Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    La ringrazio infinitamente appena torna il medico curante si farà indirizzare almeno adesso sono un po’ più tranquilla

  2. Anonimo

    ma rischia la vita? lei è convinta di avere un ictus da un momento all’altro…ci sono cure od interventi per curarle??o è inreversibile Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ci sono cure ed interventi per prevenire eventi cardiovascolari e le occlusioni non sembrano nemmeno così severe.

  3. Anonimo

    Buongiorno dottore,sono molto preoccupata ieri mia mamma ha fatto l’ecodopler come controllo,ma la notizia inaspettata è che ha 2 arterie carotidee occluse una al 25% e l’altra al 20%,ora siamo preoccupatissime,si può fare qualcosa?? Grazie ps.ha 57 anni,1.70 55kg mangia sano,non soffre ne di diabete ne colesterolo alto,fumatrice

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È stato importantissimo averlo scoperto prima di eventuali danni irreparabili, adesso ci sarà modo e tempo per prendere le adeguate contromisure.

  4. Anonimo

    salve dottore, ho 40 anni e sono in sovrappeso (altezza 1,82, peso 108) non ho problemi di salute al momento ma ho scoperto facendo le analisi il colesterolo totale a 304 (hdl 53, ldl 198, trigliceridi 267). Il resto è nella norma (glicemia, emocromo, transaminasi, valori tiroidei..). La pressione è buona e i miei genitori non soffrono/hanno sofferto di malattie cardiache. La domanda è mi devo preoccupare tanto? e sarà sufficiente perdere peso per normalizzare il colesterolo o sarò costretto a prendere le statine (di cui sono francamente terrorizzato)?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È possibile che perdendo peso e migliorando lo stile di vita (esercizio fisico ed alimentazione) possa farne a meno.

  5. Anonimo

    Grazie mille …è bello dapere che cè qualcuno che senza alcun guadagno ci risponde e ci rasserena come fà lei.Comlimenti vivissimi…!!!!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio di cuore, anche se per trasparenza è corretto ricordare che il sito sopravvive anche grazie alla pubblicità presente.

  6. Anonimo

    Altezza 1.78 peso 70 kg.la pressione 60 120…il dottore visto che ho anche la glicemia alta mi ha parlato di prediabete.lamia ppreoccupazione deriva dal fatto che ho perso uno zio di 46 anni causa infarto e mia madre ha avuto un attacco di tia.fumo…? Devo smettere?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ci sono diversi fattori di rischio (famigliarità, fumo, colesterolo, prediabete), quindi il medico probabilmente vorrà intervenire in modo deciso per abbassare il valore; da parte sua deve migliorare l’alimentazione, praticare esercizio fisico e smettere di fumare.

      Preciso che per avere risultati non è indispensabile correre maratone e smettere oggi, qualsiasi piccolo miglioramento è comunque meglio di niente.

  7. Anonimo

    Ho 36 anni ed i colesterolo a 332.oltre allo stile di vita che dovrò cambiare…mi devo preoccupare , già di mio sono un pò ansioso.

  8. Anonimo

    Dottore Buona sera c’è mia figlia che averte da ieri sera una sensazione come una compressione nel lato sinistro del collo,non è la prima volta che ha questo fastidio,gli viene sempre due giorni prima del ciclo però ieri quando si è messa a letto per un ora ha sentito questa sensazione poi gli è calmato e stamattina di nuovo.Sì è fatta gli esami del sangue ed è tutto apposto.Due anni fa gliel ha dtt alla dottoressa e gli ha detto che era ansia..comunque c’è il rischio di una vena ostruita?è da due anni che l ho avverte da quando mentre giocava con sua sorella e per sbaglio gli ha dato una gomitata nel collo…posso stare tranquilla o c’è qualcosa che non và?se c era qualcosa si notava dagli esami del sangue?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Dalla descrizione condivido la diagnosi del medico, ma ovviamente non ho modo di garantirle nulla; gli esami del sangue normali non possono rilevare tutto.

  9. Anonimo

    si, fino ad un anno fa prendevo cardioaspirina e ticlopidina da un anno a questa parte prendo duoplavin al posto della cardioaspirina e la ticlopidina, ma per quanto riguarda il fastidiosissimo prurito non è cambiato niente, mi creda che ho l’incubo quando devo fare la doccia. Dopo che mi passa il prurito, tutto ciò mi lascia esausta senza forze, ho provato a mettere la qualsiasi crema rinfrescante, ma non funziona spero che mi dia una strada per risolvere il problema risolvere il problema,
    grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il prurito va sicuramente segnalato al medico, ma non escludo che possa essere causato dal farmaco; eviti l’acqua troppo calda perchè potrebbe aumentare la sensazione.

  10. Anonimo

    Da molto tempo soffro di un fastidioso e forte prurito agli arti inferiori dal ginocchio in giù ogni qualvolta faccio la doccia, siccome a mia mamma è stata amputata una gamba per grossi problemi di circolazione, ha sempre sofferto di ipertensione. Io nel 2003 a 43 anni di età ho avuto un infarto nonostante non abbia mai fumato, non soffrivo di ipertensione e non ero in sovrappeso,sono sotto cura farmacologica da allora con statine betabloccanti e anticoagulanti. Le chiedo quali controlli devo fare per evitare quello che è accaduto a mia mamma? E’ un campanello d’allarme il prurito agli arti inferiori? La ringrazio

  11. Anonimo

    Dott buona sera ieri mattina mentre pulivo casa o sentito un bruciore e prurito dietro il polpaccio sinistro ho guardato e c era una vena rialzata e molto dura dopo delle ore si è formato un ematoma sto iniziando a preoccuparmi cosa può essere grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Raccomando di farla vedere al più presto da un medico, per capire se si tratti solo di un capillare rotto o di una più seria flebite/trombosi.

  12. Anonimo

    Salve dottore volevo da lei un parere ..io ho sempre avuto liviti alle gambe poi piu avanti alle braccia ..questo iniziando dell etá di 16 anni ho fatto tutti i orelievi del caso ma e tutto apposto…con passare degli anni il problema non cambia i lividi compaiono non spesso ma conpaiono con dolore alla gamba in particolare una e po di gonfiore vedo anchw il tebdine di achille che si gonfia ..ogni tanto ho anche lividi al braccio con dolore quasi tutti i giorni come se l avessi sbattuto e anche quando lo tocco e riggido ..adesso a causa di due aborti avuto ho fatto prelievi x le mutazione ed e uscita una mutazione nthfr omozigote ..ho fatto ecocolordoppler alle gambe ed effettivamente nel punto dove ho fastidio ho delle piccole placche ho fatto quello venoso ..non e un problema venoso ..secondo lei cosa puo essere questa conparsa di placche..e potrei averli anche nel braccio dove mi fa male??

  13. Anonimo

    Poi avverto anche affanno da circa un mese sporadicamente a volte legato ed a volte non legato agli altri sintomi.scisatemi per la lunga descrizione ma voglio dettagliarla meglio possibile per rendere un quadro clinico meglio possibile accurato. Grazie Fabio

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A mio parere in questo momento l’unico problema urgente è lo stato d’ansia che l’ha colpito, sfociando in un attacco di panico prima del Pronto Soccorso.

      I valori non sono così terribili (colesterolo totale a 140 è al limite tendente al basso, non sicuramente alto, i trigliceridi sono da abbassare ma da soli non possono spiegare i sintomi che accusa).

  14. Anonimo

    Rettifico trigliceridi 229,colesterolo HTC 24,colesterolo complessivo 140. Tutti gli altro valori del chek upp completo urine,urinocultura,feci e cultura tutte buone ma avverto continuamente anche se con alti e bassi questi sintomi tranne il mal di testa che man mano dopo 10 giorni sta svanendo ma sento spesso ticchettio nelle narici e nelle orecchie inrigidimento del braccio destro dietro il collo etc etc… Lunedì 10/8 torno dalle vacanze e voglio anche ricoverarmi ma vorrei un suo consiglio visto che ha grandi competenze.grazie Fabio

  15. Anonimo

    Salve dottore ho 37 anni sono alto 173 per 68 kg. Sono circa due mesi che avverto una forte stanchezza soprattutto in carichi di lavoro e quando metto sotto sforzo il corpo ultimamente anche per piccoli sforzi. negli ultimi periodi ho una condizione generale di stress dovuta dal lavoro,Dai problemi quotidiani,familiari etc.,Faccio lo chef di cucina e Spesso non ho Mai tempo per me.fumo poco e sporadicamente non bevo quasi Mai alcol ne bibite gassate cerco di avere un’alimentazione sana anche perché spesso sono chiamato a dover assaggiare (anche fritti)per lavoro.ho fatto le analisi di prassi da chek upp urinocultura e feci ed ho trovato colesterolo alto e trigliceridi a 267. Il giorno dopo gli esami mi sentivo stanchissimo perché sentivo che il Mio corpo non andava e dopo aver fumato una sigaretta ho avuto forti palpitazioni,sensazione di panico,un nodo fortissimo alla gola perdita di sensibilità al braccio destro mi tiravano l’indice ed il medio e la gamba destra,tremore,vertigini,sudavo freddo,un forte mal di testa (perdurato per una settimana come una mattonella in testa e le tempie che schiacciavano)un indurimento alle vene dietro il collo(ancora persistenti ed altalenanti)le orecchie come otturate e la stessa cosa alle narici…piedi freddi(pressione 80/120 stranamente)il giorno dopo al pronto soccorso raccontato tutto faccio ecocardiogramma (buono)e analisi per vedere se avevo avuto un’infarto o altro.non avendo riscontrato niente sono partito dalle vacanze per rilassarmi ma avverto sempre questo stato e non posso sopportare condizioni di fatica anche se minima e di stress anche sciocchezze.prima di partire ho riscontrato anche un’infiammazione al colon. Che analisi mi consiglia e cosa devo fare perchè io vorrei tornare a star bene,sono molto vitale e questa condizione mi deprime.

  16. Anonimo

    tutte le volte che il medico riesce a trasmettere al paziente con parole semplici e quindi comprensibili concetti utili per contribuire a superare patologie varie, sento di manifestare, come nel suo caso, un senso di profonda gratitudine.

  17. Anonimo

    Ho 52 anni ho avuto un tia 5 anni fa é meglio evitare sforzi lavori pesanti e stressanti dato che ho la possibilità nel mio lavoro ad essere collocato con mansioni più leggere la ringrazio moltissimo

  18. Anonimo

    Salve dottore, domani mio marito dovrà fare un intervento alla carotide! Volevo sapere da lei, vome verrà eseguito questo intervento , se con taglio classico al collo, oppure cn in qualche altro modo! Ho sentito dire che potrebbe essere fatto un taglio alla gamba , e poi verrà infilato un sondino, che arriverà nell’ arteria ostruita per pulirla! La ringrazio in anticipo della sua risposta!

  19. Anonimo

    Buongiorno Dotto. Cimurro,
    in seguito a due anni di parestesia al metà volto e mano, il neurologo mi ha prescritto Rmn encefalo e Eco TSA.
    La rmn ha dato esito negati ( c’è soltanto evidenziato che si evidenzia “piccola dilatazione degli spazi liquorali in sede père-cerebellare sinistra come per cisti aracnoidea” il radiologo mi ha detto che non è nulla. Che ne pensa lei?)
    E dalla Eco ai tratti sovraortici, ho una piccola placca al bulbo di 1.9 mm.
    Sono preoccupata x questo inizio di arteriosclerosi, ho 36 anni.
    cosa mi consiglia lei? Esiste un modo per eliminare questa placca?
    le mie analisi vanno bene ho il colesterolo a 228, ho smesso di fumare ma sono in sovrappeso perché ho partorito un anno fa e non riesco a perdere peso.
    Grazie in anticipo per l’aiuto che vorrà darmi.
    Roberta

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Senta ovviamente il parere del medico, punterei intanto a recuperare il peso forma ed aumentare il consumo di alimenti ricchi di omega-3 (pesce azzurro di piccola taglia, frutta secca a guscio, …).

    2. Anonimo

      il punto forse è che non mangio più pesce da 10 anni per( presunta) allergia! Quale altro alimento potrebbe aiutarmi?
      Grazie.

  20. Anonimo

    Salve,e più di un mese che mi formicola il braccio sinistro e come se si addormentasse ed ora mi capita anche alla gamba sempre sinistra secondo lei può essere un problema di circolazione del sangue?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Possibile, ma va senza dubbio segnalato al medico perchè è anomalo il fatto che capiti su un solo lato del corpo.

    2. Anonimo

      Il medico ha detto di fare una tac xche secondo lui potrebbe essere la cervicale a io ho i miei dubbi x quello mi sono rivolto a voi

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La ringrazio per la fiducia, ma il suo medico ha potuto visitarla ed ha sicuramente un quadro più completo di quello che potrei avere io; se proprio dovessi dare un consiglio forse sentirei prima un neurologo.

  21. Anonimo

    Posso fare un eco carotidi x vedere un eventuale ostruzione e attendibil ho continui sbandamenti

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Eviti di fare esami e piuttosto si rivolga ad uno specialista.

  22. Anonimo

    Grazie dott. Ho dimenticato di dirle che ogni volta quando faccio la corsa mi fa anche male il piede sinistro e dopo durante il riposo anche la gamba.. Pensa che è meglio continuare con la corsa o evitare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Farei vedere il piede al medico e nell’attesa, interrompa la corsa.

  23. Anonimo

    Buonasera dott, ho il colesterolo da anni ormai ereditario, sono in sovrappeso. Ho partorito il 12 agosto. Sono alta 1,70 e peso 75,800 . Circa 1ora fa ho fatto una corsa xchè ho deciso di rimettermi in forma e di seguire una dieta sana ma sono riuscita a correre poco ,ero talmente stanca che mi faceva male il petto quando respiravo e anche la gola come se avessi tosse e petto ostruito da muco. Devo preoccuparmi? O è solo xchè nn faccio attività fisica da anni ormai?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Parta in modo più soft, lasci che il suo organismo di abitui lentamente all’attività.

  24. Anonimo

    Quelli esami lì mio padre li fa sempre. La ringrazio delle risposte.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Ok, in questo caso può stare ragionevolmente tranquillo in merito al cuore, anche se suggerisco ugualmente di segnalarlo al medico se è un problema insorto recentemente.

    2. Anonimo

      ho fatto un ecoaddome e mi è stato riscontratto un arterosclerosi addominale importate! devo preocuparmi? cosa devo fare? grazie.

  25. Anonimo

    Ovviamente, essendo il sangue che “riempie” il pene per l’erezione c’entra l’apparato cardio-vascolare. Mio padre ha 64 anni, come fattori di rischio ha sovrappeso, ipertrofia prostatica (se è uno di questi fattori), poi non sappiamo il testosterone come ce l’abbia; se delle volte capita una disfunzione, ci dev’essere per forza una spia cardiaca o può essere semplicemente l’età? Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Il sovrappeso ed i problemi alla prostata potrebbero spiegare il problema, ma il sintomo va comunque fatto presente al medico per i controlli di rito (almeno pressione e magari esami del sangue).

  26. Anonimo

    Salve, non so se ha letto della correlazione in delle ricerche fra disfunzione erettile e patologie cardiache, come lei ha citato “In alcuni casi l’aterosclerosi può causare la disfunzione erettile” (ora non sappiamo se sia una che causa l’altra o viceversa). Ma secondo lei può essere quasi normale che questo deficit sessuale sia collegato con patologie cardiache, data l’età media di insorgenza delle due cose? Spiegandomi meglio, per gli uomini anziani, è difficile che il loro pene funzioni perfettamente, ed essendo anziani sono anche a rischio di malattie del cuore, e quindi sarebbe quasi normale la cosa, giusto?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Semplificando di molto il discorso, l’erezione dipende da un afflusso di sangue all’interno del pene; qualsiasi situazione che alteri questa capacità dell’organismo di veicolare il sangue dove serve, in modo corretto ed affidabile, può causare difficoltà di erezione.

      Le patologie cardiache sono disturbi che rovinano questa capacità di fine regolazione, in alcuni casi rovinando in modo permanente le strutture coinvolte (penso per esempio alla pressione alta).

      Nell’anziano subentrano poi altre problematiche (per esempio calo del testosterone) che possono amplificare queste difficoltà.

  27. Anonimo

    gradirei conoscere il Vs. parere in merito alle cellule staminali autologhe che (pare) siano state sperimentate in un ospedale di Lecce dal Prof. Sica di Napoli.
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non conosco il lavoro in questione, ma purtroppo in questo momento c’è molta più pubblicità di quanto non siano in realtà davvero disponibili trattamenti seri e di comprovata efficacia.

  28. Anonimo

    vorrei sapere se l’Apo a-i milano viene utilizzata per rimuovere placche arteriose e se si dove?
    gradirei una risposta veloce visto che devo fare alcune scelte per rimuovere delle placche alle arterie delle gambe.

  29. Anonimo

    vorrei sapere se le placche dalle arterie si possono eliminare e se le arterie si possono risanare e in che modo,se con lo sport o in maniera naturale.attendo risposta.grazie

    1. admin
      admin

      Sport (inteso come regolare esercizio fisico) e alimentazione corretta, sopratutto dal punto dei vista dei grassi (minor quantità e maggior qualità, quindi evitare fritti e grassi animali a favore di olio di oliva e pesce azzurro). E’ comunque un discorso molto ampio ed in alcuni casi non generalizzabile, ma a grandi linee la strada è questa.

La sezione commenti è attualmente chiusa.