Tutte le domande e le risposte per AIDS e HIV: sintomi, cause, test e trasmissione
  1. Anonimo

    Salve dottore,
    Volevo chiedere un parere, sono S+ da almeno 10, nel 2010 ho fatto la magra scoperta quando la malattia era acclamata, ed i CD4 molto bassi.
    Secondo quanto riportato nelle linee guida dell’articolo, la mia prospettiva di vita e’ pari a 4 / 5 anni? Secondo Lei l’indicazione e’ corretta?
    Grazie anticipatamente

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo le linee guida sono lo strumento ufficiale con i numeri corretti, ma tenga conto che si tratta di medie e sopratutto che i progressi medici fatti permettono di spostare periodicamente più in avanti la prospettiva.

      Non voglio illuderla e meno ancora prometterle nulla, ma è importante capire che un numero non è una scadenza improrogabile, ma una media, un’indicazione che va interpretata sapendo che è frutto di numerose approssimazioni.

  2. Anonimo

    Buon giorno dottore una domanda: Ho limonato con una trans con io Che Ho carie e un ascesso ho gia fatto il test dopo 35 giorni ed é negativo cosa devo fare adesso? Posos stare tranquillo?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A meno che la partner non avesse abbondanti ferite aperte in bocca il bacio non è considerato pratica a rischio (quantomeno per l’AIDS).

    2. Anonimo

      Non posso saperlo ma il test negativo a 35 giorni mi da qualche garanzia?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      L’affidabilità è già molto elevata, ma se c’è il dubbio lo ripeta a 90 giorni.

    4. Anonimo

      Grazie dottore

  3. Anonimo

    Dottore la sommatoria di comportamenti a rischio rende il risultato diun test negativo a 30 giorni poco valido o un test negativo é un test negativo é basta?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il test è negativo e basta, ma se ci sono stati numerosi comportamenti a rischio diventa a mio avviso ancora più importante la verifica a 90 giorni.

    2. Anonimo

      Nel mío caso ho limonato e avuto un rapporto orale passivo senza eiaculazione dopo 30 giorni il test é risultato negativo

  4. Anonimo

    So che in attesa di fare il test dovrei smetterla di ricondurre ogni piccolo prb fisico al possibile contagio, ma prurito generale senze alcun brufoletto (mi è da poco sparita l’orticaria causata dall’assunzione di aspirina) e sensazione di indolenzimento ai muscoli (polpacci, braccia… come se avessi fatto sport..) potrebbero essere sintomo di contagio? Grazie x la risposta

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sintomo più probabilmente di ansia.

    2. Anonimo

      ho da circa 4mesi un prurito in tutto il corpo maggiormente le zone periferiche del corpo posso aver contratto l’HIV?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Faccia il test se ha avuto comportamenti a rischio.

  5. Anonimo

    Salve dottore…ho avuto da pochi giorni un rapporto completo senza protezioni…il ragazzo in questione dice di essere sano ma le paure sorgono sempre. Io (soggetto attivo) al momento della penetrazione ho notato che dal suo retto usciva del sangue, perchè probabilmente si era rotta qualche vena e il mio pene era un pò sporco di sangue…tornato a casa mi lavai per bene e nel momento in cui mi lavai notai che era fuoriuscito dal pene un piccolo frammento di feci di lui…cosa mi consiglia di fare? dovrei farlo il test x l’HIV ? e quando potrei farlo? attendo da lei qualche consiglio…

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Il rapporto è stato ad altissimo rischio, raccomando il test almeno a 30 e 90 giorni.

  6. Anonimo

    Ho una dissenteria (diarrea crampi forti)da circa un mese puo essere un sintomo HIV?e puo un sintomo iniziale durare tutto questo tempo?visto che mi e venuto dopo soli 5 giorni dall’orale ricevuto?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Conta solo il test, ai sintomi non dia troppo peso.

  7. Anonimo

    Buon giorno, volevo sapere se tale comportamento è a rischio e se occorre fare il test hiv: sono stato da un prostituta e con lei spogliata mi sono masturbato e nel contempo la palpavo (non nelle parti intime). Al termine lei mi ha passato un fazzoletto di carta che teneva in mano ma che aveva sfilato dalla confezione poco prima. Io con tale fazzoletto mi sono pulito…. Questo, come già detto può essere considerato a rischio? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Rischio zero, perchè non è venuto a contatto nè con il sangue nè con i fluidi vaginali della partner.

  8. Anonimo

    salve dottore, circa due mesi fà ho avuto un rapporto con una tipa,durante il rapporto mi si è rotto il preservativo e non me ne sono accorto per tempo fino ad eiaculare.ho subito provveduto a lavarlo.volevo sapere se rischio qualcosa?grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, il rischio è relativo a tutte le malattie sessualmente trasmesse.

  9. Anonimo

    scusi ancora dottore, quindi se la tipa è portatrice di hiv anche se non c’è stato rapporto di sangue mi ha contaggiato?l’ansia mi sta distruggendo consideri purè che ho una figlia

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se fosse sieropositiva è possibile (non scontato!) il contagio, anche in assenza di contatto con il sangue. Faccia il test, a 2 mesi è quasi definitivo (dovrebbe ripeterlo a 3).

  10. Anonimo

    scusi dottore, cosa significa rapporto insertivo, ricettivo?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Prendiamo per esempio il rapporto vaginale:

      è insertivo dal punto di vista dell’uomo, che inserisce il pene in vagina,
      è ricettivo dal punto di vista della donna che riceve/accoglie il pene in vagina.

      Allo stesso modo può essere esteso a tutti gli altri tipi di rapporto.

    2. Anonimo

      perfetto … e vorrei chiederle: i due tipi di rapporto hanno una probabilità diversa di infezione?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In genere il ricettivo è considerato maggiormente a rischio (sia vaginale che anale).

    4. Anonimo

      ma da quali condizioni e stati sono date tali percentuali? o è una questione soggettiva e basta?

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non sono considerazioni soggettive, ma oggettive; la spiegazione è che la mucosa vaginale (ed ancora di più quella anale) sono delicate e soggette ad irritazioni ed abrasioni in grado di facilitare l’entrata del virus.

    6. Anonimo

      grazie mille dottore… è possibile contrarre l’infezione con un solo incontro? cioè, se fosse così facile sarebbe ancora piu diffuso il virus

    7. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sì, si può contrarre anche al primo ed unico incontro: è come la roulette russa, quindi è necessario proteggersi SEMPRE con il preservativo, qualsiasi pratica venga svolta (a mio parere rapporti orali compresi).