Blefarospasmo, quando la palpebra si chiude da sola

Ultimo Aggiornamento: 103 giorni

Introduzione

Il è un movimento involontario delle palpebre (ammiccamento) che, nei casi più severi, ne causa la chiusura persistente. Una diversa definizione è quella fornita dal sito : un adulto sbatte le palpebre mediamente 10-20 volte al minuto, quando si verifica un aumento sostanziale della frequenza si può parlare di blefarospasmo.

Il movimento di chiusura non è sempre continuo e può ripresentarsi all’improvviso anche dopo giorni, settimane o mesi.

Si tratta di un fenomeno relativamente comune nelle sue forme più lievi; nei casi più severi, ma fortunatamente anche più rari, può arrivare a causare la completa chiusura di uno o di entrambi gli occhi (cecità funzionale). Si tratta di situazioni che possono diventare fonte di imbarazzo e in certi casi debilitanti, ma sono disponibili trattamenti efficaci in grado di gestire adeguatamente il sintomo.

La causa esatta è tuttora sconosciuta, ma sono noti alcuni fattori in grado di innescare il riflesso di chiusura (luce intensa, stress, stanchezza, …).

Non fa male, ma può essere molto fastidioso. Nella forma più comune il blefarospasmo non è pericoloso e guarisce spontaneamente, anche se può ripresentarsi di tanto in tanto.

Non va confuso con le mioclonie palpebrali, un fenomeno simile ma di portata più limitata dal punto di vista sintomi e possibili complicazioni.

Cause

Ad oggi non si conosce la causa esatta del disturbo (blefarospasmo essenziale idiopatico), ma si ritiene che possa essere un disturbo neuropatologico (e non psicopatologico, come come si ipotizzava in passato); la comparsa potrebbe avere una spiegazione multifattoriale, ossia derivare da una sovrapposizione di fattori differenti.

È più diffuso tra le donne e si manifesta in genere con l’inizio dell’età anziana.

Da un punto di vista neurologico si ritiene che possa essere legato a un malfunzionamento dei gangli della base, strutture del cervello deputate al controllo di postura e movimento.

Tra i fattori di rischio e quelli in grado di innescare il sintomo ricordiamo:

  • famigliarità,
  • ansia,
  • alcolici,
  • esposizione a luci intense,
  • stanchezza,
  • stress,
  • caffeina,
  • nicotina.

Secondo i ricercatori Mayo il sintomo può essere talvolta associato ad altri disturbi oculari (blefarospasmo secondario), compresi quelli causano irritazione oculare, tra cui:

oppure essere causato da disturbi neurologici più seri, come ad esempio:

Ovviamente in questi casi il blefarospasmo è sempre accompagnato anche da altri sintomi, caratteristici dei diversi disturbi.

Ricordiamo infine il possibile legame con alcuni farmaci, che possono annoverare il blefarospasmo tra gli effetti collaterali (olanzapina, levodopa, …).

Sintomi

La maggior parte dei pazienti sviluppano il blefarospasmo senza ulteriori sintomi; può iniziare come aumento graduale degli ammiccamenti (chiusura delle palpebre) o dell’irritazione agli occhi.

Alcuni soggetti possono anche avvertire affaticamento, tensione emotiva e/o ipersensibilità alla luce.

Quando il disturbo progredisce i sintomi diventano più frequenti e si possono manifestare anche spasmi facciali.

Il blefarospasmo può diminuire o cessare del tutto mentre una persona dorme o si concentra su un compito specifico distraendosi e pensando ad altro.

Quando chiamare il medico

Questa chiusura involontaria delle palpebre in genere tende a risolversi spontaneamente al massimo entro alcuni giorni o alcune settimane, ma si raccomanda di rivolgersi al medico nel caso in cui:

  • i sintomi persistessero o peggiorassero,
  • le palpebre si chiudessero completamente,
  • metà del viso fosse intorpidito e paralizzato,
  • comparissero altre contrazioni muscolari involontarie del viso,
  • l’occhio fosse rosso e gonfio oppure manifestasse perdita di liquido (pus o meno).

Pericoli

Il blefarospasmo è un disturbo essenzialmente benigno e associato a prognosi eccellente nella maggior parte dei casi; quando particolarmente frequente può causare un certo disagio sociale, venendo scambiato per esempio per un tic.

Se il problema è causato da una lesione alla cornea non diagnosticata, è possibile che l’occhio subisca danni permanenti: si tratta però di un’eventualità molto rara.

Per alcuni pazienti la chiusura delle palpebre è completa e costante, tale da causare cecità funzionale.

Cura e terapia

Il blefarospamso di solito scompare senza alcuna terapia, ma aspettando che passi, può essere utile:

  • dormire di più,
  • bere meno caffeina,
  • smettere di fumare,
  • lubrificare gli occhi con il collirio.

Se il tremore è molto grave lo si può curare temporaneamente con iniezioni di minime quantità di botulino.

Fonti Principali:

(adattamento a cura di Elisa Bruno)

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Mio figlio dieci anni sospetta congiuntivite cronica non risolve con nessun collirio antibiotico cortisonici etc….perde liquido e gli si abbassano le palpebre che tipo di analisi potrebbe fare

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È già seguito da un oculista? Entrambi gli occhi?

    2. Anonimo

      Forse sono la più giovane 51 anni mi tormenta mi condiziona per interloquire cerco di non rivolgere lo sguardo ma la cosa che più mi preoccupa che questo fastidio persiste da un paio di anni e ultimamente mi coinvolge anche il muscolo facciale ad oggi non ho fatto nessun tipo di terapia .Nota prendo una pillola solo al mattino per la pressione alta potrebbe essere correlato ad una problematica cervicale o ancora sono nata asfittica all età 13 perdevo i sensi ho dovuto fare una intensa cura ma fortunatamente si è risolta per il meglio dovrei fare forse un encefalogramma attendo una risposta grazie a presto baci auguri a voi tutti Gilda

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, farei una visita neurologica per appurare le eventuali cause, se da piccola non aveva questo disturbo comunque non credo sia correlabile all’asfissia neonatale. Saluti

  2. Anonimo

    Salve, sono Dina e ho 67 anni,mi è stato diagnosticato un blefarospasma da 5 anni. Ho fatto iniezione di tossina botulinica da 4 anni ma senza risultati benefici. Da un anno L oculista mi ha fatto smettere di assumere la tossina. Ho un fastidio tremendo sia quando cammino a piedi e soprattutto quando guido. Ho consultato 6 oculisti,3 neurologi ma niente ho provato ad assumere integratori, rivotril e altri farmaci ma niente. I sintomi sono: 1) chiusura involontaria della palpebra
    2) al risveglio gli occhi sono appiccicati
    3)le coglie sono sempre irritate
    4) le palpebre con le sopracciglie sono sempre arrossate e mi provocano Bruciore
    5)ultimamente vedo come dei fili che passano davanti gli occhi però non c’è nulla
    6)se mi concentro in un lavoro pericoloso gli occhi gli sforzo per tenerli aperti.
    Aiutatemi ha trovare una soluzione perché così non posso stare.
    Sto perdendo la voglia di vivere, sono in una valle di lacrime.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Mi dispiace, ma onestamente sono in difficoltà; sotto stress il problema peggiora?

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Per ridurre il problema si potrebbe provare ad agire da questo punto di vista, con farmaci e/o psicoterapia e/o tecniche di rilassamento; i miglioramenti potrebbero essere notevoli, anche se mi rendo conto che purtroppo non è facile doverci convivere.

    3. Anonimo

      Non capisco scusatemi queste terapie mi potreste fare un esempio per favore? A chi mi dovrei rivolgere?

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Psicologo o neurologo, quest’ultimo per valutare cure antidepressive e/o ansiolitiche.

      Ripeto, è solo un suggerimento da valutare con il medico.

  3. Anonimo

    2 mesi fa ho fatto la blefaroplastica gia da 8 anni facevo la cura del botulino ogni 3 mesi . ora le palpebre mi si chiudono di nuovo . sono disperata . che fare?

  4. Anonimo

    Salve
    Mi e capitato che un po di volte il ochio sinistro mi e rimasto bloccato per qualche secondo , non riuscivo ad aprirlo dovevo richiudere gli ochi e stringere un po . Dovrei usare gli ochiali pero non so se questo mi sucede perche e un po che non li metto diciamo che dovrei usarli per tv e computer

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente un po’ di stress, ma lo segnali anche al medico.

  5. Anonimo

    ho il Parkinson e molto spesso le palpebre si chiudono faccio molta fatica a riaprirle il neurologo non da molto peso alla cosa
    ma e molto fastidiosa non ce unrimedio’?

  6. Anonimo

    la betulina fà qualcosa ? l,ho fotto per due volte ma non ho sentito miglioria. facendolo più volte si ci si sente meglio? ho la glicemia alta potrebbe essere la causa? un medico potrebbe darmi una risposta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      E fa riferimento al blefarospasmo? Onestamente non è molto chiaro il suo dubbio.

  7. Anonimo

    anche a me come sopra succede la stessa cosa…da dicembre soffro di questo problema..guidare e’ una vera sofferenza..ho messo gli occhiali ma niente..parlare con la gente…guardare il cellulare…la tv…sembra che tutto dia fastidio…si sta davvero male…cosa dobbiamo fare ? disperata….

    1. Anonimo

      Non so quale sia la diagnosi…l’oculista si e’ gentilmente messo a ridere quando gli ho detto che mi si chiudevano gli occhi mentre guidavo….ho pagato 130 ricchi euro x farmi ridere in faccia…..

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Allora non ho capito cosa le succede; mi descrive esattamente il sintomo?

    3. Anonimo

      Certo, e’ da dicembre che soffro di questo problema. Dapprima mi si chiudevano gli occhi solo alla guida…sole pioggia giorno notte…sempre…adesso mi succede durante tutta la giornata…mi da fastidio la luce, l’aria che mi entra negli occhi, camminare x strada mi e’ impossibile, guidare e’ a dir poco pericoloso perché mi si chiudono e faccio fatica a riaprirli…sforzo al punto di farmi venire mal di testa tra le sopraciglia. Fatico a guardare il cellulare e il computer…non riesco a tenere gli occhi aperti…e non e’ sonno…grazie

    4. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Assume farmaci?
      Soffre di ansia o disturbi analoghi?

    5. Anonimo

      Non assumo farmaci, sono un soggetto un po’ ansioso ma penso nella norma vista la vita frenetica del giorno d’oggi…

    6. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Onestamente il dubbio che sia stress mi viene, ma sentirei anche il parere del medico di base.

  8. Anonimo

    cinque anni fa cominciavano a chiudersi gli occhi. quando mi distrago va , quando vedo la televisione mi si chiudono gli occhi e mi addormento .quando guido la macchina e una sofferenzza tenere gli occhi aperti non so cosa devo fare ?

    1. Anonimo

      Ho 68 anni ed ho gli stessi sintomi descritti sopra. Da circa tre anni il mio medico mi sta curando con punture di botulino a ciclo mensile. Dopo circa 10 mesi di cura, ho cessato di avere spasmi alle palpebre al mattino sia camminando in strada che alla guida della vettura. Non sono invece mai cessati alla sera davanti al televisore. Da circa tre mesi mi sono ripresi gli spasmi anche al mattino sia camminando che alla guida. Se ha qualche suggerimento da darmi, sarà molto apprezzato. Grazie Chopin

    2. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ha già eliminato sostanze eccitanti come caffeina e nicotina?

La sezione commenti è attualmente chiusa.