1. Anonimo

    uso evra da 6 anni ma ho notato un cambiamento nell’aderenza del cerotto.Prima era davvero difficile staccarlo ma ora si stacca facilmente,basta un po d’acqua di piscina .Mi chiedevo il perchè?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Che io sappia non ci sono stati cambiamenti sostanziali nella composizione dell’adesivo; se la sua osservazione è relativa solo all’ultima scatola aperta è possibile che sia un problema relativo solo a quella confezione.

    2. Anonimo

      Salve,anch’io uso da ormai 3 anni evra,
      in vacanza quest’anno ho avuto anch’io problemi,si è staccato prima sia il primo che il successivo,forse a causa di rocce o sabbia…!
      in ogni caso,la pausa(come avviene nella pillola)per permettere di avere un’ovulazione completa e non rischiare in futuro di essere sterile di quanto è e ogni quanto la consigliate?
      altra cosa cosiglia evra rispetto alla pillola per quale motivo?a meno effetti collaterali secondo lei?
      quindi le yasmine hanno parità di dosaggio?
      grazie

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      1 Per valutare le modalità della pausa faccia riferimento al suo ginecologo, che valutato il suo caso potrà darle la risposta più adatta.
      2 Non consiglio espressamente uno o l’altro sistema, ma ogni donna dovrebbe scegliere quello con cui si trova più a suo agio.
      3 Il dosaggio non è a mio avviso confrontabile perchè parliamo di supporti diversi, vie d’assorbimento diverse e tempi diversi (1 compressa al giorno, 1 cerotto alla settimana con rilascio prolungato).

  2. Anonimo

    Questo mese non avrò rapporti in quanto il mio compagno è via per lavoro. Stavo testando evra anche per questo.
    Ma se finisco il mese con Evra e poi comincio con Yasminelle quando dovrei iniziare? Il primo giorno delle prossime mestruazioni? E in quel caso sarei protetta sin da subito o anche il mese prossimo dovrei usare il preservativo?
    Chiedevo perchè magari – essendo ancora al terzo giorno di utilizzo di Evra – sono “in tempo” per cambiare con la pillola in modo da non avere problemi il mese prossimo (luglio)

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Il modo più corretto di effettuare il passaggio è di iniziare l’assunzione della pillola il giorno della rimozione dell’ultimo cerotto (terzo) o, al più tardi, il giorno in cui avrebbe dovuto riapplicarlo iniziando una nuova confezione. Per scrupolo a quel punto attenderei 7 giorni di assunzione continuativa, anche se in caso di corretto uso del cerotto l’efficacia anticoncezionale sarebbe garantita dal primo giorno.

    2. Anonimo

      Quindi nel caso in cui io lo applichi il giorno in cui avrei dovuto ricomincia il nuovo ciclo di cerotto (il giorno in cui avrei dovuto riattaccare il 1 cerotto dopo la 4 settimana di pausa, quella senza cerotto) potrei avere rapporti protetti per sette giorni e poi eventualmente non usare più il preservativo. Ho capito giusto?

    3. Anonimo

      PS: se iniziassi a prendere la pillola il giorno di rimozione dell’ultimo cerotto (il terzo) la mestruazione si presenterebbe lo stesso?

    4. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Ha capito correttamente; se invece decide di non osservare i 7 giorni di pausa, altra soluzione possibile, il flusso potrebbe non comparire affatto oppure essere particolarmente breve.

    5. Anonimo

      E anche nel caso in cui non osservo la settimana di pausa e quindi inizio la prima pillola del blister il giorno in cui avrei dovuto togliere il terzo cerotto, mi conviene comunque aspettare 7 giorni prima di avere rapporto sicuri (e quindi senza usare il preservativo) no? Mi chiedevo però una cosa. Nel caso in cui ho il dubbio di aver usato male Evra nelle settimane precedenti, dovrei aspettare 1 mese prima di avere rapporti senza preservativo?

    6. Anonimo

      Ho chiamato la mia ginecologa ..mi ha detto di staccare eventualmente il cerotto oggi e di cominciare con la prima pillola del blister domani . Ma in questo modo i conti come quadrano? cioè..avrei 3 settimane di pillola e poi una settimana di pausa?

    7. Anonimo

      Io proprio non capisco e sono veramente in crisi…la mia dott.ssa mi ha dato due ipotesi..
      1. stacco il cerotto oggi e da domani inizio a prendere la pillola ..in questo modo – mi ha detto – per questo mese non sono coperta mentre per il prossimo si ..
      2. continuo con evra e comincio a prendere la pillola dal primo giorno del prossimo ciclo…in questo modo sarò coperta pure..

      ma cosa devo fare?? non so più a chi credere!!

    8. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Faccia sempre riferimento alla sua ginecologa; molto spesso si cerca di semplificare i passaggi ma, sopratutto, l’obiettivo è che la paziente non rischi una gravidanza. In questi casi un po’ anomali non è quindi raro suggerire tempi di attesa più lunghi anche quando in realta sarebbero sufficienti meno giorni per essere certi dell’efficacia anticoncezionale.

      Ribadito quindi che il suo specialista di riferimento è la ginecologa, il cui parere è sicuramente più fondato del mio, le suggerirei di provare a continuare con Evra per poterlo valutare più serenamente, una volta superati questi primi giorni di dubbi; nessuno però le impedisce di seguire l’altra strada suggerita ed interrompere fin da oggi.

    9. Anonimo

      Grazie e scusi per lo sfogo..

    10. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Più che comprensibile! 😉

    11. Anonimo

      Beh sto apprezzando tanto la sua pazienza (specialmente con me) solo che – essendo la prima volta che affronto l’argomento “contraccezione ormonale” ..non so..mi sembra tutto difficile…tutto strano..tutto con troppi SE e troppi MA. Lo so che questo mio post non c’entra molto con Evra e con il topic di questa pagina però non sapevo davvero a chi altro chiedere.
      Io vorrei solo essere protetta dal mese di luglio in poi. E’ vero, potevo pensarci mesi prima e cominciare prima ma purtroppo non mi è stato possibile per vari motivi personali. Provando Evra non mi sta dando nemmeno un effetto collaterale e sarebbe comodissimo per chi – come me – ha difficoltà ha ingoiare le pasticche (mi consolo che non sono la sola, leggendo i post prima del mio di altre donne). Però questo fatto che non si sa se è ben teso, se è ben attaccato o altro sto pensando che è uno stress, se non peggio del preservativo ma quasi…se bisogna stare sempre con l’incertezza che si può staccare o può non essere ben teso davvero non ha molto senso usarlo.
      O magari sono io che mi faccio troppi problemi.

    12. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Credo sia solo questione di abitudine; i test sono stati estesi ed il cerotto è in commercio ormai da anni, se davvero fosse così probabile la possibilità di problemi nel rilascio della sostanza sicuramente ad oggi non sarebbe più in commercio.

      Non vorrei confonderle ulteriormente le idee, ma se continuasse a rappresentare una preoccupazione potrebbe valutare con la sua ginecologa anche l’anello:

      https://www.farmacoecura.it/farmaci/anello-nuvaring-prezzo-effetti-collaterali-uso/

    13. Anonimo

      Eh si ..sapevo dell’anello…il Nuvaring per l’appunto ma la mia dottoressa me l’ha sconsigliato a causa di problemi di tendenza a irritazioni …Ecco perchè mi sono indirizzata direttamente tra cerotto e pillola…

    14. Anonimo

      Eccomi qua..
      Oggi ho comprato Yasminelle. Non ho ancora staccato il cerotto e non ho ancora preso nessuna pillola.
      Cosa mi consiglia di fare? Prendere sta benedetta pillola e staccare il cerotto..e sperimentare in questo mese gli effetti collaterali in modo da essere coperta il prossimo mese…
      Oppure provare ormai per questo mese con il cerotto e poi iniziare la pillola appena mi vengono le mestruazioni e iniziare così il blister il mese prossimo (e quindi poi avere rapporti protetti il mese prossimo perchè potrei non essere coperta?)

    15. Anonimo

      Basta deciso..non ne potevo più. Ho preso la prima Yasminelle e staccato il cerotto.
      Adesso posso dire anche io la mia a proposito di Evra…non mi ha dato nessun effetto collaterale se non una gran sonnolenza..(e non so se dipenda da questo o meno) però personalmente – per chi sta molto in ansia o si fa abbastanza paranoie sull’argomento contraccezione – mi sento di sconsigliarlo.
      Sono passata oggi a Yasminelle appunto e spero di trovarmi bene. La pillola va giù che è una meraviglia (anche per chi – come me – ha difficoltà ad ingoiare le pasticche). Forse sarà stato anche il pensiero di essere così condizionata dall’avere questo cerotto addosso, di sapere se si stacca o meno…o condizionata anche da che vestiti mettere e tutto…
      Oggi ho preso la prima pillola del blister e spero che non mi dia effetti collaterali. Nel caso ve lo farò sapere…ma personalmente spero di non dover tornare ad Evra. E’ un ottimo prodotto, non posso dire di no..ma il fatto che credi queste ansie (e non penso di essere l’unica a farmele) lo rende ancora un prodotto troppo “debole” – a mio avviso – nei confronti della pillola. Ovviamente è solo un’esperienza personale..ogni soggetto e ogni donna è diversa…Ma ci tenevo a farvela sapere anche per ricambiare la disponibilità di questo sito e del suo amministratore (che mi sopporta).

      A proposito. Ho una domanda (E quando mai! :))) ) ..la prego non si arrabbi. E’ l’ultima promesso.
      Come detto – sono al 4 giorno di ciclo – e ho preso la prima pillola del primo blister di Yasminelle. Sicuramente per questo mese non sono coperta al 100%. Quando finirò le 21 pillole di questo ciclo e farò la settimana di pausa, se non ci saranno problemi, ricomincerò con la prima pillola del primo blister. Da quel momento posso considerarmi coperta al 100%?
      Un caro saluto e davvero GRAZIE di tutto.
      Valeria

    16. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      A mio avviso l’efficacia anticoncezionale inizierà anche prima, ma non confondiamoci ulteriormente le idee: dalla prima compressa del prossimo blister ne avrà la certezza. Per qualsiasi dubbio su Yasminelle può fare riferimento alla pagina, ed ai commenti, su

      https://www.farmacoecura.it/donna/pillola-yasminelle-yasmin-yaz/#comments

      Grazie mille per le sue impressioni su Evra, preziosissime per chi ne sta valutando l’inizio.

    17. Anonimo

      Siamo qua per questo..prima di cominciare il tutto ho letto molto le esperienze delle altre donne perchè – anche se sono cose soggettive – è sempre utile leggere, confrontarsi e capire come vanno queste cose.
      Credevo che EVRA sarebbe stata la soluzione ma mi sbagliavo, almeno per come l’ho vissuta io. Mi scusi se l’ho stressata ma ho passato dei giorni davvero inquietanti…per cercare di capire cosa fare e COME fare le cose al meglio.
      Comunque penso di aver fatto la scelta più giusta facendo questo passaggio.
      (a proposito..yasminelle è una pillola a basso dosaggio. Ma il dosaggio non c’entra nulla con l’efficacia dell’effetto contraccettivo giusto? Ma come mai fanno pillole di diversi dosaggi allora?)
      Un caro saluto

    18. Anonimo

      PS: io peso 69 kg …la yasminelle – anche se a basso dosaggio – avrà comunque un effetto contraccettivo del 100% (se assunta regolarmente) anche per me che non sono normopeso ma un pò in sovrappesso?

    19. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Yasminelle è una pillola a basso dosaggio, come lo era Evra, perchè a parità di effetto contraccettivo si cerca di diminuire il più possibile la probabilità di effetti collaterali; in alcuni casi si sceglie una pillola a dosaggio leggermente superiore quando per esempio lo spotting è continuo o quando il flusso non compare regolarmente. Ribadisco però che l’efficacia è certa, naturalmente a patto di assumerla correttamente.

    20. Anonimo

      Sisi certo..non credo che me la dimenticherò. Chiedevo solo perchè ormai siamo in tema ahahahah tra Evra e pillola…quindi il dosaggio riguarda solo gli effetti collaterali. Come a dire che tutte garantiscono l’effetto contraccettivo ma tramite il dosaggio si può capire quale ha meno effetti sul corpo di ciascuna donna. Giusto?
      Un abbraccio

    21. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Esattamente.

  3. Anonimo

    Salve..
    volevo fare un’altra domanda. Mettendo il primo cerotto il primo giorno di ciclo – come detto – questo può interferire nel ciclo presente tipo rendendolo più corto o meno intenso?
    Grazie sempre di tutto.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Sì, in genere il flusso si interrompe un pochino prima del solito.

    2. Anonimo

      Mi stanno venendo troppe paranoie..sono al terzo giorno di uso di Evra e lo controllo spesso. Oltre che ho sempre l’impressione che la parte centrale non sia affatto attaccata (i bordi si). La mia ginecologa mi ha prescritto, nel caso mi trovassi male con Evra, Yasminelle.
      Come posso fare per passare dal cerotto a Yasminelle essendo ancora al terzo giorno di Evra?

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Personalmente consiglierei di tenere duro fino al termine del mese, così da poter valutare in modo più completo e dopo essersi abituati; nel dubbio piuttosto è meglio astenersi da rapporti non protetti questo mese, così da non rischiare nulla.

      Fare il passaggio a Yasminelle prima a mio avviso comporterebbe più controindicazioni che benefici.

  4. Anonimo

    volevo anche dirle che la cura e’ iniziata da due mesi……ma attualmente mi sento male emicrania tachicardia dolore muscolari per questo volevo sapere dopo il ciclo ho iniziato cura ma solo usando 2 cerotti..volevo sapere se potevo interrompere la cura senza utilizzare il terzo cerotto!! grazie per la pazienza e buona serata

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Non ho capito se lo usa da 1 anno o da 2 mesi; in ogni caso, se possibile, sarebbe opportuno finire la confezione prima di interrompere il trattamento. Se gli effetti collaterali sono intollerabili lo interrompa subito, anche senza aspettare la fine dei 7 giorni di applicazione.

    2. Anonimo

      sono da 2 mesi che lo uso, mi trovo con una allergia emicrania e tachicardia…ed io penso che da 15 giorni non avendo rapporti mi sembra che non corro il rischio di essere rimasta incinta….preferisco interrompere..spero lei possa dirmi se interompendo senza utilizzare ultimo cerotto tutto possa andare bene senza avere nessun effetto collaterale..grazie per la sua pazienza!!

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Vista la situazione lo interrompa pure, al limite incorrerrà in qualche perdita o leggere irregolarità del ciclo.

  5. Anonimo

    buonasera, uso evra da 1 anno….
    volevo sapere se e’ possibile interrompere la cura dopo 2 settimane!!
    volevo anche dirle che e’ da 15 giorni che non ho rapporti…cosa complica interrompere la cura??
    grazie anticipatamente spero di ricevere presto vostre notizie!!

  6. Anonimo

    Salve. Avrei una domanda.
    Ma come si fa a capire se il cerotto sta facendo effetto o meno? Mi spiego: come si fa a capire (magari dopo un mese o due di utilizzo) se si sta usando correttamente e se quindi è possibile avere rapporti in sicurezza?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Se non si stacca è segno che tutto procede regolarmente.

    2. Anonimo

      Leggendo i post precedenti ho visto che anche altre donne hanno il mio stesso dubbio cioè se è steso bene o no.
      Come si fa a capire se la parte centrale poggia completamente? O se si crea qualche micro bolla d’aria ?

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Il momento importante è l’applicazione, da quel punto in poi l’importante è che non si stacchi; sicuramente è stato studiato e verificato in modo tale da garantirne l’efficacia in condizioni di utilizzo nella vita di tutti i giorni.

    4. Anonimo

      Ho capito..io lo uso da 3 settimane (l’ho messo il primo giorno del ciclo come consigliato) e per questo mese ho usato anche il preservativo nei rapporti (per mia cautela) anche se in teoria non ci sarebbe stato bisogno se non per la prima settimana (giusto?). Adesso però vorrei cominciare a non usare più il profilattico (altrimenti non ha senso che usi anche il cerotto) solo che a volte vengono dei dubbi. Io penso sempre che sia steso per bene visto che i bordi mi sono sempre rimasti ben attaccati ma ho sempre timore che la parte centrale sia sollevata anche solo impercettibilmente. Ma forse questo non è possibile, per questo domandavo.
      La novalgina interferisce sull’effetto contraccettivo di Evra?
      Grazie

    5. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Non ci sono interazioni note tra Novalgina ed anticoncezionali.

    6. Anonimo

      Ok grazie. E’ l’unico farmaco che mi potrebbe capitare di usare.
      Fin’ora, dopo tre settimane, non ho avuto effetti collaterali. Ma potrebbe essere che – non avendo avuto effetti collaterali, vuol dire che il cerotto ha un dosaggio troppo basso per me e che quindi la sua funzione contraccettiva sia ridotta nel mio caso?

    7. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      No, direi che è tutto nella norma; un effetto collaterale è qualcosa di non desiderato, quindi è tutt’altro che necessario che si presenti.

    8. Anonimo

      E quindi non esistono problemi di dosaggio? nel senso che il dosaggio del cerotto va sempre e comunque bene? le pillole hanno dosaggi diversi che io sappia. Mi chiedevo se il dosaggio del cerotto potrebbe essere quindi insufficiente e modificare l’effetto contraccettivo e quindi magari ridurlo.

    9. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Nel caso delle pillole a basso dosaggio, quando questo non è sufficiente, l’effetto anticoncezionale è garantito ed al contempo si manifestano perdite ematiche (spotting) od altri problemi.

    10. Anonimo

      Essendo ancora alle prime settimane, se mi dovessero comparire questi effetti cosa occorre fare? Nel senso..dovrei aspettare qualche ciclo per vedere se passa o meno?

    11. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Esatto, in genere si considerano i primi 2-3 mesi come assestamento.

    12. Anonimo

      Ah ok. L’importante allora che cmq il dosaggio non pregiudichi l’effetto anticoncezionale. Mi ero preoccupata un attimo pensando a questa cosa. Grazie

  7. Anonimo

    Ciao, ho usato Evra per diversi anni consecutivi e, dietro consiglio del mio ginecologo, sto effettuando sei mesi di pausa.
    Volevo sapere se, quando ricomincerò a mettere il primo cerotto, dovrò inizialmente utilizzare anche altri metodi anticoncezionali per il primo mese o se sarò protetta da subito.
    Grazie per la risposta, Ciao!

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Se applicato il primo giorno di ciclo è necessario adottare ulteriori precauzioni per i primi 7 giorni (primo cerotto).

  8. Anonimo

    Salve..rieccomi qua per raccontare la mia esperienza, come promesso.
    Sono tornata ora dal colloquio con la mia ginecologa. Le ho spiegato tutta la situazione e anche il fatto che – purtroppo – stamattina mi è venuto il ciclo. Mi ha fatto la ricetta per il cerotto (o per la pillola) senza chiedermi analisi ne altro..
    E non mi ha fatto manco l’ecografia esterna perchè stamattina mi è venuto il ciclo e quindi niente.
    Non so se fidarmi o meno…senza analisi.
    Mi ha detto di fare 1 mese di prova e se mi trovo bene tra 1 mese ci rivediamo e mi fa fare le analisi …ma è normale secondo lei?

    1. Anonimo

      Ho appena attaccato il mio primo cerotto stasera e mi sto chiedendo una cosa (forse banale): è possibile che i bordi siano bene aderenti mentre la parte centrale sia staccata e non si veda perchè appunto i bordi sono attaccati?
      Se i bordi aderiscono bene per forza aderisce anche la parte centrale? O si potrebbero formare bolle d’aria al suo interno? Per ora l’ho messo sull’addome poco sotto l’ombelico sulla destra..lì la pelle è un pò più “molla” (per chi come me non pesa 40 kg e non è tutta ossa) per cui ho la sensazione che la parte centrale non aderisca alla pelle..mentre i bordi sono perfettamente attaccati…

    2. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Come dicevo qualche commento sopra con i dosaggi attuali non è così raro vedere prescrizioni fatte senza analisi del sangue, quindi da questo punto di vista non mi preoccuperei.

      Non ho mai avuto occasione di vederne uno aperto, ma se i bordi aderiscono bene ed il cerotto è stato applicato in modo perfettamente disteso non dovrebbero esserci problemi.

    3. Anonimo

      beh a me pare disteso e spero che la mia percezione sia corretta…il fatto è che è un pò difficile capire se si sta agendo in modo corretto o meno..
      Ma se per caso volessi passare alla pillola, la mia dottoressa mi ha detto di finire il ciclo del cerotto e alla 4 settimana, nel momento in cui non ho il cerotto e dovrebbe comparire la mestruazione, dovrei iniziare a prendere la prima pillola il primo giorno di ciclo. Ma in questo caso sarei coperta anche per il mese successivo? La pillola avrebbe effetto sin da subito?

    4. Anonimo

      Ho un’ultima domanda (sono una rottura lo so) 🙂 .. ho applicato il cerotto – come detto – sull’addome..un pezzetto di cerotto va a finire su una smagliatura. E ‘ un problema? influisce in qualche modo? Bisogna posizionarlo sulla pelle sana …ma la smagliatura può essere considerata un problema?
      Mi scusi ancora del disturbo 🙂

    5. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Procedendo come suggerito dal medico, se non ci sono stati problemi con il cerotto, sarà coperta fin dal primo giorno di pillola.
      Non considererei la smagliatura un problema, diversamente da tagli, abrasioni, cicatrici importanti, ustioni, …

    6. Anonimo

      La ringrazio ancora e mi scusi del disturbo.. e delle troppe domande 🙂

    7. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Finchè sono in grado di rispondere è un piacere.

  9. Anonimo

    Eh ma sa cosa succede? Mi vergogno pure a dirlo ma ..non è colpa mia..
    In pratica quando metto la pasticca in bocca e bevo molta acqua, l’acqua va giù e a volte la pasticca mi resta in bocca..sarà senz’altro una questione psicologica..ma non so come superarla..e a volte è davvero un trauma anche quando mi dico e ridico che le pillole sono piccolissime in confronto alla mia gola…..

    1. Anonimo

      Ad ogni modo si, vedrò cosa mi consiglia il mio ginecologo perchè si sentono di tante esperienze..a chi si stacca sempre e a chi non si stacca mai (anche con mare, piscina, saune, ecc ecc). Ho pensato che forse la soluzione sarebbe provare per 1 mese ed eventualmente – se non mi trovo bene – passare poi alla pillola. Che ne pensa?

    2. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Non deve vergognarsi, è più comune di quanto si pensi.
      La sua ipotesi di provare, previo parere del ginecologo, mi sembra la soluzione ideale.

    3. Anonimo

      Certo ovviamente chiederò a lui se è una soluzione ottimale o meno..
      Avendo un relazione stabile a distanza, diciamo che occorre fare anche due calcoli (nel senso che – detto sinceramente – per tutto il prossimo mese io e il mio compagno non ci vedremo – ecco da qui l’idea di sperimentare il cerotto e vedere come va svolgendo le normali attività quotidiane e durante la settimana – solo che poi ci vedremo a luglio e vorrei essere coperta per cui un eventuale passaggio alla pillola potrebbe – nel caso – essere una soluzione …credo…). A tal proposito, nel caso volessi sospendere il cerotto e cominciare la pillola devo aspettare il primo giorno del ciclo successivo a questo, oppure posso cominciare da quando dovrebbe avvenire il giorno di sostituzione in una delle settimane del cerotto? E’ una domanda un pò contorta ma spero di essermi fatta capire…

    4. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Sarebbe sicuramente opportuno terminare il ciclo in corso.

  10. Anonimo

    Perchè? si stacca? ma assicurano che resta attaccato anche con una o due docce al giorno…

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Premesso che non sono ginecologo, che rimane lo specialista di riferimento per questo tipo di problemi, personalmente non rischierei; in ogni caso potrebbe provare per 1-2 mesi e valutare lei stessa.

    2. Anonimo

      Beh più che altro non vorrei ritrovarmi a PROVARE in un discorso di contraccezione visto che – in caso di fallimento – il provare comporta un danno ben maggiore almeno per chi come me non desidera una gravidanza attualmente…

    3. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      E’ chiaro che provare un anticoncezionale significa assumerlo/applicarlo continuando ad adottare ulteriori precauzioni fino ad aver verificato (provato) che non ci siano problemi di alcun tipo: ben tollerato, non si stacca il cerotto, ci si ricorda di prendere la pillola, …
      D’altra parte è per questo che spesso i ginecologi consigliano di attendere un mese prima di aver rapporti non protetti, per aver modo di provare e non rischiare.

    4. Anonimo

      Ah beh certo..in effetti si ha ragione..sa perchè mi ponevo questo problema perchè da un lato vorrei usare il cerotto però non vorrei rinunciare alla piscina. E dall’altro lato potrei prendere la pillola ma a volte ho problemi a deglutire le pasticche..

    5. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Le pillole sono decisamente piccole e, eventualmente, potrebbe aiutarsi con delle ostie; in ogni caso è possibile che io mi faccia troppi scrupoli con il cerotto, quindi non resta che parlarne con il ginecologo per valutare con lui come iniziare.