Marijuana e gravidanza: pericoli ed evidenze scientifiche

Ultimo Aggiornamento: 237 giorni

Introduzione

La (erba, cannabis, canne, spinelli) è una sostanza psicoattiva ricavata dalla pianta della canapa (), utilizzata a scopo ricreativo o, più raramente, medico. Parti della pianta sono fatte seccare e fumate nella pipa o negli spinelli oppure, con minore frequenza, preparate e ingerite i vari modi. In Italia l’uso a scopo ricreativo è illegale, mentre è da poco stato autorizzato l’utilizzo a scopo medico per la terapia del dolore.

Effetti sulla gravidanza

La marijuana contiene circa 400 sostanze chimiche diverse e non è raro che nelle preparazioni reperibili in strada possano essere esserci tracce più o meno significative di altre molecole (altre sostanze d’abuso, pesticidi, …), per questo motivo è molto difficile trarre considerazioni definitive sui rischi derivanti dell’uso della marijuana in gravidanza.

A complicare la situazione è poi l’osservazione che molte consumatici, abituali od occasionali, possono fare uso anche di altre sostanze (alcool, tabacco, altre droghe ricreative) ed è quindi difficile individuare e isolare l’effetto delle singole molecole.

Nei pochi studi disponibili, a causa della natura dell’argomento, è difficile trovare rigorose indicazioni su quantità, modalità e frequenza di assunzione e questo rende difficile una raccolta uniforme e consistente di dati che vadano oltre le segnalazioni aneddotiche.

In ultimo il consumo di marijuana è connesso a un aumento del rischio che la gravidanza proceda senza le necessarie cure prenatali (assunzione di acido folico, esami preconcezionali, visite ginecologiche, verifica malattie sessualmente trasmesse, …) e questo complica ulteriormente la ricerca degli effetti nocivi di questa sostanza.

Queste importanti premesse servono a far capire il perchè le attuali conoscenze sul rapporto tra marijuana e gravidanza siano limitate, ma soprattutto dovrebbe indurre le future mamme alla massima cautela, perchè gli effetti potrebbero essere anche più pericolosi e profondi di quanto non si ipotizzi al momento.

Sto cercando di rimanere incinta. Se io o il mio partner usiamo la marijuana le probabilità di concepire diminuiscono?

Sì, il consumo di marijuana da parte di uno o di entrambi i futuri genitori può ridurre la probabilità di concepimento, in quanto

  • nelle donne l’uso protratto di marijuana il ciclo mestruale e causare una diminuzione degli ormoni connessi alla riproduzione e alla fertilità;
  • negli uomini una riduzione del numero e della qualità degli spermatozoi.

Questo risultato non deve sorprendere, in quanto evidenze ancora maggiori sono presenti in letteratura relativamente alla diminuzione di fertilità legata al fumo in generale; questi effetti non azzerano quindi la probabilità di una gravidanza, ma possono diminuirla considerevolmente.

La buona notizia è che l’impatto sulla fertilità sembra essere reverisibile, in caso di interruzione del consumo.

La marijuana può far male al bambino?

Il principio attivo della marijuana è il delta-9-tetraidrocannabinolo (THC) che, secondo le attuali conoscenze, è in grado di attraversare la placenta durante la gravidanza per poi entrare nell’organismo del bambino. Il suo impatto sul feto, tuttavia, è poco chiaro.

I ricercatori hanno collegato l’uso di marijuana durante la gravidanza con un aumentato rischio di complicazioni durante la gravidanza, tra cui:

  • basso peso alla nascita,
  • nascita prematura,
  • ridotta circonferenza della testa,
  • aborto.

I bambini le cui madri hanno fumato marijuana non sono sempre nati con difetti alla nascita, ma secondo alcuni lavori può aumentare il rischio di andare incontro a queste complicazioni.

In una condotta su 1246 donne che hanno riferito di aver fumato spinelli durante la gravidanza, la frequenza di malformazioni congenite non si è rivelata maggiore del normale, tuttavia la maggior parte delle donne coinvolte nella ricerca ha affermato di fumare solo “occasionalmente”. Se questi dati sono da un lato rassicuranti, in assenza di ricerche più rigorose e su gestanti che abbiano fatto uso più regolare della sostanza è opportuno evitarne il consumo durante la gravidanza, perchè questa conclusione non rappresenta una sufficiente prova di sicurezza.

suggeriscono infatti che il sistema endocannabinoide, l’insieme dei recettori e dei sistemi su cui agisce il THC nell’organismo (prendendo il posto di sostanze presenti nel corpo stesso) è coinvolto nel processo di sviluppo del cervello, in particolar modo per quanto riguarda l’aspetto emozionale. La somministrazione di THC sembra interferire in modo profondo con questo processo, tanto da poter essere causa di complicazioni a lungo termine.

Sono state evidenziate infatti alcune differenze di rendimento scolastico tra i bambini le cui mamme hanno fatto uso di marijuana durante la gravidanza e la media attesa, anche se per i motivi spiegati in precedenza è difficile isolare in questo risultato il solo effetto della sostanza.

Altre ricerche suggeriscono che le donne che fumano spinelli regolarmente corrono un maggior rischio di parto prematuro e di dare alla luce un bambino con basso peso alla nascita, esattamente come accade per le donne che fumano sigarette. I bambini prematuri che al momento della nascita pesano poco corrono maggiori rischi di morte in culla, di soffrire di problemi di apprendimento o di altri tipi di disabilità.

Se fumo marijuana durante il terzo trimestre di gravidanza, mio figlio soffrirà dei sintomi dell’astinenza?

che alcuni neonati esposti alla marijuana hanno sofferto di sintomi da astinenza temporanei, ad esempio tremore e pianto incontrollati.

Che cosa succede se faccio uso di marijuana durante l’allattamento?

La marijuana può passare nell’organismo del neonato attraverso il latte materno, inoltre può influire negativamente sulla qualità e sulla quantità del latte. Finora non è stato dimostrato con sicurezza che i bambini esposti alla marijuana durante l’allattamento possano avere problemi di salute, tuttavia l’ consiglia di evitare l’uso della marijuana durante l’allattamento.

Articoli correlati

Leggi gli altri articoli delle seguenti categorie:

oppure cerca altri argomenti attraverso l'indice

oppure fai una ricerca tra le centinaia di articoli pubblicati

Domande, suggerimenti e segnalazioni

Gentile utente, per garantire maggiormente la tua privacy i tuoi contributi potrebbero essere mostrati sul sito in forma anonima.

Leggi le condizioni d'uso dei commenti.

  1. Anonimo

    Dottore io sono incinta da poco e non faccio uso di niente, ma purtroppo abito con delle persone che si fumano eroina ogni tanto, io una volta girando per casa ho aspirato del fumo di quella roba e poi sono uscita subito come lo sentita ma mi sono sentita male comunque, ripeto io non faccio uso ma danneggia lo stesso se le persone che sono in casa con me lo fanno?

    1. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno, è bene che eviti qualsiasi tipo di fumo passivo in quanto può comunque avere conseguenze sul feto. Eviti di frequentare questi fumatori quando sa che stanno fumando. Saluti

    2. Anonimo

      Grazie dalla risposta, lo faro leggere anche alla gente che quando gli dico che fa male mi da di pazza e le conseguenze potrebbero essere anche gravi per il feto

  2. Anonimo

    Buona sera dottore sono alla 25 settimana di gravidanza …non fumo sigarette da 4 anni …ma da allora e tutt’ora in gravidanza fumo ,solo la sera ,una canna di maryuana biologica (cresciuta con acqua e sole)
    Volevo sapere se questo può danneggiare il mio bambino….ovviamente da quando ho saputo ho eliminato l’ alcool
    Per favore mi può dare un suo parere
    Grazie

    1. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      In gravidanza sarebbe vietato fumare, bere alcolici e assumere droghe di ogni tipo, non importa la quantità, anche la minima può essere gravemente dannosa per il feto, per cui le consiglio vivamente di smettere.

    2. Anonimo

      Dottore Intanto la ringrazio
      Mi scusi che tipo di danni può creare..?.essendoci idee contrastanti …per quanto riguarda l’uso di maryuana terapeutica …ho pensato che una la sera non avesse fatto male al mio bambino. …mi rilassa molto e attenua i crampettini
      Grazie ancora

    3. Anonimo

      Ma quindi mi sta dicendo che il mio bambino può avere problemi ?…mi sento male …ciò che ho fatto fin’ora non posso eliminarlo

      Per favore mi aiuti a capire

    4. Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      E’ in tempo per smettere, gli eventuali danni possono essere di vario tipo, da malformazioni o danni cerebrali o problemi di crescita…se i controlli che ha fatto fino ad ora non hanno riscontrato nulla di particolare può stare ragionevolmente tranquilla, ma deve smettere comunque di farne uso.

  3. Anonimo

    Sono un ragazzo di venti anni, nelle ultime settimane ho utilizzato la cannabis almeno ogni sera, quanto tempo dovrei aspettare prima di fare gli esami di routine?
    So che alterano i valori.
    Grazie e scusate il disturbo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Che io sappia non dovrebbe influenzare in modo significativo l’emocromo, colesterolo, glicemia, … e in generale i valori che si usato come screening.

  4. Anonimo

    Buona sera, sono qui a chiedervi un aiuto, fumo sigarette da 4 anni ormai, non mi sono mai legata alla cannabis,ma è da settembre che sono entrata in questo giro, fino a circa un mese fa, fumavo solo occasionalmente, fino poi ad arrivare a farne una a settimana, ma in questo ultime due settimane, facendo un conto, sono arrivata a fumarne 20. Ora mi ritrovo in una situazione che non riesco a prendere sonno la notte, mi addormento sempre verso le cinque del mattino, come ad esempio stamattina che mi sono addormentata alle sei e ho solo 4 ore di sonno, mia madre dice che ho occhiaie e viso pallido, inoltre faccio solo due pasti al giorno, quindi mi ritrovo molto debole, le occhiaie e il viso pallido dipendono dalla cannabis ?
    Grazie per il vostro tempo

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Sì, probabilmente la sostanza incide in modo significativo.

    2. Anonimo

      Secondo lei qual’è la via più semplice per astenermi a queste sostanze ?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Chiedere aiuto presso il SERT della propria città; so che sembra esagerato per la cannabis, ma è sicuramente il modo più sicuro per venirne fuori.

  5. Anonimo

    “Semplici sigarette”?????? Ma vi rendete conto di cosa dite, non potete chianare semplice una cosa che ti uccide! Il lettore potrebbe pensare inconsciamente che le sigarette non facciano male!

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Traduzione infelice, ringrazio per la segnalazione e provvedo a correggere.

  6. Anonimo

    Buongiorno dottore. Avrei un paio di domande da farle anche se non c’entrano molto con l’essere incinte o altro … ho 19 anni e sono circa 3 anni che fumo marijuana, inzialmente la fumavo tutti i giorni prima di entrare a scuola, durante gli intervalli a volte nel pomeriggio e la sera del fine settimana … l’estate scorsa ho iniziato a lavorare, lavoravo veramente tanto, circa 8 ore al giorno e di conseguenza non avevo il tempo per fumare e non potevo nemmeno permettermi di entrare a lavoro in certe condizioni allora ho deciso di lasciar perdere e fumare occasionalmente. Pure ora fumo solo quando mi capita. Non ho fatto nemmeno fatica a smettere… ora fumo solo sigarette. Il mio problema è che nel giro di circa 3 mesi ho preso una cosa tipo 8/9 kg … premetto che quando ero in pausa da lavoro mangiavo solo roba secca (panini, brioche ecc..) poi uscivo la sera e per stare in compagnia con le miei amiche mangiavo in giro. Ora sto provando a camminare 2 ore al giorno 3 volte alla settimana per vedere se riesco a perdere questi kg di troppo. Secondo lei questo aumento di peso può essere dovuto al fatto che ho smetto di fumare gli spinelli ? Ma se ricomincio il mio metabolismo inizia a essere veloce come un tempo ? Perché ho notato anche che al contrario di quando fumava ora non vado più subito in bagno dopo mangiato ma devo aspettare un bel paio d’ore. Poi un’altra cosa dottore scusi il poema ma secondo lei l’aumento di peso può essere dovuto anche al fatto che mi sono lasciata dopo una relazione di 3 anni e quindi non avendo più rapporti da un paio di mesi sono ingrassata ? Grazie in anticipo.

    1. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      Rapporti e marijuana non influiscono sul peso.

      Può aver influito:
      1. Aver ridotto la nicotina assunta (se a prescindere dalla sostanza fuma di meno, può aver influito; raccomando di NON aumentare le sigarette fumate, il peso lo si perde, la salute dei polmoni e della gola è molto più difficile da recuperare).
      2. Un’alimentazione meno curata di prima causa lavoro
      (penso a zuccheri e carboidrati) e credo che nel suo caso sia la ragione principale.
      3. L’interruzione della relazione potrebbe averla spinta a cercare consolazione nel cibo, ma questo solo lei può valutarlo.

    2. Anonimo

      Quindi se riprendo a fumare le canne secondo lei non perdo peso ? Non ho sofferto tanto per la separazione quindi non penso di essermi sfogato sul cibo più di tanto … comunque sono 7 anni che fumo sigarette .. ora non ricordo bene ma probabilmente prima ne fumavo di più invece ultimamente la media è di 3 massimo 4 sigarette al giorno e forse qualche d’una in più il fine settimana…secondo lei sono tante ? I miei polmoni sono molto rovinati a suo parere ?

    3. Dr. Cimurro (farmacista)
      Dr. Cimurro (farmacista)

      1. Esatto, se riprende il consumo della sostanza a parità di tutto il resto NON perderebbe peso.
      2. 3-4 sono poche se confrontate a 10-20, ma sono comunque troppe se paragonate a chi non fuma; purtroppo di queste sostanze (come l’alcool) non ci sono dosi sicure al 100%.

La sezione commenti è attualmente chiusa.