Monuril bustine (fosfomicina) per cistite: prezzo, uso, gravidanza, …

Introduzione

Monuril è un farmaco antibiotico, il cui principio attivo è la fosfomicina, registrato in Italia per il trattamento della cistite ed in generale delle infezioni urinarie; per essere acquistato richiede ricetta medica ed è rimborsato dal sistema sanitario nazionale (è cioè mutuabile).

PUBBLICITA'

Il prezzo al pubblico del farmaco è di € 11.36, ma esistono numerosi generici (con il nome fosfomicina seguito dalla marca) con prezzi a partire da € 6.51.

Si tratta di un farmaco molto conosciuto dalle donne italiane perché consente, a fronte di una posologia piuttosto semplice, di risolvere in breve tempo molti casi di cistite non complicata; può ovviamente essere prescritto anche agli uomini, dove tuttavia il disturbo è meno diffuso.

Premesso che come detto richiede ricetta medica, ed in generale il trattamento delle cistiti andrebbe scelto in seguito ad un , si riporta per completezza lo schema posologico più utilizzato.

By () – Own workThis chemical image was created with ., ,

Dosi

Un adulto assume di norma 1 sola busta di Monuril; nei casi di infezioni più severe è possibile ripetere il trattamento a distanza di 24 ore, ossia il giorno successivo alla stessa ora. L’eventuale persistenza di piccoli fastidi dopo l’assunzione della prima busta non dev’essere necessariamente interpretata come insuccesso terapeutico, perché in alcune pazienti può subentrare un’infiammazione che richiede ulteriore tempo per risolversi.

Al fine di garantire la massima efficacia si consiglia di assumere la bustina sciolta in un mezzo bicchiere d’acqua o altra bevanda (te, camomilla, tisana, …) alla sera, a vescica vuota (cioè dopo aver fatto pipì). L’assunzione prima di andare a dormire permette di raggiungere e mantenere più a lungo una concentrazione di antibiotico sufficiente all’interno della vescica; sintomo classico della cistite è infatti il bisogno frequente di urinare, che di giorno non consentirebbe un’adeguata persistenza della sostanza nella vescica.

L’antibiotico va assunto subito dopo averlo preparato ed essersi assicurati che la polvere sia completamente sciolta.

Il cibo ritarda l’assorbimento del principio attivo, quindi in ogni caso andrebbe assunto almeno 2 ore dopo i pasti od almeno 1 ora prima, anche se in realtà l’efficacia non risulterebbe ridotta ma solo ritardata.

Concentrazioni urinarie molto elevate (circa 3000 mcg/ml) vengono raggiunte in poco più di 2 ore ed il farmaco persiste nella sua azione fino a 48 ore dopo la somministrazione.

Effetti collaterali

Monuril è un farmaco molto ben tollerato e, a meno di allergia individuale alla sostanza, presenta molto raramente effetti collaterali, che in ogni caso possono essere:

Monuril in gravidanza

Il foglietto illustrativo riporta che in gravidanza

il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità e sotto il diretto controllo del medico.

A questo proposito si hanno in letteratura 4 segnalazioni di bimbi nati sani a seguito di un’esposizione nel primo trimestre; si conoscono poi 2 studi, ma effettuati su animali da laboratorio, che non hanno evidenziato alcun effetto teratogeno (ossia sul feto).

In linea di massima quindi, se prescritto dal ginecologo, Monuril non sembra presentare alcun rischio se usato durante la gravidanza.

Monuril nel bambino

Esiste una formulazione pediatrica a dosaggio ridotto, 2 g anzichè 3 g, registrato per i bambini di 6 anni o più.

La posologia prevede anche in questo caso una bustina da assumere in un’unica somministrazione giornaliera, preferibilmente prima del riposo notturno dopo aver vuotato la vescica.

Il prezzo al pubblico è di € 11,35, ma anche questa formulazione richiede ricetta medica (ed è mutuabile).

Questo sito utilizza cookie, di prima e di terza parte, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, . Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie.
https://cialis-viagra.com.ua

antibioticlistinfo.com

www.steroid-pharm.com