1. Anonimo

    Salve, parto per il Kenya tra 2 settimane e penso di adottare il Malarone come profilassi, poichè prendo farmaci antidepressivi (Duloxetina, Nortriptilina, al bisogno Alprazolam). Chiedo un parere sull’associazione di questi farmaci con il Malarone.
    Grazie

  2. Anonimo

    Salve, dovrei partire per il kenya a fine luglio, farò 4 gg di safari e 4 di soggiorno mare. Vorrei sapere se il malarone e il lariam hanno la stessa copertura poiché ho sentito dire che il malarone non è efficace per alcuni “ceppi” di malaria mentre il lariam si. Visto gli effetti collaterali preferirei il malarone nonostante il costo ma non a discapito dell’efficacia….grazie

  3. Anonimo

    Buonasera,
    partirò per l’India a inizio agosto, e tornerò in Italia il 30 settembre, une bel periodo.
    Ho fatto le vaccinazioni contro tifo, colera e epatite A, per tetano ed epatite B sono coperto ancora.
    La mia preoccupazione è la malaria, ho comprato già il Lariam, poi ho letto il foglio illustrativo e per varie ragioni non posso prenderlo, e anche nei vari forum ne parlano veramente male. Cosa posso prendere per un periodo così lungo?
    Riguardo gli accorgimenti tradizionali, porterò zanzariere, spray antizanzare (che tipo e dove trovarlo?), piastrine da presa elettrica, un piccolo ammazzazanzare elettrico e il Ledum palustre anche se non so dove trovarlo. Scordo qualcosa o sono eccessivo? Non vorrei che un viaggio di volontariato si trasformi in un’odissea.
    Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Se la permanenza è di più di 1 mese temo non ci siano alternative al Lariam, sempre ammesso che la zona in cui si reca sia a rischio (non conosco l’attuale situazione della malaria nelle regioni dell’India).

    2. Anonimo

      Essendo il periodo monsonico, è considerato ad alto rischio. La Dioxiciclina può essere un’alternativa al Lariam?
      Le altre cose che ho elencato vanno bene o manca qualcosa?
      Grazie ancora!

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      No, la doxiclina non sostituisce il Lariam; non mi sembra che manchi nulla, ma non mi occupo di questo campo e potrebbe sfuggirmi qualcosa.

  4. Anonimo

    salve. A zanzibar x una sola settimana ad agosto in villaggio sul mare, é davvero così necessario fare l’antimalarica con lariam o malarone? Nn è meglio terapia omeopatica con ledum palustre e vit.b x tenere lontano le zanzare? Grazie x la cortese risposta

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Se le hanno consigliato la terapia antimalarica probabilmente è davvero necessario; in ogni caso non dovrebbe prescindere dall’uso di repellenti adeguati.

    2. Anonimo

      mi scuso x imprecisioni ma le diverse terapie le ho apprese su internet e nn dal medico. X questo le chiedevo, vista la brevità e la tipologia del soggiorno, se fosse davvero necessaria una cura importante come lariam o malarone.. Grazie

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Non ci sono alternative a queste cure, nel senso che se si decide di fare la terapia i 2 farmaci disponibili sono quelli citati; in ogni caso non conosco la situazione attuale della zona, potrebbe sentire magari il parere di uno specialista (proverei a sentire all’ASL per avere il contatto di un medico della sua zona in grado di rispondere sulla base dell’attuale pericolo a Zanzibar).

  5. Anonimo

    Buonasera, il 3 agosto partirò per la Guinea Bissau, sto prendendo il Vivotif ho preso le prime due pastiglie in giorni alterni e un ora prima dei pasti. Oggi però mi sono dimenticata di prenderla e ora non so più se prenderla ora (che ho appena finito di mangiare) o di aspettare domani prima di pranzo.
    Ho urgente bisogno di una risposta. Aiuto!
    Grazie

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      La prenderei subito (ora che sono passate circa 2 ore dai pasti), ma domani contatti il medico per valutare con lui se ripetere il ciclo.

  6. Anonimo

    Buongiorno, io con mio marito e mio figlio di 18 anni partiremo per il sudafrica il 10 agosto. L’itinerario comprende negli ultimi 3 giorni di vacanza,un soggiorno nel parco Kruger, dove sembra esserci il reale rischio di malaria. Ho sentito che molti hanno usato il MALARONE in quanto con meno effetti collaterali. E’ possibile nel mio caso assumerlo quindi solo nella parte finale del viaggio?
    Premetto che soffro di cefalea ed emicrania, ed ho una gastrite cronica ora sotto controllo ma che a suo tempo ha necessitato di gastroscopia. Grazie Alessandra

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Il Malarone potrebbe essere la scelta giusta nel suo caso, ma le raccomando di valutarlo con il suo medico (richiede tra l’altro ricetta medica).
      L’eventuale uso non esclude il ricorso agli spray repellenti.

  7. Anonimo

    buona domenica,
    a luglio farò un viaggio in Kenia , una notte in campo tendato e poi estensione mare … il malarone, vista la cartina iniziale delle zone endemiche, non sarebbe il farmaco di elezione, ma quello che dà meno effetti collaterali … cosa mi consigliate?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      A parte abbondante repellente, consiglio di valutare il farmaco con il suo medico, in modo da valutare pro e contro delle 2 soluzioni.

  8. Anonimo

    Io sono stato in Mozambico per 6 mesi per un progetto di volontariato e inizialmente avevo deciso di prendere il Lariam. Dopo la seconda volta che ho avuto la malaria ho deciso di smettere con il farmaco in quanto per il mio organismo non era un toccasana! Molti mi avevano sconsigliato di farlo ma non mi è successo niente. In effetti non ho neanche avuto la malaria per la terza volta!

  9. Anonimo

    Buongiorno, devo partire per il Madagascar tra tre settimane.
    Il dottore mi ha detto di poter evitare senza problemi alcuna vaccinazione, e lo stesso l’agenzia.
    La mia domanda è la seguente: se si contraesse la malaria in loco, sarebbe curabile?
    e una volta rientrati, in Italia sono in grado di curarla?
    Statisticamente quante persone la contraggono? Mi chiedo se ci sia davvero una grande possibilita di contrarla o meno.
    Grazie molte, a presto.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      In Italia è, di norma, curabile; purtroppo non sono a conoscenza di statistiche.

  10. Anonimo

    Buongiorno,
    tra circa tre settimane, parto per lo Yunnan, sud est asiatico. andrò dalle zone centrali della regione, su al nord verso tibet e successivamente a sud verso Burma e Laos.
    ho letto diverse informazioni, sarei portata ad assumere lariam (Meflochina) come da indicazioni di alcuni siti, ma allo stesso tempo ho letto che nel sud dello yunnan come per Burma e Laos, esiste la condizione di malaria meflochina resistente. Quindi sarebbe consigliata la Dioxiciclina. Sapevo che quest’ultima era meno forte della meflochina, ma se sono in una zona di malaria meflochina resistente che trattamento mi consiglia di seguire? Non ho problemi fin da ora ad effettuare il trattamento, e nemmeno di assumere un farmaco tutti i giorni. la mia durata del viaggio sarà di tre settimane.
    Grazie fin d’ora
    Roberta

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Credo che la cosa migliore sia valutare pro e contro con uno specialista.