1. Anonimo

    Mi sono operato il 3-12-2012 protesi anca sx non cementata Polic.monza, tutto bene fatto intervento e fisioterapia nel policlinico,adesso mi trova a casa è passatoi 30 giorni ho cominciato nuoto 2 volte a settimana e bici in casa (20/30 minuti) tutto abbastanza bene la sera soffro di mal di schiena guasi sempre cosa fare?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non è necessariamente connesso all’intervento; sente male alla zona operata?

    2. Anonimo

      no forse potrebbe essere che prima di operarmi avevo una postura(praticamente zoppicavo)?

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Un’errata postura può causare infiammazioni e dolori, ma il dolore è comparso prima dell’intervento?

    4. Anonimo

      no dopo l’intervento

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In questo caso escludo l’ipotesi della postura non corretta precedente all’intervento. Potrebbe anche essere indipendente dall’operazione ed invece magari legata ad uno sforzo in piscina dopo settimane di inattività, ma raccomando una visita ortopedica perchè è l’unica strada per avere una diagnosi certa.

  2. Anonimo

    salve, ieri ho saputo che devo essere operata all’anca, premetto che ho 20 anni, mi sento distrutta 🙁

    1. Anonimo

      Ciao bambina,mi permetto di chiamarti cosi’,perche’ potrei essere tua madre,per l’eta’ che ho…ho subito l’intervento 15giorni fa’,fatti coraggio,non e’ cosi’terribile come potresti pensare…AUGURI di cuore….

    2. Anonimo

      io ho subito il tuo stesso intervento a novembre a dx e tra pochi giorni dovrò sottopormi ad un altro intervento a sx, e ho 29 anni. Anche io all’inizio avevo paura, il non sapere a cosa sarei andata incontro, mi metteva ansia e paura, ma è normale. Ma se ti affidi ad un buon chirurgo e ad un buon ospedale vedrai che tutto andrà bene. Dalla mia esperienza ti posso dire che ho sentito dolore solo dopo alcune ore dall’intervento, riuscendo a dormire magnificamente già la notte stessa. Il giorno dopo, come detto dal medico, mi sono seduta sul letto e il giorno seguente ancora ho iniziato a camminare con le stampelle. Dopo una settimana iniziai la fisioterapia sempre in ospedale, e con una sola stampella tornai a casa. Ho utilizzato la stampella per un altro mese più o meno, e ho continuato a fare fisioterapia a casa. L’unica nota stonante, se così vogliamo chiamarla, è il fatto di dover portare le calze elastiche per ben 3 mesi, dover dormire sulla schiena per ben 2 mesi e dopo è possibile girarti su un lato, ma con un cuscino tra le gambe. Potrai dormire sul lato operato dopo 3 mesi dall’intervento.

    3. Anonimo

      Ciao,hai fatto l’operazione di protesi?(dato che vedo che il tuo mess risale quasi ad 1anno fa). Ti ho risposto perchè anche io ho 20anni e ho messo la protesi all’anca circa 2 mesi fa. Prima zoppicavo tantissimo,soffrivo di un dolore cronico da anni all’anca ed era gonfia,la protesi mi ha aiutato tantissimo in questo però a 20 con una protesi devi rinunciare a tutto. Ti ho risposto perchè nessuno ti può capire meglio di me. Ti auguro il meglio e fatti forza.

  3. Anonimo

    Buon giorno,

    sono staton operato all’anca il 14 Dicembre 2012, con una applicazione di una protesi titanio ceramica.
    A distanza di due mesi, guido, cammino senza stampelle o bastone e pratico cyclette, nonche’ gli esercizi riabilitativi prescrittimi.
    Ho solo un problema, dopo essere stato seduto per olltre 30 minuti( o ancor peggio la mattina alzandomi dal letto) avverto un dolore al quadricipite femorale e devo attendere qualche secondo prima di deambulare. Sento come se la gamba fosse debole e non potesse reggere il peso del mio passo. Fatti i primi passi,dopo poco, tutto procede regolare…fino a che non mi risiedo nuovamente e mi rialzo. E’ stato attribuito ad una debolezza del muscolo dopo il lungo periodo di inattivita’..e’ vero? Puo’ esserci qualche altra ragione?
    Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La spiegazione mi sembra plausibile, ma se fra 1-2 mesi non fosse migliorato rifarei il punto con l’ortopedico o con il fisioterapista.

  4. Anonimo

    Buongiorno,
    vi scrivo per portarvi a conoscenza di una cosa terribile che è capitata a mia madre.
    Il 4 febbraio 2013 circa 1 mese fa mia madre è stata operata all’anca.
    L’11 febbraio è stata dimessa dalla clinica e il 12 febbraio dopo appena un giorno è morta.
    Pare sia stato un embolo. Purtroppo non ho avuto il coraggio di fargli fare l’autopsia (il quel momento ero distrutta dal forte dolore)
    Oggi ho letto il vostro articolo e mi domando
    Si può morire per un intervento all’anca ?
    Ho anche letto che bisogna indossare speciali calze elastiche
    cosa che non ci è stato detto.
    Ora sicuramente andrò avanti per scoprire cosa è potuto succedere e se non è stata curata bene.
    Concludo questo mio commento dicendo a tutte le persone che dovranno fare questo tipo di intervento di fare molta attenzione e di informarsi bene prima.
    Giusto perchè non accada più una cosa del genere.
    FATE ATTENZIONE!!!!!!!!!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non ho parole per dirle quanto mi dispiaccia leggere queste testimonianze; per rispondere alla sua domanda purtroppo le confermo che qualsiasi intervento è connesso al rischio di un esito fatale, anche se ovviamente questo è piuttosto basso per interventi di questo genere.

    2. Anonimo

      Grazie.
      La terrò informata appena avrò qualche risposta.
      Se è stato un errore o altro sicuramente la pagheranno.
      Saluti

    3. Anonimo

      mi scusi potrei sapere in quale clinica è stata operata sua madre?

  5. Anonimo

    Sono stato operato all’ anca dx quattro giorni fa e qualsiasi problema si dovesse presentare non penserei mai di sottoporlo a lei. La sua apprezzata gentilezza non può sostituire una risposta professionale ricevuta da uno specifico chirurgo in artroprotesi. Anzi non riesco a capire come lei si assuma la responsabilità ( in realtà poche perché risposte precise non ne da) di affrontare argomenti che non le competono. Attento alle IENE !

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Nessuno è mai obbligato a scrivere e, se riuscissi ad essere d’aiuto anche ad una sola persona ogni mille, ne sarebbe valsa la pena. Quando non sento di avere le competenze per rispondere non ho difficoltà ad ammetterlo e farmi da parte, inoltre lasciando visibili tutte le risposte il lettore può capire dove posso essere d’aiuto (per esempio sui modi e tempi di assunzione di farmaci) e dove invece non sono in grado. Non faccio altro che trasferire sul web quello che mi capita quotidianamente in farmacia, dove quando non posso essere in grado di aiutare suggerisco di contattare il medico curante.

      Ringrazio in ogni caso per la sua critica, quando pacate e motivare non possono che essere d’aiuto per migliorare.

  6. Anonimo

    salve dottore,
    a da un periodo che o un problema all’anca sinistra fortissimi dolori la notte non mi fanno dormire neanche in posizioni molte comode i dolori sono cosi forti che mi devo alzare e quando mi alzo tanto e il dolore che provo che mi fa zoppicare e camminare male prendo anti dolorifici
    cosa mi consiglia di fare
    non ce la faccio piu’
    aspetto sue risposte
    cordiali saluti
    marco picciotto

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non posso che consigliarle di rivolgersi ad uno specialista, è indispensabile una diagnosi.

  7. Anonimo

    ciao dottore io ho 47 anni ho fatto la protesi d’anca ma dopo un po di tempo mi è uscita perche avevo un’infezione cosi me l’anno tolta ora sto senza articolazione e mi anno detto che non potrò rimetterla sono hiv possibile che se il battere ana volta scomparzo può tornare se rimettono la protsi vorrei un suo parere

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Senza conoscere i dettagli è difficile esprimere giudizi, ma ho la sensazione che non si voglia correre il rischio di nuove infezioni che potrebbero essere particolarmente pericolose.

  8. Anonimo

    Sono cinque giorni che ho fatto l’intervento al femore. All’uscita dalla sala operatoria ho avvertito molto freddo e tremavo molto. Vorrei sapere il perché ancora ora, dopo 5 giorni, ho molto freddo e il freddo propagandosi per tutto il corpo mi provoca brividi.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Ha già misurato la febbre?

    2. Anonimo

      Si, e ogni giorno capita che ho 37.3 – 37.4 – 37.5 ma poi scade.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La sensazione di freddo è probabilmente legata a quello, in particolare nel momento in cui sale; sta assumendo antibiotici?

  9. Anonimo

    A metà agosto mi è stata impiantata una protesi d’anca. Da allora, ogni volta che assumo una posizione sbagliata incoscientemente non provando dolori, ad altezza dell’anca sento come uno scrocchio e mi sembra che( la testa del femore?) faccia un movimento sbagliato, per poi tornare a posto.
    Cosa succede? Devo temere una lussazione?
    Cerco di evitare tali movimenti, ma involontariamente mi ritrovo in questa spiacevolissima sensazione, che non mi ha, finora, provocato dolore ma mi lascia un senso d’angoscia.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      È senza dubbio consigliabile segnalarlo al chirurgo per le opportune verifiche.

  10. Anonimo

    Spett.le dottore, mio padre ha 74 anni; circa due anni fa ha fatto la protesi all’anca, tutto regolare, ma in seguito ad una caduta la protesi si è danneggiata e a Febbraio 2014 si è sottoposto a nuovo intervento per sostituire l’anca. L’intervento e la prima parte del decorso operatorio regolare, dopo pochi giorni dalle dimissioni dall’ospedale, ha iniziato a fuoriuscire, in modo copioso, un liquido giallognolo dalla ferita, senza avere ne febbre ne nessun altro disturbo o fastidio. Si è recato all’ospedale ed è stato nuovamente ricoverato. Dopo vari controlli, visto che dopo una settimana la fuoriuscita di umori non diminuiva, i medici, non capendo quale fosse la causa (questo è quello che dicono) hanno riaperto il taglio, forse ripulito ed installato un drenaggio con un sistema di disinfezione della parte operata e massicce dosi di antibiotici. Venerdì scorso il drenaggio è stato rimosso, ma oggi è ripresa la fuoriuscita di liquido. I medici dicono che non si capisce da cosa sia causato. Lei ha mai visto o sentito di qualche caso simile? Da cosa potrebbe essere causato? Grazie e distinti saluti.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non la so aiutare, mi dispiace.