Alcool e fumo in gravidanza: è davvero pericoloso?

a cura di Dr. Roberto Gindro -Ultimo Aggiornamento: 7 luglio 2018

Introduzione

Durante la gravidanza tutto ciò che si mangia, si beve o si inala (per esempio fumando) può avere conseguenze sulla mamma e sul bambino che porta in grembo.

L’alcol e il tabacco dovrebbero essere scrupolosamente evitati, inoltre è buona norma astenersi dall’uso di farmaci o di prodotti erboristici (con o senza prescrizione), qualora non siano stati espressamente consigliati o avallati dal ginecologo.

In alcuni casi, ad esempio se si tratta di tabacco, alcol e droghe, si potrebbe andare incontro a grandi difficoltà nel tentativo di interrompere l’assunzione di queste sostanze, ma esistono diversi modi per aiutarsi nel percorso.

In quest’articolo spiegheremo:

  • l’effetto delle sostanze dannose sul feto,
  • l’effetto sulla mamma,
  • come farsi aiutare.

Cambiare lo stile di vita

Quasi tutte le donne devono cambiare in qualche modo il proprio stile di vita durante la gravidanza.

In alcuni casi può essere semplice, magari è sufficiente

In altri casi, invece, ci si deve liberare di abitudini dannose come il vizio dell’alcol o il fumo. Questi cambiamenti, questi sacrifici, sono di grande aiuto nell’avere una gravidanza più sicura, riducendo il rischio di complicazioni.

Prendersi cura di sé durante la gravidanza significa anche prendersi cura del proprio bambino.

È davvero possibile evitare molti problemi abbandonando tutte le abitudini dannose come il fumo, il consumo di alcol o di stupefacenti.

Primo piano di un pancione, di fronte al quale la mamma spezza a metà una sigaretta.

iStock.com/Hope Connolly

Fumo e sigarette

Se la futura mamma fuma, espone il bambino a sostanze chimiche dannose come

  • carbone,
  • nicotina,
  • monossido di carbonio.

La nicotina provoca il restringimento dei vasi sanguigni, quindi il feto riceve una quantità minore di ossigeno e sostanze nutritive; anche il monossido di carbonio (anidride carbonica) riduce la quantità di ossigeno ricevuta dal feto.

Le donne che fumano durante la gravidanza hanno inoltre maggiori probabilità di soffrire di questi problemi:

Il fumo è dannoso per il bambino anche dopo il parto, l’esposizione passiva fa aumentare il rischio di asma e di sindrome di morte improvvisa nel lattante (SIDS).

Meno la madre fuma, minori sono i rischi corsi dal bambino.

Diminuire il numero di sigarette o smettere di fumare durante la gravidanza è già estremamente positivo, tuttavia smettere prima della gravidanza è l’opzione migliore sia per la madre che per il bambino. In ogni caso, se si abbandona la cattiva abitudine prima o durante la gravidanza, probabilmente non la si riprenderà più e la salute dell’intera famiglia ne trarrà beneficio.

Se fumate e avete provato a smettere senza alcun successo, fatevi aiutare dal vostro medico. Se fumate molto i chewing-gum o i cerotti possono aiutarvi, ma anche i sostituti della nicotina presentano alcuni rischi: dovrebbero essere usati solo se altri tipi di terapia, ad esempio la psicoterapia, non hanno funzionato e se i benefici che comportano sono maggiori dei rischi derivanti dal loro utilizzo.

Probabilmente sarà necessario chiedere di smettere di fumare anche al vostro marito, o compagno, e ad altri membri della famiglia; in questo modo ci sarà qualcuno che potrà sostenere con voi lo sforzo di smettere. Anche se non fumate, il fumo passivo durante la gravidanza può essere dannoso.

Alcool

L’alcol bevuto dalla futura mamma raggiunge rapidamente il feto. La quantità di alcol in circolo è la stessa sia nella madre che nel bambino. Nell’adulto l’alcol viene metabolizzato dal fegato, che nel bambino non è ancora sufficientemente sviluppato: in altre parole l’alcol è molto più pericoloso per il feto che per l’adulto.

Più la futura madre beve, più danni causa al bambino.

Non si sa con esattezza quale sia la quantità minima di alcol sufficiente per far male al bambino: una birra, un sorso di liquore, un cocktail o un bicchiere di vino contengono tutti approssimativamente la stessa quantità di alcol, ma di fatto tutte le bevande alcoliche sono potenzialmente pericolose, quindi è meglio evitare completamente l’alcol durante la gravidanza.

Il consumo di alcolici in qualsiasi momento della gravidanza può causare problemi: l’alcol fa aumentare il rischio di aborti spontanei e di parto pretermine, inoltre l’abuso di alcol è una delle principali cause del ritardo mentale dei bambini.

Eccedere con il consumo può causare la sindrome alcolica fetale: i bambini esposti all’alcol prima della nascita soffrono di una serie di gravi problemi

  • fisici,
  • mentali
  • e comportamentali.

L’eventuale concomitanza di fumo, utilizzo di droghe e/o una dieta sbilanciata probabilmente influenzano ulteriormente la gravità dei disturbi dovuti alla sindrome alcolica fetale.

Smettere di bere può essere difficile, la volontà di farlo potrebbe non essere sufficiente, in questo caso ci si può rivolgere con fiducia al proprio medico o al proprio ginecologo per trovare aiuto.

Avete problemi con l’alcol?

Il vostro rapporto con l’alcol è corretto oppure ne abusate? Spesso non è facile capirlo. Se non siete sicure, ponetevi queste domande:

  1. Tolleranza: quanti bicchieri siete in grado di reggere?
  2. Siete mai stati disturbate da qualcuno che vi criticava perché avete bevuto troppo?
  3. Non avete mai avuto la sensazione che fosse opportuno bere di meno?
  4. Avete mai bevuto al mattino, subito dopo esservi svegliate, per calmarvi o per rimediare a una situazione di malessere?

Punteggio

  • 2 punti se la risposta alla prima domanda è “più di due bicchieri”,
  • 1 punto per ogni risposta affermativa alle altre domande.

Se il totale è maggiore o uguale a due, potreste avere qualche problema con l’alcol. Parlate con il vostro medico delle vostre abitudini: vi aiuterà a capire se avete davvero un problema. Il medico vi consiglierà di ricorrere alla psicoterapia o ad altre terapie, se necessario. Può essere utile rivolgersi a un gruppo di mutuo aiuto, in cui trovare qualcuno con cui parlare del vostro problema, in grado di aiutarvi a smettere.

A cura di Elisa Bruno, fonte principale:

Aderiamo allo .

Articoli correlati
Domande e risposte
  1. Anonimo

    Salve! Ho appena scoperto di essere incinta. La sera ho sorseggiato mezzo bicchiere di birra a cena e domenica( oggi è mercoledì) ho bevuto un po’ di amaro. Posso avere provocato danni ?(l’ovulazione 8 agosto)

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente no, ma da oggi in poi più nulla! Congratulazioni!

  2. Anonimo

    Buongiorno,
    Scrivo in relazione all’inalazione dei vapori dell’alcol durante la gravidanza, di cui ho trovato poca documentazione in generale.
    Quando la mia compagna si trovava attorno alla 6ª/7ª settimana di gravidanza, nella mia ignoranza in questioni di maternità, le ho chiesto di aiutarmi a filtrare un distillato di frutta che stavo facendo fermentare da una 40a di giorni in grappa a 40gradi alcolici (40%).
    Si trattava di tre litri che molto lentamente scendevano dal filtro.
    L’operazione è durata una 40ina di minuti e verso la fine lei ha detto che le girava un pó la testa per l’odore forte ed a quel punto abbiamo smesso.
    Dopo aver smesso il mal di testa le è passato e non ha accusato sintomi strani.
    Puó il vapore dell’alcol inalato aver causato danni?
    …dopo l’evento mi sono sentito molto stupido a non aver pensato ai vapori dell’alcol, quando per tutto il resto (bere alcol, fumo, cibi da evitare, nutrizione corretta) facciamo molta attenzione.
    La ringrazio per l’attenzione.

    1. Anonimo

      Mi correggo: stavo preparando un liquore tramite infusione in alcool (grappa a
      40gradi) per circa 45 giorni. Non per fermentazione.

    2. Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)
      Dr. Cracchiolo (Medico Chirurgo)

      Buongiorno, onestamente non sono esperto di preparazioni di liquori e non mi è mai capitato un problema simile, tuttavia non credo che a parte quel malessere passeggero ci possano essere altri problemi in quanto non c’è stata assunzione di alcool. Saluti

    3. Anonimo

      Buongiorno!
      La ringrazio per la risposta. Mi preoccupavo dei vapori dell’alcol che respirati magari potevano essere dannosi come l’alcol ingerito.
      Ho letto peró che chi vuole assumerlo in questo modo tende a acaldarlo per farlo evaporare, quindi suppongo che senza scaldarlo non si arrivi allo stesso effetto. Almeno ci spero. La ringrazio molto per la risposta!

  3. Anonimo

    Salve, ho 23 anni e sono incinta di 16 settimane, ho delle piccole chiazze di psioriasi sul viso e ho usato per tutto questo tempo dovobet gel, ma ne mettevo pochissimo giusto sulla chiazza 3,4 volte a settimana, ma ora vorrei smettere anche se il mio dermatologo ha detto che ne dubita che potrebbe succedere qualcosa al feto per così poco! Lei cosa ne pensa? Ho tanta paura e ho bisogno che qualcuno mi tranquilizzi:( la ringrazio moltissimo!!!!!

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      A meno di situazioni di pelle molto gravi, condivido la sua intenzione di interrompere; sono convinto anch’io come il dermatologo che non succederebbe nulla al 99%, ma non essendoci la certezza assoluta meglio non rischiare.

    2. Anonimo

      La ringrazio moltissimo!!! È vero che si direbbe di non usare niente nelle prime 12 settimane per evitare il rischio di malformazioni, ma nel mio caso per quel poco che ho usato spero davvero non succeda nulla! per non parlare di quelle donne che fumano per tutta la gravidanza e hanno bambini quasi sempre sani! La ringrazio dottore, mi sono tranquilizzata!

  4. Anonimo

    Salve,
    Ho saputo da appena qualche giorno di essere incinta.nelle settimane precedenti è capitato che ho bevuto alcol e ho fumato. Posso aver causato danni?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Probabilmente no, ma da oggi più nulla, mi raccomando!

  5. Anonimo

    Salve sono incinta di 24 settimane.Si come o presso 15 kg fin ora,poso prendere juice Shake?

    1. Dr.ssa Elisabetta Fabiani
      Dr.ssa Fabiani (Medico Chirurgo)

      Che cos’è? Chieda comunque al suo ginecologo.

  6. Anonimo

    La sigaretta elettronica si può fumare in gravidanza?

    1. Dr. Roberto Gindro
      Dr. Roberto Gindro

      Sebbene le sostanze inalate attraverso le sigarette elettroniche siano generalmente meno pericolose rispetto al fumo di sigaretta, la realtà è che NON sono comunque considerate sicure; se presente nicotina questa è a maggior ragione considerata un pericolo per la salute delle donne incinte e dei bambini in via di sviluppo e può danneggiare cervello e polmoni del feto. Anche alcuni degli aromi utilizzati possono essere dannosi. (Fonte: )