1. Anonimo

    Gentile Dottore,
    ho 50 anni, sono 4 mesi che soffro di mal di gola, dopo varie visite dal medico curante, vari trattamenti , prima con antibiotico che non ricordo il nome, poi varie carmelle, spray, poi due dosi, una al mese di vitamina d – DIBASE-ecc, su mia richiesta di fare un tampone, la dottoressa mi prescrive una visita laringoiatrica che eseguo, lo specialista una volta visitatomi, sia la gola con il solito sistema del bastoncino e con la sondina dal naso, mi dice che non ho niente, LIEVE LIEVE IPEREMIA MUCOSA OROFARINGEA allora mi prescrive, COLLUTTORIO CORSODYL AL BISOGNO, EVITEX CPR. UNA CPR. DUE VOLTE/DIE X UN MESE,- PROBIOTICI.

    Da circa un mese accuso anche percezioni alla lingua come quando avessi bevuto qualcosa di forte, sinceramente mi stò un pò preoccupando, cosa mi consiglia di fare?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Ha mai sofferto di problemi di stomaco? Reflusso? Al mattino trova un peggioramento?

  2. Anonimo

    salve.. a me è stata diagnosticata la mononucleosi il 2 gennaio ma i sintomi sn molto + simili a questi sopra indicati…. ho passato tutte le fasi addirittura ricorrendo a iniezioni d cortisone perke le tonsille mi stavano chiudendo la gola…. dopo tutte le sofferenze apparte la febbre ke nn ho mai avuto(probabilmente xke d notte sudavo nel sonno) ogi il mio medico curante dice ke anke se io mi sento bene posso ancora infettare…. sto riskiando d perdere un lavoro e la ragazza….. come faccio a sapere quando avr smesso d essere pericoloso per gli altri???? grazie per l attenzione cordiali saluti.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Sono stati fatti gli esami del sangue?

    2. Anonimo

      il medico dice ke per un paio di settimane nn li posso fare xke ho tutto sballato per il cortisone e gli antibiotici…..

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Non sono medico, quindi sicuramente sarò in errore, ma testare la presenza degli anticorpi della mononucleosi per avere conferma della diagnosi a mio avviso non sarebbe influenzabile dalle cure in corso.

    4. Anonimo

      dove posso fare qsto test…??

    5. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      E’ un esame dal sangue, da fare presso qualsiasi laboratorio; tengo però a sottolineare che non era ironia quando dicevo di non essere medico e di essere quindi probabilmente in errore, quindi senta eventualmente anche un altro parere prima di sottoporsi all’esame.

    6. Anonimo

      certamente…. la ringrazio per l attenzione

  3. Anonimo

    Salve,Dottore nonostante la stagione ho fatto i lavaggi con acqua fredda come mi aveva detto,e i dolori sono diminuiti.E’ mi scusi quando le ho detto che avevo interroto il lodotra era con il consenso del reumatologo.Volevo sapere se devo continuare a fare i lavaggi in acqua fredda.E volevo anche sapere se ha un idea su cosa abbia scatenato questi dolori ai piedi.GRAZIE

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Se ne ha sollievo può tranquillamente continuare, significa che probabilmente erano dovuti a problemi di circolazione.

  4. Anonimo

    mio figlio di 6 anni ha le placche da ieri sera sta prendendo l’antibiotico augmentin ma da ieri ha anche episodi di vomito è normale

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Non comprendo bene cosa intenda per normale, ma si è probabilmente sovrapposta una forma influenzale che colpisce con nausea e vomito.

  5. Anonimo

    Buongiorno dottore,vorrei un aiuto da febbraio 2011 cerco di risolvere dei problemi aricolari sopprattutto ai piedi dopo vari controlli,ho consultato un reumatologo dopo tutti gli accertamenti i risultati sono stati che non ho nessuna forma reumatica.Dopo 5 mesi ho rifatto il tampone faringeo,il risultato e stato streptococco.il medico curante mi ha prescritto una cura con levoxacin500g,ascriptin,per 10 giorni,il livello dello streptococco si e’ abbassato ma ho ancora dei dolori ai piedi.cosa posso fare per ritornare come ero prima? perche’ mi sento peggio di un’anzianadi una certa eta’ ma io ho solo 34 anni.mi puo aiutare lei dottore?grazie

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Il suo medico ritiene che possa essere lo streptococco la causa del problema?
      Il reumatologo non ha dato nessuna cura?
      I piedi sono gonfi?

    2. Anonimo

      il mio medico non ritiene niete ,invece il reumatologo mi diede il “lodotra 5mg” solo per togliere il gonfiore ai piedi.si gonfiano quando sto in movimento.

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Dopo la cura di Lodotra era migliorato il problema?
      La sera sono più gonfi del mattino?
      D’estate peggiora?
      Lavora in piedi?
      Indossa tacchi alti?
      Ha mai sofferto di problemi circolatori?

    4. Anonimo

      IL problema e migliorato per il gonfiore, ma ho dovuto sospendere il lodotra per aumento di attacco cardiaco, in estate ce l’aumento del dolore,non lavoro,da quando ho questo problema non riesco a mettermi nemmeno le scarpe a tacco medio,come problemi circolatori no.

    5. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Se ha dovuto sospendere Lodotra l’ideale sarebbe sentire nuovamente il reumatologo, perchè non possiamo escludere che la strada fosse quella giusta; per il resto provi a dormire sollevando i pedi rispetto al resto del corpo (in genere si infilano coperte o cuscini sotto il materasso all’altezza dei piedi) e, se avesse voglia nonostante la stagione, proverei a fare lavaggi la sera con acqua fredda (fredda, non tiepida).
      In 5-6 giorni ci accorgiamo se serve, se non nota miglioramenti è inutile continuare.

    6. Anonimo

      va bene, grazie del suo aiuto e del tempo che mi ha dedicato.a risentirci.

    7. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Mi faccia sapere eventuali novità, anche se dovesse sentire il reumatologo od altri medici.

    8. Anonimo

      salve dottore, sono un’insegnante, ho 40 anni e lavoro in carcere. il 21 dicembre dopo tanti anni mi son venute le placche alla gola con febbre, ho preso amoxicillina due v. al girno e tachipirina per 5 giorni. dopo quattro giorni dalla fine della cura sono ricomparse, con forte mal di gola e febbre a 38. mi sono recata dalla guardia medica perchè ero in vacanza. mi ha prescritto bentelan da 1mg due v. al giorno per tre gg e rocefin 5 per giorni…(secondo lei era un ascesso tonsillare) oggi, a dieci giorni dalla fine di qs seconda cura di nuovo forte mal di gola e di nuovo placche… lunedì andrò dal mio medico..è il caso di effettuare un tampone faringeo? quindi non potendo prendere antibiotici (per non falsare il test) lei cosa mi consiglia? ho due bimbi piccolie paura di contagiarli…grazie mille

    9. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Terminati i 5 giorni di Rocefin andava solo un po’ meglio o bene?
      C’è febbre?

    10. Anonimo

      salve, terminato il rocefin stavo bene, ma…è durata poco… dopo 8 giorni circa è ricominciato il dolore, tre giorni fa ho visto dei filamenti bianchi su una tonsilla… il dolore si èintensificato…deglutire mi costa tanta fatica… purtroppo con gli orari strani del lavoro che faccio non sono ancora andata a farmi visitare dal mio medico… mi sa che devo ricominciare con gli aantibiotici? quali? grazie infinite!! S.

    11. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Temo sia proprio indispensabile il medico, perchè ho la sensazione che non sia mai guarita del tutto.

  6. Anonimo

    AIUTO_da sabato la mia compagna ha INIZIATO UNA TONSILLITE.così è andata alla guardia medica e non hanno notato le placche che già io avevo visto nel pomeriggio… e le hanno dato da prendere solo il brufen
    La notte ha avuto la febbre a 38.6 e ha preso una tachipirina 500 ed è passata momentaneamente.Domenica febbre e placche erano aumentate_abbiamo fatto venire la guardia medica e ha prescritto Veclam 500-antinfiammatorio e tachipirina all’ occorenza….così le ho dato la tachipirina alle 16,ma alle 17 era salita ancora a 39.4, così ho chiamato la guardia medica per esser indirizzato su come somministrare questi farmaci, e mi è stato detto di darle l’antinfiammatorio_effettivamente è scesa e non ha più avuto febbre fino alla notte.Alle 21 le ho dato il primo antibiotico, non sapendo come gestire gli orari_all’1.30 la febbre era 38.6, così abbiamo dato tachipirina (questa volta da 1000, perché mi è stato detto che 500 era bassa) e dopo una pessima nottata, alle 9 l’antibiotico_abbiamo chiamato il nostro medico, che ha detto che era troppo blando e ha detto di iniziare con punture di STARCEF 1g per 2 volte al giorno (ora le placche si sono estese all’ altra tonsilla)….la mia domanda è se è giusto sospendere così il VECLAM e se il dosaggio sia giusto e sopratutto_posso dargli un antibiotico diverso a distanza di poche ore…e ci sono interazioni con la TACHIPIRINa!?!??!?
    per piacere mi aiuti!!!

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Nessun problema di interazioni con Tachipirina e, passando ad un antibiotico più forte, non c’è problema a sospendere Veclam; raccomando per quanto possibile di somministrare Starcef ogni 12 ore.

    2. Anonimo

      DOTTORE, GRAZIE INFINITE
      è ANDATA BENE, ma ad oggi la mia compagna ha ancora placche sulla destra…piccole, ma simili alle prime che stavano su quella sinistra….lei poi ha avuto la fantastica idea di andare a lavoro già da giovedì……ora vorrei chiederle se le placche possono restare qualche giorno, visto che quelle ENORMI che si erano formate sono del tutto cadute durante la cura……..sono preoccupato, anche perché abbiamo una bimba di neanche 3 anni e mi chiedevo se non fosse necessario un tampone e quali fossero i tempi

      GRAZIE ANCORA INFINITAMENTE!!!!!

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Se non c’è più febbre o dolore non dovrebbero essere un grosso problema quelle piccole, ma sarebbero da vedere per valutare; direi invece che al momento non sono necessari tamponi.
      La cura con Starcef è finita?

    4. Anonimo

      Si…la cura è stata di due dosi da 1g ogni 12 ore, per 3 giorni….infatti in un niente è passata…..domenica siamo passati dalla guardia medica e il giorno dopo dal dottore…la prima ha visto l’inizio di una lieve flogosi a destra e ha detto di monitorare la situazione e nel caso continuare col Veclam…..il dottore, in genere “troppo propenso” agli antibiotici, ha detto che anche se al si erano spostate anche sull’altra tonsilla, che se non c’è febbre e sta bene, che potrebbe essere una naturale difesa ai rimasugli del batterio……e forse è proprio così, ad oggi ha si interessato entrambe le tonsille, ma è come se stessero tendendo a mantenersi stabili, senza peggioramenti ulteriori…..e anche lui ha ritenuto inutile il tampone, mi auguro solo che non peggiori e che si autorisolva….LA RINGRAZIO DAVVERO PER LA CORTESE DISPONIBILITÀ…..LEI MERITA DAVVERO IL NOME DIK DOTTORE

    5. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Praticamente non ho fatto nulla… ma l’importante è che abbia risolto o comunque sia sulla via della completa guarigione.

    6. Anonimo

      QUINDI LEI CONSIGLIA DI ATTENDERE O INIZIARE CON L”ANTIBIOTICO GIÀ DA STASERA??

    7. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Il medico ha sicuramente potuto valutare meglio di me, quindi si fidi più delle sue parole che delle mie; a sensazione, se non c’è dolore e non c’è febbre e le placche residue si rimpiccioliscono da un giorno all’altro, si può pensare di aspettare, ma anche solo nel dubbio meglio iniziare subito e non dare tempo all’infezione di riprendersi.

  7. Anonimo

    Salve dottore,gentilmente vorrei dei chiarimenti circa la mia situazione in attesa di andare dal medico la settimana prossima xchè di fine settimana non c’è!
    Ho avuto le placche prima di natale solo alla parte destra della gola,senza febbre, ma ho iniziato a prendere l’antibiotico,Klacid,dopo qualche giorno di testa mia,poi sono andata al medico x confermare la cura e mi ha detto di continuarlo x 6 giorni e così ho fatto.una pastiglia al dì da 500mg. In più locabiotal.
    sabato scorso ho preso l’ultima pastiglia e la mattina dopo mi sentivo nuovamente mal di gola nonostante la placca fosse scomparsa.Dopo tre giorni mi si era formata un’altra placca questa volta solo a sinistra della gola.ora sono 4 giorni che sto così ma con le feste di mezzo non sono potuta andare al medico.Mi chiedo dopo sei giorni di antibiotico come sia possibile che passi una placca e ne esca un’altra?cosa dovrò prendere secondo lei,cortisone?ho paura che x tamponare il mio medico mi dia di nuovo antibiotico…prenderlo x tanto tempo non fa male x le difese immunitarie?
    grazie anticipatamente x i suoi consigli….

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Sarebbe stato più corretto assumere Klacid 500 2 volte al giorno o, in alternativa, da 250 (o mezza compressa da 500) ma sempre 2 volte al giorno.
      Non è detto che sia stata questa la causa, ma ho la sensazione che abbia avuto il suo peso; segua quindi con scrupolo la cura che le verrà prescritta, perchè se è vero che gli antibiotici (come il cortisone, anche se in modo diverso) abbassano le difese immunitarie, rischiare infezioni più gravi è sicuramente peggio.

  8. Anonimo

    salve ho il mio piccolo di 3 anni e mezzo che da 4 giorni ha la febbre a 39..nonostante le cure di tachipirina e nurofen non scende mai sotto i 38 dopo una visita mi hanno detto che ha due placche in gola e mi hanno prescritto l’amocìxicillina per 7 gg …sono un po preoccupato perchè non passano 4 ore da una dose all’altra di tachipirina che gia la febbre supera i 39…che devo fare
    grazie

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Da quanto ha iniziato l’amoxicillina?

    2. Anonimo

      ho iniziato a dargliela da 1 gg ( 3 dosi da 5 ml)

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Aspettiamo ancora almeno 12 ore, è il tempo richiesto all’antibiotico per agire; nel dubbio, in ogni caso, dia un colpo di telefono al pediatra.

    4. Anonimo

      ma è meglio la supposta di tachipirna da 250 o lo sciroppo 120mg/5m… io gli sto dando 7ml di sciroppo …

    5. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Il vantaggio dello sciroppo è che si può dosare meglio; quanto pesa il bimbo?

    6. Anonimo

      13/14 kg

    7. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      7 ml di sciroppo per una febbre alta sono un po’ pochini, proverei ad aumentare leggermente la dose se il pediatra fosse d’accordo.

  9. Anonimo

    Buon giorno Dottore,
    da tre giorni ho un forte mal di gola, con un dolore intenso che dalla parte destra del collo si è esteso da stamattina sera verso il centro, con dolore nella deglutizione. Non c’è febbre ed è comparso da ieri del catarro e un leggero raffreddore e secchezza del cavo orale. Il tutto si è manifestato dopo la comparsa di uno stato di freddo improvviso, accompagnato da brividi, ma senza febbre, ritengo dovuto a una leggera congestione. Inizialmente alla comparsa del freddo mi sono coperto con indumenti caldi e ho assunto due aspirine ed lo statro di freddo è scomparso dopo circa due ore. Dal giorno successivo, alla comparsa del mal di gola, ho assunto due pastiglie a base di paracetamolo al giorno (Tachipirina mg. 500- mattina e sera), e frequenti spruzzi di Propoli in gola. Non ho ancora consultato il mio medico. Tuttavia il mal di gola non tende a scomparire, il dolore persiste ed ho un leggero prurito alle orecchie. Le chiedo cortesemente un parere sulla efficacia della automedicazione adottata e quale secondo Lei potrebbe essre la causa. Tendenzialmente sono una persona piuttosto sana e non sono soggetto a mal di gola. Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Sulle cause è difficile essere precisi, perchè sono forme stagionali molto diffuse in questo periodo; personalmente in genere consiglio anche trattamenti più aggressivi, ma se le dosi di Tachipirina assunte le sono sufficienti a tenere sotto controllo i sintomi non c’è motivo di elevare le dosi.
      In caso di febbre persistente, o febbre molto alta, senta il medico.

  10. Anonimo

    grazie dottore. il tampone faringeo e le analisi ves emocromo tireotropina e proteina c reattiva le ho fatte ma le ritiro dopo le feste nel frattempo cosa posso prendere per alleviare il dolore? la ringrazio per la risposta

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Valuti con il suo medico, ma potrebbe essere sensato Tachipirina od antinfiammatori se il dolore fosse molto severo, altrimenti rimedi locali (spray/caramelle/collutori) che hanno il vantaggio di avere meno effetti collaterali.