Influenza 2017-2018: sintomi, pericoli e cura

Ultimo Aggiornamento: 120 giorni

Introduzione

L’ è una malattia respiratoria contagiosa, causata dai virus influenzali.

In italia la malattia si presenta con epidemie annuali che in genere si manifestano in inverno, ma sono possibili episodi occasionali anche al di fuori dei mesi più freddi.

Può causare disturbi da lievi a molto severi, tra le complicazioni più gravi ricordiamo il ricovero in ospedale o addirittura il decesso.Alcuni soggetti, tra cui gli anziani, i bambini piccoli e le persone affette da determinati problemi di salute, sono ad alto rischio di complicazioni gravi dell’influenza.

Il modo migliore per prevenire l’infezione è il vaccino antinfluenzale.

Cause

L’influenza è causata da virus ed in particolare nella stagione 2017-2018 l’ (e confermata ovviamente dall’) si aspetta nuovamente i virus che hanno caratterizzato la stagione passata

  • A/Hong Kong/4801/2014 (H3N2),
  • B/Brisbane/60/2008 (lineaggio B/Victoria)

in aggiunta alla nuova variante

  • A/Michigan/45/2015 (H1N1).

Ricordiamo infine il quarto ceppo, utile alla composizione dei vaccini quadrivalenti:

  • B/Phuket/3073/2013-like (lineaggio B/Yamagata).

Trasmissione ed incubazione

La maggior parte degli adulti sani è in grado di contagiare le altre persone a partire dal giorno precedente alla comparsa dei sintomi e fino a 5-7 giorni dopo la manifestazione della malattia (i bambini rimangono contagiosi per più di 7 giorni).I sintomi iniziano da uno a quattro giorni dopo che il virus entra nell’organismo.

Questo significa che si può contagiare ancor prima di capire di essere malati, oltre che quando si manifestano effettivamente i sintomi. Alcune persone contagiate possono rimanere asintomatiche e comunque diffondere il virus.

Chi ha l’influenza può contagiare chi si trova nel raggio di circa 2 metri. La maggior parte degli esperti ritiene che i virus influenzali si diffondano perlopiù tramite goccioline diffuse tramite la tosse, gli starnuti o la saliva quando si parla. Le goccioline atterrano nella bocca o nel naso delle persone vicine al malato e possono essere inalate nei polmoni.

Con minore frequenza, si può essere contagiati toccando una superficie o un oggetto con sopra il virus e poi toccandosi la bocca o il naso.

Per evitare il contagio è sufficiente stare lontani dai malati (e per proteggere gli altri è quindi consigliabile rimanere in casa quando si è contagiati a propria volta). È anche importante lavarsi spesso le mani con acqua e sapone. Se l’acqua e il sapone non sono disponibili, si può usare un gel a base d’alcol. La biancheria, le posate e i piatti usati dai malati non dovrebbero essere condivisi se non sono ben lavati. Le posate e i piatti possono essere lavate in lavastoviglie oppure con acqua e detersivo e non è necessario che vengano lavati a parte.

Sintomi

Il periodo che va da quando si è esposti al virus a quando iniziano i sintomi (incubazione) dura da 1 a 4 giorni, in media 2 giorni.

La  durata è al massimo di 7 giorni per gli adulti e fino a 10 per i bambini.

Chi ha l’influenza spesso manifesta alcuni o tutti dei sintomi qui elencati e l’esordio è brusco ed improvviso:

  • Febbre (è importante notare che non tutti i soggetti colpiti la manifestano),
  • brividi,
  • tosse,
  • mal di gola,
  • naso che cola o naso chiuso,
  • dolori muscolari,
  • mal di testa,
  • riduzione dell’appetito.
  • estrema stanchezza (contrariamente alla febbre, può durare fino a 2-3 settimane).

Alcune persone possono avere vomito e diarrea, che però sono più diffusi tra i bambini che tra gli adulti.

Per sapere se sei malato, puoi provare a fare il nostro test, ma tieni presente che rappresenta solo un’indicazione di massima e che la diagnosi è possibile solo al medico:

Quando chiamare il medico

Andate immediatamente al pronto soccorso o dal medico se manifestate uno di questi sintomi:

  • Difficoltà a respirare o fiato corto,
  • Labbra rosse o bluastre,
  • Dolore o sensazione di pressione a livello del torace o dell’addome,
  • Capogiro improvviso,
  • Stato confusionale,
  • Vomito forte o continuo,
  • Convulsioni,
  • Sintomi parainfluenzali che sembrano guarire, ma poi ritornano, accompagnati dalla febbre e dal peggioramento della tosse.

Pericoli

L’influenza è imprevedibile e la sua gravità può variare, anche di molto, da una stagione all’altra, a seconda di diversi fattori, tra cui ricordiamo:

  • tipo di virus,
  • disponibilità del vaccino,
  • momento in cui il vaccino è disponibile,
  • numero di persone vaccinate,
  • capacità del vaccino anti-influenzale di combattere esattamente i virus che causano la malattia.

Alcune persone corrono un rischio maggiore di soffrire di complicazioni gravi se si ammalano, tra di esse ricordiamo:

  • gli anziani,
  • i bambini piccoli,
  • le donne incinte e chi è affetto da determinate malattie (come l’asma, il diabete o le malattie cardiache).

La maggior parte delle persone che si ammalano presentano sintomi lievi e non devono ricorrere né ad assistenza medica né a farmaci antivirali e guariscono in meno di due settimane. Altri soggetti, tuttavia, corrono un rischio maggiore di soffrire di complicazioni che comportano il ricovero in ospedale e in alcuni casi anche il decesso.

Polmonite, bronchite, sinusite ed infezioni dell’orecchio sono tutti esempi di complicazioni frequenti della malattia, che può inoltre far peggiorare i problemi di salute cronici. Ad esempio chi soffre d’asma può avere degli attacchi più frequenti e severi e chi soffre di insufficienza cardiaca congestizia cronica può presentare un peggioramento. L’elenco seguente comprende i gruppi di persone che hanno un rischio maggiore di sviluppare complicazioni quando si ammalano:

  • Bambini sotto i 5 anni, e in particolare sotto i 2 anni,
  • Adulti di età superiore ai 65 anni,
  • Donne incinte (fino a due settimane dopo il parto),
  • Residenti nelle case di cura e in altre strutture di lunga degenza,
  • Persone che soffrono di malattie come:
    • Asma,
    • Disturbi neurologici e dello sviluppo neurologico (a carico del cervello, del midollo spinale, dei nervi periferici e dei muscoli, come la paralisi cerebrale, l’epilessia, l’ictus, la disabilità intellettiva (ritardo mentale), il ritardo dello sviluppo da lieve a grave, la distrofia muscolare o le lesioni del midollo spinale),
    • Malattie polmonari croniche (come la broncopneumopatia cronica ostruttiva e la fibrosi cistica),
    • Malattie cardiache (come le cardiopatie congenite, l’insufficienza cardiaca congestizia e le coronaropatie),
    • Malattie del sangue (come l’anemia falciforme),
    • Disturbi endocrini (come il diabete mellito),
    • Disturbi renali,
    • Disturbi epatici,
    • Disturbi metabolici (come i disturbi metabolici ereditari e i disturbi mitocondriali),
    • Sistema immunitario indebolito a causa di malattie o farmaci (ad esempio chi soffre di HIV o AIDS, tumori, o chi è in terapia cronica con steroidi),
  • Persone di età inferiore ai 19 anni in terapia di lungo periodo con aspirina,
  • Persone obese (con IMC superiore a 40).

Gravidanza

Nelle gestanti l’influenza può essere più grave e causare complicazioni più severe. I cambiamenti del sistema immunitario, del cuore e dei polmoni durante la gravidanza rendono le donne incinte più soggette alla malattia ed alle sue complicazioni, tra cui il parto pretermine.

Il vaccino proteggerà la mamma e il bimbo, quest’ultimo anche dopo la nascita, ed è la protezione migliore che si possa consigliare.

Se avvertite i sintomi dell’infezione chiamate il medico, mentre se manifestate uno qualsiasi dei sintomi seguenti, fatevi accompagnare immediatamente al pronto soccorso:

  • Difficoltà a respirare o fiato corto,
  • Dolore o senso di costrizione a livello del torace o dell’addome,
  • Vertigini improvvise,
  • Stato confusionale,
  • Vomito prolungato o abbondante,
  • Febbre alta che non scende nemmeno assumendo il paracetamolo (Tachipirina® o equivalenti),
  • Sentite che il bambino si muove meno del solito o non si muove.

Diagnosi

Oltre ai virus influenzali durante la stagione invernale possono anche circolare diversi altri virus respiratori, in grado di causare sintomi e disturbi simili. Tra i virus non influenzali ci sono i rinovirus (che causano il raffreddore) e il virus respiratorio sinciziale (RSV), la causa più frequente delle malattie respiratorie gravi nei bambini e una delle principali cause delle malattie respiratori negli anziani di età superiore ai 65 anni.

Che differenza c’è tra il raffreddore e l’influenza?

L’influenza e il comune raffreddore sono entrambi malattie respiratorie, causate però da virus diversi. Queste due malattie presentano sintomi simili, quindi può essere difficile capire la differenza basandosi solo su questi; in generale l’influenza è più grave e i sintomi come la febbre, i dolori muscolari, la stanchezza e la tosse secca, si manifestano con maggior frequenza e sono più intensi.

Chi ha il raffreddore, di solito, ha il naso che cola o il naso chiuso; di norma non provoca problemi di salute gravi, come la polmonite o le infezioni batteriche, e non richiede il ricovero in ospedale.

Le due infezioni hanno quindi in comune parte della sintomatologia e può essere perciò difficile, se non addirittura impossibile, differenziarli basandosi solo su questi.

Cura e terapia

La maggior parte delle persone colpite presenta sintomi lievi e non deve ricorrere né al medico né ai farmaci antivirali. Se si manifestano i sintomi della malattia nella maggior parte dei casi si deve stare in casa, evitando il contatto con le altre persone.

Se, tuttavia, avete i sintomi dell’infezione e fate parte di un gruppo ad alto rischio, siete molto malati o preoccupati, potete e dovete contattare il vostro medico di famiglia, possibilmente prima per telefono.

Alcune persone sono più a rischio di sviluppare complicazioni gravi dell’influenza. Tra di essi ricordiamo:

  • i bambini piccoli,
  • gli anziani di età superiore ai 65 anni,
  • le donne incinte,
  • chi soffre di malattie croniche.

Il medico curante deciderà se e quali esami effettuare e quali terapie siano necessarie.

Devo andare al pronto soccorso se i miei sintomi sono lievi?

No.

Il pronto soccorso dovrebbe essere usato solo in caso di malattie e sintomi molto gravi. Se siete solo lievemente malati, non è il caso di andare al pronto soccorso.

Se soffrite dei sintomi dell’influenza, non è indispensabile andare al pronto soccorso. Se siete a rischio di complicazioni o preoccupati per i sintomi, chiedete prima consiglio al vostro medico. Se andate al pronto soccorso e in realtà non avete l’infezione, potreste anche contagiati da chi invece è realmente malato.

Quali sono i sintomi dell’influenza che devono destare preoccupazione?

Nei bambini:

  • respiro accelerato o difficoltà a respirare,
  • colorito bluastro della pelle,
  • insufficiente assunzione di liquidi,
  • sonnolenza o assenza di interazione con gli altri,
  • irritazione tale che il bambino non si fa tenere in braccio,
  • i sintomi influenzali sembrano guariti ma poi ricompaiono, accompagnati dalla febbre e dal peggioramento della tosse,
  • febbre con eruzione cutanea.

Oltre ai sintomi precedenti, andate immediatamente al pronto soccorso se il neonato presenta uno qualsiasi di questi sintomi:

  • non è in grado di alimentarsi,
  • ha difficoltà a respirare,
  • non ha le lacrime quando piange,
  • sporca molti meno pannolini del normale.

Situazioni che richiedono il pronto soccorso negli adulti:

  • difficoltà a respirare o fiato corto,
  • dolore o pressione sul petto o sull’addome,
  • vertigini improvvise,
  • stato confusionale,
  • vomito grave o continuo,
  • sintomi influenzali che sembrano guariti, ma poi si ripresentano insieme alla febbre e al peggioramento della tosse.

Per quanto devo rimanere a casa se sono stato contagiato?

Il CDC americano consiglia di rimanere a casa per almeno 24 ore dopo la scomparsa della febbre e durante la malattia di uscire solo per andare dal medico o in caso di stretta necessità. La febbre deve essere scomparsa da sola, senza l’uso di farmaci antipiretici come Tachipirina. Bisogna rimanere in casa e non andare al lavoro né a scuola, non viaggiare, non fare la spesa, non partecipare a ritrovi né manifestazioni.

Che cosa fare quando si ha l’influenza?

Quando si ha l’influenza bisogna rimanere lontani dagli altri il più possibile, per evitare di infettarli. Se dovete uscire di casa, ad esempio per andare dal medico, indossate una mascherina, oppure copritevi la bocca con un fazzoletto quando tossite o starnutite. Lavatevi spesso le mani per evitare di contagiare gli altri.

Farmaci

I sintomi influenzali possono essere curati con o senza farmaci.

I medicinali da banco possono alleviare alcuni sintomi della malattia, ma non rendono il paziente meno contagioso.

Il medico può prescrivere gli antivirali per alleviare i sintomi e prevenire le complicazioni gravi; possono inoltre essere prescritti gli antibiotici, se la patologia progredisce e si trasforma in infezione batterica.

È possibile curare l’infezione o i sintomi senza farmaci?

Si possono curare i sintomi senza farmaci seguendo questi semplici consigli:

  • riposatevi molto,
  • assumete liquidi in quantità per prevenire la disidratazione. Vanno bene l’acqua, il brodo, le bevande con integratori salini,
  • mettete una asciugamano freddo e umido sulla fronte, le braccia e le gambe, per prevenire il malessere connesso alla febbre,
  • mettete un umidificatore nella vostra camera per respirare meglio,
  • fate i gargarismi con acqua salata (una parte di acqua tiepida e una di sale) per alleviare il mal di gola,
  • copritevi con una coperta calda per calmare i brividi.

È sicuro assumere contemporaneamente i farmaci per l’influenza e altri farmaci?

Molti farmaci da banco contengono gli stessi principi attivi. Se assumete diversi farmaci con lo stesso principio attivo, c’è il rischio di sovradosaggio, che potenzialmente può causare problemi anche gravi. Leggete sempre con attenzione i bugiardini e le indicazioni sulla confezione.
Se siete in terapia con altri farmaci, anche da banco, chiedete consiglio al medico o al farmacista su quali medicinali siano sicuri nel vostro caso.

Che cosa sono gli antivirali e a che cosa servono?

Gli antivirali sono compresse, sciroppi o inalatori usati per prevenire o curare i virus influenzali. Sono approvati per l’uso negli adulti e nei bambini di età superiore all’anno. In Italia i farmaci antivirali approvati per la cura dell’influenza sono quattro: l’oseltamivir (Tamiflu®), lo zanamavir (Relenza®), l’amantadina e la rimantidina.

Se siete esposti al virus gli antivirali prevengono la malattia. Chiedete consiglio al medico se pensate di esporvi o siete stati esposti a una persona malata, possibile fonte di contagio.

Devo prendere gli antibiotici?

Gli antibiotici sono farmaci usati per curare le infezioni batteriche. Non servono a nulla contro le infezioni virali come l’influenza, tuttavia alcune persone possono avere infezioni batteriche per cui vengono prescritti antibiotici.

Un segno di infezione batterica possono essere i sintomi gravi o prolungati, o sintomi che prima sembrano guarire ma poi ricompaiono più forti. Se pensate di aver bisogno degli antibiotici, contattate il vostro medico e non assumeteli mai per vostra decisione.

Prevenzione

Il modo migliore per prevenire l’influenza stagionale è farsi vaccinare ogni anno, ma le semplici regole d’igiene, come coprirsi la bocca quando si tossisce e lavarsi spesso le mani, possono impedire la diffusione dei germi e prevenire i disturbi respiratori virali in genere.

  1. Evitate il contatto ravvicinato con i malati. Se siete malati, tenetevi lontani dagli altri per cercare di non contagiarli.
  2. Se possibile, non andate a scuola, al lavoro o a fare le commissioni quando siete malati. In questo modo eviterete di contagiare gli altri.
  3. Quando tossite o starnutite, copritevi il naso e la bocca, così eviterete di contagiare le persone intorno a voi.
  4. Lavarsi spesso le mani vi aiuta a proteggervi dai germi. Se non avete a disposizione acqua e sapone, usate un gel a base alcolica.
  5. I germi in molti casi si diffondo perché si tocca qualcosa di contaminato e subito dopo gli occhi, il naso o la bocca.
  6. Pulite e disinfettate le superfici con cui entrate spesso in contatto in casa, sul posto di lavoro e a scuola, in particolare se c’è qualcuno malato.

Infine, per favorire il corretto funzionamento del sistema immunitario:

  1. Dormite il giusto numero di ore,
  2. fate attività fisica,
  3. tenete sotto controllo lo stress,
  4. bevete molta acqua,
  5. seguite un’alimentazione sana ricca di frutta e verdura.

Fonti Principali:

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Buongiorno Dottore, da circa tre giorni ho una tosse secca, male alle ossa e la sera ho la febbre non superiore ai 37 (tranne 1 sera è arrivata a 38), ho raffreddore, inappetenza e malessere generale.
    E’ un’influenza ? Ho 67 anni, non ho contattato il mio medico , devo farlo considerando la mia età? Ho preso le prime due sere la Vivin C.
    Grazie in anticipo per la risposta.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, è possibile che sia una leggera sindrome parainfluenzale (come un’influenza, ma più leggera); dia comunque un colpo di telefono al suo medico di base per fare il punto della situazione.

  2. Anonimo

    Buongiorno! Io due settimane fa ebbi febbre a 38, in tre giorni guarii senza problemi (feci 5 gg di antibiotico Amoxicillina). La diagnosi fu tracheite. Poi sono tornata al lavoro ma lavorando in un call center non riuscivo a parlare bene, così ristetti in malattia giovedì e venerdì. Sabato uscii per una manifestazione pubblica (non mi sentivo male) ma presi freddo e il giorno dopo avebo di nuovo febbre a 38. Dovetti stare per forza ai seggi elettorali tutto il giorno, presi una tachipirina 1000. Lunedì e martedì tornai in malattia ma niente febbre. La avviso che ho vissuto un periodo estremamente stressante e mi è anche tornato il ciclo dopo una sola settimana (soffro da sempre di irregolarità mestruali). Ah, lunedì mi sono accorta che i miei escrementi erano giallastri, ma.anche quelli di mia madre, anche se avevamo mangiato cose.diverse. Hanno preso la febbre anche i miei, loro anche con bronchite. Ieri, mercoledì, anche se la tracheite sta guarendo e la voce sta tornando (però lunedì mattina svegliandomi avevo attacco di asma e narice sinistra che gocciolava, un pochino anche ora), di sera mi è venuta febbre di nuovo a 38. Ho preso tachipirina 500. Stamani ho 37.1 e la voce è tornata, ho preso altra tachipirina 500, sono già andata in bagno con diarrea 4 volte. Anche mamma ha di nuovo qualche linea di febbre. Non ho alcuna difficoltà respiratoria né mal di gola e il raffreddore è quasi svanito. Secondo lei perché sto facendo fatica a guarire? Sono un pochino preoccupata e.vorrei rassicurazioni. Grazie.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      La mia sensazione è che ci sia stato poco riguardo nella fase di convalescenza (non gliene sto facendo una colpa, so che talvolta gli impegni sono inderogabili) e forse un approccio terapeutico poco ordinato.

    2. Anonimo

      Credo anch’io! Purtroppo anche questo weekend avrò impegni inderogabili come presidente di seggio. Ora come ora però non so come fare, anche adesso ho 37.4 nonostante la tachipirina di stamattina (ora devo riprenderla perché sono passate 5 ore). Secondo lei devo preoccuparmi per questa febbre? Avevo anche fatto le analisi complete un paio di mesi fa che erano risultate perfette… ves compresa.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Non è preoccupante nel senso che sembra un malessere parainfluenzale, ma a questo punto una telefonata al medico la farei (per impostare una terapia più ragionata).

  3. Anonimo

    Buona sera caro dottore, è una settimana che ho il naso chiuso specialmente la sera. Durante il giorno mai. Ma di sera si… ho questo piccolo disturbo, il raffreddore. Come si spiega tutto cio’ ? Spero di non averLa infastidita, grazie dott

  4. Anonimo

    Buonasera dottore, ma c’è nasora influenza? Il io compagno stamattina ha cOminciato con tosse e poi naso chiuso e alla fine febbre superior ai 38,5 ,possibile sia influenza? Oppure è bronchite?
    Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      L’influenza è quasi sparita, ma ci sono comunque altre forme virali che girano.

    2. Anonimo

      Grazie dottore,il medico della guardia medica dice che si tratta di bronchite. Mi ha dato antibiotico e cortisone da far prendere al mio compagno,ma è infettiva? Anche oggi ha febbre a 39.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Tecnicamente sì, è infettiva, ma non è così frequente che succeda.

  5. Anonimo

    Buon giorno ….ho avuto la febbre alta 39/39.8 x 5 giorni e 5 notti…poigiovedi ì mi è andata a 38e venerdi nn l’ho mai avuta…venerdi pom pero’mentre facevo una passeggiara nel mio giardino ho sentito un forte dolore al petto e nn riuscivo a respirare…ho cominciato a sudare molto e vedevo tt strano…ce l’ho fatta a ad arrivare a casa e sn andata a letto…poi piano piano mi sn ripresa…ma adesso sn debolissima e qualsiasi cs che faccio sudo…Cosa pensa che sia successo?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Età?
      Soffre di ansia?
      Di stomaco?
      Ha segnalato l’episodio al medico?

    2. Anonimo

      Dottore da ieri sera mia madre ha iniziato ad avere un accenno di raffreddore e mal di gola,secondo lei per colpa di un bocchettone d’aria a lavoro.
      Stanotte ha avuto febbre a 38 e ora è a letto con febbre mal di gola e raffreddore.
      Il mio collega a lavoro è invece tornato a casa ieri pomeriggio anche lui con la febbre ma diceva di averla presa domenica dalla sua ragazza che era malata.
      Io ho avuto qualche contatto con entrambi ma non troppo stretti perché sono a casa con mia madre solo la sera e la notte,mentre ho toccato vari oggetti da lavoro che ha avuto nelle mani anche il mio collega.
      È probabile che mi ammali anche io? o le influenze in questile periodi non attaccano e sono dovute ad altro? grazie

  6. Anonimo

    Buongiorno dottore. É da 2 giorni piú o meno che sento una forma strana di raffreddore (non so in realtá se sia raffreddore). Avantieri mi sentivo bene ma verso le 20:00 ho iniziato ad avvertire capogiri, gola secca, naso tappato e ho avuto anche un attacco d’ansia, mi sentivo quasi svenire. Verso le 22 ho cominciato a sentirmi meglio e soni riuscito a dormire tranquillamente. Ieri anche niente di particolare, sempre gola secca e un po’ fastidiosa e muco piuttosto denso. Stamattina mi sono alzato col naso completamente tappato, muco densissimo ed espellendolo era di colore giallo e quasi non riuscivo a respirare. Per questo sono andato nel panico e ho avuto un altro attacco d’ansia, ma tutto si é risolto nel giro di mezz’ora e ora mi sento meglio. Soffiandomi ora noto che il muco é sempre denso ma non piú giallo ed avverto stanchezza in pratica da quando ho questi sintomi e sono sempre stanco, soprattutto ora. Sono anche un soggetto allergico. Saprebbe dirmi di cosa si tratta? Allergia, influenza, ansia o patologie piú gravi? Purtroppo devo attendere domani per passare dal medico e sono preoccupato perché penso sia qualcosa di grave…

    1. Anonimo

      Inoltre il naso non mi cola (che é tipico di un raffreddore), mi soffio soltanto per liberarlo quando mi si tappa. E non ho febbre

    2. Anonimo

      Inoltre il naso é piuttosto secco e mi soffio raramente, solo er liberarlo quando si blocca e non ho febbre… Non so proprio cosa sia, sto pensando di tutto.

  7. Anonimo

    Buongiorno dottore. Mio marito sta male da sei giorni, ha avuto febbre sui 38º, ma oggi (6º giorno) la febbre é salita fino a 39º. Oltre la febbre, ha malditesta e dolori muscolari. Sta prendendo soltanto paracetamolo. Pensa possa essere influenza (a giugno)? Pensa possa essere virale o batterica? Per favore, mi dia un parere. Sono preoccupata perché io sono fuori per lavoro e lui é solo…

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      È decisamente ora che si faccia visitare, proprio per capire la natura del malessere e decidere se sia necessario iniziare una terapia diversa.

    2. Anonimo

      La ringrazio per la risposta. Lui ha giá prenotato una visita, ma non possono vederlo prima di domani. Stanotte ha avuto nuovamente la febbre a 39. I suoi sintomi (forte malditesta, dolori muscolari, febbre altra) potrebbero essere sintomi di influenza, o meningite, o mononucleosi (quest’ultima l’ho avuta io un anno fa ma con anche faringite, otite, etc.) ? O sono compatibili con qualcosa di batterico e quindi servirebbe un antibiotico?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Potrebbero essere influenza o altra forma virale, ma sono sintomi compatibili anche con infezioni batteriche.

    4. Anonimo

      Gentile dottore, le scrivo nuovamente perché ho degli aggiornamenti. Alla fine mio marito é riuscito a farsi visitare dal medico qualche ora fa. Gli hanno fatto analisi delle urine che hanno escluso infezioni urinarie, ma le urine erano piú scure e con tracce di acetone. Gli hanno fatto anche una RX torace (risultati domani) per escludere pneumonia. Ma non hanno fatto analisi del sangue. Che ne pensa dell’acetone nelle urine? Domani dovremmo insistere per le analisi del sangue? Per favore, mi faccia sapere se ha qualche altro commento o suggerimento. La ringrazio molto.

    5. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. La dieta di questi ultimi giorni è stata equilibrata? Talvolta la presenza di acetone è solo segno di un’alimentazione povera di carboidrati.
      2. Si fidi del suo medico, in base ai sintomi e segni che emergeranno durante la visita verranno eventualmente prescritti gli esami del sangue necessari.

    6. Anonimo

      Grazie per la risposta. Prima le chiedevo se insistere per le analisi del sangue perché un anno fa io ho avuto una mononucleosi con sintomi pesanti, che mi é durata piú di 3 mesi. Lo stesso medico, pur non capendo cosa avessi, ha aspettato ben 2 mesi per prescrivermi le analisi del sangue e scoprire che fosse mononucleosi! Le faró sapere gli sviluppi. Grazie ancora.

    7. Anonimo

      Buongiorno. Pur con un po’ di ritardo, anche al fine di essere eventualmente utile ad altri lettori, desidero comunicare che la situazione é stata risolta con 8 giorni di antibiotico Zinnat. Sono state effettuate le analisi del sangue, in cui alcuni valori erano fuori dalla norma, suggerendo una infezione batterica. Ringrazio ancora il Dr. Cimurro per i suoi consigli e la disponibilitá

    8. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Grazie a lei per l’aggiornamento, sono felicissima di saperla di nuovo in forma.

  8. Anonimo

    Byongiorno e possibile che una grande frescata dia dolore alle orecchie mal di cola nausea e vertigin? Ero tutta chiusa il dottore mi ha dato l antibiotico da fare per tre guorni oggi e il secondo giorno ma vedo pochi risultati inoltre sono molto debole mi sto preoccupando considerando che la cura antibiotica e di soli tre giorni non dovrei stare già meglio?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Sì, è possibile.
      2. Se fra domani e dopo non dovesse notare miglioramenti lo segnali al medico.

  9. Anonimo

    Ciao mio marito e da 8 giorni che ha febbre prima come prendeva la tachiperina dopo 8ore ritornava lui sta’ prendendo pure l’antibiotico ciproxen poco fa’ a preso un altra tachiperina aveva febbre a 38e mezzo pero l ultima tachiperina l aveva presa ieri alle nove e mezzo sn passate 17 ore secondo voi cosa potrebbe avere?sn preoccupata le analisi sn uscite bene ankr il torace l’esame delle urine pure e ttt OK apparte il fegato un po ingrossato aspetto notizie grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Da quanti giorni assume l’antibiotico?
      Il medico cos’ha diagnosticato?

    2. Anonimo

      L ‘Antibiotico lo assume da sei giorni il medico non lo sa’ nemmeno lui domani dovrebbero arrivare le analisi della monoucleosi

    3. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, se dopo sei giorni di antibiotico ha ancora febbre o l’antibiotico non va bene o non ha una malattia batterica. Come mai ha fatto le analisi per mononucleosi? ha mal di gola e/o linfonodi ingrossati? Perchè se fosse mononucleosi l’antibiotico è inutile e inefficace. Parlatene comunque con il vostro medico.Saluti

  10. Anonimo

    Gentile Dott. Da 4 giorni ho febbricola nausea e dolore addominale dolore alle ossa e fitte nelle gambe dolore acuto all’anca destra dolore anche schiena parte reni. La cosa più fastidiosa ė la stanchezza eccessiva. Sto prendendo tachipirina oggi coefferalgan contro i dolori. Ho fatto il vaccino quello in 3 fasi per 3 mesi in compresse non quello influenzale. Qualche settimana fa avevo febbricola e difficoltà a respirare la guardia medica ha escluso problemi ai polmoni solo tracheite e asma che ho curato ed è passato. La situazione attuale può essere dovuta a sintomi influenzali presente in questi giorni? Grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Molto probabilmente sì, ma se non passasse nei prossimi giorni raccomando una rivalutazione.

  11. Anonimo

    Buona sera dottore, una settimana fa sono stato ad un concerto abbastanza movimentato, c’erano molte persone, tre giorni fa avevo gola secca ed ho iniziato a starnutire, oggi, e anche ieri, ho naso chiuso che cola e febbre che oscilla tra 37.2 e 37.8.
    È possibile che io abbia preso l’influenza durante il concerto?
    Potrebbe essere febbre non virale?
    Io prendo ogni 5 ore una tachipirina da 500mg se sento che mi aumenta, quant’è il limite massimo di assunzione di tachipirina al giorno?
    La ringrazio.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, probabilmente ha contratto un virus, sconsiglio di assumere così spesso la Tachipirina, lasci sfogare la febbre, e la assuma solo se sale oltre 38* o ha disturbi importanti, tipo cefalea insopportabile, vedrà che avrà il suo decorso e scomparirà tutto in qualche giorno.

  12. Anonimo

    salve dottore fine agosto sono stato in nord italia viaggio con auto, sono ritornato a casa in aereo, dopo tre giorni mi viene una forte influenza febbre alta mi dura 3 giorni e sparisce.
    passano circa altri 3 giorni e ritorna ora ho influenza, febbre tosse che va e viene da circa 7 gg cosa faccio la notte sudo la mattina mi ritorna.
    Salute dottore

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Salve, potrebbe essere virale, ma è necessario verificare direttamente col medico.

  13. Anonimo

    Salve dottore non so se questo e’ il posto giusto quindi mi scuso in primis, le chiedevo mio marito ha preso flumic raffreddore e influenza r dopo averla presa mi ha baciata sulla fronte (aveva le labbra bagnate) io ho toccato la mia fronte diciamo mi sono pulita e poi dopo senza volere mi sono messa le mani in bocca. Io sono incinta alla 33 settimana, chiedevo se puo aver fatto qualcosa questo? Grazie mille

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Salve, non mi sembra possa succedere nulla di pericoloso da quanto raccontato. saluti

  14. Anonimo

    Buonasera,da ieri ho febbre altalenante con ieri 37,5,oggi 38,(io nn ho mai febbre di solito),mal d testa,naso chiuso e mal d gola..devo preoccuparmi?il dottore è lontano purtroppo.Basta una tachipirina e un mucolitico?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Al momento non sembra nulla di preoccupante, potrebbe essere sindrome parainfluenzale, ma ovviamente se non passasse raccomando di fare il punto con il medico.

      Per ora riposo e farmaci sintomatici (non posso consigliare medicinali, mi dispiace).

  15. Anonimo

    Buongiorno
    Ho sentito molto freddo in questi ultimi giorni e oggi ho febbre che oscilla da 37,3 a 37,8 ho muco verdognolo che esce dal naso quando riesci a soffiarlo e quando tossusco mi fa male la trachea e le spalle ho molto muco. Ho paura che non sua una semplice influenza sono davvero spossata ed il mio dottore non ce. Non ho più il colon può dipendere anche da questo il fatto che mi sento debilitata e mi ammalò cosi spesso?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, le confermo che l’assenza del colon può influire, perchè gioca un ruolo importante nel sistema immunitario; in ogni caso niente panico, potrebbe essere una sindrome parainfluenzale, ma continui a cercare il medico per fare il punto con lui.

  16. Anonimo

    Buon pomeriggio
    La febbre è scesa…. In realtà anche troppo stamattina era 34,7 mi sento però sottosopra con sensazione di nausea e vertigini e ho scariche acquose ancora naso parzialmente e tosse e ancora influenza?
    Ma siamo già in periodo di influenza stagionale?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Purtroppo sì, ma senta comunque anche il parere del medico (anche per valutare se assumere farmaci).

      Si reidrati con acqua e sali minerali, mi raccomando.

    2. Anonimo

      Dopo provo a chiamarlo
      E l acqua che non mi va giù non ho ne fame ne sete inoltre mi manca il colon il tutto peggiora

  17. Anonimo

    Sentito mi ha dato da prendere degli integratori ma soffrendo di ansia penso sempre al peggio vado dalla sepsi alla salmonellosi…ho anche crampi e sudo Speriamo bene
    🙁

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Stia tranquilla, non c’è motivo che ci faccia pensare a qualcosa di più grave, avrebbe ben altra sintomatologia. Stia a riposo, è comunque una situazione autolimitantesi. Saluti.

    2. Anonimo

      La ringrazio per la risposta sono un po più tranquilla, sembra che stia migliorando anche se ho ancora crampi allo stomaco e diarrea. Sto prendendo da ieri sera fermenti lattici ma probabilmente appunto per la mancanza di colon mi occorre in po più di tempo per una ripresa ottimale forse e anche a causa dell assenza di colon che mi sento particolarmente debole

  18. Anonimo

    Buongiorno
    L influenza che sta girando dura molto? E una settimana che ho muco verdognolo dal naso tosse nausea e dolorini alla pancia e molta debolezza all insorgere dell influenza ho avuto febbre a 38 ieri il medico mi ha prescritto un antibiotico dicendo che e una forma virale che sta girando ma mi preoccupa la durata… Anche i miei vicini hanno sintomatologia simile con esordio di febbre alta che dura uno o due giorni e tosse
    Mi preoccupa questa debolezza e la nausea oppure e sempre collegata all influenza?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Si tratta perlopiù di forme parainfluenzali, di durata variabile, ma in genere non troppo lunghe. Nausea e debolezza sono collegati alla forma virale.

  19. Anonimo

    La ringrazio per la risposta quindi rientra nella normalità avere questi sintomi per una settimana e oltre? La febbre non ce l’ho più ed oggi iniziò antibiotico

  20. Anonimo

    Buongiorno dottore, credo
    Di aver preso un virus para influenzale. Non ho febbre ma ho dolori muscolari, mal di gola, mal di testa e pesantezza oculare. Ho preso un’aspirina ma non vedo beneficio, quanti giorni ci vorranno per rimettersi? C’è qualcosa che si può fare?

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      In genere passa entro 2-3 giorni e si possono solo assumere farmaci sintomatici; se non passasse e/o se comparisse febbre lo segnali al medico.

    2. Anonimo

      Salve oggi ero un po’ accaldata perché il bus era pieno ;sono rimasta coperta quando sono scesa soprattutto sulla gola ma tirava un po’ di vento ;posso aver preso la febbre?come posso prevenirla?sono celiaca Grazie

    3. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Non si può prevenire, ma se non ha sintomi non mi preoccuperei.

  21. Anonimo

    Buongiorno dottore sono un chemioterapico (ORMAI DIMESSO DA UN ANNO DOPO 15 DI CONTROLLO)e da due settimane che soffro di mal di stomaco e pancia e al petto poi conclusione plastilina mi è passato ma ora martedi ho avuto un attacco di freddo con un dolore insistente ai polmoni,(premetto che soffro raramente di asma )facendo una cura di antibiotico ma non vedo miglioramenti ma nemmeno peggioramenti secondo lei è una forma influenzale o devo recarmi al pronto soccorso,
    Grazie e scusi del disturbo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sentirei la guardia medica.
      È stato escluso un problema di stomaco (reflusso, gastrite, …)?

  22. Anonimo

    Buonasera dottore, una settimana fa mi è comparsa la febbre alta con sintomi influenzali (mal di testa, spossatezza e dolori muscolari). Dopo 3 giorni di caldo e riposo (e integratori naturali) mi sentivo un pó meglio e avevo solo decimi di febbre. Ma sempre un pó stanco e con decimi di febbre. Da ieri la febbre invece è tornata (ora ho 38) e così il freddo e i dolori.
    È normale che dopo una settimana abbia ancora la febbre nonostante sia rimasto a casa?
    Mi scusi se chiedo a lei ma in questi giorni di ponte il mio medico di base non è contattabile e comincio a preoccuparmi un pó.

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Altri sintomi? tosse, mal di gola, bruciore urinario?

    2. Anonimo

      No solo i sintomi già indicati.
      Non so se è indicativo, ma dalle ultime analisi del sangue fatte ad agosto è emersa formula leucocitaria alterata (neutrofili bassi e linfociti alti) a cui il medico non ha ritenuto di dare molta importanza.

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Probabilmente solo una ricaduta della sindrome parainfluenzale, ma mercoledì raccomando di fare il punto con il medico; in caso di peggioramenti importanti può invece far riferimento alla guardia medica.

  23. Anonimo

    Caro dott. Mio marito da domenica ha avuto febbre fino a 39,5 con forti dolori muscolari, oggi febbre nn c’è pero ha ancora dolori muscolari che avvolte sono lievi e avvolte forti.può essere influenza?

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Sì, sintomi comuni, senta il medico per un’eventuale terapia antidolorifica se dovessero essere particolarmente invalidanti.

  24. Anonimo

    Da 3 giorni ho la febbre che oscilla fra 38_39 è iniziato con freddo, ho perso ogni sapore (bocca amara) e mal di testa prendo tachipirina 500 il mio medico ha risposto che è una normale influenza che deve passare . Non vorrei preoccuparmi non avendo mi visitato nei dettagli.

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Con tutta probabilità è l’influenza del momento, stia a riposo e segua una dieta leggera, tende ad autolimitarsi nel giro di qualche giorno.

  25. Anonimo

    salve dottore mio fratello da cca 3 gg ha vomito fiato affannato vertigini e si sente debole …lui dice che cca 3 gg fa a toccato dell veleno per topi e per sbaglio a messo le mani in boca ..possono essere questi i sintomi di un avellenamemto o magari ha l”influenza ???’

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      A prescindere dalle possibili cause raccomando di verificare oggi stesso con la guardia medica, tre giorni di vomito sono comunque tanti e potrebbe essere utile verificare.

      Cerchi di capire di che veleno si trattasse per segnalarlo al medico, che valuterà i sintomi in base alla sostanza.

    2. Anonimo

      GRAZIE ,IERI DOPO TUTTO QUESTO MALSENTIRE SIAMO ANDATI AL PRONTO SOCCORSO E RISULTA SIA SOLO UN VIRUS PIU FORTE E UN PO DI DESHIDRATAZIONE …

  26. Anonimo

    Dottore da stamattina ciò forti mal di testa e febbre 37,8 cosa posso prendermi che sono fuori con il camion grazie

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Dipende dalle zone, a differenza dell’influenza stagionale in cui si può fare un bilancio a livello “Italia”, nel caso delle virosi intestinali si tratta di diffusioni molto più localizzate.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Presumibilmente attorno a Natale, ma è ancora presto per fare previsioni.

La sezione commenti è attualmente chiusa.