Mal di stomaco, congestione od indigestione: sintomi, cause e cura

Ultimo Aggiornamento: 114 giorni

Introduzione

Mal di stomaco ed indigestione (http://www.flickr.com/photos/absolutely_loverly/2382936241/)

A tutti è capitato almeno una volta nella vita di andare incontro a un’indigestione, termine che si usa per indicare genericamente un inseme di sintomi che possono colpire la parte superiore dell’addome sotto forma di

può essere o meno accompagnata da nausea e in alcuni casi si può avvertire nausea, eventualmente persino vomitare.

L’indigestione, che più correttamente è identificata in ambito medico con il termine dispepsia, può avere moltissime cause (mangiare troppo e/o troppo in fretta, mangiare pesante, stress, alcolici, …) e diversi fattori di rischio, come un’ulcera gastrica o problemi di reflusso gastroesofageo.

Con qualche piccola attenzione è possibile evitare quindi alimenti e situazioni che possono favorirne la comparsa.

Può essere

  • occasionale, cioè verificarsi solo una volta ogni tanto,
  • cronica, cioè manifestarsi in modo sistematico per qualche settimana o mese,
  • funzionale, cioè essere cronica senza cause specifiche.

In alcuni casi questi sintomi possono essere legati a disturbi più seri, se i sintomi dovessero protrarsi per più di due settimane si raccomanda di rivolgersi al proprio medico per indagare più a fondo la situazione.

Cause

Le cause del mal di stomaco sono molteplici, alcune sono collegate allo stile di vita e a ciò che si mangia e si beve. Il mal di stomaco, però, può anche essere provocato da altre patologie dell’apparato digerente.

Tra le cause più comuni troviamo:

Se, dopo un attento esame non si riesce a scoprire la causa del mal di stomaco, il paziente potrebbe essere affetto da dispepsia funzionale, una forma di mal di stomaco che può invalidare la capacità dello stomaco di accettare e di digerire gli alimenti e di farli poi passare nell’intestino tenue.

Tra i fattori di rischio che possono favorire l’insorgenza dei disturbi ricordiamo la gravidanza e l’obesità.

Sintomi

Chi soffre di mal di stomaco può soffrire di uno o più dei sintomi seguenti:

  • Sensazione di pancia piena già durante il pasto. Anche se non avete mangiato molto, vi sentite sazi e non riuscite a finire quel che avete nel piatto.
  • Disagio e sensazione di pancia piena dopo il pasto. La sensazione di pancia piena dura di più di quanto dovrebbe.
  • Mal di stomaco. Avvertite dolore, lieve o molto intenso, nella zona dell’addome superiore, tra lo sterno e l’ombelico.
  • Gorgoglii a livello di stomaco e intestino.
  • Bruciore di stomaco. Avvertite una sensazione di calore o di bruciore nella zona dell’addome superiore, tra lo sterno e l’ombelico.

Tra i sintomi meno frequenti che accompagnano il mal di stomaco troviamo:

  • Nausea. Avete la sensazione di vomito imminente.
  • Gonfiore. Sentite lo stomaco gonfio, teso e dolorante.

In alcuni casi può comparire anche reflusso gastroesofageo, ossia la risalita di acidi e cibo dallo stomaco fino alla gola, accompagnato spesso da eruttazione continua.

Quando chiamare il medico

Il mal di stomaco lieve di solito non deve suscitare preoccupazioni. Consultate il medico se il disturbo continua per più di due settimane o se il dolore è molto intenso o accompagnato da:

  • dimagrimento o perdita di appetito,
  • vomito con sangue,
  • vomito frequente,
  • difficoltà a deglutire o deglutizione dolorosa,
  • feci nere e catramose,
  • dolore addominale costante e severo,
  • fiato corto,
  • ittero, o colorazione giallastra della pelle e degli occhi,

Recatevi immediatamente al pronto soccorso se:

  • Avete difficoltà a respirare, sudate molto o soffrite di dolore al petto che si irradia verso la mascella, il collo o il braccio,
  • Il dolore al petto si presenta quando fate esercizio fisico o nei periodi di stress.

Pericoli

Il mal di stomaco di solito non ha complicazioni gravi, ma può incidere negativamente sulla qualità della vita facendovi sentire a disagio e spingendovi a mangiare di meno.

Se la difficoltà di digestione è provocata da un’altra patologia, questa può presentare le proprie complicazioni distintive.

Diagnosi

Se soffrite di mal di stomaco probabilmente il primo medico che vi visiterà sarà il medico di famiglia, che nella maggior parte dei casi vi aiuterà a risolvere il problema; nel caso in cui i sintomi dovessero protrarsi vi verrà suggerito di rivolgervi a uno specialista, che in questo caso è il gastroenterologo (oppure un internista).

Per capire meglio i segni e i sintomi del mal di stomaco, il medico probabilmente indagherà sulle malattie precedenti e vi visiterà. Per escludere la presenza di altre patologie in grado di provocare il mal di stomaco, il medico può prescrivervi degli esami, tra cui:

  • Radiografia dell’esofago, dello stomaco e dell’intestino tenue. Definito anche esofago-stomaco-duodeno dc, questo esame usa i raggi X per creare delle immagini dell’interno dell’organismo.
  • Esami del sangue, esame delle feci o test del respiro. Questi esami aiutano a scoprire se la causa dei sintomi è l’helicobacter.
  • Endoscopia del tratto gastrointestinale superiore (gastroscopia). Dopo che il paziente è stato sedato, gli viene inserito in bocca un tubicino lungo e sottile, con una videocamera posta all’estremità. Il tubicino viene fatto scendere nell’esofago e nello stomaco. Il medico ricerca eventuali anomalie e può rimuovere piccole porzioni di tessuto (biopsia) da inviare in laboratorio per ulteriori analisi.
  • Ecografia addominale. Usando onde sonore ad alta frequenza, l’ecografia riesce a produrre immagini che mostrano il movimento, la struttura degli organi e il flusso sanguigno. Uno speciale gel viene applicato sulla pancia, poi un piccolo apparecchio che emette onde sonore viene premuto contro la pelle.
  • TAC addominale. Per ottenere immagini più dettagliate dell’interno del vostro organismo, probabilmente vi verrà iniettato un mezzo di contrasto. Poi, mentre sarete distesi su un lettino, lo scanner girerà intorno a voi, scattando immagini radiografiche del vostro corpo.

In particolare potrebbe venire consigliata una gastroscopia quando si sospetti la presenza di gastrite, ulcera o tumore allo stomaco, in quest’ultimo caso si tratta di un’ipotesi presa in considerazione soprattutto per soggetti con:

  • più di 55 anni,
  • famigliarità per tumore allo stomaco,
  • difficoltà a deglutire,
  • sanguinamento del tratto digestivo,
  • vomito frequente,
  • perdita di peso.

Cura e terapia

Il trattamento dell’indigestione e dei sintomi associati dipende dall’eventuale causa alla base e può comprendere:

  • miglioramento dello stile di vita e delle abitudini alimentari,
  • farmaci,
  • supporto psicologico.

Stile di vita

Una dieta attenta e uno stile di vita più sano possono realmente prevenire la maggior parte dei casi; si consiglia di:

  • perdere peso se necessario,
  • evitare gli alimenti a rischio:
    • piccanti,
    • grassi,
    • con caffeina,
    • alcolici,
  • consumare 5-6 piccoli spuntini invece che 2-3 pasti abbondanti,
  • smettere di fumare,
  • se i sintomi sono presenti soprattutto la notte cercare di evitare di mangiare nelle 3-4 ore che precedono il riposo (per ridurre il rischio di reflusso),

Farmaci

Se i cambiamenti dello stile di vita, e in particolar modo l’astensione dagli alimenti dannosi, sono inefficaci per combattere il mal di stomaco, potete farvi dare una mano dai farmaci. La maggior parte di essi aiuta a ridurre l’acidità di stomaco oppure faciliterà il transito degli alimenti dallo stomaco all’intestino tenue.

Tra i farmaci contro il mal di stomaco troviamo:

  • Antiacidi. L’alka-seltzer®, il Maalox®, il Gaviscon® e altri sono farmaci disponibili in farmacia senza ricetta che neutralizzano l’acidità dello stomaco e/o impediscono la risalita degli acidi. Tra gli effetti collaterali troviamo diarrea e costipazione. Questi farmaci spesso sono i primi consigliati dai medici.
  • Antireflusso di tipo meccanico, come gli alginati (Gaviscon®), che a contatto con il pH acido dello stomaco si trasformano in una sostanza gelatinosa che sovrasta il contenuto dello stomaco impedendo la risalita di cibo e succhi gastrici attraverso l’esofago.
  • Gli antagonisti dei recettori H2, ad esempio il Tagamet®, il Ranidil® e lo Zantac® (ranitidina) sono disponibili in farmacia, con o senza ricetta. Riducono l’acidità di stomaco e funzionano per un tempo maggiore rispetto agli antiacidi, ma non così velocemente come questi ultimi. Tra gli effetti collaterali possiamo avere mal di testa, nausea, vomito, costipazione, diarrea, ulcere e sanguinamento gastrico.
  • Gli inibitori della pompa protonica, come il Nexium®, il Mepral®, il lansoprazolo e il Peptazol® sono più efficaci per i pazienti che soffrono anche di reflusso gastroesofageo (MRGE). Questi farmaci riducono l’acidità di stomaco e sono più potenti degli antagonisti dei recettori H2. Sono tutti disponibili dietro presentazione di ricetta. Tra i possibili effetti collaterali troviamo: mal di schiena, tosse, mal di testa, vertigini, dolore addominale, flatulenza, nausea, vomito, costipazione e diarrea. L’uso sul lungo periodo in rari casi è associato con una maggiore incidenza delle fratture ossee.
  • Procinetici. I farmaci come il Peridon® possono essere efficaci quando lo stomaco fatica a svuotarsi. Chi assume questo tipo di farmaci spesso soffre di effetti collaterali, come affaticamento, sonnolenza, depressione, ansia e spasmi muscolari involontari.
  • Antibiotici. Se il mal di stomaco è provocato dal batterio che causa l’ulcera peptica (Helicobacter pylori), il medico potrebbe prescrivervi un antibiotico. Tra gli effetti collaterali potreste avere problemi di stomaco, infezioni da funghi e diarrea.
  • Antidepressivi. Se dopo un esame approfondito la causa dei sintomi non è ancora nota e le terapie convenzionali che abbiamo elencato non funzionano, il medico potrebbe consigliarvi un antidepressivo. Questi farmaci con obbligo di ricetta possono contribuire ad alleviare i disturbi causati dal mal di stomaco diminuendo la sensazione di dolore. Tra gli effetti collaterali possiamo avere mal di testa, nausea, sudorazione notturna, agitazione e costipazione.

Terapie alternative

Molte persone riescono ad alleviare i sintomi del mal di stomaco con i metodi seguenti, la cui efficacia, però, non è ancora stata dimostrata scientificamente:

  • Tisane alla menta
  • Metodi psicologici, come le tecniche di rilassamento, la terapia cognitiva e l’ipnoterapia.
  • Preparazioni erboristiche a base di menta e cumino. Ricordate che, se non sono approvate, le preparazioni erboristiche possono essere rischiose.

Prevenzione

Per prevenire il mal di stomaco frequente e di lieve intensità è possibile seguire uno stile di vita più sano.

  1. Fate pasti frequenti e meno abbondanti.
  2. Masticate lentamente, cercando di assaporare gli alimenti più a lungo.
  3. Evitare di praticare esercizio fisico subito dopo mangiato.
  4. Perdete peso se necessario (i chili in eccesso premono sull’addome, spingendo lo stomaco verso l’alto e favorendo la risalita dei succhi gastrici acidi verso l’esofago).
  5. Evitare di mangiare prima di andare a dormire e durante la notte.
  6. Evitate i fattori scatenanti come alimenti grassi e speziati, bevande gasate, caffeina, alcool e fumo.
  7. Smettete di fumare.
  8. Fate esercizio fisico regolare. Con il permesso del medico, cercate di fare attività fisica per almeno mezz’ora, un’ora quasi tutti i giorni. L’attività fisica può essere una semplice passeggiata, ma non subito dopo i pasti. Muovendovi di più, eviterete di ingrassare e migliorerete la digestione.
  9. Tenete sotto controllo lo stress. Create un ambiente tranquillo al momento dei pasti. Praticate le tecniche di rilassamento, come la respirazione profonda, la meditazione o lo yoga. Dedicate del tempo a qualche attività che vi piace. Cercate di riposare il più possibile.
  10. Rivalutate l’uso dei farmaci. Con l’approvazione del vostro medico, smettete di assumere i farmaci abituali o diminuitene le dosi. Il discorso vale soprattutto per l’aspirina e per gli altri antinfiammatori in grado di irritare le pareti dello stomaco. Se questa via non è praticabile, cercate di assumere questi farmaci durante i pasti.

Fonti principali:

  • , licensed under the

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Dottore da 1 settimana circa ho un peso sullo stomaco appena soprra l”omdellico (io dico la buca dello stomaco per spigare la zona ) al mattino non ho nulla ma appena faccio colazione eccolo e dura tutto il giorno se faccio una passeggiata mi prende fino ai fianchi e mi sembra che mi manchi il respiro .Il mio medico di non mi ha mai visitato mi dice tutto dovuto a mrge ma non ho bruciori non mi fa fare la gasto perché fatta 4anni fa con esito di gastrite cronica e rifare a5anni io sto male e non vado dal medico conoscendo ciò che mi dirà Sto prendendo lucen 40 da anni ma questi disturbi così a lungo Non li ho mai avuti ormai mangio poco verdura formaggi molli minestrone un paio di caffè e quasi eliminato il fumo perché ho notato che la sigaretta aumentava il male allo stomaco sarà solo gastrite ?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      E’ possibile sia solo gastrite e reflusso a darle questi sintomi, ma comunque la situazione potrebbe essere cambiata in questi anni e magari va aggiustata la terapia, ha mai chiesto un parere ad uno specialista gastroenterologo? sarebbe utile.

    2. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, può prendere un pò di bicarbonato, del biochetasi , ma non necessariamente deve prendere qualcosa se è un disturbo passeggero. saluti

  2. Anonimo

    Ieri ho fatto un indigestione e stamattina ho vomitato ma adesso continua la nausea con vomito schiuma amara cosa devo prendere.???

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve potrebbe essere utile prendere qualche integratore che possa anche ridurre la sensazione di nausea ( es. biochetasi) . Chieda consiglio anche in farmacia. saluti

    2. Anonimo

      Buongiorno,da ieri sera dopo mangiato mi sento un gonfiore allo stomaco con dolori improvvisi,quasi di ristringimento, con nausea e abbondante salivazione improvvisa. Ho provato con rimedi natutali come camomilla e limonata, ma niente; sono passato a prendere il maloox ma anche questo non è stato efficace. Cosa mi consigliereste ? Grazie in anticipo.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non è possibile prescrivere farmaci a distanza.
      Dieta leggera per oggi e, se non passasse, senta il medico.

  3. Anonimo

    Salve,premetto prima di tuttio che soffro di extrasitole,anche se con i vari controlli è risultato tutto normale,facendo prova da sforzoe una coronigrafia,solo che giusto per precauzione mi fanno assere congescor. Ora il problema che ho io è il seguente: Ho dei fastidi allo stomaco,mi sento il petto bloccato e lo stomaco gonfio anche se non mangio nullal,mi gira la testa e mi si stringe molto la gola.Da cosa può essere dovuto ? dal cuore o da qualche tipo di stress ? e puo essere che sia proprio lo stomaco a dare extrasistoli ?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Tutte cause possibili, ritengo meno probabile una questione cardiologica se non le extrasistoli che sa di avere; ovviamente servono una visita ed eventuali accertamenti per accertarsi della causa.

  4. Anonimo

    Buon pomeriggio e’ da circa un mese e mezzo che ho dolori allo stomaco , un dolore nn continuo… ho paura della gostroscopia quindi mi sono sottoposta ad una TAC all oddome, dove mi hanno riscontrato un ernia iatale..ho fatto una terapua di un mese la situazione e’ leggermenre migliorata…. con la Tac si vede se ci sono masse tumorali? Ho paura devo continuare la terapia o sottopormi ad una gastroscopia? Grazie in anticipo….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Età?
      Se procedere o meno alla gastroscopia è una decisione che spetta al suo medico.

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, sì si vedrebbero, comunque non c’è motivo di sospettare un tumore allo stomaco (che la maggior parte delle volte è del tutto asintomatico) e fare direttamente un TC con questi sintomi mi sembra eccessivo. Probabilmente a darle fastidio è l’ernia jatale, la terapia deve essere proseguita per diverso tempo prima di avere un miglioramento notevole, per cui se ha già dei vantaggi adesso prosegua la cura e poi si farà rivalutare dal medico.

    3. Anonimo

      E a volte averto anche tachicardia… il dolore alli stomaco e’ proprio fastidioso mamma mia

    4. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      ..la tachicardia è causata dall’ernia jatale, è abbastanza tipico come sintomo.

    5. Anonimo

      Il dolore nn e’ continuo puo’ durare per qualche minuto e altre volte scomparire dopo pochi secondi

    6. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo segnali telefonicamente al medico, ma proceda comunque con fiducia la terapia prescritta.

    7. Anonimo

      Scusate se vi tartasso di domande… mi devo preoccupare visto che il mio dolore allo stomaco nn e’ continuo… e’ segnale di qualcosa di piu’ serio?

    8. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Per ora proseguire con fiducia la cura, a meno di importanti variazioni dei sintomi.

    9. Anonimo

      Buonasera a tutti ho da farvi una domanda … ho eseguito le analisi e ho la ferritina a 20… e’ bassa? Da cosa puo’ dipendere? Puo essere collegata all’ernia jatate o nn ho nulla a che fare? Altrimenti da cosa e’ dovuto ?grazie

    10. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      I valori normali della ferritina vanno da 20 a 120? L’emoglobina la potrebbe trovare sotto la dicitura Hb, se bassa dipende probabilmente dal valore di ferro basso.

    11. Anonimo

      A me e’ 22 la ferritina … mentre la dicitura hb nn la trovo …comunque gli valori sono nella norma

    12. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Siamo un po’ ai limiti con le scorte di ferro, a meno di sintomi particolari (o emoglobina bassa) probabilmente il medico le darà solo indicazioni alimentari.

    13. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Nulla, se non ha sintomi e non c’è anemia non si preoccupi, comunque una terapia per riportare il ferro nella norma andrebbe fatta.

    14. Anonimo

      Salve, a me fa male lo stomaco solo quando sono in piedi e quando sono seduto invece no é da due settimane che mi fa male prendo le medicine peró non funzionano cosa dovrei fare?

    15. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È un farmaco che inizia a fare effetto solo ora, abbia ancora pazienza qualche giorno.

  5. Anonimo

    Buongiorno, ieri mi è capitato che all’improvviso ho avuto mal di schiena mal di stomaco con sensazione di gonfiore , una sensazione proprio brutta perchè non sai cosa fare poi mi son venuti su gli acidi ho sforzato un pò per vomitare, lho fatto ma poco ed è passato, la stessa cosa l’ho avuta questa estate che allora avevo dato la colpa ad un gelato, ieri invece dopo un panino ho mangiato alcune caramelle di menta e liquerizia, ho una steatose con un calcolo alla cistifelia ma non erano i sintomi di una colica, cosa potrebbe essere ?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Forse solo cattiva digestione, magari un po’ di gastrite, ma senta anche il parere del medico.

  6. Anonimo

    Buondi,
    soffro da qualche giorno ormai,di senso continuo di nausee e di un doloretto nelle parte alta dello stomaco,zona pancreas/fegato per capire…non riesco a mangiar nulla,che mi si blocca,causandomi queste nausee che mi procurano anche senso di vertigine…cosa potrebbe essere?
    Ringrazio anticipatamente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se sono pochi giorni potrebbe essere influenza intestinale, ma raccomando di verificare con il medico.

    2. Anonimo

      Buonaseraa a tutti …dai vari racconti che leggo su internet noto che se il dolore allo stomaco nn e’ continuo cioe’ nn dura tutta la giornata.. appare e scompare da solo….e ci sono giorni che nn ho mal di stomaco ….sento sento rumori all’addome e continui eruttazioni… effettuati analisi del sangue …perfette… Tac all’addome visualuzzta ernia jatale..sono preoccupata …grazie

    3. Anonimo

      Scusate mi sono espressa male…se il dolre nn e’ continuo mi devo preoccupare …puo’ essere un tumore?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Se 80 è l’anno di nascita con buona probabilità no, non è tumore, ma chiaramente va verificato con il medico e non con Internet.

  7. Anonimo

    Buongiorno, oramai da 1 settimana ho dolori fortissimi sullo stomaco, in alto! I primi 3 giorni accompagnato anche da Vomito e ora solo questo dolori fortissimi che non mi spiego! Mi sono recata al pronto soccorso e mi hanno soltanto fatto esami del sangue, prescritto il Buscopan e detto di fare un ecografia all’addome per eventuali calcoli! L’eco la farò oggi pomeriggio ma non sopporto piu il dolore, cosa potrei fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma non posso prescrivere farmaci.
      Nell’attesa di fare l’ecografia può fare il punto con il medico se Buscopan non è sufficiente a calmare i dolori.

  8. Anonimo

    Buongiorno, da qualche soffro di mal stomaco piuttosto forte appena sotto l’ombelico che si presenta con fitte prolungate e intense. Mi pare di sentirmi “indebolita” in zona pancia da quando ho cominciato a prendere Samyr 400 mg (circa tre settimane fa, la prima una compressa al mattino e poi una al mattino e una a pranzo); potrebbe esserci una correlazione tra quest’ultimo e il mio mal di stomaco?
    Ringrazio in anticipo per l’attenzione.

    1. Anonimo

      Buonasera,ho effettuato oggi la gastroscopia e sul referto appare scritto ” cardias beante” qualcuno puo’ dirmi cosa significa …grazie in anticipo….

    2. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, significa che l’orifizio tra l’esofago e lo stomaco (il cardias appunto) è più ampio del solito, questo può causare ernia jatale e relativo reflusso.

  9. Anonimo

    Salve dottore, credo di aver fatto indigestione perché ieri a cena mi sono accorta di aver mangiato tanto,con piatti abbondanti. E un’ora dopo ha iniziato a venirmi mal di stomaco ho preso il bicarbonato e mi è venuta nausea e senso di vomito con eruttazioni frequenti, e ancora tutta la notte continuo ad avere mal di stomaco e nausea. 1. Per quanto può durare un’indigestione ? 2. Posso ancora vomitare magari anche domani mattina anche se non è successo stanotte? E ho anche 37.2 di febbre

  10. Anonimo

    Stamattina i sintomi sono un po’ più lievi ma ho sempre un po’ di senso di vomito e talvolta crampi allo stomaco e pancia…potrebbe anche essere un virus o un’indigestione?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. In genere si supera nel giro di 12-36 ore circa.
      2. Improbabile che possa vomitare.
      3. Sono entrambe cause plausibili; rimanga leggera oggi, mangiando solo se se la sente.

  11. Anonimo

    Buon giorno! Sono 3 giorni che ho mal di stomaco, senso di nausea. Mi gira la testa, i miei dolori sono lancinanti, mi sento malissimo. Mi affatico facilmente.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbe essere una sindrome parainfluenzale, ma è decisamente ora di contattare il medico.

  12. Anonimo

    Salve sono 4 giorni che o fotre male di stomaco .questo dolore si è presentato dopo che o preso l’antibiotico augmentin 1 compresa a 8 ore dopo le prime tre comprese mi è venuto un dolore forte di stomaco o preso anche la protezione omeprazol da 20 o preso tre al giorno ma il dolore insista .o laciato l’antibiotico prendo anche spasmex ma dolori ci sono sempre presenti cosa poso fare x che o dolori forti .che credi che po’ causare questo dolore forte

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      C’è anche diarrea?

      I dolori forti vanno comunque segnalati al medico.

  13. Anonimo

    Buongiorno. Dolori di pancia con bruciore e dolore allo stomaco da ormai due mesi guasi continui.prendo normixi ,lexil, e buscando anticipo. NON SEMPRE DI CONTINUO QUESTA CURA.i dolori si riaffacciano.da oggi sto prendendo anche pantopranzolo da 40 mg.mi levano le forse è non mi fanno dormire la notte.con un cambio di umore che mi porta sempre ad essere nervoso.cosa fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Tutti questi farmaci sono stati prescritti da un medico? C’è una diagnosi esatta? Colon irritabile?

    2. Anonimo

      Si .infezione della intestino.poi per periodi mi passa ma però ritorna molto forte

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Si può esserlo, sta già facendo la cura col pantoprazolo, ma ci vorranno diversi giorni per avere miglioramenti.

  14. Anonimo

    Buonasera volevo sapere perché e da ieri che mi fa male la pancia e mi viene da vomitare ieri non ho vomitato oggi si , mi fa male anche lo stomaco e sto sudando , cosa si può fare ?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, può dipendere da qualcosa che ha mangiato o da un virus, se si presentasse anche febbre probabile la seconda (virus); intanto stia a dieta leggera, beva molto e si faccia valutare dal medico appena può.

  15. Anonimo

    Buongiorno.
    Da circa una decina di giorno ho ,al mattino e ogni tanto durante il giorno, bruciore e acidità di stomaco; più precisamente nella zona sopra l’ombelico.
    Sto affrontando un periodo stressante e,come conseguenza, bevo troppi caffè e mangio male.
    Il dottore mi ha consiglato di sospendere il caffè, seguire una dieta più sana e di prendere al bisogno un antiacido. Per il momento, non vuole prescrivere ulteriori accertamenti. Potrebbe essere gastrite e,con un corretto stile di vita, dovrebbe passare?

  16. Anonimo

    Buonasera è da giovedi notte che accuso dei forti dolori allo stomaco prp sotto lo sterno come se mi avessero dato un pugno il dolore a volte scompare ma quando persiste lo stomaco si gonfia e mi fa male quasi mi affanno a respirare sto prendendo geffer ma nn risolvo cosa puo essere grazie in anticipo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Gastrite, reflusso, … raccomando di non aspettare oltre e rivolgersi invece al medico.

    2. Anonimo

      Buongiorno grazie della risposta ecco anche ora mia fa male lo stomaco il.dolore.mi tocca fino alla schiena ma nn mi sale su niente e nn mi brucia niente è solo dolore e sensazione di nausea senza aver mai vomitato però

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, deve necesariamente essere visitata dal suo medico. saluti

  17. Anonimo

    Buongiorno!! Io e da ormai 15 ore che avverto dei dolori allo stomaco abbastanza forti all’addome superiore un pó più in basso del petto nel centro!! Da cosa puó dipendere?? E cosa potrei prendere per calmarlo?? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Forma virale, colpo di freddo, gastrite, … sono davvero numerose le ipotesi plausibili.
      Mi dispiace, ma non posso consigliare farmaci.

  18. Anonimo

    Buongiorno, ieri sera 3 ore circa dopo cena, ho iniziato ad avvertire ansia in quanto avvertivo difficoltà nella digestione. Mi sono scaricata 3 volte, l’ultima episodio di diarrea e ho vomitato 4 volte. Premetto che vengo da diversi giorni nei quali ho mangiato davvero tanto, 3/4 giorni di grandi abbuffate, ora sono 5 ore che non vomito e non ho mai avuto febbre. Durante gli episodi sopra descritti avvertivo inoltre freddo, mal di schiena, debolezza. Le chiedo, cosa puó essere indigestione/congestione? Un virus? Salmonella? Non stavo male credo dall’età di 6 anni… Grazie in anticipo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono possibili entrambe le ipotesi (eccesso alimentare e virus); si tenga leggero e se persistessero i problemi si rivolga al medico.

  19. Anonimo

    E’ da molto tempo che mi sveglio con la nausea (quasi 2), non sono incinta anche perchè sarebbe già nato. Comunque, pensavo fosse perchè mangiavo troppo la sera e sono arrivata anche a saltare quest’ultimo pasto ma niente da fare la nausea continua, prendo anche delle gocce omeopatiche per lo stress e per calmarmi però il sintomo non migliora.
    Secondo voi cosa potrebbe essere?? Il mio medico continua a dirmi che è lo stress ma come studente “non ho nessun tipo di stress” e la nausea continua a rovinarmi anche le vacanze.

  20. Anonimo

    Salve visto che non riesco a risolvere il mio problema volevo un suo parere, fin da bambina ho sempre sofferto di colon irritabile , detto dai medici è solo stress e ansia.. ma negli ultimi anni si è trasformato in gastrite, coliche addominali, tantissima aria nella pancia, e tanti altri fastidi… ho fatto cura di peptazol x anni ma niente.. Sono stanca! Ed ho solo 23 anni, cosa mi aspetta?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha mai provato ad affrontare l’ansia? Potrebbe essere la chiave per beneficiare di un miglioramento anche dal punto di vista intestinale.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Tecniche di rilassamento (yoga, training autogeno, …), psicoterapia, farmacoterapia.

    3. Anonimo

      Ok grazie mille penso che inizierò con lo yoga, ed un alimentazione più sana.

  21. Anonimo

    Da giorni ho crampi allo stomaco che durano tanto e molto freddo e nausea che non posso vedere il cibo altrimenti mi viene la nausea

  22. Anonimo

    Buonasera. .ho mia figlia di 16 anni con le mestruazioni molto dolorosi la ginecologa li ha prescritto adolene una vitamina che subito dopo ha avuto forti dolori allo stomaco. La dottoressa di famiglia gliela levati e ora sta prendendo la tachipirina per i primi 2 giorni però dopo a forti dolori allo stomaco da non reggersi in piedi e questo succede da un paio di mesi non so cosa fare. ..grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Si potrebbe valutare la pillola anticoncezionale, che ridurrebbe dolori e durata del ciclo; ovviamente è comunque una valutazione che spetta alla ginecologa.

    2. Anonimo

      Infatti la ginecologa ci ha detto della pillola ma a me mi sembra troppo presto per la pillola avendo 16 anni ..ma per lo stomaco cosa si può fare perché in questo momento ha forti dolori ?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ci sono farmaci specifici, ma purtroppo non posso prescrivere nulla, mi dispiace.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il primo è un antiacido (quindi per il “bruciore di stomaco” e agisce solo a livello di quest’organo senza venir assorbito), mentre il secondo è un potente antinausea e antiemetico che velocizza il transito del cibo attraverso stomaco e intestino con azione centrale (può dare quindi un po’ di sonnolenza).

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Dipende dalla causa del disturbo, è indicato per esempio in caso di iperacidità e difficoltà digestive; in caso di dubbi, soprattutto se il disturbo persistesse da lungo tempo, senta il medico.

La sezione commenti è attualmente chiusa.