1. Anonimo

    vorrei sapere se diabete può danneggiare i reni.in chè modo

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, può danneggiarli.

  2. Anonimo

    Mi è stato diagnisticato diabete tipo 2. Mi sono messo a dieta e la glicemia è rientrata su valori accettabili. Pur tuttavia il diabetologo mi ha prescritto mertforal 500 2 volte al giorno. Non riesco a tollerarlo in quanto mi provoca forti dolori addominali. Un amico naturopata mi ha consigliato un integratore di nome PICOCROMO . Può sostituire il metforal?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A mio parere no.

  3. Anonimo

    mia mamma ha 71 anni e’ diabetica con colesterolo alto 3oo retinopatia e piccole vascolopatie celebrali con ipertenzione da un po’ avverte dei dolori lombo sacrali e per finire ha un po’ di stipsy vorrei sapere se e’in fase degenerativa grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non capisco precisamente cosa intenda, ma purtroppo il diabete è di per sè una malattia che nella migliore delle ipotesi non peggiora, ma non è possibile sperare in miglioramenti.

  4. Anonimo

    mia madre,

    75 anni,ha diabete mellito 2 curato fino a d agosto con capsule,adesso fa 4 insuline al giorno ma non abbiamo gli stessi risultati di prima,ha sempre valori sopra i 230.Volevo sapere se è possibile ricominciare con la terapia precedente(anche se i reni ne risentono).

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      No, vanno invece rivalutate le dosi di insulina (è normale che all’inizio serva un po’ di tempo per trovare le dosi giuste).

  5. Anonimo

    da 14 anni soffro di diabete tipo 1 e sono muratore io vado spesso in ipoglicemia e non riesco a controllare, per questo motivo……. un giorno non si fa niente, un altro fai molto e consumo molte calorie e diventa poi un diabete scompensato .io non posso lavorare pero io e i miei figli viviamo da li cosa mi consigli.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non vedo alternative a migliorare lo stile di vita e sopratutto la capacità di dosare l’insulina; posso chiedere altezza e peso?

    2. Anonimo

      SONO ALTO 176 E PESO 75 KG . COSA CENTRA IL PESO O L ALTEZZA CON IL LAVORO CHE FACCIO

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non era una domanda relativa al lavoro, ma al controllo dell’insulina; non è un grande sovrappeso, ma se riuscisse a perdere qualche chilo probabilmente migliorerebbe il controllo sulla glicemia.

      La glicemia la misura regolarmente con il glucometro?
      Quante volte fa insulina al giorno?

  6. Anonimo

    Ho il diabete tipo 2 da 12 anni, sono stato curato con glucobai, successivamente con metforal 500, man mano aumentato fino a 3 compresse al di metforal 1000. da 10 mesi il diabetologo mi ha prescritto la seguente terapia: 3 metforal da 500, una cp. januvia 100. il valore della mia glicemia varia al mattino prima e dopèo colazione da 95 a 110; due ore dopo pranzo arriva anche a 200, due pre dopo cena, varia da 130 a 150, emoglobina glicata e arrivata a 7. da 4 mesi ho un calo di peso notevo, (in 4 mesi ho perso 4 kg.) diminuzione drastica dell’appetito, m,al di testa, eruzioni cutanee, stipsi e altri piccoli inconvenienti. ho sottopèosto la situazione al diabetologo, il quale mi fa notare che sospendere la somministrazione di januvia devo ricorrere all’insulina, (causa leggera disfunzione renale). Ho 75 anni, sono alto 1,68 m. peso attuale 62 kg. esiste qualche terapia che sostituisca januvia e non mi obblighi a ricorrere all’insulina?
    Se mi puo rispondere le saro molto grato.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo temo di no, con quei valori non credo che ci siano alternative.

  7. Anonimo

    Ciao ho 13 anni e ho il diabete di tipo 1 e volevo chiedere se c’è qualche cura perchè io ho voglia di mangiare e rubo cibo in continuazione senza farmi l’iniezione di insulina e quando sono andato dal mio dottore mia ha fatto la glicata e ho trovato per 5 volte il risultato 8.9 e li vicino volevo chiederle se mi può dare qualche consiglio per migliorare perchè ho paura di quello che mi succederà in futuro
    Mi potrebbe rispondere al più presto le sarei molto grato

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi permetto di darti del “tu” per semplicità e ti invito a fare lo stesso.
      Per certi versi il diabete di tipo 1 è molto più gestibile del tipo 2, a patto di essere consapevole della situazione e sopratutto di aver voglia di imparare a mettersi in gioco.

      Tu sei nella condizione di fare tutto quello che vuoi nella tua vita, anche di mangiare dolci, ma per farlo devi imparare a gestire benissimo l’insulina e fare la “conta dei carboidrati”.

      Parlane con il tuo medico (intendo il diabetologo), apriti così come hai fatto con me e chiedigli di insegnarti volta per volta come imparare a gestirti correttamente: in questo modo potrai fare una vita normale (insulina a parte), mangiare più o meno cosa vuoi (ovviamente sempre nel contesto di una dieta sana, come dovrebbe fare chiunque e non solo un diabetico), e sopratutto evitare le complicazioni dovute alla malattia.

      Ti lascio infine un link interessante:

  8. Anonimo

    Salve, sono Linda e ho 36 anni, e una familiarità (nonni, zii quasi tutti) per il diabete tipo 2.
    Alcuni mesi fa mi sentivo strana e ho misurato la glicemia (dietro consiglio); il valore era 107 a digiuno nonostante la sera prima non avessi mangiato dolci. Ho cominciato ad avitare la frutta e un pochino è scesa. Io sono alta 167 cm e peso 52 kg, sono una sportiva e tengo un’alimentazione povera di grassi. Ieri mattina a digiuno ho rimisurato la glicemia ma stavolta era 115.
    So che NON sono valori di diabete, ma non so più che pesci prendere. Devo preoccuparmi? Non so cosa fare.
    Grazie per l’eventuale risposta.
    Linda

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Immagino che abbia già eliminato dolci e zucchero, un ulteriore grosso aiuto deriva dall’uso di pane/pasta/riso integrale.
      Le misurazioni le ha fatte con un apparecchio domestico od in ospedale?

    2. Anonimo

      La misurazione l’ho fatta sempre a casa con il classico apparecchietto. A ottobre ho fatto, contemporaneamente al valore di 107, l’esame dell’emoglobina glicata che è risultata 5.5. Ieri avevo 115 di glicemia dopo più di 10 ore di digiuno: la sera prima avevo mangiato occasionalmente un dolcino veramente piccolo ma erano comunque passate dieci ore. Io non mangio mai dolci, ma se li mangiassi, avrei già il diabete? Ho bisogno veramente di un consiglio.
      Pane e pasta, non ho capito bene, fanno aumentare o diminuire la glicemia?
      Grazie ancora

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Pane e pasta sono indispensabili per tutti, anche per i diabetici; scegliendo quelli integrali l’assorbimento dei carboidrati è rallentato con conseguenti vantaggi sulla glicemia.
      2. Al suo posto fare un esame della glicemia a digiuno in ospedale, non sono così convinto dei valori che rilevati in casa.

  9. Anonimo

    salve dottore! mio marito circa 4 anni fa ha fatto le analisi generali e il dottore di famiglia a riscontrato la glicemia con 50 in più di valori ma non e sempre però,adesso sono 2 mesi che ha un dolore al ginocchio non le passa con nessun antidolorifero o pillole x le artrosi la mia domanda è: potrebbe essere la causa del diabete?grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non credo.

  10. Anonimo

    buon giorno dottore, volevo chiedervi se in farmacia è già in commercio il nuovo apparecchio che serve a misurare i valori della glicemia:(glucometro),senza usare le tradizionali punture e strisce di rilevamento. grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sinceramente non lo conosco, su che principio si baserebbe?

    2. Anonimo

      il suo principio di questo apparecchio nuovo,si base sulla misurazione della glicemia attraverso un laser,eliminando le fastidiose punture, e sprechi di striscette, ogni qualvolta si ricorre alla misurazione della glicemia.grazie Dott.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Che io sappia non è ancora in commercio.