Listeriosi: sintomi, incubazione, gravidanza e prevenzione

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 2 febbraio 2018

Introduzione

La listeriosi è una grave infezione causata dall’ingestione di alimenti contaminati dal batterio Listeria monocytogenes.

La patologia colpisce soprattutto

  • anziani,
  • gestanti,
  • neonati,
  • adulti con sistema immunitario depresso;

in rari casi possono comunque essere colpiti anche pazienti che non presentano questi fattori di rischio.

Il tempo di incubazione è variabile, ma in media è di 3 settimane (può tuttavia prolungarsi fino a 70 giorni); sono stati descritti casi di forme relativamente benigne con tempi di comparsa molto più rapidi, intorno alle 12-48 ore.

I sintomi principali sono:

  • febbre alta,
  • brividi,
  • mal di testa,
  • nausea e vomito.

Il trattamento è fondamentalmente antibiotico, con eventuale ricorso a farmaci sintomatici per dare sollievo ai sintomi.

È comunque possibile diminuire il rischio seguendo alcune semplici precauzioni che vedremo in seguito.

RIcostruzione grafica del batterio responsabile della listeriosi

iStock.com/Pitju

Cause

Il Listeria monocytogenes è un batterio diffuso nel suolo e nell’acqua: gli animali possono essere portatori del batterio senza ammalarsi e possono contaminare gli alimenti di origine animale, come le carni e i prodotti caseari.

Il contagio avviene consumando carne, pollame, pesce e prodotti caseari freschi contaminati dalla Listeria monocytogenes. Si può contrarre la listeriosi anche consumando alimenti contaminati conservati o confezionati in condizioni igieniche precarie, oppure consumando verdure contaminate dalla terra o dal letame usato come fertilizzante.

I neonati possono presentare la listeriosi alla nascita se la loro madre ha ingerito alimenti contaminati durante la gravidanza, mentre una persona sana NON in gravidanza può spesso consumare alimenti contaminati senza ammalarsi.

Chi è a rischio può prevenire la listeriosi evitando determinati alimenti ad alto rischio e imparando a conservare gli alimenti nel modo corretto.

Trasmissione

La maggior parte dei casi di infezione avviene a seguito del consumo di alimenti contaminati, ma sono stati riferiti rari casi di trasmissione nosocomiale (in ospedale).

Se il batterio Listeria entra in un’azienda alimentare può riuscire a sopravvivere per anni, arrivano quindi nel tempo a contaminare eventualmente i prodotti lavorati.

Il batterio è stato individuato in un’ampia gamma di alimenti crudi, come la carne e le verdure, ma anche in alimenti contaminati dopo la cottura o la trasformazione, come i formaggi molli, le carni trasformate (hot dog e prodotti gastronomici, sia in confezioni sigillate sia in vendita in gastronomia) e il pesce affumicato. Il latte crudo, i formaggi non pastorizzati e gli alimenti a base di latte non pastorizzato sono particolarmente a rischio di contenere il batterio.

La Listeria non sopravvive alla pastorizzazione e alla cottura tuttavia, in alcuni alimenti pronti come gli hot dog e i piatti delle gastronomie, la contaminazione si può verificare dopo la cottura e prima del confezionamento.

Diversamente dalla maggior parte dei batteri la Listeria può crescere e moltiplicarsi anche in alcuni alimenti conservati in frigorifero.

Fattori di rischio

I gruppi di pazienti più a rischio di contagio sono:

  • Gestanti. Le gestanti sono circa 13 volte più a rischio rispetto al resto della popolazione di contrarre la listeriosi. Circa un caso su sei di listeriosi (17%) si verifica in donne in gravidanza.
  • Neonati. I neonati soffrono degli effetti più gravi dell’infezione durante la gravidanza.
  • Persone con sistema immunitario indebolito da trapianti o da malattie, terapie o farmaci.
  • Pazienti affetti da:
  • Pazienti sieropositivi. Sono circa 300 volte più a rischio di contrarre la listeriosi rispetto alle persone con sistema immunitario sano.
  • Anziani.

La Listeria colpisce raramente i bambini e gli adulti sani, che ancor più raramente si ammalano in modo grave.

Sintomi

I sintomi possono comparire da poche ore fino a diverse settimane dal consumo dell’alimento contaminato: chi soffre di listeriosi limitata al tratto gastrointestinale (come nel caso della maggior parte delle intossicazioni alimentari) di solito manifesta febbre e dolori muscolari, in alcuni casi preceduti da diarrea o da altri sintomi gastrointestinali come nausea e vomito, ma di fatto in questi pazienti è raro che venga formalizzata una diagnosi.

Quasi tutti i pazienti a cui è diagnosticata la malattia presentano invece un’infezione invasiva, in cui il batterio si diffonde anche in zone diverse dall’apparato digerente, ma in questo caso i sintomi variano da un soggetto all’altro.

In gravidanza l’infezione è particolarmente subdola, perché tipicamente le donne incinte avvertono inizialmente solo sintomi lievi, di tipo influenzale.

Più in generale i sintomi dell’infezione da listeria, oltre alla febbre, ai disturbi gastrointestinali e ai dolori muscolari, possono comprendere anche:

Questi sintomi possono essere indicativi di complicazioni e vanno quindi immediatamente segnalati ad un medico.

Quando chiamare il medico

Se il paziente appartiene a una categoria ad alto rischio e avverte sintomi di tipo influenzale entro due mesi dal consumo di alimenti contaminati dovrebbe andare immediatamente dal medico e dirgli che sospetta di aver consumato alimenti contaminati.

Se il paziente ha consumato alimenti contaminati dalla Listeria e non presenta alcun sintomo, la maggior parte degli esperti ritiene che non siano necessari né esami né terapie, anche se il paziente è ad alto rischio per la listeriosi.

Se siete incinte e avete la febbre e i brividi oppure se state male, avete dolori muscolari o torcicollo, chiamate immediatamente il medico. L’esame del sangue e/o del liquido spinale (per cercare il batterio) vi diranno se soffrite di listeriosi.

Pericoli

Anche con una terapia tempestiva, alcuni casi di listeriosi possono provocare la morte del paziente; le categorie più a rischio sono gli anziani e i pazienti affetti da altri problemi di salute gravi o con sistema immunitario soppresso, dove setticemiameningite sono le presentazioni cliniche più frequenti.

Gravidanza

Le gestanti hanno un rischio circa 20 volte maggiore di contrarre la listeriosi rispetto agli altri adulti sani e si stima che fino a un terzo dei casi di listeriosi si verifichi  in gravidanza.

Le infezioni di listeriosi contratte in gravidanza possono nei casi più gravi provocare

Se nel primo trimestre la listeriosi può causare l’aborto spontaneo, nel terzo trimestre è la madre a essere esposta ai rischi maggiori, tuttavia i bambini che contraggono infezioni nell’ultima fase della gravidanza possono soffrire di molti problemi di salute diversi, come

  • ritardo mentale,
  • paralisi,
  • cecità,
  • problemi cerebrali, cardiaci o renali.

Nei neonati la Listeria monocytogenes può infine provocare infezioni del sangue e la meningite.

Diagnosi

La diagnosi diventa effettiva solo dopo l’isolamento del batterio Listeria monocytogenes da un sito normalmente sterile, come il sangue, il liquido amniotico o la placenta nelle prime fasi della gravidanza.

La Listeria monocytogenes può essere isolata velocemente nei siti normali, ma bisogna fare attenzione a distinguerla dagli altri batteri a bastoncello gram-positivi, soprattutto dai difteroidi. I terreni di arricchimento selettivo migliorano le percentuali di isolamento dai campioni contaminati. Gli esami sierologici non sono attendibili, e attualmente non sono consigliati.

Cura e terapia

La listeriosi viene curata attraverso l’uso di antibiotici.

Prevenzione

Le linee guida generali per la prevenzione della listeriosi sono simili a quelle usate per gli altri tipi di contaminazione alimentare come la salmonellosi.

Inoltre ci sono consigli specifici per le persone ad alto rischio per la listeriosi.

Consigli della FDA per il lavaggio e il trattamento degli alimenti

  1. Risciacquate accuratamente tutti i prodotti crudi, come la frutta e la verdura, sotto l’acqua del rubinetto prima di mangiarli, tagliarli o cuocerli. Anche se avete intenzione di sbucciarli o pelarli, prima vi consigliamo di lavarli.
  2. Strofinate la frutta e la verdura dura comprata al supermercato, come i meloni e le zucche, con una spazzola pulita.
  3. Asciugatele con un asciugamano pulito o con lo scottex.
  4. Tenete lontani la carne e il pollame crudi dalla verdure, dagli alimenti cotti e da quelli comprati in gastronomia.
  5. Tenete pulite e sicure la cucina e la casa.
  6. Lavate le mani, i coltelli, le superfici e i taglieri dopo aver maneggiato e preparato gli alimenti crudi.
  7. Ricordate che la Listeria monocytogenes può crescere anche negli alimenti in frigorifero. Usate un termometro, ad esempio quello del frigo, per controllare la temperatura interna. Il frigo dovrebbe essere tenuto a una temperatura inferiore ai 4 °C e il freezer a una temperatura inferiore ai -17 °C.
  8. Pulite immediatamente il frigo quando c’è qualcosa che cola: prestate particolare attenzione agli hot dog e ai cibi confezionati, alla carne e al pollame crudi.
  9. Pulite le pareti interne e i ripiani del frigo con acqua calda e sapone liquido, poi risciacquate bene.
  10. Fate cuocere bene la carne e il pollame.
  11. Fate cuocere bene tutti gli alimenti di origine animale, ad esempio il vitello, il maiale e le carni bianche, fino a raggiungere una temperatura interna sicura.
  12. Conservate gli alimenti in condizioni di sicurezza ed usate la regola delle due ore: eliminate gli alimenti lasciati a temperatura ambiente per più di due ore, se la temperatura ambientale supera i 32 °C, il tempo di tolleranza cala a un’ora.
  13. Consumate gli alimenti precotti o confezionati il prima possibile; non tenete gli alimenti scaduti nel frigorifero; seguite questi consigli per la conservazione nel frigorifero:
    1. Hot dog: conservate le confezioni aperte per una settimana al massimo e le confezioni chiuse per non più di due settimane.
    2. Piatti gastronomici e freschi. Conservate in frigorifero le confezioni sigillate per al massimo 2 settimane. Conservate i pacchetti aperti e gli affettati per 3-5 giorni massimo.
    3. Dividete gli avanzi in piccoli contenitori per farli riscaldare in fretta e bene. Conservateli in contenitori ermetici, oppure copriteli con la pellicola o l’alluminio. Consumateli entro 3-4 giorni.
  14. Scegliete gli alimenti più sicuri.
  15. Non bevete il latte crudo (non pastorizzato) e non consumate alimenti che lo contengono.

Tra i consigli per le persone più a rischio, come le gestanti, i pazienti con sistema immunitario compromesso e gli anziani, ricordiamo:

  1. Carni
    1. Non consumate gli hot dog, i piatti pronti, gli affettati, i piatti freschi o i salumi fermentati o stagionati a meno che non siano stati cotti a una temperatura interna di 75 °C immediatamente prima di essere serviti.
    2. Cercate di non far colare liquidi dagli hot dog o dai cibi confezionati su altri alimenti, sugli utensili e sulle superfici di preparazione dei pasti, e lavatevi le mani dopo aver toccato gli hot dog, i piatti pronti e i piatti della gastronomia.
    3. Fate attenzione alle etichette. Non consumate il pâté fresco o salse fresche a base di carne comprati in gastronomia o al supermercato. Gli alimenti che al supermercato non si trovano nel banco freschi, come il pâté conservato e le salse confezionate a base di carne, sono sicuri: ricordatevi di tenerli in frigorifero una volta aperti.
  2. Formaggi
    1. Non consumate i formaggi molli come la feta, il brie, il camembert, il gorgonzola, a meno che sull’etichetta ci sia scritto espressamente “prodotto con latte pastorizzato”. Controllate sempre l’etichetta!
  3. Pesce
    1. Non consumate il pesce affumicato in vendita nel banco freschi, a meno che non sia l’ingrediente di un piatto cotto, oppure sia in scatola.
    2. Il pesce affumicato in vendita nel banco freschi, come il salmone, la trota, il coregone, il merluzzo, il tono e il maccarello, spesso è etichettato come: “affumicato” o “essiccato”. Questi tipi di pesce di solito si trovano nel banco frigo dei supermercati e delle gastronomie.
    3. Il salmone, il tonno e gli altri tipi di pesce in scatola sono sicuri.
  4. Meloni
    1. I consumatori e chi prepara i meloni dovrebbero lavarsi le mani con acqua tiepida e sapone per almeno 20 secondi prima e dopo aver maneggiato il melone o l’anguria interi.
    2. Strofinate la superficie dei meloni e delle angurie con una spazzola pulita sotto l’acqua corrente e asciugateli con un asciugamano pulito o con lo scottex prima di tagliarli. Ricordate di disinfettare la spazzola dopo l’uso, per evitare di trasferire i batteri tra i vari frutti.
    3. Consumate le angurie e i meloni tagliati il prima possibile, o metteteli in frigorifero il prima possibile. Tenete i meloni e le angurie tagliati in frigorifero a una temperatura massima di 4 gradi (l’ideale sarebbe tenerli a zero gradi al massimo), al massimo per una settimana.
    4. Non consumate i meloni o le angurie lasciati a temperatura ambiente per più di 4 ore.

Fonti Principali:

(Adattamento a cura di Elisa Bruno)

Aderiamo allo .

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Salve due giorni fa ho mangiato un po’ di sardella…solo ora mi sono ricordata ke è pesce crudo…l’ho mangiata con un pezzetto di pane niente di esagerato ma pochissima…potrebbe succedermi qualcosa sono alla 9+0 settimana

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non posso darle garanzie, ma se la provienza è sicura credo che possa essere abbastanza serena; segnalerei comunque l’accaduto al ginecologo.

  2. Anonimo

    Cosa devo fare se penso di aver mangiato uno yogurt scaduto contaminato dalla listeria?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Premesso che il fatto che fosse scaduto non lo rende di per sé contaminato, le raccomando di rivolgersi al medico (al Pronto Soccorso in caso di sintomi evidenti); i sintomi possono comparire nei due mesi successivi (ma mediamente l’incubazione è di tre settimane circa) al consumo dell’alimento a rischio.

    2. Anonimo

      Mangiare uno yogurt scaduto da due giorni è pericoloso? È sempre stato in frigo.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

  3. Anonimo

    Disinfettare il piano di lavoro con Amuchina spray cucina è sufficiente per evitare il rischio di contaminazioni crociate?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In linea di massima sì, ma raccomando di agire sempre con attenzione e buon senso.
      Attenzione nel senso, per esempio, di effettuare anche una pulizia fregando bene il piano (come quando ci si lava le mani, è di fondamentale importanza il processo meccanico di strofinamento), “buon senso” inteso come valutazione di volta in volta del rischio relativo (alcuni alimenti sono più a rischio di altri, per esempio) e senza diventare ossessionati.