Cervicale: sintomi e cause

Ultimo Aggiornamento: 167 giorni

Introduzione

In Italia (e solo in Italia!) spesso si parla di cervicale come causa di mal di testa, in realtà dal punto di vista medico questo termine non ha senso perchè non fa riferimento ad alcuna patologia riconosciuta dalla medicina ufficiale.

“La cervicale non esiste.”
Dr. Carlo Lovati, responsabile del Centro cefalee presso l’Ospedale Sacco di Milano,

http://www.fondazioneveronesi.it/articoli/neuroscienze/ha-ragione-chi-dice-che-la-cervicale-non-esiste

In questo articolo affronteremo quindi la cefalea cervicogenica, una forma di cefalea che rimane in ogni caso rara e che non può spiegare tutti i casi genericamente etichettati come “da cervicale”, che spesso invece sono da riferirsi a:

Come suggerisce la parola, la cefalea cervicogenica indica un mal di testa di origine cervicale. Storicamente, era difficile diagnosticare e trattare questi tipi di cefalee perché le rispettive eziologie e fisiopatologie non erano del tutto chiare. Ancora oggi, la gestione della cefalea cervicogenica rimane una sfida per gli specialisti che se ne occupano.

Questa è una forma di cefalea anomala, perchè causata da disturbi che non originano in testa, ma dal collo; può manifestarsi per esempio in seguito a sforzi eccessivi delle articolazioni, volontarie (ad esempio il sollevamento pesi) o traumatiche (come il colpo di frusta). Molto più spesso è però causata da posture errate, tenute per esempio davanti al PC o durante lavori manuali, che gradualmente nel tempo sono causa di lesioni alle strutture anatomiche del collo.

 

Cause

Poiché la diagnosi di cefalea cervicogenica è relativamente recente, la sua specifica eziologia rimane incerta. suggeriscono che questa cefalea sia un “percorso comune finale” di disordini del collo causanti dolore.

Il dolore associato con questa condizione è un esempio di dolore secondario (ossia di dolore che origina da una sede distante, in questo caso il collo). Ciò succede perché i nervi che servono la parte superiore del collo innervano anche la pelle che ricopre testa, fronte, linea mandibolare, dietro degli occhi e orecchie, di conseguenza il dolore che origina da strutture della parte superiore del collo può essere riferito a una qualunque di queste aree causando una cefalea cervicogenica.

La colonna vertebrale (collo) è formata da una serie di ossa denominate vertebre. Ciascuna vertebra si connette con quelle adiacenti tramite due tipi di articolazioni: le faccette articolari su ciascun lato della colonna e il disco al centro.

La cefalea cervicogenica consegue in genere a danni di una o più articolazioni, muscoli, legamenti o nervi delle tre prime vertebre del collo, che nascono quando alcuni movimenti del collo o posture mantenute troppo a lungo esercitano forze compressive o estensive su articolazioni, muscoli, legamenti e nervi del collo fino a superare le capacità di resistenza dei tessuti e causando così lesioni più o meno permanenti.

I danni possono anche insorgere a seguito di traumi (per esempio incidenti).

Qualunque sia la causa, quando ciò avviene il dolore può essere riferito alla testa, causando cefalea.

Anche l’emicrania o le cefalee da tensione possono coesistere con il dolore al collo, complicando ulteriormente la diagnosi differenziale; di fatto, alcuni pazienti con l’emicrania riferiscono più dolore che nausea. Fino al 44% dei pazienti con cefalea cervicogenica può avere anche problemi alle articolazioni temporomandibolari.

Fattori di rischio

Di recente, l’incidenza della cefalea cervicogenica è stata stimata del 2,2% della popolazione, ma alcuni epidemiologi suggeriscono una maggior prevalenza della cefalea negli adulti con dolore del collo. Le donne sembrano essere maggiormente predisposte, con un’incidenza circa 4 volte superiore rispetto ai maschi.

Poiché la cefalea cervicogenica colpisce le donne, è impostante considerare le variazioni ormonali e mestruali fattori predisponenti alle cefalee. Le cefalee di tipo mestruale spesso si manifestano 2 giorni prima della mestruazioni e durano fino all’ultimo giorno del ciclo. Queste cefalee sono in genere di tipo emicranico, ma possono anche essere cervicogeniche.

Ci sono vari fattori predisponenti allo sviluppo della cefalea cervicogenica. Devono essere individuati e corretti quando possibile, sotto la supervisione di un ortopedico.

Benché tale cefalea possa manifestarsi a qualunque età, viene in genere osservata in pazienti tra 20 e 60 anni.

Ecco alcuni possibili fattori:

  • postura scorretta,
  • rigidità del collo e della parte superiore della schiena,
  • sbilanciamenti muscolari,
  • debolezza muscolare,
  • tensione muscolare,
  • pregresso trauma del collo (ad esempio, colpo di frusta),
  • assetto sbagliato della scrivania di lavoro,
  • cuscino o posture notturne non adeguati,
  • stile di vita sedentario,
  • stile di vita con troppe andature ciondolanti o attività che richiedano lo stare chini o le spalle in avanti,
  • stress,
  • disidratazione.

Sintomi

I criteri diagnostici della cefalea cervicogenica includono la cefalea associata con dolore e rigidità del collo.

La cefalea cervicogenica è monolaterale; inizia da un lato della parte posteriore della testa e del collo, si irradia in avanti e talvolta si associa con un senso di fastidio del braccio omolaterale. Sjaastad e colleghi hanno identificato un altro tipo di cefalea cervicogenica con dolore bilaterale della testa e del collo, aggravato da posizioni del collo e lavori specifici come parrucchiere, falegname e autista di camion/trattori. Il dolore cervicale precede o coesiste con la cefalea; peggiora con specifici movimenti del collo o posture tenute a lungo. ha descritto più elementi che differenziano le cefalee cervicogeniche, tra cui:

  • Dolore monolaterale con un “blocco” delle faccette che si irradia dal lato posteriore della testa,
  • Evidenza di disfunzione cervicale riscontrabile all’esame manuale,
  • Occorrenza a seguito della palpazione di punti scatenanti nella testa o nel collo,
  • Aggravamento per posizioni protratte del collo.
Diagnosi differenziale di cefalea
Caratteristiche cliniche Cefalea cervicogenica Emicrania Cefalea tensiva
Femmine:Maschi 80:20 75:25 60:40
Lateralizzazione Monolaterale senza spostamento di lato 60% monolaterale con spostamento di lato Bilaterale diffusa
Sede Da occipitale a frontoparietale e orbitale Frontale, periorbitale e temporale Diffusa
Frequenza Cronica, episodica 1-4 al mese 1-30 al mese
Intensità Moderata-forte Moderata/forte Leggera/moderata
Durata Da 1 ora a settimane 4-72 ore Da giorni a settimane
Tipo di dolore Non pulsante e non lancinante, il dolore in genere inizia dal collo Pulsante, a sussulti Sordo
Fattori scatenanti Movimenti del collo, posture, escursione dei movimenti limitata, pressione su C0-C3 Vari, raramente movimenti del collo Vari, raramente movimenti del collo
Sintomi associati In genere assenti o simili all’emicrania ma più leggeri, escursione dei movimenti limitata Nausea, vomito, modifiche della vista, fonofobia, fotofobia Occasionalmente, riduzione dell’appetito, fonofobia o fotofobia

 

Fonti Principali:

  •  (per la tabella)

(traduzione ed integrazione a cura della Dr.ssa Greppi Barbara)

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Se intende per il dolore può prendere un antinfiammatorio abituale, quello con cui si trova meglio

  1. Anonimo

    Salve,
    Ho un problema di rettificazione della lordosi cervicale…il dolore ultimamente è forte, ma le notte nn riesco a dormire bene, credo per il cuscino sbagliato, perché essendo il classico cuscino, non accompagna il collo..pensa che procurarmi un cuscino per la cervicale possa essermi di aiuto??
    Per la rettificazione ci vuole un cuscino particolare o va bene un qualunque cuscino per cervicale ke vendono in farmacia??
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Lo valuterei con l’ortopedico, per valutare anche l’altezza oltre che il tipo di cuscino.

  2. Anonimo

    Salve,

    ieri mi è successa una cosa strana, che io associo a qualche cervicalgia, perché ne ho il forte sospetto. Intorno alle 10 di mattina, mi lavo la testa con acqua fredda, poi, dopo circa 15-20 minuti, inizio ad avere forti capogiri e basta un pochino che mi muovevo, e i capogiri si facevano sempre più forti. Poi dopo circa 2 ore, i capogiri si verificavano solo se guardavo in alto o in basso, e facevo una grossa escursione della testa e all’improvviso, non graduale, mentre se i movimenti erano graduali, oppure se stavo fermo a guardare il pc, i sintomi erano pressoché nulli o assenti. In serata i sintomi sono scomparsi del tutto. C’è da dire, poi, che la sera prima non avevo dormito un granché, anche se mi succede quasi tutte le sere, e in più, il cuscino è basso e a volte trovo difficoltà e disagio nell’addormentarmi. Lei pensa che potrebbe essere una qualche forma di cervicalgia? Perché se fosse stata una cosa grave, tipo ictus ecc., i sintomi sarebbero stati molto più forti, e inoltre avrei anche avuto problemi di visione, possibile problema di parole, che io non ho avuto, è così?

    Grazie Mille

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, mi sembra un’ipotesi plausibile, ma se succedesse di nuovo ne parli comunque con il medico.

  3. Anonimo

    Salve ho 37 e soffro di cervicale.. Da anni… Quest anno dalle lastre è venuto fuori scoliosi artrosi e una vertebra C4 che scivola… Lievemente.
    In tutto questo ho problemi mandibolari ( che sto cercando di risolvere)
    Da quando ho problemi di ATM… HO NOTATO CHE ho delle fitte con formicolio che sento che parte da dietro la testa e va in giù nella schiena.
    Una sensazione bruttissima
    È dovuto a queste cose che ho?
    Perché sono preoccupata
    Grazie saluti

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, si molto probabilmente è dovuto ai problemi ossei descritti; anche la listesi (scivolamento) di C4 più l’artrosi cervicale possono portare fitte e disturbi analoghi tipo scosse agli arti superiori, per irritazione delle radici nervose. Consulti un neurologo/neurochirurgo se non l’ha già fatto. Saluti.

    2. Anonimo

      La fitta mi parte dalla testa dietro e mi scende giù…… Cmq ho fatto la risonanza alla cervicale a breve avrò i risultati.
      Questi problemi che ho possono portare problemi alle tempie e anche senso di ovattatamento e stordimento della testa?
      Saluti

    3. Anonimo

      È anche possibile anche che se abbasso il collo per un po’ e lo rialzo mi vengono firmicolii al viso… Dolore all orecchio… Vista momentaneamente annebbiata.. E senso di svenimento?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sono fastidi compatibili con problemi cervicali, ma raccomando di verificare con il medico.

    5. Anonimo

      Ho fatto una risonanza al collo vediamo…
      Cmq a volte ho bruciore alla testa e delle strane vibrazioni.
      Contando che l Rm fatta a maggio dava solo sinusite…
      Possibile che questi problemi lo diano i problemi al collo che ho detti prima?

    6. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, come detto è possibile, ma va verificato con l’aiuto del medico.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, potrebbe, ma raccomando di verificare con il medico che sia il suo caso.

  4. Anonimo

    Buongiorno
    In genere il dolore alle tempie a cosa può essere dovuto? A quale patologie?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il primo pensiero va alla cefalea, ma è senza dubbio un sintomo da verificare con il medico.

    2. Anonimo

      Chi ha problemi di cervicale insieme a problemi all ATM…
      Ci può stare che diano problemi anche alle tempie?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      È abbastanza soggettivo non possiamo saperlo con certezza, è un antinfiammatorio piuttosto potente,
      comunque non superi la dose indicata nella prescrizione.

  5. Anonimo

    ildolore éconseguente a sforzo da peso e dura cda duee mesi anche se sopportabile cosa fare?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Potrebbe esserci uno strappo muscolare quindi, non trascuri la situazione e si faccia visitare, gli antidolorifici in questi casi non bastano.

  6. Anonimo

    Salve è possibile che dopo aver messo una protesi dentaria sotto… Dopo sue giorni ho dolori forti alla cervicale?

    1. Anonimo

      Per niente
      Dieci minuti
      Mi ha solo detto di non tenerla tutto il giorno…
      E non l ho fatto ma stamani avevo dolori forti di cervicale…
      Che dovrei fare?

    2. Anonimo

      Dunque
      Soffro di artrosi cervicale ma non con dolori così pesanti….

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente il fisico si sta abituando alla protesi e ha manifestato il sintomo su quello che era già un suo “punto debole”.

  7. Anonimo

    Salve
    Soffro di cefalea muscolo tensiva e stamattina dopo tre volte che scendo e salgo le scale…
    Ho avuto dolori alle tempie…
    Non mi era mai capitato
    È pericolo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente no, ma verifichi comunque con il medico.

  8. Anonimo

    Buon giorno,

    lunedi mentre ero al bagno ho iniziato a sentirmi male, come se stessi per svenire e testa pesante e tutt’un tratto l’orecchio destro mi sembrava come se si attappasse, presa dall’agitazione poi ho iniziato anche ad avere il braccio destro molle e con formicolio.

    Mi sono recata al pronto soccorso, hanno rilevato una pressione di 160/110 e 102 battiti cardiaci.

    Soffro di ansia e attacchi di panico.

    Mi hanno fatto un ecg esami del sangue tac alla testa e ecodoppler alle carotidi e valutazione neurologica

    Tutte le analisi sono risultate negativi per patologia.

    Mi hanno comunque preso appuntamento per una risonanza magnetica per la settimana prossima.

    Ora mi è presa paura, ho dolore dietro al collo orecchio e mandibola destra, se tocco il dolore si accentua.

    I dottori hanno escluso patologie gravi perché si sarebbero viste nella tac, ma mi faranno la risonanza per scrupolo.

    Essendo molto ansiosa può essere qualcosa di grave? Oppure potrebbe essere cervicale? Visto che mi fa male la mandibola destra e l’orecchio?

    Una TIA si sarebbe vista dalla TAC?

    Premetto che non ho perso conoscenza.

    Cordiali saluti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La mia sensazione è che sia stato un attacco di panico, ma con la risonanza ci toglieremo ogni dubbio.

    2. Anonimo

      Hobtutt ora dolore alla mandibola e braccio destro se era una TIA si sarebbe visto con la TAC? HONOSURA CHE MINPOSSA SUCCEDERE QUALCOSA IN QUESTI GIORNI

  9. Anonimo

    Quindi visto che sento dolore non e dette che io non abbia avuto un tia? Nonostante le analisi negative….

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non possiamo escluderlo, ma onestamente lo considero poco probabile (glielo avrebbero almeno ipotizzato i medici del PS).

    2. Anonimo

      OK capito io continuò ad andare al lavoro attendendo la risonanza
      Ma potrebbe essere cervicale? Appubronoer il dolore che refirisco puntiforme? E anche alla mandibola e palato?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Premesso che la “cervicale” non esiste come malattia, come spiegato nell’articolo, come detto la mia sensazione è che possa essere ascritto all’ansia.

  10. Anonimo

    OK attendo la risonanza
    La sintomatoligia , dolore alla mandibola collo e formicolio alle due dita della mano destra, può essere un fatto legati ad un colpo di freddo? E che da ciò e poi scaturita l ansia?

  11. Anonimo

    Buona sera, io ho da più dì un anno forti dolori di tempie, ma dolori che non ci vedo piú dal dolore e la nausea , cosa potrebbe essere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Cefalea, probabilmente, ma raccomando di fare il punto con il medico curante o con un neurologo.

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ottimo, se è stata prescritta dal medico è perchè ipotizza un problema a livello delle vertebre cervicali.

  12. Anonimo

    Buonasera, puo’il cambiamento del tempo il freddo causare il mal di testa?

  13. Anonimo

    Salve, non so se sono nella sezione giusta, ma ci provo, e ringrazio in anticipo per la rsiposta. Dunque, mi capita da un annetto questo: appena esco fuori e non ho le orecchie coperte dai capelli o dal berretto, e la temperatura scende un pochino e soffia un po’ di vento, incomincia a farmi male la testa e le orecchie…di cosa si tratta?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, forse una cefalea da variazione di temperatura su base vasocostrittiva, ne parlerei comunque col medico per capire se è necessario approfondire.

  14. Anonimo

    Salve volevo chiedere se la cervicale puo portare ad avere le orecchie tappate??

    1. Anonimo

      Buongiorno,le volevo chiedere un’aiuto, sono anni che soffro di dolori al petto,le spiego all”improvviso inizia a tirarmi tutto, come si stessero spezzando i nervi, vado in panico non riesco a muovermi,al punto che devo chiamare qualcuno della famiglia per prendere un antidolorifico, ultimamente mi sta capitando più spesso anche se mi sdraio sul divano,come dicevo prima sto andando in panico pure ad uscire da sola perché se capita fuori casa rimango bloccata, soffro di cervicale in più 3 anni fa da una risonanza magnetica mi è stata Diagnosticata 2 ernie alla schiena,grazie spero in una sua risposta,nessun medico riesce a risolvere

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La diagnosi attuale qual è?
      È stato escluso l’attacco di panico?

  15. Anonimo

    Buongiorno,

    Sono un ragazzo di 30 anni e ultimamente si è accentuata una cosa di cui ho sempre sofferto.

    In pratica, fin da bambino ho patito l’ auto, l’ altalena, le giostre qualsiasi cosa diciamo scuotesse l’organismo in maniera veloce e violenta. Ora, la cosa si è davvero accentuata e basta ad esempio che qualcuno mi muova la sedia dove sono seduto per avere immediatamente una sensazione molto simile a quella del mal d’auto. Ed è davvero orrendo perché devo stare perfettamente immobile altrimenti sto malissimo.

    Poco fa, ho fatto dei semplici addominali ( portare il busto verso l’ alto varie volte) e non le dico come mi sento ora : nausea forte, stomaco scombussolato, testa che gira… e va sempre peggio ci sono dei periodi in cui devo fare tutto a passo di lumaca perché altrimenti mi gira tutto.

    Io non so davvero cosa possa essere.
    Sono cosi giovane e questa cosa mi mette davvero KO.

    In casi, più gravi, ho dovuto stare a letto completamente fermo poiché vedevo la stanza girare e la nausea era fortissima.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, si tratta di cinetosi, malessere cioè associato al movimento; serve una valutazione medica per capire come indirizzarla, probabilmente consiglierei una visita otorinolaringoiatrica, perché il problema potrebbe essere a livello dell’orecchio, data anche la giovane età.

    2. Anonimo

      La ringrazio per la risposta.
      Appena possibile farò questa visita.

      E’ curabile questa cosa?

      Grazie

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, si, è un disturbo che solitamente si riesce a risolvere o a mantenere sotto controllo, anche se potrà avere altri episodi. saluti

  16. Anonimo

    Buonasera,

    Sapreste gentilmente dirmi come fare a riconoscere una cefalea da cervicale piuttosto ke da aneurisma?
    Questa mattina mi è capitato all improvviso di accusare annebbiamento della vista ed un forte mal di testa in corrispondenza dellaeninge destra collegato al dolore alla nuca sempre lato destro. Sembrava volesse esplodermi il cervello. Poi ho accusato nausea e dopo aver sciacquato il viso ed i polsi con abbondante acqua fredda ed aver preso un antinfiammatorio è passato tutto. Non nascondo d aver avuto paura ma a questo punti che esami dovrei fare?! Non vorrei sottovalutare qualcosa che è invece importante da curare.

    Grazie mille in anticipo

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Non è possibile una distinzione netta, la cefalea da rottura di aneurisma tuttavia è molto molto forte, un dolore trafittivo descritto come il peggiore mal di testa mai avuto dai soggetti in questione, mentre la semplice presenza di un aneurisma può essere del tutto asintomatica; probabilmente nel suo caso si tratta di cefalea muscolotensiva, o da artrosi cervicale, raccomando comunque di verificare col medico.

  17. Anonimo

    Ciao
    Soffro si cervicale e da un mese ho notato che se tengo il collo piegato in avanti o cmq anche piegato con sotto due cuscini dopo un po’ ho fitte o cmq sensazioni strane alla testa…
    È normale? Perché mi sto preoccupando…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ci sono cuscini specifici che chi soffre di problemi alla zona cervicale, che cercano proprio di evitare queste situazioni.

    2. Anonimo

      Si ho già il cuscino… Ma volevo sapere se è normale avere queste strane scosse o vibrazioni alla testa causati da contratture al collo e cervicale

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Si è possibile, dipende dal fatto che le strutture muscolari e nervose vengono sollecitate in quelle posizioni, determinando i sintomi che descrive.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Stress, un problema nervoso/neurologico, ma va valutata la situazione direttamente per orientarsi sulle possibili cause.

    2. Anonimo

      Da un mese ho fatto una risonanza con contrasto ma non è uscito fuori niente… Ora è tutto il pomeriggio che ho la parte sinistra intorpidita… Tra cui orecchio mandibola zigomo occhio e tempia….

    3. Anonimo

      Il medico dice che è cefalea tensiva visto che ho problemi oltre che alla cervicale anche all ATM…

  18. Anonimo

    Buongiorno stamattina forti capogiri con dolori alla parte destra della testa e del collo…. Premetto che soffro di retrospondilolistesi artrosi cervicale e contratture…. Avevo persino dolore al coccige….. È stato un attacco di cervicale? Non mi era mai capitato….

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Molto probabile, sicuramente sono sintomi relativi alla sua situazione cervicale.

  19. Anonimo

    Buongiorno ho ritirato una tac alla testa esito: ridotta la fisiologica lordosi a c4 c5 e c5 c6 lieve protusione circonferenziale ad ampio raggio dell anulus che si appoggia sul margine anteriore del sacco durale cosa significa? Io ho dei giorni che mi gira molto forte la testa e fitte se muovo il collo a volte provo dolore e sento dei strani rumori…che sintomi può dare?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, la tac mette in evidenza la presenza di due piccole protrusioni del rachide cervicale. Si tratta di una deformazione dello strato più esterno del disco intervertebrale; quest’ultimo risulta schiacciato e fuori asse rispetto agli altri dischi intervertebrali sani. Questo può dare dolori soprattutto in determinate posizioni, alterazioni della sensibilità locale e rigidità muscolare.saluti

  20. Anonimo

    Uscendo dalla doccia ho notato che la mia cervicale sta meglio. È un caso?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      No, non è un caso; l’azione del calore sul collo agisce come miorilassante (ossia rilascia la muscolatura contratta) e quindi riduce dolore e altri sintomi della cervicale.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Premesso che parlare di “cervicale” come malattia non è corretto, una delle possibili cause dei giramenti di testa può essere sicuramente un qualche disturbo a livello del collo (cioè all’altezza delle vertebre cervicali), ma è appunto solo una delle numerose possibili spiegazioni.

      Non sottovaluti il sintomo e si rivolga con fiducia al medico.

La sezione commenti è attualmente chiusa.