Tricorene, integratore contro la caduta dei capelli per donne

Tricorene è un integratore formulato in maniera specifica per l’organismo femminile, con l’obiettivo di ridurre la caduta dei capelli e stimolarne la crescita, rendendoli al contempo più lucenti e resistenti: funziona? Proviamo a dare una risposta.

PUBBLICITA'

Tricorene è formulato e commercializzato dalla italianissima Marco Antonetto Farmaceutici valutando le mutate esigenze nutrizionali di una donna in momenti di

che possono negativamente riflettersi sulla salute e la bellezza del capello.

L’integratore viene venduto in confezioni da 30 compresse ad un prezzo consigliato di € 19.90, quindi con un costo giornaliero di circa € 0.66, anche se in rete non è difficile trovare sconti e offerte.

Viene consigliata l’assunzione di 1 compressa al giorno, con un sorso d’acqua, al mattino o durante un pasto: l’azienda consiglia cicli di terapia di almeno 2-3 mesi per beneficiare degli effetti dell’integratore; da sottolineare la dichiarata assenza di zucchero, glutine, soia, lattosio e derivati del latte per consentire al pubblico più ampio possibile di poter assumere le compresse.

Vediamo ora la composizione:

Per capire come agiscono parte delle sostanze contenute è necessario fare un passo indietro per conoscere almeno a grandi linee la struttura di un capello.

Capello umano al microscopio (https://it.wikipedia.org/wiki/File:Human_Hair_10x.JPG)

Il principale costituente dei capelli nell’uomo è la cheratina, una proteina filamentosa ricca di zolfo contenuto nei residui amminoacidici di cisteina: ecco spiegata la presenza dell’aminoacido cisteina in Tricorene, mentre la metionina viene facilmente convertita in cisteina in presenza di vitamina B12 od acido folico, entrambi presenti non a caso nella formulazione scelta.

Il terzo aminoacido presente, la stessa taurina che troviamo anche in alcune famose bibite energetiche, sembrerebbe in grado di controllare la sintesi di collagene nel bulbo pilifero, evitando così la iperproliferazione dei fibroblasti che, a causa di stress ossidativi, danneggerebbe il cuoio capelluto. Sembra inoltre stimolare la proliferazione cellulare.

Il saccharomyces cerevisiae è il lievito più importante nell’alimentazione umana, usato da secoli per la produzione di pane, birra e vino. Il beneficio sulla salute del capello deriva probabilmente dall’azione di stimolazione del sistema immunitario a livello intestinale in grado di ridurre la produzione e quindi la quantità di tossine microbiche circolanti. Si ipotizza inoltre un’azione diretta sulla produzione di cheratina.

L’estratto secco di vitis vinifera è utilizzato per la sua molteplice azione: innanzi tutto possiede attività antiossidante, poi è storicamente conosciuta per la sua azione protettiva sul microcircolo venoso e contrasta infine l’effetto del diidrotestosterone (DHT) che inibisce il ciclo di crescita del capello a livello del follicolo.

L’estratto secco di tè verde vanta innumerevoli proprietà, nel caso del problema calvizia sembra importante per la sua azione regolatrice sulla produzione ormonale, causa accertata di calvizia. I principi attivi più importanti contenuti per contrastare la caduta dei capelli sono i polifenoli, caffeina e teina.

Gli isoflavoni di soia meritano un discorso a parte e rendono conto della specificità della formulazione per il sesso femminile: sono sostanze estratte dalla soia ed in grado di mimare l’azione fisiologica degli ormoni femminili estrogeni. Molto conosciuti ed utilizzati per la cura degli effetti della menopausa, sono qui introdotti per modulare gli eventuali squilibri ormonali causa di assottigliamento e diradamento dei capelli.

Completano la formulazione di Tricorene diverse altre sostanze:

Quindi Tricorene funziona?

Tricorene non è sicuramente formulato per curare gravi problemi di calvizia, come d’altra parte confermato dalle indicazioni riportate sulla scatola. Può quindi avere senso provarlo soprattutto nei cambi di stagione, in periodi di stress o per chi abita e vive nelle grandi città dove purtroppo l’inquinamento ha effetti drastici anche sulla salute del capello; in tutti questi casi ricorrere all’utilizzo di farmaci non avrebbe senso, perchè il problema non è tanto dell’organismo quanto esterno, ed un’aumentata protezione e stimolazione si rivelano sufficienti a risolvere il problema magari in abbinamento ad un shampoo ultradelicato.

Mi preme comunque sottolineare che nessun integratore può sostituire una dieta sana, completa e varia, nonché la scelta di prodotti di qualità e non aggressivi per la cura del capello.

Per valutare l’efficacia di Tricorene non c’è altra strada se non quella di provare, invito quindi chiunque abbia esperienza in merito a dirci come si è trovato nei commenti. Grazie!

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.