Tutte le domande e le risposte per Gli antibiotici servono per curare l’influenza?
  1. Anonimo

    Buongiorno dottore,
    sono al 4°giorno di riposo e cura con tachipirina 1000mg: 2 al giorno, ma da ieri 3 compresse al giorno (1 ogni 8h), perchè la situazione non migliorava. Oggi la temperatura minima è 37, e la massima di 38.

    I sintomi all’inizio: malessere brividi e stanchezza
    indolenzimento a schiena e torace e febbre a 38,5 – successivamente anche raffreddore e tosse

    Sono un po’ perplesso perchè ho fatto il vaccino antiinfluenzale a metà novembre, ed è la seconda volta che mi ammalo questo inverno, la prima è stata blanda (febbre 37,5), ma questa mi sembra un po’ persistente.

    La ringrazio per qualsiasi consiglio
    Cordiali saluti

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Parlando ieri con un medico di base della mia zona (Piemonte) mi segnalava che mai come quest’anno ha visto ammalarsi anche i vaccinati, segno che probabilmente qualcosa è andato storto (composizione vaccino, tempi, …).
      In ogni caso se la febbre persistesse ancora oggi e domani consiglierei il parere del medico per verificare che sia proprio influenza e non ci siano invece complicazioni batteriche (la febbre relativamente bassa fa essere ottimisti).

  2. Anonimo

    buongiorno dottore,
    questa mattina mi sono svegliata con temperatura corporea 37.5, mal di testa, brividi e con la gola infiammata.È rossa mi fa molto male e credo che stiano venendo fuori delle placche. A casa ho la tachipirina , secondo lei potrei prenderla o avrei bisogno di vedere il mio medico per dell’ antibiotico? vorrei precisare che soffro di placche almeno due volte all’ anno. grazie in anticipo buona giornata

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Per ora direi benissimo la Tachipirina, ma se è soggetta a placche sentirei per telefono il medico per valutare con lui se aspettare qualche giorno, oppure procedere ad una visita.

    2. Anonimo

      salve la mia pediatra mi ha detto che mia figlia probabilmente ha la pfapa,mi potrebbe spiegare di cosa si tratta precisamente? Le premetto che mia figlia ha incominciato la scuola materna da settembre e prima a parte un paio di raffreddori,non ha mai avuto febbre. Da dicembre ha già avuto 3 episodi di influenza. Grazie

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Si tratta di una sindrome (ossia di un insieme di sintomi diversi tra loro) di cui non si conosce ancora (che io sappia) la causa precisa e la cui caratteristica è quella di presentarsi periodicamente senza motivi apparenti; il sintomo più caratteristico è una febbre improvvisa che dura qualche giorno, spesso ma non sempre accompagnata da afte in bocca, mal di gola (che si presenta arrossata) ed i linfonodi ingrossati. Non ci sono di norma sintomi respiratori (naso che cola, tosse, raffreddore).

      Non è contagiosa e, sopratutto, non è pericolosa nè durante gli episodi (che devono solo essere tenuti sotto controllo dal punto di vista dei sintomi) nè sul lungo periodo. In genere scompare al massimo superati i 5 anni.

    4. Anonimo

      quindi,praticamente sono infezioni virali ricorrenti, allora mi domando come mai non possono essere associate al suo ingresso per la prima volta nella collettività della scuola materna, anche perché sentendo altre mamme hanno i loro bimbi,soprattutto in questo periodo,spesso con la febbre. Lei cosa ne pensa?grazie immensamente

    5. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Qualcuno suppone che siano riattivazioni virali, ma non c’è la certezza della natura della causa (virale, batterica, altro?).
      Non è il mio campo, ma la PFAPA ha un quadro troppo caratteristico per essere accomunato alle normali patologie invernali che oltretutto, quelle sì, sono causate da virus e batteri.

    6. Anonimo

      con troppo caratteristico lei cosa intende? Perché mia figlia ha soltanto febbre,gola arrossata e un paio di volte un pò di tonsille gonfie con placche. Scusi se la tormento con troppe domande. Grazie

    7. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Principalmente febbre periodica, eventualmente sempre in presenza di alcuni degli altri sintomi della sindrome (mal di gola, gola rossa, linfonodi gonfi, afte).

  3. Anonimo

    la ringrazio immensamente.

  4. Anonimo

    buon giorno dr ho fatto 3 polmoniti in un anno sono asmatico allergico sono anche fumatore fumo circa 15 sigarette al giorno ho 42 anni ma i medici non mi danno nessuna spiegazione ha riguardo puo essere che il lavoro che faccio mi provoca queste infezzioni sono sempre ha contatto con polvere i ferro

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Lavoro e fumo sono le cause più probabili, a mio avviso, sopratutto in un soggetto già di per sè sofferente di asma allergica.

  5. Anonimo

    abbiamo svelato l’arcano: in realtà quella febbre alta avuta a distanza di 2 settimane era causata da una tonsillite streptococcica non curata bene. Ora dopo un ciclo di 10 gg di antibiotico la mia pediatra mi ha detto di ripetere lo zitromax per 3 giorni ogni 7 gg x 4 volte quindi in 40gg dovrei finire la cura,invece una pediatra,amica,mi ha detto che questa profilassi per 40 gg non è necessaria perché lo streptococco si eradica con una cura antibiotica per 10 giorni. Lei cosa ne pensa? Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Confermo che in genere si segue la terapia dei 10 giorni, ma non escludo che possa esistere anche un approccio come quello prescritto; con un tampone dopo i 10 giorni, in ogni caso, si toglie il dubbio.

    2. Anonimo

      devo iniziare l’ultimo ciclo dei 3 gg. Mi sono informat un pò e l’approccio delle 4 somministrazioni a distanza di 7 gg l’una dall’altra non l’ho riscontrata ma mi sono fidata e l’ho attuata. Ho pensato che probabilmente mi è stata prescritta questa terapia perché il primo episodio risale a capodanno quindi 3 mesi fa. Grazie tanto

  6. Anonimo

    A volte nei fogli illustrativi che sono presenti all’interno delle scatole dei medicinali non viene specificato se tratti di un antibiotico o antinfimmatorio, c’e un modo per distinguerli da una persona comune come me?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Leggendo alla voce “indicazioni” in genere si riesce a capire, tuttavia le ricordo che gli antibiotici non vanno MAI assunti se non dietro prescrizione medica.

    2. Anonimo

      Appunto, e’ proprio per non assumere antibiotici impropriamente, tra le medicine che si conservano in casa

    3. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Basterebbe non tenere antibiotici in casa… 😉

      In caso di dubbi, se vuole dirmi i nomi che ha in casa, le dico farmaco per farmaco; ser serve rimango a disposizione.

  7. Anonimo

    Sono una ragazza di 23 anni, qualche giorno fa mi è comparsa un’influenza abbastanza invalidante (ghiandole gonfie, mal di testa, raffreddore,male alle ossa…) ma non mi è mai venuta la febbre.Domani avrò un esame importante a cui non posso rinunciare purtroppo. In molti mi hanno detto che c’è in giro un virus di questo tipo. In vista dell’esame mia mamma ieri ha deciso di darmi l’ anitibiotico Zitromax che bisogna somministrare per tre giorni. Io ho preso la prima pastiglia ieri, ma poi sapendo che tutti i sintomi che sto avendo sono di natura virulenta ho pensato che non mi servisse proprio l’antibiotico, in più l’ultima volta che mi sono curata con antibiotico avevo 13 anni a detta di mia mamma. Ora, le chiedo, posso smettere di assumerlo? Ho preso solo una pastiglia su 3..

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se mi permette di essere sincero, sono davvero rammaricato di quando letto; un antibiotico non dovrebbe MAI essere assunto senza il preventivo parere medico, a lei sarebbe stato sufficiente un buon antinfiammatorio a dosi elevate nel giorno dell’esame, dopodichè con qualche giorno di riposo il tutto si sarebbe sistemato.

      A questo punto è difficile consigliare cosa fare, ma perchè la scelta è rivolta ad individuare il male minore; direi che continuare la cura è forse preferibile a questo punto, ma sentire il parere del suo medico è sicuramente preferibile.

      Nonostante tutto le faccio un grosso in bocca al lupo per l’esame.

  8. Anonimo

    GRAZIE DEI BUONI CONSIGLI E CREPI (non lei ovviamente,il lupo!)!:)

  9. Anonimo

    Salve! volevo chiederle un consiglio, ho una bimba di tre anni e da circa 3 giorni che accusa tutti i sintomi del raffreddore febbre sopra i 39.5, vomito, malessere generale ovviamente quando la febbre scende mai sotto i 38° la bimba reagisce bene, però non mangia ma in compenso beve, il medico mi ha prescritto solo nurofen 4.5mg ogni otto ore ma i sintomi non migliorano, cosa devo fare? Grazie mille anticipatamente.

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Se entro oggi-domani non migliorasse senta nuovamente il medico; spesso sono forme virali, quindi la cura prescritta (sintomatica) è il massimo che si possa fare, ma se persistesse è bene verificare nuovamente.

  10. Anonimo

    Chiedo cortesemente se è abbinabile flumicil e clenil per aereosol.Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Non posso sapere se nel suo caso sia corretto, ma da un punto di vista farmacologico non ci sono interazioni ad abbinare i due farmaci.