1. Anonimo

    ciao, mia figlia di otto anni, ha iniziato con vomito, febbre fino a 39 e tonsille enormi, sopratutto la dx .i linfonodi gonfissimi, all’inizio si era pensato alla mononucleosi, ma il mono test ha dato esito neg., il tas è 1002 e il ves 40, il mio pediatra mi ha accennato alla possibilità che sia streptcocco, intanto la bimba sta facendo 10 rocefin, il tampone non l’ha richiesto, in cambio mi ha consigliato un eco al collo e una visita oculistica con valutazione ortottica. è la strada giusta , ho mi consigli di fare anche il tampone?

    1. Anonimo

      Non mi permetto mai di valutare diagnosi e pareri di un medico, sopratutto senza poter valutare il paziente; consiglio quindi di proseguire con fiducia la strada indicata dal pediatra che, avendo potuto valutare di persona, ha sicuramente scelto quello che ritiene più opportuno.

      In ogni caso, anche fosse streptococco, con 10 giorni di Rocefin si dovrebbe risolvere.

  2. Anonimo

    salve buon giorno..io ho una bambina di 3 anni e 7 mesi da ottobre la bambina spesso e sovente era a cas sotto antiinfiammatori e antibiotici dopo mesi che nn ne venivamo a capo la sua pediatra gli ha fatto il tampone ed e risultata positiva allo streptocco.Ora sta facendo una terapia cn augmenti x 10 giorni a seguire ripetirà il tampone x vedere se il battere e stato sconfitto.ora la mia domanda è si potra verificare nuovamente questa malattia o una volta finito l’antibiotico nn avra piu problemi?io ho un po di paura vedendo che danni reca questo battere.grazie x l’attenzione una mamma preoccupata….

    1. Anonimo

      Purtroppo è possibile una nuova infezione.

  3. Anonimo

    Buongiorno,
    sono una ragazza al terzo mese di gravidanza, ieri mi è venuto un fastidioso mal di gola accompagnato da qualche lineetta di febbre così ho preso tachipirina (mi hanno detto che è l’unico medicinale che posso usare) ed oggi mi sono accorta di avere le placche alla gola…le vengo a chiedere: tutto questo può essere pericoloso per il mio bimbo considerato anche il periodo delicatissimo della gravidanza? Aspeto con ansia una sua risposat perchè mi sto facendo un milione di problemi e di ansie!!!
    Grazie infinite

    1. Anonimo

      Benissimo la Tachipirina, è però adesso importante valutare con il ginecologo se e come agire ulteriormente (eventualmente con antibiotici, scelti adatti alla gravidanza). In ogni caso non deve preoccuparsi, se non viene sottovalutato non si corrono rischi particolari.

  4. Anonimo

    Salve,sono fra e ho 16 anni.
    Io ho avuto lo streptococco,quando ero piccola,avevo 9 anni e mi è durato per un anno e mezzo,sono stata malissimo.
    Ho fatto analisi,su analisi,cure antibiotiche ma nulla!
    Alla fine ho dovuto fare una cura a base di punture di penicillina e sono guarita anche se ormai ho le tonsille gonfissime e mal ridotte e mi ammalo spesso di gola!
    Ora a distanza di anni mi hanno detto che potrei riaverlo e che devo fare le punture di penicillina nel caso.
    Come mai?
    Non basta un antibiotico?
    Grazie.

    1. Anonimo

      Purtroppo dallo streptococco non si acquisisce immunità, come per esempio nel caso di varicella o morbillo; quindi il corpo rimane esposto all’infezione.
      In ogni caso negli adulti è un’evenienza più rara, quindi è vero che potrebbe essere nuovamente contagiata, ma non è scontato che ciò avvenga.

  5. Anonimo

    Innanzitutto vorrei fare i complimenti per le risposte tempestive!
    Il mio quesito è il seguente: ieri ho fatto il tampone per verificare la presenza di qualche battere, il medico ipotizza streptococco visti i sintomi ed i miei precedenti!!! Mi sono accorto che il tampone l’infermiera di turno lo ha poggiato solo sulla lingua!!! Premetto che non bevevo dalla notte precedente, non ho nemmeno lavato i denti, devo considerare il risultato attendibile nel caso di negatività???
    Sulla qualità di come sia stato prelevato il campione ho molti dubbi, dato che alla fine, dopo essersi complimentata per la mia impassibilità mi ha chiesto scusa se aveva forzato la mano ma doveva toccare le tonsille, solo che io le tonsille non le ho più da circa 5 anni…tolte a causa di continue e ripetute tonsillite causate dallo steptococco!!!
    Ne approfitto per chiederle un consiglio, oltre all’ismigen, ci sarebbe un vaccino più forte per ridurre le ricadute?
    La cosa che mi fa preoccupare è che ho 27 anni, e leggendo nei post su pubblicati è spesso ripetuto il fatto che sia una malattia adolescenziale!!!
    Grazie e spero di non aver scritto molto.

    1. Anonimo

      A mio avviso, pur se non eseguito a regola d’arte, in caso di presenza di streptococco questo verrà comunque evidenziato anche in mezzo ad altri batteri.
      Esistono ulteriori immunostimulanti, peraltro identici o molto simili a Ismigen, che possono essere alternati a quest’ultimo.

  6. Anonimo

    buona sera vorrei sapere se possibile, quando viene diagnosticato lo streptococco e il pediatra da l’antibiotico il bambino lo si può mandare ugualmente all’asilo o è preferibile tenerlo a casa, e per quanto tempo? le chiedo questo perchè nell’asilo che frequenta mio figlio succede spesso che chi ha questo probblema non ha riguardo per gli altri e manda il bambino nonostante il buon senso direbbe di tenerselo a casa almeno per rispetto agli altri. grazie in anticipo arriveterci

    1. Anonimo

      A meno di diverso parere del pediatra credo si possa considerare necessario lo stesso requisito previsto per la scarlattina, ossia almeno 48 ore dopo l’inizio della terapia antibiotica.

  7. Anonimo

    vi ringrazio perchè essendo rappresentante dei genitori quando capitano casi, si lamentano con me e non so mai cosa rispondere.

  8. Anonimo

    salve .io ho una bambina di quasi 4 anni e soffre spesso di tonsilliti e mal di gola. la mia pediatra subito quando la porto per farla vedere mi prescrive l?antibiotico. è da quando è nata che quasi tutti i mesi prendi un antibiotico: il mese scorso ha avuto ancora febbre e mal di gola. subito macladin per una settimana. dopo sei giorni la febbre è ritornata, allora mia ha cambiato l,antibiotico oraxim per un’altra settimana. di nuovo febbre alta . a questo punto abbiamo fatto gli esami del sangue e tampone faringeo. globuli bianchi a 26 mila, pcr 11, tampone positivo per haemophilus influenzae batterica. io preoccupatissima. mia figlia con febbre a 39. subito rocefin im. dopo la quarta somministrazione di rocefin la febbre si è abbassata. noi tutti spaventatissimi che poteva essere una setticemia. abbiamo fatto 5 giorni di rocefin più 5 augmentin 3 volte al giorno per 5 giorni. quello che mi chiedo questo battere in gola si è debellato del tutto o potrebbe averlo ancora. stamattina aveva ancora la gola arrossata io per sicurezza le ho fatto il tampone devo ritirare l’esito. visto che la mia piccola è soggetta spesso a mal di gola non è il caso di togliere le tonsille?

    1. Anonimo

      Si potrebbe senza dubbio valutare con un otorino la possibilità di procedere per via chirurgica, ma eventualmente valuti vantaggi e svantaggi con la sua pediatra.

  9. Anonimo

    Buongiorno
    ho una bimba di 6 anni e una di 4. Non sono una mamma apprensiva e solitamente curo in modo autonomo le malattie più comuni a quell’età (gastrointerite, raffreddori, mal di gola, ecc….). Oggi però una collega mi ha un po’ spaventata parlandomi dello streptococco. Devo portare le figlie dal pediatra per un tampone ogni volta che hanno un mal di gola? Come posso valutare da sola la presenza del batterio? E’ vero che se trascurato da piccoli può causare anche reumatismi o danni ai reni anche da grandi cioè a lungo andare? Passa anche senza somministrare l’antibiotico? Mia figlia ha avuto sabato febbre, alitosi, 1 episodio di vomito, mal di gola con tonsille grosse e già domenica era sfebbrata, senza + alitosi, solo mal di gola. Oggi sta ancora bene e ha ripreso a mangiare normalmente. Può essere lo streptococco? Io non ho visto placche sulle tonsille. Grazie

    1. Anonimo

      Non deve a mio avviso spaventarsi, è sufficiente agire con buon senso; generalizzando possiamo dire che nel caso di febbre, a meno che non sia davvero elevatissima e accompagnata da altri sintomi gravi, si interviene con l’automedicazione per 1-3 giorni (a seconda dell’età), nel caso di mancato miglioramento il bambino dev’essere fatto vedere dal pediatra che farà le valutazioni del caso.

      Le raccomando di non somministrare mai nessun antibiotico senza il parere del pediatra, malattie come le streptococco possono effettivamente diventare pericolose, ma solo se trascurate a lungo.

  10. Anonimo

    salve, ho letto che lo streptococco infetta tanti bambini ma io non lo sono più, ho 31 annii sono circa 5 anni che ho lo strptococco gruppo b alla gola basta una semplice influenza e la bestia nera attacca! non ho frebbre la ves è sempre stata intorno a 9 i risultati delle analisi sempre buoni, ma il continuo ripetersi di questi infezioni e la conseguente assunzioni di antibiotici sono diventata intollerante ad essi posso prendere solo l’eritromicina, il batterio cambia di volta in volta ma io ho paura che possa accadermi qualcosa di irreparabile ne potrò mai uscire da questo tunnel?

    1. Anonimo

      A mio avviso non solo può interrompere la continua reinfezione, ma è necessario farlo; valuterei con uno specialista eventuali interventi farmacologici, o al limite chirurgici, per risolvere definitivamente il problema.