1. Anonimo

    salve dottore,
    dopo due giorni a letto con febbre e dolori muscolari (il 2 e il 3 febbraio) dopo aver utilizzato i seguenti farmaci: paracetamolo e acido acetilsalicilico, ad oggi, 17 febbraio, ho ancora il gusto fortemente alterato. Qualsiasi alimento ha un sapore molto cattivo. E’ possibile accelerare il riequilibrio con qualche farmaco, vitamina, minerale? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In parte sono probabilmente i farmaci assunti ad aver causato il disturbo; magari i fermenti lattici possono aiutare, anche se mi aspetto che nel giro di 1-2 giorni la situazione migliori in ogni caso.

  2. Anonimo

    Gentile Dottore,
    oggi, mentre ero seduto in treno, un amico che non rivedevo da parecchio tempo s’è avvicinato, si è seduto affianco e abbiamo iniziato a chiacchierare. Mi ha riferito di aver contratto una forma influenzale con febbre, tosse e quant’altro, ma la cosa allarmante è che m’ha detto che sua sorella (qualche anno in meno rispetto a lui) ha contratto una forma con febbre e vomito (anche se non ricordava bene il particolare del vomito e non ho capito se era guarita o era nel pieno dell’infezione). A quelle parole sono divenuto una lastra di ghiaccio, poiché in questi giorni devo recarmi lontano dalla mia città per incontrare i miei nipotini (molto sensibili ai virus stagionali, infatti, si ammalano spesso) e, di conseguenza, non vorrei contagiarli. Ho trascorso affianco al mio amico una decina di minuti e non ho ricevuto goccioline di saliva (almeno non sul viso). So che non può rispondere ciò che vorrei tanto leggere, ma potrebbe dirmi almeno entro quanti giorni è possibile manifestare il virus? Potrei risultare contagioso per chi mi è attorno? Il vomito può manifestarsi anche con l’influenza stagionale, magari per la febbre alta?Abbiamo superato il picco dell’influenza 2012 (anche quella intestinale) e, di conseguenza, ci si può tranquillizzare un po’? Secondo Lei, in questo caso posso tirare un respiro di sollievo, dato che si può essere contagiati dal virus solo se sotto stretto contatto con la persona infetta? Mentre è in atto l’incubazione si può essere contagiosi? Avendo contratto una forma con episodi di diarrea (04/2011), una forma para-influenzale con febbricola, defecazione dolorosa, crampi addominali e leggera nausea (12/2011) e, infine, l’influenza stagionale (02/2012), è possibile ritenersi un po’ più “protetti” e, di conseguenza, non contrarre nulla, oppure contrarre una forma più blanda?
    La ringrazio e Le auguro di cuore buona domenica.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. 48 ore è il tempo medio di incubazione.
      2. In alcuni casi anche la stagionale porta vomito.
      3. Siamo a cavallo del picco, forse poco oltre.

  3. Anonimo

    Buonasera dottore,
    Ho incominciato giovedi’ ad avere un senso di nausa con rispettivi fastidi vari(come mal di testa, doloretti diffusi e qualche scarichetta)..mi chiedevo come a distanza di quasi 4 giorni la situazione stia leggermente peggiornado invece di migliorare..continuo ad avere una leggera febbricola che esce solo nel tardo pomeriggio/sera con la punta massima di 37.4..il problema e che ho anche qualche fastidio alle orecchie con dolore e prurito ed un piccolo pizzicore in gola..e possibile che questo virus non riesca a sfogare il tutto con 39 di febbre per 3 giorni ma sia lentissimo e fetente?.. 1000 grazie in anticipo..

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Adesso ha ancora scariche? La febbre l’ha avuto fin da subito? Ha preso farmaci?

    2. Anonimo

      Adesso no!..ma questo pomeriggio avevo 37.4..i farmaci che ho preso sono aspirina per un paio di giorni..cmq nell insieme mi sento bene ma e com se fossi un po debilitato..(ancora grazie)..

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sono forme comuni in questi giorni, in linea di massima con un po’ di riposo ed una dieta leggera e molto ricca di liquidi dovrebbe risolvere entro breve.

    4. Anonimo

      Gentilissimo..buon lavoro 🙂

  4. Anonimo

    Salve
    Il 15 febbraio ho cominciato ad accusare bruciore di stomaco,acidità di stomaco,debolezza di stomaco e difficoltà digestive.Ho preso il Riopan gel fino a sabato. Ieri sera però ho avvertito brividi di freddo e avevo la febbre a 37,4. Avevo nausea e non avevo fame ma verso sera ho preso un pezzo di crostata all’albicocca ma appena ho ingerito il primo morso mi sono sentita malissimo cioè pesantezza e debolezza di stomaco e stavo quasi per vomitare ma poi tutto mi è passato. Stanotte comunque alle 1:00 ho vomitato e il tutto mi è passato. Volevo sapere se sia un influenza gastro intestinale o gastrite???e che dieta devo seguire???Grazie 1000 e buona domenica

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Dieta in bianco o comunque molto leggera per qualche giorno; sembra trattarsi di una delle numerose forme parainfluenzali che girano in questi giorni.

  5. Anonimo

    Gentile Dottore,
    questa mattina verso le 05:30 ho iniziato ad avvertire un dolore abbastanza forte alla pancia. In seguito, verso le 6:30 ho defecato con dolore e, per essere più tranquillo, ho assunto una pastiglia di Codex. Il dolore si è attenuato lentamente fino a scomparire del tutto, ma in certi momenti ricompare come una pugnalata improvvisa. Io (purtroppo) ero stato invitato a pranzo e, di conseguenza, ho mangiato ciò che c’era (era tutta roba fresca e, a dire la verità, la fame non m’ha mai abbandonato). Secondo Lei si è trattato di un episodio occasionale dovuto al nervoso (come penso io) oppure di una forma gastrointestinale? Il vomito potrebbe ancora presentarsi? Può andar bene Codex, oppure devo assumere qualcos’altro? Potrei manifestare altri episodi di questo genere?
    Cordiali saluti.

    1. Anonimo

      P.S: non so dirLe se ho effettivamente febbre, poiché verso mezzogiorno tende sempre a salire (non so per quale motivo) a 37.2 C°.

    2. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      “Voto” per l’ipotesi di episodio occasionale.
      Bene Codex.
      Il vomito sarebbe già comparso.

  6. Anonimo

    Gentile Dottore,mi perdoni se la disturbo ancora ma avendo cosi tanta paura di rimettere mi lascio impressionare facilmente…tra ieri e oggi ho sentito e letto che in questi giorni c’è il picco dei vari virus gastrointestinali del momento….le volevo chiedere se fosse realmente vero e in caso cosa potrei assumere per rinforzare le mie difese scampando cosi al pericolo…grazie mille….

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Confermo una discreta diffusione; le regole di prevenzione sono sempre le stesse dell’influenza stagionale

      1. Lavaggio delle mani (in assenza di acqua, uso di gel lavamani a contenuto alcolico),
      2. Scrupolosa igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, eliminare con attenzione i fazzoletti di carta, da preferire a quelli di stoffa, e lavarsi le mani),
      3. Isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili sopratutto nei primi giorni,
      4. Uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologia influenzale.

      e se vuole fermenti lattici.

  7. Anonimo

    salve dottore! le volevo chiedere se fosse normale una lieve tonalità verdastra delle feci con defecazione normale (quindi non vi è presente diarrea!), premetto che mangio molta frutta e verdura. o è l’inizio di un virus?
    grazie mille, scusi del disturbo

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A mio parere dipende esclusivamente da quello che mangia.

  8. Anonimo

    Gentile dottore mi scusi tanto se mi ritrovo ancora qui a scrivere ma oggi non so dove scappare….mia madre sta poco bene per via della comune influenza,mal di gola e tantissima tosse,fin qui ci siamo,il problema e’ che da oggi dopo pranzo,dopo essersi mangiata un uovo al tegamino,dice di sentirsi poco bene e che le viene da rimettere…io sto tremando dalla paura…crede sia un influenza intestinale o che la colpa sia imputata all uovo? Lei non e’ facile a problemi gastrici quindi detto da lei vuol dire proprio che sta male ….se fosse avrebbe già rimesso? Dice che non riesce a digerire ciò che ha mangiato,…grazie mille….

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo mi è impossibile fare ipotesi sulle cause; valuti con il suo medico se dare un antinausea.

  9. Anonimo

    Buongiorno. Ieri mi sono sentita abbastanza bene ma ieri sera ho cominciato ad avvertire mal di pancia con conseguente diarrea. Ho anche dolori a braccia e gambe e mi sento debolissima forse perché vado avanti da 3 giorni con fette biscottate e te ed inoltre ieri mi è arrivato anche il ciclo. Quando passerà questo virus gastrointestinale??? Più o meno quanto dura??? Dovrei contattare il mio medico curante??? Grazie e buona giornata

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Confermo, mangiare solo tè e fette biscottate è controproducente; assumerei inoltre sali minerali, la cui carenza è la causa dei dolori agli arti.
      Se in 1-2 giorni non migliorasse (proverei con fermenti lattici) senta il medico.

  10. Anonimo

    Gentile Dottore,
    questa mattina ho effettuato un prelievo venoso per scoprire cos’è che causa il rialzo pomeridiano della temperatura corporea. Dal suddetto prelievo è possibile risalire a una eventuale influenza intestinale, ossia il prelievo può rendere nota una infezione gastrointestinale in corso (anche in incubazione)?
    Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sicuramente no; credo invece (ma è un’ipotesi, perchè non so con precisione i valori richiesti dal medico) che voglia principalmente vedere i valori relativi al sistema immunitario per capire se siamo di fronte ad un’infezione, senza necessariamente capire già la locazione.