Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Buongiorno , sono stata operata di ernia discale da due settimane ..e dopo l’intervento al momento sono ancora bloccata con la gamba sinistra ( addormentata dal polpaccio al piede ) ma per il resto va molto meglio. Vorrei sapere quando potro’ iniziare l’attivita’ natatoria per la riabilitazione …mi hanno detto non prima di 60 giorni ,ma mi sembrano veramente tanti …speravo gia’ di iniziare ora …potete confermarmi qualcosa ?

    grazie ELEONORA.

    1. admin
      admin

      Mi atterrei a quanto suggerito.

  2. Anonimo

    salve ho problemi di ernie ho fatto l’ultima RM e mi e stato diagnosticato questo:
    degenerati e un po ridotti in altezzai dischi ai passaggi L4-L5 ed L5-S1.
    artrosi interapofisiaria al passaggio L4-L5.
    al passaggio L4-L5 si rileva procidenza discale circonferenziale prelevante a sinistra con
    impronta sul sacco durale e sulla tasca radicolare sn di S1 ed impegno foraminale a sinistra.
    al passaggio L5-S1 presenza di procidenza discale ad ampio raggio in sede foraminale sinistra. Con questa RM ho fatto cure di cortisoni antinfiammatori e anche morfina e punture varie ma l’ortopedico non vuole operarmi perche dice che sarebbero piu i danni che i giovamenti
    premetto che ho anche il busto steccato e lavoro nei frigoriferi e la notte spesso non riesco a dormire che avverto delle fitte dolorosissime e la gamba sinistra mi fa male molto e zoppico anche nel camminare come posso fare x una soluzione? ho 36 anni e non ce la faccio piu vorrei dei consigli utili la ringrazio in anticipo grazie ciao

    1. admin
      admin

      Se il consiglio è stato di evitare l’operazione è probabilmente la realtà, perchè in genere ci si pone il dubbio opposto di fronte ai pareri dei chirurghi (sarà davvero da operare?).
      Temo non ci siano quindi alternative alla terapia conservativa, valutando anche eventualmente di cambiare mestiere.

  3. Anonimo

    Buongiorno sono stato operato di ernia discale L3-L4 una decina di giorni fa,sono in convalescenza e il post intervento sembra tutto ok,mi ha detto il neurochirurgo che ci vogliono almeno 30-40 giorni(se tutto procede bene) per poter incominciare la vita normale.Chiedevo,se devo rivolgermi a fisioterapista o fisiatra nel proseguio o cosa devo fare,perche’ ho sentito pareri molto contrastranti.Ringraziandola anticipatamente La saluto

    1. admin
      admin

      A mio avviso il parere più affidabile perchè riferito espressamente al suo caso può solo darglielo il chirurgo che ha effettuato l’intervento, ma posso fare 2 considerazioni:
      1. Se fosse stato indispensabile gliel’avrebbero detto al momento della dimissione.
      2. Se fosse stato pericoloso o controindicato probabilmente le sarebbe stato segnalato, quindi mettersi nelle mani di un fisioterapista abilitato e capace non dovrebbe avere controindicazioni.

  4. Anonimo

    Salve,ho 38 anni e di professione guido pale meccaniche.Da fine maggio ho iniziato ad avere un dolore alla bassa schiena che col passare dei giorni è aumentato fino a prendere anche la gamba sinistra.La risonanza magnetica dice ernia discale l5s1.In questi mesi dietro dopo visita dal neurochirurgo a Novara,mi son messo in malattia,ho fatto riposo, punture di cortisone,2 settimane di fisioterapia in ospedale e continuo a fare gli esercizi a casa,ma non c è stato un gran miglioramento.Da sdraiato riesco a malapena a sollevare la gamba a 30 gradi scarsi.Il dottore dice che rimane solo l intervento e mi ha messo in lista di attesa.Però non mi ha chiarito dei dubbi..Sono sempre stato uno sportivo,corsa palestra ecc.Potrò ancora praticare sport a livello amatoriale?E ,cosa forse piu importante,potrò continuare a fare il mio lavoro?Secondo il mio dottore è quella la causa dell ernia.Stare 8 ore seduto su una ruspa con conseguenti sobbalzi.Facendo questo lavoro da 18 anni sarebbe un problema cambiare di punto in bianco.La ringrazio in anticipo per un suo parere..

    1. admin
      admin

      Premesso che non mi occupo di questo campo, quindi prima di procedere all’intervento senta anche il parere del chirurgo:
      1. Potrà riprendere gli sport citati, andranno evitati probabilmente quelli come sollevamento pesi ed arti marziali.
      2. Se l’interveno e la riabilitazione procederanno senza intoppi credo possa riprendere il suo lavoro.

    2. Anonimo

      la ringrazio per la pronta risposta.So benissimo che nessuno puo darmi la garanzia del completo recupero ma un parere positivo tira sempre un po su il morale!grazie ancora buona giornata

  5. Anonimo

    salve,sono un ragazzo di 29 anni ho disturbi alla schiena e tutta la gamba nn riesco a trovare posizioni x dormire,stare seduto, mi condiziona in ttutti i movimenti,ho fatto siringhe di bentelan x 15 giorni il dolore e diminuito,ma poi aumentato nn so’ piu cosa fare cerco consigli di come reaggire a questo tipo di dolore Grazie saluti.

    1. admin
      admin

      C’è già stata una diagnosi precisa?

  6. Anonimo

    Buongiorno, soffro da parecchi anni di un fortissimo dolore alla schiena. ho eseguito una risononaza magnetica, dove mi èstata diagnosticata una marcata protusione a livello l5 s1, un medico mi ha effettuato diversi anni fa una puntira lombare. Sono stata bene, ma da circa 4 mesi,il dolore è ricominciato. Provo sollievo premendono all’altezza dell’osso sacro, inoltre mi sembre di avere lateralmente una grossa pallina. Ho fortissimi dolori, alla gamba alla schiena, cosa posso fare..aiuto.

    1. admin
      admin

      Temo che serva necessariamente una nuova visita specialistica.

  7. Anonimo

    Ho un ernia L5-S1,nel corso di quest’ultimo mese c’è stato il declino, provo dolore continuo seppur sopportabile con dolori più acuti in alcuni movimenti. Ho iniziato oggi con l’agopuntura e manipolazione,ma una sola seduta non mi ha dato particolari benefici. Vorrei sapere se i dolori che ho da un mese causati dall’ernia sono comunque temporanei e legati a certi periodi o devo farci l’abitudine e conviverci per sempre? perchè se così fosse valuterei l’opzione intervento chirurgico. Inoltre vorrei sapere se la manipolazione permette all’ernia di rientrare e superare definitivamente il problema. Ringrazio anricipatamente per la risposta.

    1. admin
      admin

      Temo non sia possibile risolvere definitivamente se non, forse, con l’intervento chirurgico; personalmente suggerirei una visita specialistica per chiarire la situazione ed eventualmente abbinare antinfiammatori.

  8. Anonimo

    Ho 65 anni e soffro di varie ernie da quando ne avevo 25, I pochi che ho sentito mi hanno sempre detto: se ne hai una operati, ma avendone prima 3 ed ora 4 lassa perde. Il fatto è che ultimamente non riesco a camminare più di 300 mt e per mettermi in piedi ce ne vuole perché un’ernia in particolare mi fa molto male: che succederà a ridurla? qualcuno si è operato con più di un’ernia ?

    1. admin
      admin

      Non mi occupo di questo campo e sinceramente sento di non avere le competenze per risponderle, mi dispiace.

  9. Anonimo

    buon giorno dottore, è da ormai un anno che l’ernia del disco L5 S1 riscontrata con una TAC mi da totalmente fastidio.. per tutto l’anno ho fatti vari esercizi per alleviare il dolor e come ad esempio piscina e pilates, ma ad oggi non vedo nessun miglioramento,, mi sa che è giunto l’ora di un intervento chirurgico. mi potrebbe consigliare un neurochirurgo nella zona di NAPOLI specializzato nel settore? e quali rischi post operatori posso incontrare.?
    la ringrazio cordialmente

    1. admin
      admin

      Purtroppo non mi occupo di questo campo e non sono in grado di suggerire un chirurgo in particolare; per quanto riguarda le complicazioni post-operatorie in genere non se ne verificano, ma come ogni intervento esiste il rischio di infezioni o di non risolvere il problema nonostante l’intervento.

  10. Anonimo

    BUONGIORNO SONO UNA RAGAZZA DI41 ANNI E DA 18 ANNI CHE SOFFRO DI ERNIA DEL DISCO HO FATTO CURE FISIATRICHE MI HANNO SCONSIGLIATO DI OPERARMI CONTINUO 2 VOLTE ALL’ANNO FARE TERAPIE E GINASTICA PUO DARMI UN CONSIGLIO GRAZIE.

    1. admin
      admin

      Temo purtroppo di non poter fare molto, perchè immagino che abbia già provato a sentire un secondo parere.

  11. Anonimo

    salve io sono stato operato il 3 marzo 2011 avevo l’ernia l4 l5 mi son fatto un operazione che e appena uscita e son riuscito ha camminare dopo un quarto d’ora del intervento..il dottore diceva che dentro un mese passava tutto adesso son due mesi e ancora ho dolori di gamba e nn riesco a bassarmi un signore se operato lo stesso giorno mio e nn ha niente si sente bene adesso voglio sapere se ho i dolori perche ho i nervi piu rovinati dei suoi perche facevo palestra nonostante avevo l’ernia e adesso devo cominciare la terapia lei dice che con la terapia mi mettero al posto….

    1. admin
      admin

      La convalescenza diversa può essere confrontata solo nel caso di ernie molto simili, quindi è difficile fare paragoni con l’altro caso; per quanto riguarda i suoi dubbi credo che convenga senza dubbio valutarlo con il chirurgo, a 2 mesi di distanza dovrebbe aver già notato miglioramenti.

  12. Anonimo

    Ma per voi non esiste la terapia antalgica e tutte le prestazioni correllate prima di eventuale intervento?

    1. admin
      admin

      Nel caso del lavoro del Sig. Giovanni temo che non sia praticabile la strada conservativa.

  13. Anonimo

    grazie purtroppo il riposo non me lo posso permettere perchè faccio il fruttivendolo improprio pur limitando gli sforzi ci sara’ qualche cura o terapia? 04-04-2011

    1. admin
      admin

      Nulla di molto diverso da quanto già fatto, in ogni caso provi a sentire eventualmente un secondo parere.

  14. Anonimo

    diagnosticato dal medico curante lombosciatalgia curata con 15 giorni di antinfiammatori cessato completamente il dolore ho ripreso la mia attivita’ regolarmente purtroppo sono 3 mesi che soffro di un leggero formicolio all’alluce e una scarsa funzionalita’ della gamba.Come prova non riesco a stare in piedi con il tallone Unica risposta non fare sforzi col tempo passera’ qualcuno ha avuto i miei sintomi ? dopo 4 mesi devo aspettare ancora per tornare normale? Come curare questo fastidioso disturbo? Grazie 04-04-2011

    1. admin
      admin

      Purtroppo non si può fare molto altro ed il riposo è spesso l’unica soluzione.

  15. Anonimo

    quattro mesi fa’ ho avuto una lombosciatalgia con dolori forti per quindici giorni il medico mi ha consigliato muscoril con feldene i dolori sono passati ho ripreso la mia attivita regolare ma è tre mese che ho un leggero formicolio all’alluce e la gamba stanca .La mia prova principale è cercare di stare in piedi con li tallone. Unica risposta non fare sforzi col tempo passera’ a qualcuno è capitato un caso analogo? Quattro mesi non bastano?grazie 04-04-2011

  16. Anonimo

    Buon giorno .Dottore .
    circa 10 anni fa mi e stata riscontrata un ernia al disco L4-L5
    dopo varie cure sembrava andare meglio ,anche se non riesco a correre o a portare neanche un sacchetto della spesa.
    circa tre settimane fa sono rimasto praticamente paralizzato e sono corso al PS dove l’ortopedico mi ha prescritto una cura di 12 gg di cortisone e una RM urgente.
    il referto della rm e che viene evidenziata la presenza di frammento discale L4-L5 erniato in sede pre-forominale sn , che entra in conflitto con la radice nervosa L5sn.
    volevo chiedere una sua opinione se sarà possibili finalmente essere operato e tornare ad essere normale ,visto che non ci riesco da circa 10 anni.
    la ringrazio

    1. admin
      admin

      Purtroppo non mi occupo di questo campo e, anche se credo che verrà sicuramente valutato l’intervento, non mi sento in grado di garantirglielo.

    2. Anonimo

      ciao rocco io sono un ragazzo di 23 anni e abbiamo lo stesso problema io mi son operato di l4 l5 mi son fatto tutte le cure possibili e immagginabile dopo che finivo la cura riprendeva il dolore un mese fa’ mi sono operato e vado molto meglio.. anche se nn ti consigliano di operarti secondo me fallo perche e uscito una tecnologia nuova a roma ce una percentuale del 80 percento che nn esce piu…ciaoo

  17. Anonimo

    Grazie comunque. Se le può interessare può visitare il sito del Prof Adolfo Panfili chirurgia mininvasiva. Quello è l’intervento che ho fatto. Mille grazie.

    1. admin
      admin

      Grazie! Sarà utile sopratutto a chi avesse lo stesso problema; magari ci faccia sapere fra qualche settimana come va.

  18. Anonimo

    Ho dimenticato di dire che mi è stato messo un ” Distanziatore ” sulla vertebra L5 S1.

    1. admin
      admin

      Non conosco l’intervento purtroppo, non sono quindi in grado di aiutarla.

  19. Anonimo

    Ho subito un intervento chirurgico chiamato “Decompressione discale plurisegmentaria ” ( così leggo sulla cartella clinica ) sulle vertebre L4 L5 S1 eseguito a Roma da un primario d’eccezzione ed il suo staff, con un metodo nuovo. Il mio problema era da due anni, un dolore al ginoccchio sx misto al polpaccio, sono ora quattro settimane dall’intervento ed ho iniziato una fisioterapia in acqua che mi da sollievo ma ancora il dolore si ripresenta quando faccio una camminata più lunga del solito e quando sono in piedi . Vorrei sapere i veri tempi di recupero continuando con la fisioterapia. Grazie

  20. Anonimo

    salve mi è stata riscontrata un’enia al disco l5 s1 la quale essendo a limite mi permette
    di non intervenire chirurgicamente dopo la RM sacro lombare il neurochirurgo riscontrata l’ernia ha deciso di farmi fare u’elettromiografia del tipo l5-l4 -s1 e in più una rx rachide lombo sacrale in attesa di questi esami ,mi chiedevo se era il caso per anticipare i tempi di recupero ,se ce ne sono,fare attività sportiva (nuoto)oppure running o qualche altro sotto vostro consiglio

    1. admin
      admin

      Temo purtroppo di non avere le competenze necessarie per rispondere alla sua domanda; è senza dubbio preferibile rivolgersi allo specialista che la segue e, nell’attesa, evitare sforzi non necessari.

  21. Anonimo

    Buongiorno, sono stata operata di ernia al disco (intersisziale L3) il 20 dicembre 2010 che mi ha causato forti dolori fino allo stinco ma soprattutto al ginocchio sx. Ancora oggi non mi sento in forma. Infatti ho ancora dei dolori e non ho forze sulla gamba interessata.
    C’è anche da dire che permanendo il dolore al ginocchio, tanto da dover usare la stampella per deambulare, il neurochirurgo mi ha consigliato di fare una visita ortopedica dove mi hanno riscontrato una meniscopatia per la quale ho fatto un’infiltrazione e solo dopo più di 20 giorni è cominciato a scomparire il dolore intenso al ginocchio. Purtroppo ancora oggi, come dicevo, sento dei dolori oltre che al ginocchio anche sui fianchi e una pesantezza sulla schiena che mi procura difficoltà nel girarmi a letto. Sto usando ancora il busto semi rigido e da una settimana ho ripreso a lavorare (in ufficio dove sto seduta). Purtroppo non ho fatto ancora della fisioterapia anche perchè nessuno mi ha spiegato se è utile farla in questo stato. Mi sento infatti contratta anche perchè il fastidio del ginocchio mi condiziona sul modo di camminare. Alla luce di quanto suddetto,gradirei conoscere se posso fare fisioterapia e quali esercizi consigliate grazie.
    Distinti Saluti Rosella60

    1. admin
      admin

      A mio avviso potrebbe essere utile fare fisioterapia, è necessario rivolgersi ad un fisioterapista non improvvisato che saprà consigliarle gli esercizi più adatti a velocizzare la ripresa.

  22. Anonimo

    Salve….mi chiamo Serena e sono stata operata circa 25 gg fa di ernia al disco in zona L5 S1…a livello di dolori post.operatori non ho avuto problemi,ma ciò che mi tormenta è un dolore al polpaccio…e alla gamba interessata…volevo sapere se tutto questo era normale…grazie e saluti.

    1. admin
      admin

      E’ stata per molto tempo a letto nei giorni prima e dopo l’intervento? Ha assunto farmaci o le sono state praticate iniezioni subito dopo l’operazione?

  23. Anonimo

    SALVE HO UN ERNIA DEL DISCO L5S1 E DA CIRCA 15 GIORNI HO DEI DOLORI MOLTO FORTI HO FATTO LA CURA CON IL CORTISONE CHE HA ALLEVIATO MOLTO IL DOLORE MA NON E è PASSATO DEVO INCOMINCIARE A FARE FISIOTERAPIA MA SONO DUE GIORNI CHE IL DOLORE è TORNATO PIU’ FORTE COSA MI CONSIGLIA GRAZIE

    1. admin
      admin

      Purtroppo non ho modo di aiutarla concretamente, ma valuterei con il medico se ripetere un ciclo di antinfiammatori o, se possibile, prendere in considerazione l’intervento.

  24. Anonimo

    buon giorno mi chiamo vittorio ho 43 anni sono stato operato all’ernia del disco tra L5 S1 esattamente 3 settimane fa ma ho gli stessi dolori che partono da dentro la parte superiore della coscia sino al polpaccio esterno sono preoccupato perche’ proprio per quel motivo mi sono operato non so se ho risolto il problema e sto sempre prendendo due volta al giorno anti infiammatori i primi 14 giorni il bruffen e da una settimana il celebrex ringrazindoVi per una Vostra gentile risposta porgo distinti saluti vittorio grieco

    1. admin
      admin

      In questo momento è a riposo? Che tempi di guarigione le ha prospettato il chirurgo?

  25. Anonimo

    Aiah, Proprio quello che volevo evitare, cmq la ringrazio del suo aiuto e terro’ in conto il suo suggerimento, ancora grazie e buon lavoro.

  26. Anonimo

    Salve, Io sono un istruttore di arti marziali, ho 28 anni e vivo a Sydney, ho un ernia al disco, l’ osteopatia mi ha aiutato molto, pero’ tutt’ ora sento dei lievi disturbi alla gamba sinistra e alla schiena dopo le mie sedute di allenamento e sparring e a volte anche durante le mie lezioni, provero adesso con la fisioterapia, la mia domanda e’, riusciro’ mai a tornare a calciare e a competere come ho sempre fatto prima dell ernia? principalmente m’ interessa perche’ il mio lavoro si basa sulla mia abilita’ nel sollevare la gamba.

    1. admin
      admin

      Premesso che non mi occupo di questo campo, nel suo caso proverei a valutare con un chirurgo di fiducia la possibilità di intervenire.

  27. Anonimo

    Salve, io mi sono sottoposto all’intervento chirurgico, togliendo un’ernia all’altezza L4-L5, ho ancora due protusioni di cui una l5-s1. Dopo l’intervento i dolori e i fastidi(molti) che avevo prima sono spariti, ma ora dopo 4 mesi dall’intervento, faccio ancora fisioterapia e nuoto, mi sento dei fastidi intorno alla parte operata che non mi sembrano normali. Ora mi chiedo se tutto ciò sia regolare, i dottori mi dicono che è una questione di tempo, che ci voglio 6 mesi, ma io sento fastidi, come bruciore, soprattutto di notte, mi dicono che dipende dal freddo, dipende dal tempo che passo in piedi. Ma 4 mesi dall’intervento è normale? Io ho paura che sia la protusione l5-s1 che dia fastidio, dal controllo(Risonanza) fatto di recente(dopo l’intervento) questa non risulta variata, ma allora che i sta succedendo? qualcuno mi sà spiegare? è solo questione diu tempo…o non sò….

    1. admin
      admin

      Molto probabilmente è effettivamente questione di qualche settimana ancora.

    2. Anonimo

      Salve sono oramai 7 mesi e il dolore continua a persistere i dottori mi dicono che è normale, ma a me sembra assurdo, avevo si, una bella ernia(bilaterale), ma i tempi di recupero erano previsti per 6 mesi, sono a sette e sento ancora le scosse, fastidi, la notte non riesco a dormire su di un lato, che succede? sono scettico sull’esito dell’intervento.. secondo me non tutto è andato per il verso giusto. Ho consultato altri dottori, ma i pareri sono contrastanti, il mio neurochirurgo dice che ho bisogno di ginnastica(stratching) e nuoto,fatto…ma niente. Un’altro neurochirurgo mi ha messo a riposo, antibiotici e busto…niente. L’ultimo mi ha dato vitamine(b12,b6) e un’integratore alimentare, sei settimane, sono alla prima ma niente di meglio. Io sono sempre del parere che è difficile che tornerò come prima, l’intervento a differenza di quello che dicono i medici..è andato male ed è evidente, non riesco a chiedere la schiena a chiocciola e stare in piedi per molto, la notte mi dà fastidio.. ma secondo voi che succede? è consigliato la ginnastica per distendere la schiena o preferibile il riposo assoluto? che devo fare…

    3. admin
      admin

      Non occupandomi di questo campo temo purtroppo di non saperla aiutare; per quanto riguarda la questione dell’esercizio fisico, a lei sembra che le dia sollievo o che sia affaticante per la schiena?

    4. Anonimo

      Ma a me sembra che mi dia sollievo, nel senso che provo dolore, ma come non effettuo gli esercizi,sono soggetto a contratture alla schiena…e dolori forti, alcuni dottori mi hanno detto di fermarmi, il neuro chirurgo che mi ha operato dice che questi esercizi oramai li devo sempre fare…a chi credere? non vorrei che facendoli forzo? che ne pensate? oramai sono sfiduciato non credo che torni tutto a posto. Ma quanto sono i tempi di norma per il recupero? A chi mi posso rivolgere…

    5. admin
      admin

      Non mi occupo di questo campo e non sono in grado di fare valutazioni concrete; se comunque fino ad oggi ha sempre fatto l’attività fisica consigliata non credo ci siano controindicazioni ad interromperla per 3-4 settimane e vedere come va.

    6. Anonimo

      ciao Danilo, mi dispiace per la tua brutta situazione, hai fatto una risonanza dopo 4 mesi dall’operazione e risulta invariata?? Prova a contattare un CHIRURGO VERTEBRALE.
      Mi avevano indirizzato da un NEUROCHIRURGO ma per mia fortuna mi ha operato un chirurgo vertebrale, che a differenza del neurochirurgo il suo lavoro è esclusivamente nella colonna vertebrale.
      Prova. Io ora sono in attesa di fare fisioterapia per almeno 1 anno. Ciao

  28. Anonimo

    Risposta sulla risonanza magnetica.
    canale osseo vertebrale ampio su tutti i distretti. A livello L5/S1 si apprezza una grossolana osteofitosi posteriore del corpo vertebrale della L5, paramediana dx che riduce sensibilmente il forame di congiunzione e risulta importante causa irritativa a livell dell’eminenza radicolare S1 di dx per compressione sul sacco durale. manifestazioni osteofitosiche artrosiche posteriori sono evidenziabili anche in L4/L5 ma in minor grado rispetto a quanto segnalato in L5/S1a dx, si associano manifestazioni di artrosi interapofisaria prevalenti da L3 ad S1 ed in LL3/L4/L5, più evidenti in L4/L5 ed L5/S1. perdita della fisiologica lordosilombare in accordo ad atteggiamento antalgico. ostococondrosi delle limitanti intersomatiche e nuclei di schmorl della limitante somatica inferiore di L4 e L5. regolare il cono midollare-cauda equina. GRAZIE…

    1. admin
      admin

      Non sento di avere le competenze necessarie alla valutazione, che risulterebbe decisamente supeficiale. Mi dispiace.

    2. Anonimo

      mi potrebbe suggerire dove potrei rivolgermi..? GRAZIE

    3. admin
      admin

      Oltre al suo medico, potrebbe provare sul sito medicitalita.it:

    4. Anonimo

      caro dottore volevo sapere se con l’ernia al disco prende anche la gamba.grazie

    5. admin
      admin

      Sì, può dare fastidio o causare dolore anche alla gamba.

  29. Anonimo

    Buonasera, ho subito una microdiscectomia per grossa ernia estrusa L5-S1 35 giorni fa. Mentre per il primo mese non avvertivo dolore e ho ripreso a camminare e la vita normale velocemente, da circa una settimana avverto dolore alla schiena , sempre nella stessa zona di prima e anche un certo fastidio alla gamba. Non capisco a cosa sia dovuto questo dolore. Pensa che sia utile che cominci a fare degli esercizi di ginnastica lombare o è troppo presto? E’ meglio che stia a riposo? Poichè stavo bene dopo l’intervento non vorrei aver cominciato a camminare troppo presto…Sono molto confusa. Grazie per la risposta.

    1. admin
      admin

      E’ senza dubbio importante assoluto risposo ed un parere del chirurgo.

  30. Anonimo

    Essendo stato operato di ernia al disco circa una decina di giorni fà, (L5-S1), Vorrei sapere se camminare anche per lunghi periodi fa bene, anzichè stare seduti e/o sdraiati. Grazie per la risposta.

    1. admin
      admin

      Non so cosa intenda per lunghi periodi, ma a mio avviso è meglio evitare sforzi prolungati nell’immediato, aumentando invece gradualmente durata ed intensità degli esercizi.

    2. Anonimo

      Chiedo scusa, per lunghi periodi intendo camminare per mezz’ora e/o tre quarti d’ora a passo regolare, ovviamente con il busto semirigido e scarpe da ginnastica. Tenga presente che ho iniziato abbastanza gradualmente, prima passeggiando in casa, poi brevi uscite, sino ad aumentare. Grazie per la risposta.

    3. admin
      admin

      Se non sente NESSUN tipo di fastidio o stanchezza probabilmente non c’è problema, ma le raccomando comunque cautela, attenzione e gradualità.

La sezione commenti è attualmente chiusa.