1. Anonimo

    ho un problema ad un dente che infiamma la gengiva andro dal dentista tra qualche giorno mi ha detto che dovrò fare un couretage è dolooroso? se si cosa posso prendere per non sentir il dolore. Molte Grazie , Norman

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Il curettage non dovrebbe essere doloroso, nel caso fosse necessario sarà il dentista stesso a suggerirle l’antinfiammatorio più adeguato.

  2. Anonimo

    certamente infatti proseguo in questo cammino che so’ cmq lungo ma ci voglio provare. Grazie per la sempre Sua attenzione nelle mie richieste. Cris.

  3. Anonimo

    Buonassera Dr. Cimurro, intanto parte dell ansia si è esaurita al sapere l esito dell ecografia al nodulo tiroideo (di cui le parlavo) che risulta ancora invariato dal precedente di ottobre 2011 nel senso che da 2 anni non ha mai avuto mutamenti, l ecografo che è anche oncologo ha detto di proseguire con i follow up ogni 6 mesi ma che la probalità che sia positivo è molto molto bassa ma essendo T3 è sempre meglio il periodico controllo. Comunque lui ha detto che se l avesse lui lo terrebbe certo con una paziente come me ipocondriaca potrebbe essere utile l asportazione ma unicamente per la mia tranquillità. Però sinceramente farmi tagliare la gola per una bassa probabilità non me la sento—- è sempre un intervento cmq. Il 17 cm vado alla seconda seduta dalla psicologa ….. mah!!! staremo a vedere ma certamente non mi assicurano che l ipocondria sarà “abbattuta”!!!! Cordiali saluti. Cris.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Abbattuta magari no, o comunque non subito, ma ogni piccolo passo in avanti è un pezzettino di vita che si riprende: uno sull’altro faranno una grande differenza!

  4. Anonimo

    grazie per le sue belle e confortanti parole, le farò sapere man mano come andrà il tutto. Cordiali saluti. Cristina

  5. Anonimo

    Aulin bustine esiste ancora?ci vuole la riceta per prenderlo?

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Esiste ancora, serve ricetta medica non ripetibile per acquistarlo (ossia la ricetta le verrà ritirata al momento dell’acquisto).

  6. Anonimo

    ah va bene allora adesso ho più fiducia ad avvicinarmi a questo percorso che non sarà molto semplice e, come Lei mi ha precedentemente fatto notare, breve.
    So fin d ora che non guarirò cmq mai da questa ipocondria ma la speranza che nutro in questa psicoterapia è almeno quella di saper controllare le paure nel momento in cui queste prendono/prenderanno il sopravvento su di me. La terrò al corrente man mano, per ora, adesso che sono andata in pensione, questo mostro di paure (ipocondria) si è ripresentato più forte che mai (lavorando è sempre stato in sordina ma all occasione si rifaceva vivo ….) Domani per esempio andrò a fare il solito controllo (ogni 6 mesi) dall ecografo per il nodulo tiroideo e già da oggi ho avuto parecchie crisi di pianto consolato solamente dal un mio cugino medico che mi ha rassicurata non poco…… Dottore le posso assicurare non poco che non si vive bene in compagnia di questo “incubo giornaliero”. Non crede? Cordiali saluti Cristina

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Lo immagino che sia una tortura… ma sono altrettanto certo che avere la forza di riconoscere che esiste il problema ed avere la volontà di affrontarlo è molto spesso uno dei passi più duri! Sono quindi assolutamente fiducioso sui risultati!

  7. Anonimo

    Salve Dr. Cimurro, la settimana scorsa sono poi stata dalla psicologa ed ho avuto il primo colloquio. Sono rimasta perplessa quando la stessa mi ha detto che per poi proseguire con la psicoterapia, prima devo andare dallo psichiatra in quanto vedendomi piuttosto ansiosa sicuramente ci sarà bisogno di un farmaco che lui mi darà al fine della miglior riuscita della terapia.
    Ma secondo Lei può essere tutto ciò! sono proprio obbligata ad assumere un farmaco ansiolitico per parlare con una psicologa? rientra nella normalità? grazie per la cortese risposta. CRIS

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Non è obbligata, ma a mio avviso è segno di professionalità da parte della psicologa ritenere che il solo supporto psicologico potrebbe non essere sufficiente; la decisione spetta a lei, ma non lo escluderei a priori.

  8. Anonimo

    certo, lo so che potrebbe essere lungo, ma per come sono fatta io sono sicura che parlarne non mi potrà fare che bene perchè è quello che sento sempre cioè quando sono in questa crisi sento sempre il bisogno di parlarne con qualcuno che però non c è, neppure in casa, si mi comprendono ma alla leggera mentre per me non lo è! vedremo quale sarà il risultato, ma sono già convinta sin d ora che sarà p o s i t i v o!
    grazie per ascoltarmi sempre e rispondermi. Cristina.

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      E’ lo spirito giusto! 🙂

  9. Anonimo

    salve, alla fine ieri sera ho ripreso il Lexotan e la notte è trascorsa meglio sicuramente della precedente. Oggi sono stata all ASL dove mi sono presa l appuntamento con una psicologa per i primi gg di aprile, spero tanto di potermi alleggerire un pò da questa ipocondria, anche se sò bene che non sarà possibile debellarla definitivamente. Lei cosa ne pensa? Saluti CRISTINA

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      Potrebbe non essere un percorso breve, ma vale la pena di provarci per vivere meglio.

  10. Anonimo

    buonassera Dr. Cimurro, stamattina sono stata dal mio medico di base che mi ha consigliato, vista la mia ansia e anche un pò di depressione, di assumere la mattina e la sera l EN, da 1 mg. Non l ho mai provato in quanto in genere, al bisogno, prendo il Lexotan. Dormo poco la notte in questo periodo e pensavo appunto di provarlo. Le mie amiche mi hanno consigliato di provare per le prime volte a prenderne metà pastiglietta che diventa quindi 0,50.
    Non so che effetto mi farà, se è tosto come il Tavor (che per me è troppo forte) o simile al Lexotan. Lei che è appunto farmacista e quindi conosce il prodotto pensa che faccia bene a prenderne metà o cosa? grazie CRIS

    1. Dr. Roberto Gindro (farmacista)
      Dr. Roberto Gindro (farmacista)

      E’ sicuramente più simile a Lexotan; in genere consiglio sempre di non ascoltare le amiche e dare retta al medico, ma potrebbe non essere così sbagliato iniziare con una dose ridotta e vedere che effetto fa.