Tutte le domande e le risposte per Ernia inguinale: sintomi, intervento e dolore
  1. Anonimo

    Lunedì 23 agosto sono stato sottoposto ad intervento chirurgico di ernia inguinale sinistra doppia . [Testo riportato nel corpo dell’articolo]

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La ringrazio di cuore per il suo intervento, che mi sono permesso di riportare nel corpo dell’articolo perchè molto più utile di tanta teoria.

    2. Anonimo

      Sono io che la ringrazio e mi auguro veramente che qualcuno possa trarre un pò di giovamento.

  2. Anonimo

    stato operato di ernia inquinale a sx 7/anni fa’ ,pero’da circa 2 mesi sento dolori alfianco percorrendo tutto il lato operat fino all scroto dove ho notato proprio alla fine dello stessso una piccola pallina appuntita . penasate che mi debba rioperare o sia altro problema ,visto che mi sono operato anche di varicocele ? grazie per un vs consiglio. a dimenticavo avverto anche dolori alla gambe e specialmente nello stesso lato sopra citato

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Le avrei detto che non problemi comuni e normali a seguito dell’intervento, ma quello che chiama pallina è a mio avviso da far vedere ad un medico.

  3. Anonimo

    sono preoccupato x mio figlio Andrea,a subito un intervento di ernia inguinale sx circa due mesi orsono;e stato curato solo con antidolorifici,ma la ferita non si e ancora chiusa, tra l’altro a un versamento di pus continuo;solo ieri il medico curante gli a detto di recarsi dal chirurgo che lo a operato,x tutto questo sono preoccupatissimo vi prego aiutateci.grazie,

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ indispensabile che contatti al più presto il chirurgo od un medico che possa visitare il paziente e decidere la strategia terapeutica; al momento non è possibile fare altro.

  4. Anonimo

    Salve, scrivo perchè mio padre di 65 anni, ha deciso di operarsi alle 2 ernie inguinali che ormai ha da tantissimi anni. Vorrebbe operarsi con il sistema laparoscopico ma non sappiamo se si possono operare contemporaneamente e inoltre vorrei sapere se ci sono delle cliniche specializzate per questo tipo di operazione. Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Credo non ci siano problemi a farle entrambe contemporaneamente, ma solo il chirurgo a seguito di una valutazione più approfondita della severità delle ernie potrà confermare o meno la fattibilità dell’intervento.

  5. Anonimo

    Mi sono operato il 13/09 quindi 2 giorni fa’ avevo un ernia inguinale sinista e devo di al contrario di quello che mi dicevano ho avuto una brutta esperenza .
    Mi sono operato in una clinica di Roma mi hanno praticato una anestesia locale (vi premetto che questo era il mio 4°intevento chirurgico) e nel mentre del’intervento ho sentito un dolore atroce i miei battiti cardiaci sono arrivati a 40 non mi sentivo piu’ le braccia me ne stavo andando mi hanno messo la masherina dell’ossigeno l’anestesista era fuori al telefono entrando si e’ scusato e non so quello che ha messo nella flebo attimi di panico poi sono riusciti a riprendermi questo deve essere un intervento tranquillo all’anima. adesso mi sento un po’ meglio sono a casa ma i mie movimenti sono molto limitati

  6. Anonimo

    HO AVUTO UN’INTERVENTO DI ERNIA INGUINALE SX PIU’ DI 2 ANNI FA’ ,ESPERIENZA MOLTO NEGATIVA,DURANTE L’INTERVENTO PUR AVENDO AVUTO UNA ENESTESIA SPINALE HO SENTITO UN FORTISSIMO DOLORE NELLA ZONA DELL’INTESTINO,POI IL GIORNO DOPO CHE MI HANNO TOLTO LE CIAPPE SI E’ RIAPERTA LA FERITA IN PARTE.AD OGGI HO ANCORA DOLORE AL TESTICOLO E ALL’INTESTINO.NEGLI ULTIMI TEMPI E’ COMPARSA UNA NUOVA COSA ,HO NOTATO CHE NELL ANDARE IN BAGNO AL PUNTO DELL’INTERVENTO SENTO COME SE FUORIESCE QUALCOSA .A IL GONFIORE NON E’ MAI ANDATO VIA,C’E’ UNA SOLUZIONE A TUTTO QUESTO ,GRAZIE

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Credo sia opportuno che possa valutarla visivamente un medico, il gonfiore sarebbe dovuto sparire.

    2. Anonimo

      IO SONO STATO VISITATO DA DIVERSI CHIRURGHI CHE MIO HANNO DATO + O- LA STESSA RISPOSTA TRA CUI MI PARLAVANO DI UN NERVO INCASTRATO NELLA RETE , HO FATTO ECO DEPLER INSOMMA DI TUTTO MA SO SLTANTO CHE SOFFRO UN BEL PO E IL PROBLEMA NON LO RISOLVO , ADDIRITTURA IL MIO MEDICO CURANTE MI HA CONSIGLIATO UN REINTERVENTO X IL RIPOSIZIONAMENTO DELLA RETINA. COSA NE PENSA SARA LA MIA CURA

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Purtroppo non è il mio campo, quindi rischierei di essere superficiale nelle mie considerazioni; molto in generale consiglierei di valutare un secondo intervento se i sintomi fossero insopportabili o quasi.

  7. Anonimo

    A DIMENTICAVO TUTTI MI HANNO DETTO CHE L’ITERVENTO E’ ANDATO PERFETTAMENTE. IO NON CREDO

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Quantomeno sono insorte complicazioni.

  8. Anonimo

    Salve, martedi’ 14 sono stato operato di ernia inguinale dx diretta.
    L’intervento è stato eseguito in anestesia locale, procedura “ernioplastica con rete di polipropilene sec.Lichtenstein.
    Premetto che prima dell’intervento (circa 2 anni) avevo bruciore/infiammazione all’interno della coscia dx in prossimità del gruppo aduttori. Il chirurgo che mi ha visitato aveva riscontrato una punta d’ernia e pertanto mi ha consigliato l’operazione.
    Ora a distanza di 3/4gg sento di nuovo questo fastidio all’interno coscia dx: è normale??
    Nell’attesa la ringrazio anticipatamente.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ assolutamente troppo presto per fare qualsiasi considerazione di questo tipo, al momento il suo organismo sta lavorando per ricostruire e riparare i tessuti danneggiati/modificati/tagliati.

  9. Anonimo

    Salve sono stato operato di ernia inguinale destra.
    il 17 di ottobre cerco di riposare il piu’ possibile ma spesa cucinare e altro mi tocca.
    ad oggi risento di dolori al testicolo in serata e dolore medi su parte destra inguine appena svegliato molto meno. Quando il recupero? Ringrazio per le risposte

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      In teoria ogni giorno dovrebbe essere migliore del precedente, non è il mio campo ma in genere in 2-3 settimane la situazione diventa decisamente più gestibile.

  10. Anonimo

    salve io soffro di una piccola ernia al testicolo destro,e varicocele al testicolo sinistro ci possono essere delle complicazioni sottoponendomi a un doppio intervento nella stessa seduta?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A mio avviso no, ma chiaramente deve rispondere il chirurgo.