimi di tachicardia o battiti da tenere massimo, non hanno specificato nulla, in più vorrei iniziare a fare un pò di palestra ma sinceramente sono preoccupato per la tachicardia dato che già se faccio 20 minuti di cyclette a 25-30 km/h a pendenza piana ho già 140-160 battiti/minuto..

    2. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo per ovvi motivi di responsabilità non posso essere io ad indicarle i limiti massimi da non superare, mi dispiace.

  4. Anonimo

    Salve dottore ho trenta anni e sono mamma di tre figli l anno scorso ho sofferto d ansia che ho curato con farmaci ora non mi sento più ansiosa ma ho palpitazioni tutti i giorni da allora ho preso sedativi ma nulla da fare non se ne vanno ho fatto un ECG e risultato bene il cardiologo dice che vengono dalle sigarette io fumo molto ma la mia domanda e questa fumo da sedici anni e non ho mai avuto problemi perche ora la sigaretta potrebbe portarmi questo eerche mi sono comparse dopo l ansia e se tolgo il fumo dopo quanto non li avvertito più grazie la prego di rispondere ne ho bisogno grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Eliminando il fumo probabilmente sparirebbero in pochi giorni.

  5. Anonimo

    Quindi anche lei mi consiglia che e il fumo la causa di tutto ciò sono contenta che sia cosi.perche incominciavo a credere di non avere più speranze di avere un anomalia senza poterci fare più niente la ringrazio di avermi subito risposto sicuramente ora sono più convinta di volere buttare via questo orrendo e stupido vizio grazie mille

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non posso garantirglielo, ma ne sono abbastanza sicuro.

  6. Anonimo

    Salve ho20anni e sono un ragazzo sento parlare sempre di questa palpitazioni ma volevo chiedere ma quando si tratta di ansia o di stress arrivano e durano attimi o possono persistere 24oresu 24e se prendendo farmaci si tolgono grazie e b giorno

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. La durata dipende dai casi, ma vanno comunque sempre sottoposte prima di tutto al medico per una conferma che siano da stress.
      2. Prima di arrivare ai farmaci, quando possibile, si prova a ridurre l’impatto della causa scatenante.

  7. Anonimo

    Salve dottore sono una mamma di 28anni caratterialmente sono sempre frettulosa nel are le cose soprattutto nelle faccende di casa mi sveglio presto anche di domenica per fare subito i servizi la mia domanda e questa tutto ciò fa parte del mio carattere o tutto ciò e ansia grazie e distinti saluti

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente entrambe le cose.

  8. Anonimo

    Salve dottore e b giorno volevo chiedere se chi soffre d ansia soffre sempre d insonnia grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      No, non necessariamente.

  9. Anonimo

    Salve e buona giornata bo 19anni e sono una ragazza volevo chiedere se il fumo peggiora i sintomi fisici dell ansia e se non si fuma più diventeranno molto più leggeri grazie mille e cordiali saluti

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, confermo che smettendo di fumare (e superato il primo periodo di astinenza) i sintomi di ansia dovuto all’effetto eccitante della caffeina diminuiranno sensibilmente.

  10. Anonimo

    B giorno volevo sapere se chi soffre d ansia ha tachicardia sempre grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      No, non necessariamente sempre.