Tutte le domande e le risposte per Balanite e balanopostite: sintomi, cura e cause
  1. Anonimo

    Egregio Dottore,ieri pomeriggio ho scoperto di avere una linea biancastra sul glande la quale era seguita da piccoli puntini rossi.Stamattina quando mi sono lavato ho scoperto l’intera zona del glande ricoperta da una patina biancastra,quasi come se fosse dermatite o cosa del genere.Credo che sia balanite,comunque oggi vado dal medico curante per una visita.Nel caso fosse quella,come devo comportarmi?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sembrerebbe un’infezione micotica, in ogni caso a seconda del tipo di infezione verrà prescritto il rimedio adatto (antimicotico od antibiotico principalmente).

    2. Anonimo

      Egregio Dottore.
      Le scrivo nuovamente per il fatto citato nel mio primo commento.
      Sono stato dal mio medico curante,che tra l’altro è specializzato anche in dermatologia.
      Praticamente il problema è stato risolto e quella patina bianca ed i puntini rossi sono i seguenti:
      I puntini rossi,angiomini del glande,cosa che la quale non devo preoccuparmi cosi mi ha detto il medico,poichè sono presenti già da tempo.
      Mentre la patina bianca è:Praticamente circa 3 giorni fa,ho scoperto di essere stato contagiato da pediculosi del pube.La quale una la vidi passeggiare anche sul torace.Sto usando neo mom in quantità la quale distrugge anche le lendini,cosi c’è scritto sulla confezione del prodotto.E mettendo il mom sulla parte intima,alcuni anzi molti granelli di polvere,sono entrati in contatto con la zona umida del glande che ha provocato questa patina.Ho avuto un forte spevanto.Ora la mia piccola preoccupazione è questa:Spero solo che non abbia infettato di piattole nessuno della mia famiglia,tramite bagno intendo…Anche se ho scoperto di aver questi ospiti indesiderati nel giro di 5 giorni,quindi spero di averle preso in tempo.Poi quando mi depilai usai una crema depilatoria,e la caduta dei peli avvenne a contatto con acqua e subito dopo mia madre pulì il bagno,vasca etc con candeggina.Spero che non sia avvenuto il contaggio con nessuno della mia famiglia altreminenti non so come potrei affrontare questa situazione imbarazzante.Poi appena vado in bagno pulisco il bordo della tazza o con candeggina o con aceto…Anche se credo di aver risolto il problema subito la prima applicazione di neo mom.Poichè mi misi il mom.Poi la sera misi aceto addosso,poi doccia con acqua calda e subito dopo nuovamente mom

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sono contento che la diagnosi sia ancora meno severa di quanto pensato e, per quanto riguarda la pediculosi del pube, a mio avviso non c’è praticamente rischio di aver contagiato i famigliari. La trasmissione avviene in genere o attraverso rapporti sessuali o attraverso lo scambio di indumenti intimi e/o asciugamani.

  2. Anonimo

    Egregio Dottore.
    Le scrivo nuovamente per ringraziarla dell’attenzione che ha avuto nei miei confronti,rispondendomi e per avermi rassicurato in merito alle piattole etc…
    Purtroppo non vivo una situazione abbastanza tranquilla,le poche persone che sanno di me,mi dicono sempre di vivere la mia vita sessuale in maniera serena e tranquilla.Io purtroppo vorrei farlo,ma non ci riesco.Poichè ho paura delle varie malattie che si celano.Questa è la seconda volta nel giro di 3 anni che rimango vittima di pediculosi del pube.Quest’ultima pensi un po risale ad una settimana fa,e la persona in questione che mi ha contaggiato è addirittura sposato e con tanto di prole.Sembrava uno attento alla pulizia,profumava,la sua pelle emanava un ottimo odore ma era anche molto peloso,e tra quei peli evidentemente cela ospiti sgraditi.La prima volta risale a 3 anni fa.All’epoca fu proprio il mio compagno il quale stavamo assieme da un anno,e dopo 8 mesi che stavamo assieme,entrambi ricordo ancora andammo in ospedale per sottoporci a tutti i test,l’esito fu negativo per entrambi e da li iniziammo a far sesso senza condom.A distanza di 4 mesi dai test,fui contaggiato di piattole,fu il mio compagno a farmi sto regalino,in quanto io oltre lui non avevo contatti sessuali con nessuno,e sopratutto non frequentavo luoghi pubblici,tipo palestre e piscine.Oltre alle piattole cosa che lui dopo ammise che mi aveva tradito,a distanza di 40 giorni mi trovai a letto con febbre che sfiorava anche i 39,e con delle placche bianche alle gola.Venne il mio medico per visitarmi ed era mononucleosi.Poi curata la mononucleosi a distanza di poco tempo,mentre mi trovavo in bagno a lavarmi.Mentre mi lavavo toccando la zona anale sentì al tatto un’escrescenza carnosa,che nel giro di pochi giorni si moltiplicava.Andai sempre dal mio medico e mi diagniosticò l’hpv.Erano condilomi anali.Dall’ora sono andato in paranoia,poichè un solo essere può leggere cosa mi ha fatto.Talmente che sto in paranoia ogni piccola sciochezza che vedo subito vado a farmi controllare.Dall’ora di rapporti sessuali ne ho avuti pochi ed il condom ha sempre fatto da padrone,ma nonostante cio ogni 6 mesi mi sottopongo a tutti i test delle malattie veneree.Comunque spero di non averla annoiato ma a volte fa bene parlare,e nel frattempo rinnovo ancora il mio GRAZIE,Augurandole un felice 2012

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo le malattie sessualmente trasmesse sono una realtà ed una piaga che non possiamo e non dobbiamo trascurare: il preservativo è un ottimo ed insostituibile strumento di prevenzione per le malattie più gravi, ma come ha potuto constatare lei stesso non è sufficiente a proteggerci da tutte le patologie.
      A mio avviso, ma sto sconfinando nelle opinioni personali e non più medico-scientifiche, se si sceglie di avere una vita sessuale che preveda più partner, ed eventualmente rapporti più o meno occasionali, il preservativo deve essere imprescindibile, così come le analisi periodiche. Condivido quindi totalmente le sue scelte, il resto fa purtroppo parte del gioco e bisogna essere consapevoli che possono capitare incidenti, più o meno gravi (dalle piattole alla rottura del preservativo con i rischi che ne conseguono).

      Grazie a lei per aver raccontato la sua esperienza ed il suo pensiero, le ricambio di cuore l’augurio di un felice anno nuovo.

  3. Anonimo

    Buongiorno dott.re, io ho un problema di balanite in quanto sono andato a farmi visitare da un dermatologo e mi ha diagnosticato quest’ultimo problema, mi ha dato come cura un detergente intimo e mi ha prescritto un’unguento a base di vasellina e un’altro composto che ora non ricordo il nome, mi ha detto di usarlo 3 volte alla settimana per un mese, il mese e’ passato ma la cura non ha funzionato!! cerco di contattare il dottore, ma lui mi risponde che non esercita piu’ nel mio paese, morale della storia questo e’ il terzo specialista che contatto e che pago senza nessun risultato, mi affido alla sua benevolenza per cercare di risolvere questo problema, grazie a presto

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non posso prescrivere farmaci nè suggerirne se richiedono ricetta medica; se tuttavia i 3 specialisti concordavano sulla diagnosi può tranquillamente affidarsi al suo medico di base per una cura più incisiva.

    2. Anonimo

      Salve dottore,
      gia nella fase adolescenziale che se tocco il glande mi da dolore, un fastidio che non mi permette nemmeno di sfiorarlo; solo facendo scorrere acqua lentamente non sento nulla ma gia i getti della doccia mi fanno male. Ho parlato con il dermatologo il quale mi ha somministrato un antimicotico da applicare 2 volte al giorno per una settimana ma il dolore non passa. C’è da dire che questo dolore lo avvertivo anche prima di avere il primo rapporto sessuale percio durante i primi rapporti non potevo goderli al meglio per via di questo dolore al glande. Mi dia lei un consiglio perchè non so proprio cosa fare.
      La ringrazio.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non so aiutarla, ma se la cura prescritta non ho sortito effetti consiglio di sentire nuovamente il dermatologo.

  4. Anonimo

    Egregio Dottore, avrei una domanda da farle.
    Ogni tanto, mi ricompare la balanite, questa mi è stata diagnosticata da un ginecologo dal quale andai assieme alla mia ragazza durante un suo controllo. Lui mi aveva prescritto un medicinale che mi ha sempre aiutato nei momenti in cui ricompariva. Adesso però ho il problema che non mi trovo in Italia, bensi in Francia e non conoscono il prodotto che usavo: MONOGIN GEL. Saprebbe dirmi se esiste qualche prodotto conosciuto in ambito internazionale, o se posso dare qualche indicazione sui composti? Ho portato il prodotto consumato alla farmacista francese, e nonostante il grande impegno, non è riuscita a darmi nulla..solo qualcosa che poteva essere utile in ambito femminile.
    Spero di non averla disturbata parecchio.
    Grazie.
    Giovanni

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo essendo un parafarmaco non ha un principio attivo specifico; proverei al limite, ma non garantisco l’efficacia, un gel vaginale a pH simile a Monogin (che ha pH 4).

  5. Anonimo

    salve dottore in questi giorni ho avuto un forte prurito alla testa del pene poi e’ scomparso il prurito ma vedevo sulla pelle del glande come non so definirla della roba bianca e dopo 2 giorni mi si e’ scaccata un po la pelle causando un po di sangue quando fuoriusciva la testa . ci tengo a precisare che sono diabetico la saluto .

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Potrebbe essere una piccola infezione, ma data la condizione di diabetico è importante che la veda il medico per prevenire potenziali ulcerazioni.

  6. Anonimo

    Salve dottore.
    Sono un ragazzo giovane ancora minorenne che ha sempre avuto un igiene intimo molto accurato (ho la fimosi non serrata però) ma è da due tre giorni che ho incominciato ad avere i sintomi citati sopra… Volevo sapere se c’è un modo per curare questa mia cosa senza farmaci perché ho vergogna a dirlo ai miei e ancor di più dal medico curante di famiglia… Penso che la mia balanite sia provocata tramite candida o dai batteri come citato prima quindi potrei provare col clotrimazolo però come ho detto ho vergogna ad andare dal farmacista e chiedere il farmaco…. La ringrazio anticipatamente

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Consiglio caldamente di rivolgersi ad un medico, perchè è indispensabile essere certi della diagnosi; eventualmente può rivolgersi in forma anonima presso il consultorio della sua città.

  7. Anonimo

    Dottore mi è diventato duro (il prepuzio penso) quella cosa che collega il filo e mi sono usciti dei puntini rossi.ho bruciore,indurimento e rossore.in attesa di una vostra risp le porgo cordiali saluti

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non posso fare molto, consiglierei di farlo vedere al medico.

  8. Anonimo

    Buonasera dottore, da un paio di giorni ho un arrossamento molto forte della parte bassa del glande (non quella vicino all’uretra per intenderci, ma la metà più in basso) con prurito che si alterna a una sensazione di bruciore. Cosa potrebbe essere, fermo restando la necessità di una visita da un medico. E da che medico, urologo o dermatologo? E, infine, immergere il pene in acqua calda con bicarbonato può alleviare questa sensazione?

    grazie della disponibilità

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Potrebbe essere una piccola infezione, forse micotica dato il prurito; il bicarbonato potrebbe aiutare, nel peggiore dei casi non fa danni.
      Il dermatologo è lo specialista più adatto, ma è possibile che anche il suo medico sia assolutamente in grado di risolvere.

  9. Anonimo

    Salve ho spesso bruciori al meato uretrale,quando miziono.Non ho prurito e beh..sembrerebbe un fastidio che si irradia verso il frenulo,non saprei.Ho avuto rapporti con donne sierosconosciute,ma sempre protetti tranne qualche breve fellatio passiva.Il problema e’che questo bruciore io ce l’ho da quando sono nato praticamente e su tre dermatologi interpellati,tutti mi han parlato di balanite.Non ho chiazze rosse,nn ho esfoliazioni del glande ma ho solo un frenulo lievemente corto.Io so solo che se utilizzo acqua calda,questo bruciore scompare.Ho pensato a qualche mst,pero’…nn avendo perdite uretrali,ne’prurito,ma che dovrei fare?Solo l’acqua calda sembra eliminare il fastidio anche per lungo periodo.A volte c’e’,a volte nn c’e’..potrebbe essere clamidia,maa…avendo usato sempre il condom,mah..nn saprei.Secondo il dermatologo e’il frenulo che e’lievemente piu’corto del normale e irrita nei rapporti traumatici il meato uretrale.Bah..cioe’nn ho soluzioni,visto che e’lieve il disagio,sebbene…si ripresenti spesso..da bambino..

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sinceramente sono in difficoltà nel suggerirle cosa fare, ma probabilmente al suo posto proverei a sentire anche il parere di un urologo.

  10. Anonimo

    Egregio dottore
    Sono un ragazzo di 21 anni con una vita sessuale normale, ho rapporti solo con la mia fidanzata.
    È da un paio di giorni che ho un bruciore sulla pelle che ricopre il glande…il
    Bruciore è situati all’interno e lo sento piu pungente quando lo scopro o per lavarlo o per avere un rapporto con la mia ragazza…nn vedo arrossamenti ne nulla di strano, c’é solo questo fastidioso bruciore.
    Spero nn sia nulla di grave e soprattutto cosa posso fare ??
    Grazie mille per la sua gentile risposta

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La sua partner avverte fastidi od altri sintomi (perdite, odore sgradevole, …)?

    2. Anonimo

      Niente di tutto ciò…il bruciore lo avverto solo io

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Eviti rapporti per qualche giorno e proceda all’igiene intima con saponi specifici, se non passasse senta il medico.

    4. Anonimo

      Posso chiederle quali possono essere i saponi piu indicati??
      Graie mille ancora per le sue risolte dottore

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Saugella Uomo per esempio, od al limite potrebbe non essere sbagliato provare con l’Euclorina.