Tutte le domande e le risposte per Epatite C: vaccino, sintomi, cause, prevenzione
  1. Anonimo

    una volta fatta la cura con interferone e ribavirina…e la negativizzasione del virus dell’epatite c ..c’è il rischio che questo virus possa risvegliarsi o ormai è “morto” ? Grazie!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Da quanti mesi il virus non viene più rilevato nel sangue?

  2. Anonimo

    ha finito la cura questa estate..e dalla analisi fatte a settembre non è stato rilevato! ma informandomi nei vari siti internet ho letto che il virus non può scomparire del tutto dal sangue..al massimo è dormiente..ma c’è la possibilità che si potrebbe risvegliare..prima o poi!è vero? grazie!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      È ancora un po’ presto per esserne sicuri, ma la strada è quella giusta; qui trova tutti i dettagli:

  3. Anonimo

    MA COM’è L’AGO ? LUNGO O CORTO ?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non la seguo…

  4. Anonimo

    il mio patner ha l’epatite c ed abbiamo avuto un rapporto completo con il ciclo mestruale…piu di una volta….. dottore adesso sono infetta anch’io?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Rapporto non protetto?

    2. Anonimo

      senza preservativo….. mi ha eiaculato dentro…… scusi la franchezza ma ho paura…

    3. Anonimo

      sono sempre bibi

    4. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La trasmissione sessuale non è molto comune ma è possibile, raccomando di fare appena possibile gli esami del sangue.

  5. Anonimo

    il medico del mio patner riscontrava giorni si e giorni no l’epatite nel mio patner…

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      O si è malati o non lo si è.

  6. Anonimo

    L’abbinamento HCV con la sieropositività HIV può aumentare il rischio contagio per i familiari? Ma è comunque escluso il contagio attraverso l’uso comune di bicchieri, bottiglie, posate ecc purtroppo il mio parente ha la pessima abitudine di bere dalle bottiglie! Per lavare gli indumenti è sufficiente aggiungere al detersivo lysoform per uso casalingo o esistono disinfettanti più efficaci? Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      1. Non c’è aumento del rischio per i famigliari.
      2. L’HIV sicuramente non si trasmette con l’uso in comune delle bottiglie, l’HCV in teoria nemmeno ma in questo caso c’è sicuramente qualche riserva in più per la sopravvivenza del virus nell’ambiente.
      3. Non ho mai approfondito l’argomento, ma penso che meglio ancora sia l’uso di temperature elevate per gli indumenti che è possibile trattare in questo modo.

    2. Anonimo

      può stare 35 anni in incubazione in un soggetto con difese immunitarie basse,(19) per poi accorgersene a 54 anni?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi sembra poco probabile.

  7. Anonimo

    Non so se mi è chiaro il concetto di contatto diretto. Lei intende che se si viene a contatto con una superficie dove non vi è una traccia di sangue visivamente significativa anche il contatto con quest’ultima non è infettivo?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se ci sono tracce di sangue, magari anche scarsamente visibili, il rischio esiste.

  8. Anonimo

    È possibile il contagio tramite le urine su una piccola ferita sulle dita della quale magari si ignora l’esistenza? Tipo una pellicina strappata o cose simili?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      No.

  9. Anonimo

    mi sono inniettato una dose con una siringa di un altro una volta cera un po di sangue anche suo…. sono sicuramente infetto????

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il rischio è elevato purtroppo, raccomando di rivolgersi urgentemente ad un medico.

  10. Anonimo

    mio companio ca le patite c da 15 anni e non ha preso mai la kura e non poso fare niente non vole pero io vorrei sapere ce cosa riscio io
    che lui non vole usare protezione nell raporto
    co un bambino 4 anni e vorei sapere se mio figlio riscia perche mio filglio speso lo grafia con le ungli..

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Lei rischia di contrarre la malattia, anche se il contagio con rapporti sessuali non è così frequente.
      Per suo figlio è indispensabile evitare il contatto con il sangue del padre su ferite e mucose (bocca, occhi, …).