Tutte le domande e le risposte per Ernia inguinale: sintomi, intervento e dolore
  1. Anonimo

    Buonasera dottore, vorrei chiederle cortesemente un parere in merito alle tecniche di operazione di ernia inguinale. Poichè mi è stata diagnosticata dal mio medico una ernia inguinale dx e vorrei operarmi con la massima sicurezza di non avere recidive in futuro, secondo lei le tecniche che impiegano reti di tipo biologico tipo dìla biodesign sono da preferire a quella con rete tradizionale ? E’ vero che le reti biologiche si adattano meglioal corpo ? Quali strutture offrono questi in intervento con questi tipo di rete in italia ? Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi dispiace, ma non occupandomi di questo campo non dispongo purtroppo delle competenze necessarie per entrare così nello specifico.

  2. Anonimo

    buona sera dottore, sono più di 20 giorni che ho una intensa attività sessuale e mi sono comparsi dei brucior i nella parte addominale ,all’altezza dell’ombelico,ho un leggero bruciore nell’inguine sin.; vorrei sapere se per caso devo preoccuparmi e fare subito una visita dal dottore.Faccio notare che mi palpo nell’inguine sia dx che sx e non vedo nessun cordone.gradirei avere una risposta grazie mi date una risposta sulla mia mail?grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente nulla di preoccupante, ma le raccomando qualche giorno di riposo.

    2. Anonimo

      salve dottore mi hanno diagnosticato un ernia inquinale sx mi hanno detto che si fa in anestesia locale poi ho sentito un altro chirurgo che mi ha detto che essendi io sovrappeso ci vuole l’ anestesia totale altrimenti se mi fanno la parziale sentirei tutto il dolore dei tagli e di tutto il resto durante l’intervento e davvero cosi ho e’ un esagerazione

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non mi occupo di questo campo, ma se un chirurgo le ha proposto la locale sicuramente non ci sono problemi anche nel suo caso.

  3. Anonimo

    buona sera dottore.
    ho un gonfiore piccolo nella parte destra dell’inguine.non mi fa male però noto che c’è qualcosa raro che nella parte sinistra non noto.il gonfiore rientra con una leggera pressione o quando sono sdraiato.per me è un ernia inguinale nella fase iniziale e vorrei sapere come la devo trattare senza dover passar il bisturi.dieta ed esercizi? riposo? grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Può provare ad indossare slip contenitivi ed evitare sforzi, ma consiglio comunque un parere del suo medico.

  4. Anonimo

    egr.dottore da qu alche giorno avverto un dolore nella zona inguinale dx.il medico curante mi ha diagnosticato un’ernia consigliando mi l’uso di mutande elastiche . Sono preoccupato per possibili aggravamenti.E’ il caso che mi rivolga ad un
    chirurgo e programmare un’itervento.Grazie per la cortese attenzione.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sono dell’idea che finchè non rappresenta una limitazione insostenibile per lei (per esempio nel praticare attività sportiva) oppure un pericolo per la salute, ad operare c’è sempre tempo.

  5. Anonimo

    grazie dottore,miatterrò ai suoi consigli, nel frattempo ,abitando io in campagna ,posso continuare a svolgere la mia attività
    contadina , e quale dieta è preferibile attuare? grazie ancora

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      La dieta non influisce, mentre per quanto riguarda l’attività lavorativa sarebbe consigliabile, per quanto possibile, porre qualche attenzione in più rispetto al passato per quanto riguarda sforzi e sollevamento di carichi pesanti.
      Tenga comunque conto che non solo non ho potuto valutare visivamente la gravità del problema, ma non mi occupo di questo campo, quindi prenda le mie parole come opinioni e non come diagnosi.

  6. Anonimo

    Buon giorno Dottore, giovedì 03 marzo, sono stato operato di ernia inguinale dx. L’intervento sembra essere andato bene, ma com’è possibile che a tutt’oggi non riesca ancora a stare in piedi per più di cinque minuti? Posso stare solo in piedi o seduto sul letto con le gambe a terra. Il medico che mi ha operato e che mi vedrà domani mi ha consigliato di prendere degli antidolorifici quali, Voltaren o Aulin. Purtroppo soffro di gastrite cronica. Lei cosa mi consiglia?
    Nel ringraziarla, porgo cordiali saluti
    P.S. ho 57 anni e peso 62 kg

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Mi sembra strano che faccia ancora così male, mi faccia sapere domani cosa ne pensa il chirurgo.

  7. Anonimo

    Per fortuna da mercoledì mi è passato il dolore. Alla visita di controllo mi hanno detto che molto probabilmente si è trattato di un’aderenza interna post-operatoria. Comunque mi hanno consigliato di continuare a prendere dell’Aulin. Come gastro-protettivo utilizzo un metodo naturale antico, ovvero: in una tazza d’acqua faccio bollire per dieci minuti un cucchiaio di semi di lino (io ci aggiungo anche un cucchiaio di zucchero), trascorsi i quali lascio riposare per un minuto in modo da lasciare depositare i semi sul fondo e quindi colo il liquido nella tazza e bevo intanto che è ancora caldo. Si consiglia di fare ciò la sera prima di coricarsi e per cinque giorni consecutivi. L’efficacia è garantita e per tre mesi non si avvertiranno più dolori addominali.

  8. Anonimo

    Salve, circa due anni fa sono stato operato per un’ernia inguinale con inserimento di rete (tecnicamente non so come si chiama). Già da qualche mese avverto un dolore continuativo (in verità al mattino quando mi sveglio più attenuato) pulsante più o meno nella zona dove sono stato operato, gli eventi possono essere collegati? Ho sentito il mio medico e quello che mi ha operato che, controllando l’ernia con una ecografia, mi ha assicurato che è tutto a posto adducendo la colpa a nervi che dalla schiena arrivano fino all’addome (e il mio medico di famiglia ha avvalorato la tesi), lei condivide? Fatto sta che io continuo ad avere questo dolore tutta la giornata e sono anche un pò preoccupato perché potrebbe anche essere qualcosa di più grave, lei cosa ne pensa? Che tipo di visita specialistica dovrei richiedere per accertare questa patologia? La ringrazio in anticipo per la sua risposta.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      E’ un fastidio/dolore che diverse persone operate d’ernia avvertono più o meno spesso e più o meno intesamente; in genere non è preoccupante e non crea problemi particolari, salvo ovviamente il fastidio in sè.

    2. Anonimo

      Salve ho lo stesso genere di disturbo. Sono stato operato di ernia inguinale dx 10 anni fa e da 3 anni soffro di dolori interni nella parte alta della ferita. 1 anno fa, dopo un esame manuale con un dito posto nella parte inferiore dello scroto e una ecografia che sancivano la recidiva dell’ernia mi sono sottoposto nuovamente all’intervento chirurgico. Durante l’operazione, dopo un esame diretto della parte interna interessata, il chirurgo diagnosticava nessuna fessurazione; quindi dopo aver revisionato la protesi da un lieve distacco nella parte superiore, distaccava il nervo ileo inguinale dalla protesi e dalla cicatrizzazione precedente adducendo a questo le cause dei dolori.
      Ora dopo un anno di alti e bassi da una settimana i sintomi si sono aggravati con dolori sempre nella parte alta, sensazione di pressione nella parte bassa e dolore alla schiena nella parte bassa a dx della colonna vertebrale; il chirurgo dopo un’ulteriore visita mi effettua una infiltrazione di cortisone e analgesico consigliando di non operare adducendo il dolore al nervo iliaco e mi consiglia di affidarmi alla clinica del dolore. Faccio presente che facendo pressione nella parte bassa della fossa iliaca sento come un reflusso di liquidi.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Vorrei poterla aiutare, ma non occupandomi di questo campo è francamente al di là delle mie conoscenze.

  9. Anonimo

    Salve Dottore, venerdì 18 alle ore 8,00 sono stato operato di ernia inguinale dx. Durante l’operazione ho sentito dolore e mi è stata somministrata ulteriore anestesia, devo aver perso conoscenza perché non ho ricordo di alcune parti dell’intervento. Oggi, domenica 20, ho molto dolore, dormo malissimo, non riesco a camminare e ho la parte inguinale testicolo dx compreso gonfi. Il chirurgo mi ha detto che è tutto ok e di prendere del paracetamolo 500 al massimo se ho dolore. Ora non so se tutto ciò è veramente normale, da quel che leggo non dovrei avere tutti questi disagi, Lei cosa ne pensa? Grazie.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sono passati solo 2 giorni, quindi non mi preoccuperei troppo; naturalmente se invece di vederlo migliorare peggiorasse contatti nuovamente il chirurgo.

    2. Anonimo

      Salve Dottore, La ringrazio per la Sua risposta. L’intervento si può dire superato e, palestra a parte, sono ritornato alla mia vita di sempre. A livello estetico la ferita si presenta con un rigonfiamento ed un inspessimento sottocutaneo molto pronunciato, un setto molto duro al tatto. Esistono dei trattamenti da effettuare per ridurre qst inestetismo o è destinato a riassorbirsi da se con il tempo? Ho visto la cicatrice del taglio cesareo di mia moglie che, in effetti, è ancora molto pronunciata anche dopo tre anni. Grazie, cordiali saluti.

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Potrebbe provare ad applicare per qualche settimana Rilastil Intensive Elasticizzante o prodotti simili; non ci si deve comunque aspettare miracoli.

    4. Anonimo

      Grazie mille, seguirò il Suo suggerimento.

  10. Anonimo

    buona sera dottore è qualche giorno che ho una pallina di 2 cm nello scroto…. non è attaccata ai testicoli…. mi è comparsa all’improvviso…. questa pallina quando la tocco mi fa male… e ho un leggiero fastidio che mi resta sempre…questa palla si trova più o meno alla stessa altezza del pena ma alla sua destra… cosa mi consiglia di fare?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Consiglio senza alcun dubbio una visita medica appena possibile.

    2. Anonimo

      ho scoperto che se mi sdraio e ci faccio una leggera pressione sparisce ma se mi muovo dopo un po torna… ma mi fa meno male oggi….

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se è un’ernia inguinale (non ho compreso perfettamente dalle sue parole la posizione) è normale che con la pressione rientri.