1. Anonimo

    buonasera, avrei bisogno di un parere . È da qualche mese che soffro di uno strano dolore o indolenzimento localizzato a sinistra della bocca dello stomaco, sotto le costole. Non ho acidità, reflusso o nausea , solo questo dolore che assomiglia al dolore da fatica quando si corre. Ogni tanto vedo che i movimenti di flessione del busto in avanti mi fanno percepire il disturbo e spesso anche il nervoso, soffro d ansia infatti. Come potrei sapere se trattasi di qualcosa di muscolare o di una qualche forma di affezzione allo stomaco? La zona è quella dello stomaco? È sotto le costole di sinistra quindi non dovrebbe essere intercostale credo. Una cosa che ho notato è un aumento dell appetito, ho veramente sempre fame. Quando mi viene ovviamente mi contraggo in avanti e quindi poi non riesco a capire se sia muscolo o no . Ho fatto un ecografia un mese e mezzo fa ed era tutto ok. Si vede lo stomaco dall ecografia? Sono un pò preoccupato che si tratti di un ulcera … Prendo il lucen da 4 giorni su consiglio medico . Dice che se è lo stomaco passa con questo farmaco altrimenti la causa è un altra. Grazie in anticipo.

    1. Anonimo

      dimenticavo, questo problema di dolore alla zona dello stomaco mi capita spesso quando esco di casa, nel senso che a casa non sento fastidio e magari esco a portare il cane e arriva . Comunque ogni tanto mi da un pò fastidio anche la bocca dello stomaco, ma raramente. Possono lo stress e le contrazioni involontarie dovute all ansia portare a questo? E causare gastriti e ulcere? È da un parecchio che sono in ansia, circa un anno e mezzo , ho avuto qualche attacco di panico ma ora sotto quell aspetto va meglio. Grazie ancora

    2. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A mio avviso è ansia, in ogni caso condivido il tentativo con Lucen per escludere problemi allo stomaco.

    3. Anonimo

      ma dolore – fastidio a metà strada tra ombelico e sterno insieme a rumori di stomaco cosa può significare? Il lucen che prendo da una settimana non sembra sortire grandi effetti . Il medico dice che se il lucen non da miglioramenti lo stomaco è apposto perché ulcere o grastriti devono migliorare con questo farmaco. Possibile? … Vivo male e non so cosa fare. Se mi agito peggiora ma non si può vivere sotto una campana di vetro. Grazie 🙂

    4. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Condivido il parere del medico e ribadisco che, a mio avviso, è rilevante la componente ansiosa.

    5. Anonimo

      salve, sono ancora qui alle prese con fastidi allo stomaco o comunque in quella zona.dopo più di 2 settimane di lucen 20 al mattino la situazione risulta invariata . Fastidi al lato sinistro della bocca dello stomaco e alla bocca stessa . Se il lucen non ha fatto nulla cosa potrebbe significare?grazie

    6. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ migliorato o non è cambiato nulla?

    7. Anonimo

      direi che non è cambiato nulla … Dormo bene poi appena mi sveglio sento questo fastidio al lato sinistro affianco alla bocca dello stomaco. Se mi innervosisco peggiora . Non vedo collegamenti con cibi o bevande . Niente nausea o acidità .. Sembra un pò strano

    8. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il fatto che si acuisca di notte e con il nervosismo farebbe comunque pensare a questo problema; termini il periodo consigliato, nel caso non fosse ancora passato è possibile che le venga aumentata la dose.

    9. Anonimo

      forse mi sono espresso male . Di notte non è presente, solo di giorno …

    10. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Chiedo scusa, avevo inteso che i risvegli fossero dovuti al dolore; in questo caso mi verrebbe da pensare ad una causa esclusivamente ansiosa.

    11. Anonimo

      ho il timore che possa essere una gastrite o un ulcera, secondo lei in quel caso il lucen avrebbe fatto passare il fastidio? Se è dovuto all ansia quale potrebbe essere la soluzione? Grazie ancora

    12. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se fosse gastrite od ulcera è probabile che lo sentirebbe anche di notte, se fosse ansia in genere si interviene con farmaci come il Lucen ed ansiolitici se necessario.

  2. Anonimo

    buonasera….ho questo dolore e gonfiore allo stomaco, lo stress o il nervoso puo influire?? anche perche non sto mangiando cose grasse, ma da un bel po che mangia in bianco x la gastrite….grazie anna
    Ps.: prendo il riopan

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Stress e nervosismo possono arrivare a causare, in casi estremi, ulcere allo stomaco; se Riopan non è sufficiente valuti con il medico o con il suo farmacista farmaci più efficaci.

  3. Anonimo

    Ciao . Il mio migliore amico ha un problema di stomaco. Ultimamente mi ha detto che aveva sensazione di vomito poi oggi mi ha detto di aver vomitato un po’ di sangue

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ possibile che non sia una cosa grave, ma la presenza di sangue impone una visita medica.

  4. Anonimo

    da quasi un anno ho mal di pancia acidita’ diarrea e mi diventa la pancia durissima.non so cosa devo fare ho fatto ecografia all’addome negativa,ho fatto tutti i tipi di esame del sangue tutto negativo,ho fatto il test di intolleranza e sono intollerante a tante cose ma non ci credo che sia dovuto a qs.ho fatto la colonscopia risultato colite acuta,ho fatto la gastroscopia e ho l’ernia iatale,non so piu che fare AIUTAATEMI

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Che intolleranze sono emerse e che tipo di test ha fatto? Per l’ernia iatale le sono state prescritte cure?

    2. Anonimo

      INTOLLERANTE HAI FORMAGGI FUSI,PEPE,SEDANO,SARDE,FAGIOLI.IL TEST E STATO FATO CON PRELIEVO SANGUE,NON MI HANNO PRESCRITTO NESSUNA CURA

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Valuterei con il suo medico di ricorrere a farmaci per ridurre acidità e reflusso causati dell’ernia iatale, mentre per la diarrea (portata dalla colite) bisogna proprio fare attenzione a quello che si mangia.

  5. Anonimo

    salve io sono all’11° settimana di gravidanza e già quasi dacchè l’ho scoperto ho iniziato ad accusare forti dolori allo stomaco che mi arrivano alla schiena.Premetto che di stomaco ho sempre sofferto e prendevo il pariet poi ho sospeso questa primavera e stavo meglio ma ora sono punto e a capo.Durante i miei pasti sono abbastanza ansiosa per nn dire proprio nervosa perchè ho una bimba di tre anni che nn ne vuole mai sapere di mangiare ma a parte questo cerco di nn pasticciare con gli alimenti.Ora con il fatto che sono anche in gravidanza nn so come fare anche perchè i sintomi nn sono tutti i giorni volte di più volte di meno quindi nn capisco da cosa può dipendere gradirei un consiglio grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ un problema piuttosto comune in gravidanza, probabilmente acuito dal fatto che per lei sia un problema di cui ha già sofferto; riporto dalle linee guida nazionali per la gravidanza:

      **
      La pirosi gastrica è un disturbo descritto come bruciore e disagio percepiti nella zona retrosternale e/o nell’esofago. Può essere associato a reflusso esofageo. A eziologia non chiara, è una probabile conseguenza di alterazioni ormonali che interferiscono con la motilità gastrica.
      La pirosi gastrica è un disturbo comune in gravidanza. Uno studio condotto su 607
      donne ha rilevato che la frequenza del sintomo è correlata all’epoca gestazionale: il 22% delle gravide ha dichiarato di soffrire di pirosi gastrica nel primo trimestre, il 39% nel secondo trimestre e il 72% nel terzo trimestre. […] La pirosi gastrica non è associata a esiti avversi di gravidanza e il suo trattamento è esclusivamente mirato al sollievo dei sintomi.
      Sono disponibili diversi interventi, farmacologici e non. Quelli non farmacologici includono modificazioni nell’alimentazione (riduzione di cibi ad alto contenuto di grassi e gastro irritanti come la caffeina, consumo di piccoli pasti frequenti, eliminazione di cibi piccanti dalla dieta) e nella postura (posizione eretta specie dopo i pasti, leggermente sollevata durante il sonno).
      Il trattamento farmacologico prevede l’assunzione di antiacidi (basi deboli che reagiscono con l’acido cloridrico dello stomaco, formando sale e acqua), di inibitori della secrezione di acidi, come gli antistaminici anti-H2 ad azione competitiva con l’istamina per i recettori H2 delle cellule parietali gastriche, e gli inibitori della pompa protonica.
      **

      In altre parole è un qualcosa di comune e non preoccupante; se gli interventi sullo stile di vita non fossero sufficienti, il ginecologo potrà consigliarle farmaci sicuri.

  6. Anonimo

    salve in passato ho avuto problemi di reflusso gastroesofageo,
    col tempo passò. ora mi è tornato un dolore riconducibile ad una gastrite che mi prende alla bocca dello stomaco sempre più di frequente.presumo sia un problema psicosomatico
    lo scaricamento dei periodi di stress nello stomaco.
    stò provando con prodotti erboristici in cui credo molto, ma il dolore persiste.
    che dovrei fare?
    grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sentirei il medico per valutare farmaci un po’ più incisivi, anche se naturalmente la rimozione della fonte di stress sarebbe il primo obiettivo da perseguire.

  7. Anonimo

    buongiorno vorrei porle il mio problema:da circa 4 mesi soffro di un leggero bruciore a sinistra dello stomaco dopo 5 ore dai pasti,questo bruciore scompare dopo 45 minuti.tengo a precisare che quando mi distendo il bruciore scompare infatti la notte sto benissimo,oppure quando mi sdraio scompare poi mi alzo e faccio eruttazione.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Chiedo scusa, mi era sfuggito il suo commento: capita tutti i giorni, oppure a seconda per esempio che lavori o meno?

    2. Anonimo

      questo bruciore (molto leggero)è quotidiano solo la domenica si attenua un po

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mangia fuori per lavoro? Cosa mangia? E’ stressato?

    4. Anonimo

      DA QUANDO HO QUESTO BRUCIORE HO SMESSO DI BERE VINO E CIOCCOLATA.ASSUMO 1/4 DI MALOOX QUANDO AVVERTO IL BRUCIORE E MI SCOMPARE

    5. Anonimo

      IL PROBLEMA è CHE QUANDO MI SIEDO E INCLINO LA SEDIA INDIETRO CIOè IN POSIZIONE SEMISDRAIATA SCOMPARE

    6. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente è una leggerissima gastrite e/o reflusso; il fatto che scompaia quando si sdraia ho la sensazione che sia dovuto al rilassamento più che alla posizione in sè.

    7. Anonimo

      alcune volte mi pizzica leggermente a sinistra del collo ma è molto sfumato

  8. Anonimo

    Salve…ho 31 anni,e sofro di gastrite cronica.A 21 anni la bacteria elicobacterpilory fu depistata dall medico e in seguito tratatta con i due antibiotici.Un anno doppo non risultava piu nei analisi ma il dolore l ho avevo lo steso.Il medico a depistato la gastrite duodenale dovuta a quella maledetta bateria.I dolori erano solo matinali poi se mangiavo pasavano subito.Adesso i dolori comincino di matina..lievi,fori dopo le 18 , e dalle 21 fino alla mattina prossima si scatena il INFERNO…ho provato di tutto : cura con argila ,malox(non mi fa niente),gaviscon(nemeno)e tutora sto prendendo di matina il MEPRAL 20 ….da quasi mezano ormai…scusate per le incorreteze ma sono straniere..grazzie anticipate ..Adriano.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Ha mai fatto una gastroscopia? E’ stata rilevata ernia iatale?

  9. Anonimo

    la gastroscopia l ho fatta a 21 anni , ed anno visto il parete del duodeno rosso ma del ernia non anno deto niente,..poi mi sono scordato a dire che ho smesso totalmente da fumare,non bevo acido,,pero in titti questi ani mi sono ingfrasato da 70 killi a 92..obesita,,, perche sono alto 1.73…mangio per far pasare il dolore…piu sofro di ….faricocelle al testicolo sinistro,,,ma non credo ce centra niente con la gastrite…

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Punterei innanzi tutto a perdere i 20 Kg presi, a mio parere potrebbero fare una differenza enorme; parallelamente serve uan diagnosi precisa, magari di un gastroenterologo, per assumere farmaci in modo più mirato.

  10. Anonimo

    Buongiorno,
    lunedì scorso ho mangiato delle cose penso non fresche o di buona qualità (ho mangiato poco..) .. la pancia si è gonfiata come un palloncino enorme ed ho cominciato ad avvertire delle fitte acute allo stomaco. Non ho dormito per il dolore (mai successo prima) e tutto il giorno dopo (ieri) ho continuato ad avere dolori ad intermittenza alla “bocca dello stomaco” e alla parte alta. Avevo una nausea fortissima, e reflusso (non ho vomitato anche se ho avuto piu volte lo stimolo). Inoltre ho iniziato ad avere difficoltà a respirare, mi è venuto un dolore al petto fino ad irradiarsi tipo al collo (?) e non riuscivo a respirare quasi avessi la sensazione che stesse per spezzarsi qualcosa. Sono preoccupata. La sensazione delle fitte durante la respirazione mi accade circa una volta al mese e dura qualche minuto, questa volta si è ripetuto più volte e più intensamente. Avrei un paio di domande: le due cose sono correlate? Cosa puo essere? Indigestione? E le fitte al petto? Sono a digiuno da circa 24 ore… cosa posso mangiare? Devo fare delle cure o controlli?Aggiungo che mi sento meglio (niente fitte durante la respirazione) ma lo stomanco è ancora sottosopra. Grazie mille

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La difficoltà a respirare, o la sensazione che accada, può essere legata al reflusso e/o all’eventuale presenza di ernia iatale.
      Mangi solo quello che si sente, piccoli spuntini evitando pasti abbondanti (qui trova alcune indicazioni http://etlc.info/alimentazione/cosa-mangiare-con-diarrea-e-nausea/ )
      Se le fitte capitano regolarmente, anche se solo una volta al mese, lo accenni al medico per verificare che come detto non si tratti di reflusso e/o ernia iatale.