Tutte le domande e le risposte per Diarrea: cause, sintomi, rimedi, dieta
  1. Anonimo

    sono molto preoccupato, una decina di giorni fa ho avuto due giorni di febbre con mal di stomaco e diarrea.
    Quest’ultima non è ancora passata definitivamente, quando vado in bagno la mattina devo correre e la prima scarica è alquanto lenta se non liquida.
    Nel prosieguo della funzione le feci diventano più consistenti ma difficili da espellere.
    Poi durante il giorno più niente.
    Oggi ho poi visto del sangue, che il medico dice essere causato dalle emorroidi.
    Sto assumendo dietro parere medico dei fermenti lattici (una compressa prima di pranzo ed una prima di cena) e da oggi anche un disinfettante intestinale.
    Siccome dovrei partire per un viaggio in Thailandia tra una decina di giorni, vi chiedo se questi miei sintomi possono essere causa di qualcosa di grave e se è il caso di partire, anche se, ripeto, durante la giornata non ho sintomi particolari.
    Grazie.

    1. Anonimo

      A mio avviso sono solo i postumi dell’influenza intestinale che l’ha colpita 10 giorni fa: sposterei solo i fermenti lattici almeno 1 ora prima dei pasti e sono sicuro che ancora qualche giorno e la situazione migliorerà; beneficerebbe sicuramente anche di una dieta leggera e con abbondanti liquidi, sia per l’intestino che per le emorroidi.

  2. Anonimo

    Mio figlio di 8 mesi ha da 8 giorni scariche di diarrea accompagnate per una volta da sangue. Il pediatra mi ha dato un medicinale per la diarrea (Streptomagma) ed un integratore di sali (Sodioral) ma mio figlio non prende l’integratore e a fatica (piange disperatamente) il farmaco. Beve solo il mio latte. E’ sufficiente per non incorrere in una disidratazione?
    Grazie.

    1. Anonimo

      Se viene allattato regolarmente sicuramente la situazione spaventa meno, ma alla lunga nonostante venga reidratato dei liquidi potrebbero venire a mancare i sali minerali; se dopo 8 giorni ancora il disturbo non è passato a mio avviso potrebbe non essere sufficiente Streptomagma, consiglierei quindi di contattare nuovamente il pediatra.

  3. Anonimo

    salve, io ho la diarrea già da 3 giorni è non mi passa….
    aspetto risposta

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se non l’avesse ancora fatto potrebbe assumere per qualche giorno fermenti lattici, ma se l’avesse già fatto o se vedesse entro 2-3 giorni che non risolve ne parli con il suo medico.
      Le raccomando nel frattempo di bere molto, preferibilmente integrando anche magnesio e potassio.

  4. Anonimo

    Salve, io ho 50 anni e da un bel pò di tempo vado a diarrea e spesse volte anche la notte, tutto questo mi succede quando bevo molta acqua. Mi aiuterebbe assumere enterogermina in modo assiduo? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente non sarebbe sufficiente, almeno fintanto che non si individua la causa precisa.

  5. Anonimo

    Salve,
    ho 20 anni ed è quasi due settimane che soffro di questo problema.
    E’ iniziato tutto con un senso di nausea fitta e sembrava che avessi qualcosa che volesse esplodere sulla bocca dello stomaco. Da lì ho iniziato ad avere delle feci “morbide”.. ho iniziato a prendere enterogermina e a evitare gli alimenti che favoriscono la diarrea quindi ho assunto acqua te e riso solamente.
    Passati 3 giorni ero già “sana” e stupida che sono ho mangiato pomodori fatti nell’olio.. botta di vita…dunque ho avuto proprio diarrea il giorno dopo.
    Sono andata dal mio medico curante e mia ha prescritto le RIFACOL da prendere 3 al giorno per 4 giorni.
    Così ho fatto e quando le ho finite due giorni fa ho continuato a mangiare leggero: pane e prociutto, mozzarella, pasta in bianco e ho avuto feci morbide ma che andavano a migliorare.
    Ieri ho mangiato focaccia bianca ed è iniziata la nausea…. stamattina mi sa tanto che il caffè anche se decaffeinato, mi ha fatto male e ora sto punto e accapo.
    ora le mie domande sono: ma è normale che questa dissenteria duri così tanto? cosa posso mangiare? perchè durante l’anno ho spesso di questi problemi?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se capita spesso durante l’anno è possibile che ci sia qualche causa, la prima che mi viene in mente è per esempio un po’ di colite; è importante a mio avviso andare a fondo e provare a capire la causa primaria.
      Per quanto riguarda la dieta gli alimenti nominati vanno benissimo, aggiungo solo un’abbondante reidratazione.

  6. Anonimo

    Pur avendo goduto sempre di buona salute ho anch’io diarrea da tre giorni iniziata con febbre elevata (38° solo all’inizio ), rinite secretiva e senso di instabilità.Le scariche liquide (acqua colorata) sono ricominciate stamane dopo lieve miglioramento nella giornata di ieri ma con associato un herpes labiale fastidioso. Ancora apirettico –
    Mi consigliano di assumere Normix, ma mi chiedo quale utilità possa avere nell’immediato se a ben vedere dovrebbe trattarsi di una forma virale!!
    Grato per una risposta e un consiglio, saluto cordialmente

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se è stato il medico a consigliare l’antibiotico intestinale ha sicuramente valutato sulla base dei sintomi che potesse essere di natura batterica, quindi procederei con l’assunzione; spesso poi, all’infezione virale che di norma dura pochi giorni, si accompagna uno squilibrio intestinale che richiede in ogni caso l’assunzione di un antibiotico, giustificato dal fatto che il disturbo non si risolve spontaneamente.

  7. Anonimo

    Buongiorno, negli ultimi sei mesi in modo ripetuto soffro di diarrea con perdita di sangue. Non ho dolori intestinali, sintomi di disidratazione o febbre. Vivo e lavoro in una zona tropicale, vicino all’Equatore in Africa. Ho fatto gli esami del sangue un paio di mesi fà ma nessun risultato in merito. I sintomi principali sono gonfiore e urgenza nel defecare, più di tre volte al giorno. In caso dovessi ripetere gli esami del sangue quali ricerche dovrebbero essere seguite nell’analisi? E nell’analisi delle feci? Grazie per l’attenzione

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ ovviamente difficile per me suggerire a quali esami sottoporsi, un medico che avesse la possibilità di visitarla potrebbe senza dubbio essere più preciso; l’analisi delle feci è però probabilmente indispensabile e, se ci fosse la possibilità, non scarterei l’idea di una colonscopia.
      A meno che lei non soffra in modo grave di emorroidi, la presenza di sangue nelle feci non è davvero da sottovalutare.

  8. Anonimo

    Da circa una decina di giorni avverto gonfiore addominale dolore allo stomaco e diarrea , in corrispondenza dell’assunzione di TAUXIB mg 90 (per dodici giorni)
    e TAUXIB mg 60 (per altrettanti 12 giorni). Cosa fare?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se gli effetti collaterali non sono tollerabili contatti il medico per trovare un’alternativa.

  9. Anonimo

    mio padre ha avuto 15 giorni fa un ictus con emoraggia cerebrale e dopo 4 giorni dopo avergli fatto il cristere iniziò la diarrea e oggi 25 agosto essa continua (sempre piu liquida e gialla)e gli è salita la febbre a 39.la diarrea continua nonostante gli diano il normix .per il momento nn abbiamo ancora nessun risultato ne risposte dai medici ,da cosa può essere causata?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La febbre sembra indicare un’infezione, la terapia d’elezione è quindi Normix; se non dovesse rispondere alla cura nei prossimi giorni verrà probabilmente cambiato antibiotico, ma personalmente non sono in grado di ipotizzare altre cause.

  10. Anonimo

    Ho 44 anni. Sto assumendo del Levoxacin 500 da 4 giorni a causa di una presenza di batteri nell’urinocoltura e spermiocoltura ed il sostituto del medico di base mi ha prescritto la terapia per 7-8 gg. Tuttavia 5 o 6 giorni fa è comparsa un’urgente ed improvvisa necessità di andare in bagno con diarrea quasi del tutto liquida. Questa sintomatologia a tutt’oggi non è scomparsa, nè regredita nè peggiorata. Ho l’intestino gonfio, talvolta la mattina una leggera nausea e ho cominciato sin da 4-5 giorni ad assumere soltanto thè con il limone, almeno 1 litro di acqua al giorno, riso bollito con limone e una spruzzatina d’aglio e qualche banana. Ho notato che più digiuno e meno fastidi ho. Non ho appetito nè ho febbre anche se di rado avverto un insolito appesantimento della testa. Il prolungarsi della sintomatologia può essere legata all’assunzione dell’antibiotico o devo cercare di scoprire se vi fosse qualche altra causa ? Grazie in anticipo per la risposta.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ normale che con il digiuno i sintomi migliorino perchè, detto volgarmente, non c’è nulla da evacuare; è molto probabile che la causa sia proprio l’antibiotico.